CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LA «SALIDA» DAVERSIANA

(Gianni Barone) – Si avete capito bene: Il Parma ha perso l’ennesima partita che poteva benissimo vincere, anzi che stava vincendo con due goal di scarto e poteva piazzare il colpo decisivo da un momento all’altro, con in campo una torre «fresca» come Pellè e due «frecce» come Mihaila e Man che in velocità davano la polvere a tutti i difensori del Cagliari, dal guerriero logoro Godin al disastroso Rugani (io non riesco a capire come possa ancora giocare in A), e invece… Ecco, invece, cosa succede: per paura di non riuscire a vincerla, si sceglie di togliere Man dopo aver incassato il gol di Marin, per far entrare Valenti, un difensore, dando l’idea di voler abbassare il baricentro per difendere sempre più dal basso il «preziosissimo» vantaggio. Scelta che lascia perplesso, al momento, anche un difensivista incallito come me, che avrebbe preteso o scelto, viceversa, un atteggiamento differente; scelta che si rivelerà decisiva per non dire fatale. D’Aversa dice alla fine «era meglio prima quando non mi facevano i complimenti però vincevo le partite», e allora? Invece? No, ora la «salida», nel senso di uscita, daversiana sa tanto di amara consapevolezza di resa. Il non riuscire a reggere il peso del vantaggio, una costante della squadra in questo tribolato campionato, rende ogni volta l’impegno di farcela, gravoso se non addirittura inutile o peggio ancora impossibile. Però resta la prestazione, qualcuno ha il coraggio di ardire, si ma quale? Quella fino al 3-1? D’accordo, però il resto, quello che è successo dopo, è tutto da dimenticare, perché si è gettato alle ortiche tutto quello che di buono era stato costruito, per la pura paura di non farcela più o abbastanza. Altro che salida lavolpiana, invocata da chi ci crede veramente, qui anche se il termine iberico significa, uscita, siamo in presenza, per dissonanza, di una vera e propria «discesa» agli inferi di classifica e di gradimento. L’incapacità di vincere, anche in presenza di una gara giocata bene per un’ora, diventa un handicap troppo grande e troppo difficile, in queste condizioni, da superare anche dal punto di vista mentale. Tra salite, discese, uscite ed entrate, di gioco e di giocatori, vi è l’assurdità di una partita, definita «indimenticabile», nell’accezione negativa del termine, e che a deciderla sia stato, oltre che un ex Crociato, nativo del parmense (si direbbe ironia della sorte), un giocatore, un attaccante tra i meno stimati da tutti i tecnici che lo hanno allenato, finora, al Cagliari, e non solo, e che alla fine ha avuto clamorosi gesti di rabbia e di stizza nei confronti di chi non ha mai creduto in lui, relegandolo spesso e volentieri in panchina, facendo appassire di molto la sua autostima di giovane, non più promessa, tanto meno mantenuta. Un giocatore, Cerri – sempre più ironia e sempre più maledizione della sorte, che ad ogni finestra di mercato gli addetti ai lavori accostano al Parma, dando per certo il suo ritorno nell’ex ducato – che ha sancito una sentenza quasi certa che, ancora, non può avere i crismi dell’ufficialità della condanna per evidenti ragioni «aritmetiche». Ragioni, sorte e sorti che penalizzano, condannano e non rendono nessun servizio e nessun aiuto a chi, a questo punto sempre meno e veramente pochi, crede ancora alle fate, alle favole e ancor di più ai miracoli, con la M maiuscola, non del tutto impossibili nella disordinata animazione delle persone buone d’animo, scambiate per fessi che si contrappongono ai cattivi definiti alla sicula «figghi e buttana» che ci credono poco e vorrebbero pensare alla realtà del presente da dimenticare e del futuro da ripensare e da riscrivere con ispirati autori di soggetti e sceneggiatore nuove e migliori per altri tipi di attori. C’è chi sale e c’è chi scende, quando le «salide» non servono ancora o mai più. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

14 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LA «SALIDA» DAVERSIANA

  • 18 Aprile 2021 in 11:33
    Permalink

    Se esiste il modo di perdere una partita o, nel migliore dei casi, di non vincerla, il Parma lo trova sempre.
    Se si rinuncia a giocare imbottendo la squadra di difensori, si viene inevitabilmente schiacciati in area. Visto che il rendimento dei difensori e del portiere è quello che è, prendere goal è solo questione di tempo.
    D’Aversa dovrebbe fare autocritica, il primo responsabile per la sconfitta di ieri è lui.
    Richiamarlo è stato un grave errore, con la media punti di Liverani saremmo in una situazione migliore.

    • 18 Aprile 2021 in 23:49
      Permalink

      Non ho la tua certezza su Liverani, ma quoto il tuo commento. I cambi di D’Aversa hanno affossato tutte le partite quando eravamo in vantaggio e non sono stati sufficienti per recuperare e vincere quando eravamo in svantaggio. Chiunque altro avrebbe fatto meglio con gli elementi che aveva. Mihaila e Man andavano usati molto di più e soprattutto insieme!

  • 18 Aprile 2021 in 13:06
    Permalink

    Ho calcolato che in questo campionato abbiamo perso ben 21 punti da posizione vincente! Potevamo essere in lotta con Samp, Verona e Sassuolo. Roba da pazzi!

    • 18 Aprile 2021 in 23:50
      Permalink

      Concordo…come buttare via un campionato…D’aversa può scriverci un libro…..

  • 18 Aprile 2021 in 13:13
    Permalink

    Non so se Man sia uscito per scelta tecnica o per problemi fisici (vedi Kucka e Pezzella): a conti fatti non è stata certamente una scelta vincente. Ma di cambi non è che avessimo una gran scelta… Chi avrebbe avuto il coraggio di metter su Gervinho o Brunetta??
    A posteriori, nemmeno la scelta del ritorno di D’Aversa è stata vincente (sebbene a gennaio ne conosco pochi che non fossero favorevoli): ma lo scollamento tra giocatori e Liverani mi sembrava talmente evidente da rendere impensabile una sua allora conferma o un suo eventuale ritorno in panca; diciamolo, la preparazione atletica era abbastanza discutibile dato che gli avversari correvano mentre i nostri duravano 70 minuti…

    • 18 Aprile 2021 in 23:54
      Permalink

      Ma avendo preso tanti giocatori nel mercato di riparazione, la squadra è cambiata in molti suoi elementi e si sarebbe potuto provare con Liverani un altro po’… D’aversa, col senno di poi, non ha saputo valorizzare in tempo i nuovi acquisti perché non ha saputo dare loro fiducia… Man è molto bravo e andava impegato da subito.. Altroché Gervinho e Karamoh

    • 18 Aprile 2021 in 23:56
      Permalink

      Il cambio di Man penso che sia stato semplicemente un cambio sbagliato.. È giovane e in forma, aveva appena fatto gol e poteva farne ancora… Non ci credo che fosse acciaccato. Semplicemente a un certo punto D’aversa fa cambi e rovina anche ciò che stava andando bene fino a quel momento…

  • 18 Aprile 2021 in 14:05
    Permalink

    Sono stato sempre coerente, mai apprezzato il ritorno del mister, speravo, speravo, ma alla fine purtroppo avevo visto giusto.
    Baroni ha perfettamente ragione, ancora, ieri toglie il migliore, cioè Man, quello che con Mihaila avrebbe potuto scardinare la ormai esausta e scarsa difesa Sarda.
    Pelle’ in quel contesto era inutile.
    Osorio sarebbe dovuto scivolare a destra e Busi a sinistra a contrastare i cross a iosa che piovevano senza che Valenti potesse arginare, ma dalla panca nessun segnale di comprensione del pericolo.
    Busi lascia 25 cm a Cerri eppoi con 4 centrali mica era lui forse deputato a marcarlo.
    Mihaila errore di un’esperienza alla fine ma…il mister piuttosto che prendersela con questi giovanotti,che il resto della partita hanno onorato la maglia, se la dovrebbe prendere coi senatori intoccabili come Sepe Kurtic e per fortuna ne mancavano altri in campo.
    Kurtic in lacrime? Spiace ma credo sentisse che la sconfitta fosse colpa sua.
    Gol immane fallito, e lascia tirare senza quasi contrastare il tiro del 3a3…
    Le colpe vanno condivise mister ma sembra che incolpare dei giovanotti sia più facile ma è anche il più antipatico.
    Mi auguro che la stampa locale non infierisca sui nostri giovani che rappresenteranno il futuro prossimo, almeno in parte.
    Ci vorrà qualcuno che li sappia gestire nel modo migliore .
    Uno sfogo da incazzato.

    • 18 Aprile 2021 in 19:07
      Permalink

      Stavolta sono d’accordo. Bobby ieri ha fatto una serie di errori da lui purtroppo. E’ evidente che quando hai una difesa che non regge mai, devi provare a segnare più gol possibili e poi incrociare le dita e questo il mister non lo vuole accettare (secondo me lo ha capito, ma poi nei momenti difficili ritorna al suo credo di “prima non prenderle”)

    • 18 Aprile 2021 in 23:59
      Permalink

      Giusto.. Man e Mihaila dovevano giocare insieme ieri per tutto il secondo tempo e penso che avremmo tolto ogni speranza al Cagliari con un 3′ gol…ma D’aversa non ne vuole sapere di fare ciò che r chiede la piazza …

  • 18 Aprile 2021 in 18:05
    Permalink

    Non ci resta che gufare il Benevento …sperando che Cagliari e Torino si salvino..così sarà più agevole la scalata alla massima serie….confidando che la campagna acquisti/cessioni sia gestita da un soggetto diverso dal noto…”errare humanum est, perseverare autem diabolicum”…cmq sempre forza Parma e forza Presidente.

  • 19 Aprile 2021 in 09:56
    Permalink

    Oramai i giochi sono quasi fatti. Prestazione inconcepibile a livello difensivo dove a parte le negligenze di Sepe ci sono chiare incomprensioni tra i difensori che mediamente prendono almeno 2 gol (o più) a partita. Io mi chiedo, vista la media di gol presi perchè non si sia data l’opportunità di giocare ad Alves che sicuramente avrà i suoi anni e le sue lentezze ma rispetto agli attuali titolari è 2 spanne sopra sia nel contrasto aereo sia in impostazione ed ovviamente nella guida del reparto. Lui infonde sicurezza molto più che un Bani, un Gagliolo o un Osorio. Credo che peggio non avrebbe potuto fare e sono quasi sicuro che con lui in campo l’avremmo portata a casa. D’Aversa ha compiuto diversi errori nella concessione territoriale di parte del centrocampo e del rinculare in difesa dal 70 in poi. Se non erro ho contato circa 15/20 cross nei 20 minuti finali da parte del Cagliari. Tutto questo si traduce in tensione nervosa a livello difensivo che i nostri attuali figuranti in tale reparto non riescono a gestire. Inconcepibile, e lasciatemi il termine, quasi “misterioso” il blackout di 2 minuti in cui abbiamo preso 2 gol, nessuna marcatura efficace, tiri dal limite lasciati senza contrastare, troppa arrendevolezza e mollezza. Non è una cosa normale.
    Ora vi prego, attendiamo la fine dei giochi e mi auguro si possa poi fare piazza pulita delle problematiche di quest’annata disgraziata. La gestione Krause dovrà fare mea culpa dei suoi errori ma dovranno essere epurati i rami marci (tanti) di questa squadra, a partire dai calciatori per finire con lo staff tecnico. Lavoro assai arduo attenderà Ribalta, che dovrà prima di tutto capire se qualcosa potrà essere mantenuto. Serve nuova energia e soprattutto uomini che possano farci svoltare nuovamente in positivo.
    Per finire mi permetto di esternare le mie rimostranze verso quelle persone che prevedono catastrofici scenari dove il presidente lascerà, la squadra verrà smantellata, lo stadio non si farà e via dicendo. A loro chiedo dove trovare evidenze di questo tipo perchè a mio modo di vedere il vero tifoso certamente non si copre gli occhi con il prosciutto sui problemi ma crede fortemente che il Parma non abbia bisogno di complottisti, o beceri che vedono il male in ogni cosa.
    Ricordo che il Parma, e lo dico davvero, siamo sempre e solo noi tifosi. I giocatori, presidenti, allenatori passeranno tutti, rimarremo sempre e solo noi. Solo uniti otterremo sempre buoni risultati. Senza retorica alcuna. La nostra storia sportiva ce l’ha insegnato.

  • 19 Aprile 2021 in 14:13
    Permalink

    D’Aversa, non ha mai perso l’occasione per cercare di dimostrare che aveva ragione a non condividere il progetto iniziale (motivo del suo esonero). Quando è tornato, ha indossato i panni del salvatore della patria, continuando ad insistere sulle sue opinioni, centellinando gli innesti dei giovani, con tutte le scuse possibili, per sminuirne la loro efficacia. Ad ogni sconfitta o mancata vittoria, ha sempre scaricato la responsabilità sui giovani, inesperti, con difficoltà di inserimento, per la non conoscenza del nostro calcio, per le diverse lingue ecc.ecc. ha sempre indirettamente scaricato le colpe sulla società. Io personalmente, non lo avrei nemmeno confermato dopo la promozione in serie A, ma sicuramente non lo avrei richiamato e non lo terrei un istante in più. La società, una volta scelta una strada doveva percorrerla fino in fondo o con Liverani, oppure con un altro tecnico, ma mai richiamare D’Aversa.

  • 19 Aprile 2021 in 14:20
    Permalink

    A questo punto sarebbe conveniente individuare il prima possibile il tecnico per la prossima stagione, affinché possa valutare La Rosa a disposizione e prepararsi per tempo, con l’obiettivo di una pronta risalita.
    Sempre e comunque
    Forza Parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI