CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / DISTRUZIONE DAL BASSO

(Gianni Barone) – Nel derby della costruzione – che diventa distruzionedal basso, ovviamente, ha la meglio il Crotone, ancora ultimo, ma capace di battere il Parma per ben due volte nello stesso campionato. Incredibile ma vero più che mai e al termine di una gara, quasi circense, ci si interroga: ma come si fa a cadere così in basso e come si fa – ed è riferito ad entrambe le squadre – a difendere così male in serie A? Perché se è vero che in campo c’erano e ci sono stati, fra le due contendenti, ben oltre 150 goal subiti, molti dei quali segnati in circostanze quasi analoghe a quelle viste al Tardini, difficilmente si capisce come mai non si riesca a vedere nei movimenti, nelle amnesie, nelle titubanze, che hanno portato alle reti segnate la mano dei due allenatori – D’Aversa e Cosmi – storicamente ed in epoche differenti, abili nel congegnare tecniche e strategie difensive di tutto rispetto. Evidentemente l’aver raccolto in corsa e in condizioni quasi compromesse due squadre che all’inizio erano partite per giocare un tipo di calcio propositivo, con dubbi se non disastrosi risultato, si sono trovati in mano due formazioni non disprezzabili in fase offensiva, più il Crotone per merito del suo cannoniere Simy, a prima vista sgraziat,o ma efficace quasi alla Luca Toni sotto porta, ma malauguratamente incongrue in fase difensiva. E quindi la partita fra loro ha rispecchiato tutte le manchevolezze espresse nel corso di tutta la stagione fin qui disputata. Una partita spettacolare secondo tutti gli esperti di Sky, oltre ai due commentatori dal campo che si sono divertiti un mondo (beati loro) dallo studio arrivano i complimenti per i tanti goal e le tante emozioni offerte, però lo spettacolo per i tifosi del Parma, non si potrebbe dire che sia stato il massimo e che, gli stessi tifosi, abbiamo provato gli stessi sentimenti palesati dagli esperti della televisione satellitare. Quando ci sono tanti goal ci sono, ahinoi, anche tanti errori su questo i talent di «Santa Giulia» in Rogoredo, dovrebbero riflettere e non solo loro. Perché l’errore non è mai bello e non sempre è sinonimo di spettacolo. In effetti vedere due squadre sfilacciate continuamente, sempre in difficoltà sugli attacchi avversari in preda a continue incertezze e crisi di panico difensivo non deve essere stato un grande spettacolo per chi tiene a cuore le sorti della compagine Crociata, più che mai crollata su sé stessa, con questa ennesima sconfitta, e con tutte le implicazioni tattiche conseguenti, che hanno condotto così in basso il gradimento generale. Si parla ancora di matematica, che ogni tanto potrebbe diventare opinione e dire a noi che il destino sembrerebbe, con il condizionale usato solo per decoro di circostanza, oltremodo segnato. Si rimandano i processi alla fine, quando tutto appare ormai finito, ora, e definito basso e dal basso senza nessun tipo o presunzione di costruzione e si tira in ballo, ancora, ciò che non c’è mai stato nelle azioni e nella capacità di difendere i risultati: la cattiveria, che noi amiamo scrivere alla parmense con una ti in meno (cativeria). Che chi non ce l’ha non può darsela. L’incapacità cronica di vincere le partite ci induce a credere che per il futuro, anche se qualcuno sostiene il contrario, sia auspicabile un reset totale di uomini, schemi e idee. Certificare la fine di un ciclo sembra, a questo punto, doveroso. Senza dare colpe specifiche a singoli, occorre capire chi sia ancora utile alla causa Crociata per il prossimo anno o chi , come fatto, sempre dai soliti esperti di Sky, per i giocatori del Crotone, sia all’altezza della serie A per la prossima stagione, ovviamente con una maglia diversa. Se per i pitagorici sono stati indicati Simy, Ounas, e Messias, chi, secondo voi, per il Parma, rimarrà nella massima divisione? Al momento e dopo le ultime prestazioni le idee in proposito non risultano essere molto chiare, anche se qualcuno che ha profondamente deluso, di sicuro non scenderà in serie B, e pensiamo a Gervinho, il quale forse ha pagato lo scotto più alto a livello di prestazioni personali, per quel tentativo di convertire il gioco conservativo, con un qualcosa di profondamente diverso dimostratosi irrealizzabile. Lui che non è né prima né seconda punta e neanche ala, ha dovuto rinunciata alla sua unica vera vocazione o funzione cioè quella di “contropiedista”. Esempio tipico di distruzione in luogo di costruzione. Ciò che è rimasto è il basso in cui si trova la squadra paralizzata, dai risultati, in classifica. Quota 20, a cinque turni dalla fine. Più in basso di così, non si poteva immaginare di essere dopo l’esonero di Liverani che di punti in sedici partite ne aveva ottenuti 12. Però sfido chiunque a dire : io lo avevo detto, perché nessuno lo aveva pensato, davvero, all’epoca. O no?  Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

5 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / DISTRUZIONE DAL BASSO

  • 25 Aprile 2021 in 09:29
    Permalink

    “Avellino, presentato il progetto del nuovo stadio da 50 milioni”.
    Secondo me non serve aggiungere altro. Meditate gente meditate.

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 09:37
    Permalink

    Senza bisogno di cordate, industrialoni con testimonial “mondiali”, cinesi, qatarioti, americani. Avellino..Serie C come Como che se viene promosso becchiamo l’anno prossimo…e noi qui come sempre a fare ohhhhhhh come i selvaggi quando davano l’oro in cambio di accendini e sigarette o palline luminose. E non abbiamo ancora capito che ci hanno preso per il culo e vogliono pure farci dire grazie nonostante questo schifo.

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 16:29
    Permalink

    Gagliolo, Iacoponi, Hernani, Kucka (se vuole), Mihaila e Man. Il resto può andare beatamente a quel paese non scendere in B con noi.

    Rispondi
    • 25 Aprile 2021 in 16:32
      Permalink

      Più ovviamente gli altri giovani (non Cyprien e Sohm). Cornelius, Pellè (alla fine ha deluso), Inglese, Grassi, Kurtic, Alves, Brugman fuori dai cabissi. Pezzella e Laurini vorrei tenerli, ma temo abbiano mercato.

      Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 17:36
    Permalink

    caro barone io l avevo detto ( si riordera’ che le davo del preisorico nelle ns disquisizioni tra gioco concreto di d aversa sul contropiede e gioco con possesso palla tic toc .Ce’ arrivato anche lei che il problema non era liverani ( che ha una media punti molto piu alta di d aversa con la sua media punti saremmo ancora in gioco ) che era e d e’ un ottimo allenatore capace due promozioni consecutive giocando benissimo a lecce ………purtroppo non gli hanno preso i giocatori adatti al suo gioco alla fine bastava un trequartista un falco o quello che e’ finito a spezia invece no arriva brunetta !! le punte sempre infortunate poveretto a fatto i miracoli stranamenre la difesa era meglio con liverani ……..detto questo saremmo retrocessi anche con liverani perche’ i giocatori proprio quest anno non ne volevanp sapere di fare i professionisti amen ……..e anche il presidente ha fatto un sacco di errori vedi campagna d acquisti di gennaio alla fine non ha accontatto ne d aversa ne liverani IL SUCO DELLA STORIA CHE E INNUTILE PARLARE DI SCHEMI E TATTICA E CALCIO TIC TAC E CALCIO DI RIMESSA CONTANO I GIOCATORI STOP !!!!!!!!!!! questo non lo dico io ma i piu importanti allenatori in varie interviste anche recenti lo hano dettoda guardiola a allegri pochissimo tempo fa per arrivare a ancelotti e conte tempo fa , la differenza la fa il giocatore non l allenatore o il famoso spirito o atteggiamento del giocatore conte di piu il signor attegiamento che l allenatore

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI