GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “UN FILM GIA’ VISTO, MA CON UN FINALE DIVERSO”

(Gian Carlo Ceci) – Cagliari-Parma: un film già visto, ma con un finale diverso. In questo campionato è più volte avvenuto che la squadra Crociata, in vantaggio di due reti, sia stata rimontata (come con Inter, Milan, Udinese e Spezia) in particolare alla fine della partita o nei minuti di recupero, però non era mai successo che gli avversari ribaltassero il risultato con i ducali in vantaggio di due gol per ben due volte.
Un’inedita “impresa” riuscita in Sardegna a questo Parma che, oltre a consentire agli avversari, per l’undicesima volta, di recuperare, ha “migliorato” anche altri, negativi, record stabiliti in questo campionato, come i punti persi quando i Crociati erano in vantaggio (ora saliti a ventiquattro) e il maggior numero di gol subiti, con palla aerea, fra tutte le squadre di serie A. Evidentemente si è sentita l’assenza del portoghese Bruno Alves, capace di svettare sui palloni alti e di dirigere una retroguardia che, in passato, è stata il punto di forza delle squadre allenate dal molto vincente, però a Parma mai completamente apprezzato, D’Aversa che, in questo suo ritorno, non è riuscito a rendere efficiente la difesa, tanto che risulta fra le più perforate, non solo nel massimo torneo nazionale, ma in Europa.
Proprio aver preferito inserire il giovane Valenti e non il più strutturato portoghese è stato un errore, non l’unico, commesso, a mio parere, allo stadio Sardegna Arena dall’allenatore nato in Germania che, inizialmente, ha scelto non Pellè, ma Cornelius e di affidarsi ancora a uno schieramento che prevedeva Kucka a sinistra a fianco delle punte. Un’impostazione poco convincente in passato, ma che è apparsa indovinata, almeno per quasi tutto il primo tempo, anche perché, dopo il gol segnato al quinto minuto da Pezzella, il Parma ha potuto giocare come il tecnico preferisce, cioè lasciando l’iniziativa agli avversari, rinunciando al possesso palla, difendendo basso, presidiando l’area e ripartendo in contropiede, puntando sul gioco in verticale con rimesse di Sepe e rilanci lunghi a cercare il centravanti danese. Una tattica che ha portato al secondo gol dei Crociati, realizzato da Kucka, liberato al tiro da una spizzata di Cornelius, ma il Parma, più che controllare, ha dovuto subire la pressione dei locali i quali, oltre a praticamente prendere possesso della metà campo ospite, mai hanno smesso di attaccare con continuità, in particolare sulle fasce, e a far spiovere cross in area (ne sono stati contati 18) per il prestante, specialista nei colpi di testa, Pavoletti che, dai e dai, è riuscito a segnare la rete del due a uno.
Nella ripresa D’Aversa, dopo aver visto i rischi corsi dalla sua squadra e la supremazia del Cagliari, obbligato a sostituire l’acciaccato Kucka, ha inserito, con un inusuale atto di coraggio, il giovane attaccante Mihaila e questo cambio, oltre a maggiormente equilibrare l’incontro, ha reso più pericoloso il Parma e alleggerito la pressione del Cagliari. I rossoblù, però, anche dopo che i Crociati sono riusciti a portarsi sul tre a uno (bel gol di Man dopo uno spunto personale) mai hanno mostrato di essersi arresi, anzi sono riusciti ad aumentare progressivamente la pressione, sino praticamente a stabilirsi, nei minuti finali, nella metà campo degli ospiti, favoriti dagli avvicendamenti del loro tecnico che, dopo aver fatta la sostituzione giusta nell’intervallo, evidentemente si è impaurito e ne ha effettuate altre che si sono rivelate, certo col senno di poi, non felici e, in particolare, veramente negativo è stato il cambio di un attaccante, il fino a quel momento attivo e pericoloso Man, con un difensore, Valenti. Con questa mossa il tecnico ha modificato lo schieramento e mandato un preciso segnale ai suoi giocatori: passiamo dal 4-3-3 al 5-3 -2, rinunciamo ad attaccare e pensiamo a difenderci. Esattamente il contrario di quanto ha fatto l’allenatore avversario che al posto di un centrale, Rugani, ha inserito un attaccante, il mancino uruguaiano Pereiro che è risultato decisivo, dopo che il migliore in campo dei locali, Marin, aveva accorciato le distanze. In centottanta secondi, nei supplementari, il sudamericano ha ribaltato il risultato: prima, non adeguatamente ostacolato al limite dell’area da Kurtic e lasciato libero di calciare con il piede preferito, il sinistro, ha realizzato il gol del temporaneo pareggio, poi è riuscito a saltare Valenti e a effettuare dal fondo il cross che ha permesso all’ex Cerri, vanamente ostacolato da un impreparato Busi, di segnare la rete dell’imprevedibile, sino a tre minuti prima, vittoria del Cagliari.
In Sardegna quindi, ancora una volta, sono stati decisivi i colpi di testa che hanno fruttato ai locali la prima rete, realizzata dallo specialista Pavoletti che più volte ha sovrastato Bani, e il quarto decisivo gol segnato dal parmense Cerri. A giustiziare e praticamente affondare le speranze del Parma è stato proprio il giovane di San Secondo (che si è fatto un regalo con un giorno di ritardo: ha compiuto venticinque anni venerdì) calcisticamente nato, allevato e cresciuto nella società allora presieduta da Tommaso Ghirardi e che in serie A ha debuttato con la maglia Crociata. Cerri, dopo il gol, si è lasciato andare a un’esagerata esultanza che molti tifosi locali hanno interpretato come rivolta alla sua ex squadra che in lui non ha mai creduto specie dopo che, passato alla Juventus, la società bianconera l’ha mandato, in prestito, in giro per l’Italia: ma, in effetti, lo sfogo, come mostrano le immagini quando indica l’orecchio, era rivolto ai supporter del Cagliari che lo hanno più volte, pesantemente, contestato. Contestazione che nella nostra città non è ancora emersa, anche perché tanta è l’amarezza per una stagione infelice: più della delusione prevale lo sconforto per sconfitte difficilmente spiegabili, tante prestazioni che lasciano stupiti, sconcertati e perplessi.
Errori dell’allenatore (che certo, da quando è tornato, ha mostrato limiti non sempre emersi in passato) a parte in campo vanno i giocatori e a Cagliari, ed è un ritornello più volte ripetuto, si sono visti singoli poco combattivi e una squadra che non ha carattere, poco determinata e senza una precisa fisionomia: nel finale è apparsa impaurita contro una formazione che ha giocato alla morte con intensità, grande volontà e generosità e mai ha mollato cosa che ben raramente hanno fatto i gialloblù.
Sconfitta amara e beffarda per com’è arrivata e che ricorda quella subita a Cagliari, con gol di Branca al 90’, il 28 aprile 1985 allo stadio Sant’Elia quando chi allora guidava i rossoblù, Renzo Ulivieri (che quindici anni dopo, nel 2000, avrebbe allenato il Parma) si rese protagonista di un clamoroso gesto: fece più volte il “salame” ai tifosi ospiti.
Parma che, dopo una partita con grandi emozioni da non malati di cuore, ha quindi perso, buttato via, l’ennesima occasione (l’ultimo treno?) per sperare di evitare la retrocessione e subito una sconfitta che D’Aversa, in sala stampa, ha definito “indimenticabile”, aggiungendo che la sua squadra ha sempre controllato il gioco (questo, seguendo il confronto in tv, non si è visto: forse dal campo si vede un’altra partita…) e ha concluso pronunciando, per la prima volta, un’attesa, non inedita, frase: “crediamo nella salvezza sino a quando la matematica non ci condannerà”. Gian Carlo Ceci

Stadio Tardini

Stadio Tardini

One thought on “GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “UN FILM GIA’ VISTO, MA CON UN FINALE DIVERSO”

  • 19 Aprile 2021 in 19:12
    Permalink

    Si, Alves che entra come contro l’Udinese è proprio decisivo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI