D’AVERSA: “INSPIEGABILMENTE ABBIAMO DEI BLACK OUT CHE COMPROMETTONO L’INTERO MATCH”

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine del match contro il Cagliari, il commento di Mister D’Aversa ai microfoni di Dazn:

“Questa sconfitta resta difficile da dimenticare per come è arrivata. Sotto l’aspetto del gioco e del risultato l’abbiamo tenuta sempre sotto controllo, è inspiegabile che a due minuti dalla fine concediamo due gol e nonostante avessimo avuto la possibilità di andare in vantaggio alla fine: molto probabilmente commettiamo ancora errori di inesperienza, perché in quella circostanza c’era un giocatore libero dentro l’area e avremmo dovuto fare di tutto per fare gol e non è accaduto. Nonostante questo abbiamo concesso un’altra situazione e abbiamo perso la partita. Se analizziamo la partita la squadra ha fatto bene per gran parte della gara, poi subiamo inspiegabilmente questi black out che compromettono l’intero match, la dimostrazione è che al 90° su una punizione dalla tre quarti nostra invece di andare a cercare di fare gol abbiamo fatto un retropassaggio al nostro portiere. Una squadra che si gioca la salvezza non può permettersi di non concretizzare quella circostanza nel finale. Mihaila è un giovane, è un errore di inesperienza, ma anche sapendo le caratteristiche degli avversari abbiamo lasciato troppa liberàa, in tre minuti abbiamo concesso quattro cross nonostante fossimo in cinque difensori, da questo punto di vista il Cagliari è stato migliore di noi nel portare a casa un risultato pieno”

“Kucka è un giocatore importante, pur essendo stato usato davanti ti assicura equilibrio e personalità. Non ha influito solo la sua uscita, ma anche quella di Laurini che aveva i crampi, così come Pezzella. Quando sei costretto ai cambi per problemi fisici si può risentirne ma con questo non si colpevolizza chi è subentrato; la partita dice però che con i cambi anziché migliorare è peggiorata, merito al Cagliari che ha avuto più fame nel portare a casa il risultato, è una costante per noi in questo campionato da quando sono arrivato: pur meritando risultati diversi torniamo a casa con pareggi o sconfitte come stasera dopo essere stati in vantaggio”

“La comunicazione in campo? Questo aspetto può migliorare, è un problema a prescindere per diverse squadre perché ci sono tanti stranieri in campo; la cosa più importante è il trasmettere il senso del pericolo. Quando esce un giocatore come Kuco sotto quell’aspetto veniamo meno, poi è anche vero che certe situazioni in Serie A vanno migliorate al di là dello stimolo di un compagno più esperto. Se affronto un duello personale di testa contro un giocatore che so che ha quelle determinate caratteristiche faccio in modo di non perderlo, manca una certa malizia e non possiamo su ogni cross fargliela prendere così liberamente ed è emblematico l’ultimo gol preso, lasciando crossare Paredes con il destro e aver concesso a Cerri di saltare, sono errori di inesperienza che paghiamo caro a livello di classifica

“Gervinho fuori? Sono valutazioni che si fanno in base alla settimana, Gervinho ha fatto un solo allenamento, se non ci fossero stati cambi forzati probabilmente sarebbe entrato, erano rimasti due cambi dopo tre forzati, stavamo soffrendo molto sui cross e si è pensato di mettere un giocatore più strutturato dietro”

Stadio Tardini

Stadio Tardini

32 pensieri riguardo “D’AVERSA: “INSPIEGABILMENTE ABBIAMO DEI BLACK OUT CHE COMPROMETTONO L’INTERO MATCH”

  • 18 Aprile 2021 in 00:37
    Permalink

    No, è colpa tua! Avanti per ben due volte di due gol non puoi rintanarti nella tua area.

    Il giochetto funzionava fino a quando avevi culo e Kulusevski, non più ora.

    • 19 Aprile 2021 in 00:11
      Permalink

      Esatto! E D’aversa piantala di accusare i giovani, soprattutto Mihaila che dà il 100% ogni volta che ti degni di farlo giocare!!!

  • 18 Aprile 2021 in 01:46
    Permalink

    Ormai D’Aversa va avanti con dichiarazioni deliranti e senza senso dettate probabilmente anche dalla delusione, ma che certificano la sua totale incapacità di guidare questo gruppo che non è più il suo gruppo di 2 anni fa.
    Parliamo di un allenatore che persevera nei suoi errori e continua a puntare il dito sui giovani che non gradisce (anche oggi secondo lui la colpa della sconfitta sarebbe di Mihaila che non ha crossato sul finale di gara o di Busi che non ha saltato su Cerri su 4 gol cagliaritano) ma che invece non vede i macroscopici errori dei suoi senatori (Sepe che non esce mai dall’area piccola ed è sempre fuori posizione su ogni tiro, Bani che non anticipa mai un attacco, Grassi che semplicemente non è un giocatore di calcio eppure lo fa giocare, Kurtic che fallisce un gol fatto da 4 metri, etc.).

    Così facendo alimenta una spaccatura all’interno dello spogliatoio Che evidentemente è alla base della mancanza del gruppo nella squadra di questa stagione. Gruppo che è stato sempre l’artefice dei nostri successi.

    Ma forse la cosa più grave è una società totalmente assente che da 4 mesi non si rende conto delle stupidate che dice D’Aversa e non prende provvedimenti.

    Ma evidentemente la serie B è il nostro obiettivo non dichiarato dalla famosa conferenza di agosto, e quindi ai piani alti di Collecchio va bene così.

    Badate bene gente che stavolta con questa gente qui al vertice societario non sarà facile tornare in serie A.
    I nostri guai non finiscono con la retrocessione ce ne accorgeremo l’anno prossimo di cosa significa avere Krause come presidente.

    Ancora grazie tante a Ferrari, Barilla e tutti gli altri grandi imprenditori parmigiani che hanno svenduto il futuro del Parma.

    • 18 Aprile 2021 in 09:01
      Permalink

      Condivido riga per riga quello che dici, purtroppo è la triste realtà. Con questo presidente la serie b diventerà la ns casa naturale e speriamo di rimanerci….

      • 18 Aprile 2021 in 14:01
        Permalink

        Diventerà la sede naturale perché al di là delle parole di circostanza dei giornalisti prezzolati, Krause ha fatto capire le sue intenzioni. Stadio fra 5 anni, giovani da lanciare e si vedrà. Bisogna ricordarsi delle parole di Ferrari l’hanno scorso. Noi non possiamo permetterci il Parma in Serie A. Io dico per come lo avete gestito. Il resto è storia recente e futuro da scrivere. Vedremo cosa succederà.

    • 18 Aprile 2021 in 13:44
      Permalink

      Purtroppo temo abbia ragione markness non sarà facile con Krause tornare in serie A sia chiaro non è facile con nessun presidente vedi Galliani o campedelli o Cellino vecchi marpioni ma hrs use non ha propio idea di cosa sia il calcio e se i dipendenti ascoltano lui è impossibile tornare in A solo giovani poi magari stranieri senza appartenenza e conoscenza calcio e lingua italiana e impossibile tornare in A temo il peggio sia chiaro tanto di cappello perché ci mette i soldi ma alle volte meglio uno con meno disponibilità ma che conosce il calcio senza offesa per modo di dire meglio uno povero ma furbo che in ricco ma …….diciamo inesperto

    • 19 Aprile 2021 in 00:10
      Permalink

      Se così fosse, allora mi chiedo lo stadio da Champion League cosa lo fanno a fare?! Per giocare con il Lentigione?

  • 18 Aprile 2021 in 07:36
    Permalink

    …Con…poca l’Kalma…propongo l’esonero immediato di D’Aversa e il ritorno per le ultime partite ….di Liverani!
    Perché? Non potendo noi tifosi, avere accesso allo stadio ( unico strumento legale per trasmettere ai nostri “Leoni” il nostro…disappunto)….il suo ritorno per le ultime partite , potrebbe essere per molti “Gladiatori”…una ottima purga!!

    • 18 Aprile 2021 in 13:37
      Permalink

      Ragazuoli non è che kalma è ribalta dove aver visto i campioni in azione e sentito le idee strampalate sul calcio di Krause battono i tacchi e se ne vanno a gambe all aria smulinando velocemente prima di finire per anni in purgatorio ………rivoglio il cinese

  • 18 Aprile 2021 in 08:11
    Permalink

    a crause comprace a blackout !!

    spodesatato stopaj,non e’ piu’ il re della barzelletta alla parmigiana

  • 18 Aprile 2021 in 08:56
    Permalink

    Siamo alle solite parli del gol mangiato da Mihaila per inesperienza, decentrato completamente e non di quello di Kurtic solo davanti al portiere e centrale. I gol presi per inesperienza che alla fine è solo l’ultimo con Valenti che non riesce ad impedire il cross anche per una evidente differenza di passo iniziale essendo lui centrale schierato terzino, e Busi che non ostacola Cerri, ma con tutti i centrali che hai messo dentro proprio un terzino che rendeva 15 cm come minimo doveva marcarlo? E degli altri 3 gol cosa ne diciamo, ogni volta che buttano un pallone nell’area piccola è gol col portiere sulla linea di porta, passi sul tiro di Marin con quel batti e ribatti, ma quello di Pereiro con nessuno che lo ostacola e da quella posizione penso dovesse essere Kurtic. Ma poi tutti sti centrali buttati dentro arretrando ancora di più il baricentro e togliendo Man il nostro uomo migliore che illuminava il gioco e contribuiva a tenere su la palla ne vogliamo parlare? In ogni sconfitta penso proprio che ci sia lo zampone del nostro Mister. Il tuo ciclo era finito lo scorso anno è stato un errore farti tornare.

    • 18 Aprile 2021 in 10:16
      Permalink

      Sottoscrivo ogni parola.
      D’Aversa è sempre stato un mediocre non lo scopriamo certo oggi.
      Tatticamente si è fatto intortare praticamente da chiunque ed è indubbio che ha contribuito, e molto, nella fila di pessimi risultati.
      Vorrei ricordare che Semplici lo ha sempre battuto in questi anni nonostante fossimo partiti con 2 gol di vantaggio (ricordate il Parma Spal al tardini da 2 a 0 a 3 a 2?).
      Le sue scelte sui cambi poi, sono costantemente sbagliate.

      La verità è che non andava ripreso. Il dopo Liverani doveva iniziare con una persona nuova che portava aria fresca ad un gruppo in difficoltà.

      Come ho già detto però, il Parma è privo di una struttura societaria corsa e pensante.
      La gestione Krause è assolutamente amatoriale. Non c’è nessuno che si prenda la responsabilità di aiutare la squadra in crisi da molti mesi.

      Siamo assolutamente fuori contesto per la serie A a livello organizzativo societario.
      Questo Parma è più un giocattolo per far passare il tempo al figlio Oliver che una società di calcio.

      L’anno prossimo sarà durissima competere in sere B, perché questa gente qui (compreso Ribalta) nemmeno sa cosa sia la serie B.
      Finiranno i soldi e il divertimento, lo stadio verrà bloccato dalla politica e Krause tornerà in America con il Parma nuovamente fallito.

      Tutto grazie a Ferrari e i suoi compari.

      • 18 Aprile 2021 in 11:05
        Permalink

        E poi krause il prossimo anno, quando speriamo si riempiranno gli stadi, verrà contestato duramente e lui probabilmente si stufera’, se ne andrà e mollera ‘ il parma nella merda. Quest’anno con il lockdown ha salvato il culo, non si rende ancora conto di quello che gli aspettera ‘ il prossimo anno

      • 18 Aprile 2021 in 17:48
        Permalink

        Hai proprio ragione. Del resto Ferrari, Barilla & Co si erano rotti i coglioni di essere insultati e derisi per anni, pigliandosi quotidianamente dei piocioni e dilettanti dai tifosi più furbissimi. E quindi sai che c’è? Vi han riportato in Serie A? Detto e fatto, Han ceduto ad uno con la pila e non a un Manenti? Detto e fatto. Lo hanno fatto senza specularci sopra ma con un accordo che obbiiga KK ad investire parecchio nella società? Loro con la coscienza a posto stanno. E mo’ so’ cazzi vostri provare a rompere meno il cazzo all’americano…

        • 18 Aprile 2021 in 19:10
          Permalink

          Direi che hai ragione. È sempre colpa di chi ci mette del suo.

    • 18 Aprile 2021 in 17:05
      Permalink

      Hai scritto pari pari il mio pensiero scritto sotto altri articoli, d’Aversa va allontanato per non nuocere psicologicamente ai più giovani.
      Non condivido certi commenti su Krause che al momento ritengo inopportuni e curiosi ..

  • 18 Aprile 2021 in 10:00
    Permalink

    D’aversa ha tolto Man pensando di avere già vinto, con l’intento di preservarlo per la Juventus. Ciclo finito dopo Parma SPAL dello scorso anno prima del Lockdown.
    Si ricominci rifondando ma non con questo allenatore, in bocca al lupo a Ribalta.

  • 18 Aprile 2021 in 10:43
    Permalink

    Oramai non mi arrabbio nemmeno più, se un allenatore non riesce a capire gli errori che fa, vuol dire che è limitato, non è nemmeno colpa sua se non ci arriva. In bocca al lupo per la sua carriera, l’importante è che sia lontano da Parma.

  • 18 Aprile 2021 in 11:02
    Permalink

    La partita di ieri non cambia nulla, eravamo già retrocessi da tempo così come lo è il Cagliari.
    Personalmente manderei via D’aversa un po come misura punitiva per i tanti errori commessi (anche ieri) ed un po xke occorre chiudere questo capitolo, girare pagina affidando la squadra al mister della primavera con la missione di far giocare i giovani (così da farli crescere) e chi l’anno prossimo resterà in B.
    Questa retrocessione parte da lontano ed è figlia del gruppo di senatori che aveva ormai finito la benzina. Sono inoltre convinto che con la gente allo stadio non saremmo retrocessi ma questo resta solo un rammarico.
    Bene fa Krause a puntare sui giovani, sono il futuro e l’unica scelta possibile per avere i conti a posto in un calcio sempre più malato che senza tifosi ha portorito la peggiore stagione di sempre della serie A. Si vince solo con la fame, la rabbia agonistica, correndo e sudando.
    Sempre e solo forza parma

    • 18 Aprile 2021 in 14:05
      Permalink

      I conti a posto non li tieni con giovani che prendi a 10 mln e poi li porti in B a fare altre figure di merda. Temo tanto che la A a Parma la rivedremo con il binocolo. Lo stadio è solo un diversivo, tanto non si fará mai

      • 18 Aprile 2021 in 17:41
        Permalink

        La serie A avrebbe garantito sicuramente una maggiore valorizzazione dei cartellini tuttavia il valore ad oggi di Man e Mihaila va praticamente a ripagare quanto speso per tutti i nuovi acquisti…

        • 19 Aprile 2021 in 00:21
          Permalink

          Ma vanno tenuti a tutti i costi!

      • 18 Aprile 2021 in 23:21
        Permalink

        Si legge dei commenti deprimenti e senza senso, io posso capire tutto, abbiamo fatto una stagione infame con una squadra a mio parere di gente ( i senatori ) cotti da tempo, ma pensarla di avere il nuovo presidente come il più idiotamente in circolazione, che non si farà lo stadio ecc ecc…. secondo me leggo dei commenti scritti solo perché si è arrabbiati e delusi! Bisogna sostenere il nuovo presidente e permettetemi la parola mandare a cagare i vari Bruno Alves Sepe Inglese Grassi D’Aversa tutti medici e preparatori atletici Kurtic !!!

  • 18 Aprile 2021 in 11:34
    Permalink

    Ampollini ha detto che non è escluso che D’Aversa rimanga anche in B

    • 18 Aprile 2021 in 18:16
      Permalink

      Ampollini Ampollini o il suo sosia Ribalta?

    • 19 Aprile 2021 in 00:23
      Permalink

      Dovrebbero mandarlo via gia adesso, altroché tenerlo in B!!!!

  • 18 Aprile 2021 in 12:20
    Permalink

    In b rimane anche carli, questo è il grande progetto del presidente krause

    • 19 Aprile 2021 in 00:23
      Permalink

      Non credo

  • 18 Aprile 2021 in 13:54
    Permalink

    Io come voi metto pollice in giù su d aversa sicuramente non vuol lavorare sui giovani però ragazzi in campo non c è lui può capitare una due volte di farsi rimontare di due goal ma non sistematicamente come noi !!! o ad ogni cross prendere goal insomma ora bani ora gagliolo ora hernani ora pezzella ma li vedete come sono molli si fanno sempre sovrastare e ha ragione d aversa se sai che pavoletti è più forte idem certi ma gioca di mestiere una spintarella ci metti il corpo avanti gli togli la visuale insomma non andare al duello aereo ma gioca di furbizia !!! Questi hanno preso 20 goal di testa tralasciando che il portiere e bloccato ma si sa ….insomma alla fine i maggiori colpevoli sono i giocatori puoi fare anche melina gli ultimi 4 minuti questi non capiscono nulla , l unica cosa alves de permettere li prendeva tutti i cross evidentemente Krause non vuole che giochi come merx penso che sia ancora capace

    • 19 Aprile 2021 in 00:25
      Permalink

      Alves ci ha fatto prendere troppi gol quest’anno, sbaglia e non corre più..
      Se Sepe è bloccato si fa giocare Colombi! È tutto in mano a D’aversa ma lui persevera negli errori

  • 18 Aprile 2021 in 14:00
    Permalink

    Invece è spiegabile. Voler provare a consetvare il doppio vantaggio difendendosi passivamente nella nostra area. Mentalità perdente e che da anni mina le coronarie dei tifosi

  • 19 Aprile 2021 in 13:03
    Permalink

    Ma una presa di posizione , un commento , una assunzione di responsabilità da parte di una dei tanti dirigenti in società…noooo??
    Da fuori…sembra che vivano in un altro mondo parallelo…aspettiamo le ultime 7 Via Crucis?? Così ovattati da ogni segno di contestazione per una situazione idiota?? Mahh….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI