A TU PER TU CON MARIO BORTOLAZZI: “IL PARMA PUO’ ANCORA DIRE LA SUA. UN PLAUSO AL LAVORO DI PIOLI”

INTERVISTA DI LUCA SAVARESE

Inizio anni 80, il tuo quasi omonimo nel cognome, Roberto Bortoluzzi, conduceva Tutto il calcio minuto per minuto e Mario Bortolazzi, iniziava il mestier di calciatore nel Tebaldi Verona?

Iniziai lì, era un gruppo sportivo molto solido, che mi diede i fondamentali per diventare calciatore”.

Dunque ecco Mantova e Firenze, città di Virigilio e Dante, dove inizi a farti le ossa?

A Mantova, dove sono rimasto tre anni mezzo, dai 14 ai 17 mi trovai bene, fu una base di lancio importante, conobbi persone che mi hanno voluto bene, accogliendomi così giovane. A Firenze, giocai la prima volta in una squadra professionistica di A, dove ho fatto l’esordio in A (a Catanzaro, nda) e potevo conoscere ed ammirare gente come Antognoni, un grandissimo giocatore ed una persona di spessore, Paolino Pulici, a fine carriera ma le qualità erano quelle, Lele Oriali, Passarella, Daniel Bertoni, Socrates, per me ragazzo di vent’anni, fu un sogno essere a contatto con questi campioni che solo un anno prima, vedevo in tv”.

Nel 1985 arriva la chiamata del Milan, come avvenne il primo contatto con la società rossonera?

Guarda, non ci crederai, ma avvenne in un modo particolarissimo. Avevo finito bene l’anno a Firenze, allora allenata dal grande uomo Ferruccio Valcareggi, che mi fece giocare con continuità, mi stimava, avevo giocato diverse partite, feci bene in Coppa Italia. Pensavo quindi di rimanere lì. Ero in vacanza al mare con Marco Landucci e le nostre rispettive fidanzate, poi sentii alla radio come ultima notizia dell’ultimo giorno di calciomercato che Battistini passava dal Milan alla Fiorentina e Bortolazzi faceva il percorso inverso, passando dalla Fiorentina al Milan. Rimasi come basito, spiazzato, di questa cosa non ne ero minimamente al corrente, a Firenze stavo benone, avevo legato con tutti, con la società, con la piazza, poi, mi ero appena fidanzato, ero un po’ spiazzato, anche un tantino amareggiato di lasciare quell’ambiente”.

Racimoli qualche presenza, conosci due colossi come Niels Liedholm e Paolo Rossi e fai di nuovo le valigie, in questa circostanza alla volta di Parma?

Si fui allenato dal barone, c’era Pablito appena arrivato, Hatley e Wilkins erano i due stranieri,ma c’erano fior fiori di giocatori come Agostino Di Bartolemei, anche Baresi, Virdis, Tassotti, ottimi ma non ancora quei campioni che si affermarono poi. Con Tassotti andavamo al campo assieme. Con Chicco Evani abitavamo vicini, lui a Gallarate io a Cardano al Campo ed alla sera ci trovavamo spesso a mangiare, all’epoca non era come adesso, niente cellulari e whatsAapp, e per dei ragazzi di vent’anni era un pochino più difficile stare lontano da casa, ma ci aiutammo molto. Allora torno un attimo su Paolo Rossi, lui era un giocatore che mi piaceva un sacco quando ero ragazzino e fui stupito che le doti che apprezzavo di lui, me le ritrovai, tutte, davanti a me, nella sua persona, davvero fatta di una semplicità disarmante, spesso con lui giocavamo a carte”.

34 partite in campionato 7 gol ma un gol in Coppa Italia, incastonato come perla preziosa: 25 febbraio 1987, alla scala del calcio, dopo averlo Parma batte ed elimina il Milan 1 a 0, grazie ad una punizione di Mario Bortolazzi?

Sacchi mi ebbe nella primavera della Fiorentina, ed accettai il trasferimento molto volentieri, era una possibilità di rilancio, ero già abituato alle metodologie del mister. Lui mi chiamò dicendomi che era contentissimo di portarmi a Parma ed avermi a sua disposizione. Feci quei 7 gol, fu una stagione strana, facemmo bene all’andata ma per due sconfitte nel ritorno contro Pescara e Cesena che poi furono promosse, non riuscimmo poi ad arrivare in A,io mi feci male alla caviglia, si la Coppa Italia rimane il magic moment di quell’annata, feci quattro gol lì, battemmo il Milan due volte, e quella punizione me la ricordo benissimo, fu uno schema provato e riprovato con mister Sacchi in allenamento, curiosità vuole che provai la partita dopo in campionato contro il Campobasso a ribatterla ma presi il palo, Arrigo voleva farci provare meticolosamente le situazioni di gioco”.

Insomma il Parma di Sacchi, accademia, prove generali per l’università di Sacchi, il Milan, dove Arrigo ti porta con sé?

Si Parma per me fu una tappa davvero importante, una città dove mi son trovato bene e la gente mi voleva bene, è una parte della mia carriera che serbo con molto piacere, non la posso dimenticare, la ricordo con affetto. Avendolo avuto mister Sacchi a Firenze nella Primavera, poi a Parma, ero un studente già avviato alle sue lezioni, al Milan lo capivo meglio di altri che ne conoscevano il suo pensiero per la prima volta”.

Ci sei anche tu nel Milan degli immortali che nel 1988 con l’1 a 1 a Como, al Sinigaglia, conquista il suo 11 scudetto?

Cominciammo la stagione col Milan dove all’inizio Sacchi portò le stesse idee di gioco di quel Parma, non fu facile per gli altri ignari di quel calcio, assimilarlo, poi si sono accorti che le sue nuove idee calcistiche portavano frutti, fu bello vedere gente come Baresi, Tassotti, Maldini, Ancelotti, arrivarono Gullit e Van Basten, riuscirono a mettersi a disposizioni, ad essere fertili per queste nuove metodologie, Berlsconi e Galliani lo sostennero fino alla fine ed ebbero ragione di questa loro convinzione”.

C’è una parola o una rase di Arrigo che ti sei sempre portato con te come vademecum lungo la tua carriera?

Una frase no, ma quello che mi sorprendeva di lui è che aveva un sacco di idee e come riuscii a farle applicare anche a giocatori che erano già affermati, che lo seguirono maniacalmente, fu un grande innovatore, ero giovane, quei concetti mi sembrarono strani sulle prime, ma oggi che li rielaboro, ne capisco pienamente la portata, magari poteva risultare un po’ duro ma fu un genio”

Tornando invece al Parma, evidentemente porti fortuna al Davide crociato contro il Golia rossonero: l’ultimo successo crociato contro il Milan al Tardini è del 2013, con gol su punizione, ancora una punizione, di Parolo, quando tu eri nello staff degli emiliani come vice Donadoni?

Si con Marco mi ricordo ci allenavamo molto sulle punizioni, trovò quel gol anche se dopo nel proseguo della sua carriera non ha fatto tanti altri gol su punizione…comunque si, da una punizione ad una punizione”.

Oggi come vedi le due formazioni: il Parma sta pagando oltre misura l’iniziale cambio di allenatore, la squadra non ha mai trovato la continuità dei risultati, ma per sua fortuna le dirette concorrenti non sembrano aver messo la quinta

Se andiamo ad analizzare il cammino da quando è tornato D’Aversa, ha perso punti importanti, stava vincendo un paio di partite e si è fatto rimontare, ha perso diversi punti così ed avrebbe potuto essere davanti al Toro in questo momento. E’ girato tutto storto ma ultimamente ho visto ed ha dato segnali di ripresa, poi mancano ancora 9 giornate, cioè ci sono 27 punti in palio, un tesoretto, e visto il divario di pochi punti con Toro e Cagliari, se la può ancora giocare”.

Il Milan, forse dopo la sconfitta di La Spezia, sembra aver un po’ smarrito il piglio giusto, certo ha dovuto far fronte a numerose assenze, ma di fatto ha buttato via molti punti, anche in casa contro Samp, Udinese, Verona.

Si è vero che c’è stato un calo, cosa per altro fisiologica, ma va fatto davvero un plauso al lavoro svolto da Stefano, per i risultati raccolti, per la sua caparbietà,per la sua conoscenza, ha messo insieme e fatto giocare un buon calcio ad un gruppo di giocatori non così famosi, Ibra a parte,che ha dato alla squadra una sicurezza ed una forza interiore enormi, ultimamente sta avendo qualche battuta d’arresto, ma è normale che possa essere, in Champions, al di là delle inseguitrici che lo tallonano, credo possa andarci tranquillamente”.

Ma se sabato alle 18 Mario Bortolazzi potesse riscendere in campo, con che maglia la rigiocherebbe Parma – Milan?

Un tempo con una ed uno con l’altra”.

La chiacchierata finisce, i ricordi, continuano a viaggiare, poi scendono anche loro da questo treno: Parma – Milan del presente, incombe. Luca Savarese

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI