PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / MA QUANDO MAI C’HA CREDUTO QUESTA SQUADRA?

(Luca Ampollini) – Vedere l’inquadratura del Presidente al 90’ attonito, amareggiato, quasi incredulo mi è davvero spiaciuto: sì, perché nell’ennesima avvilente puntata di questo agghiacciante campionato non meritava certamente, lui che ha speso così tanto e sta mostrando trasporto ed entusiasmo, un’altra giornata così negativa. Essere capaci di subire 4 gol in casa dal Crotone, per la prima vittoria esterna dei calabresi in questo campionato, credo non fosse semplice, ma, udite, udite, il Parma c’è riuscito. E non è una questione di giovani o vecchi, ormai quest’anno abbiamo visto tutti i giocatori, è arrivata, da ognuno di essi, una risposta sempre davvero sconfortante. E’ inutile fare nomi, la squadra è stata, in tutti questi mesi, disastrosa all’unisono. E quando parlo di squadra includo ovviamente tutti i componenti, non solo i giocatori. Essere in serie B, ad oltre un mese dalla fine del campionato, è l’aspetto più desolante, unitamente alla fragilità di carattere per l’ennesima volta mostrata quest’oggi dalla squadra: gioca una prima parte di gara indecifrabile, va al riposo sotto 3-1, recupera, spinta da uno scatto d’orgoglio, il pareggio nei primi 5 minuti della ripresa e smette nuovamente di giocare sul 3-3, come se avesse incredibilmente già raggiunto l’obiettivo, non cercando più con la dovuta insistenza una vittoria alla portata, subendo anzi il 4° gol degli ospiti. Il tutto “condito” ovviamente dalle solite amnesie difensive che hanno come sempre determinato il risultato. Il Parma di quest’anno è tutto qui: fragilissimo, privo di una leadership in campo davvero incisiva (come detto settimana scorsa è stato sottovalutato il declino di Alves, giocatore fondamentale e mai realmente sostituito), e tecnicamente privo, soprattutto nel reparto arretrato, della qualità dei giocatori degli anni passati: più bravi, motivati ed energicamente più competitivi di quelli attuali. D’Aversa, che conosce meglio di chiunque altro questa squadra, lo sapeva, l’aveva segnalato a inizio stagione, ma ha deciso comunque di tornare a Gennaio in una squadra già malata e senza carattere, sperando di avere la ricetta giusta per risollevarla, ma i risultati, ahinoi, sono sotto gli occhi di tutti. E anche lui, visto il magrissimo bottino ottenuto, è ovviamente responsabile di questo disastro: il non essere riuscito a trasmettere un minimo di continuità di carattere a questa compagine perennemente preda di amnesie e paure non può esentare il suo ritorno da un giudizio negativo. Si è visto più gioco rispetto alla prima parte di stagione, più continuità nell’andare in gol, ma sempre una valanga di reti subite, sulle quali non è riuscito a porre un minimo di rimedio. Certo, alcuni requisiti legati alla personalità sono difficili o forse impossibili da allenare, ma alcuni aspetti motivazionali, come ha fatto ad esempio Nicola a Torino, allenatore tecnicamente non irresistibile, dovevano essere allenati meglio, nonostante il suo abituale, instancabile lavoro h24 sui suoi ragazzi. Tornare, quindi, non si è rivelata forse una scelta azzeccata, considerando la sua preoccupante diagnosi di inizio stagione. I giocatori però rimangono coloro che devono assumersi le maggiori responsabilità: l’anno è stato difficile, senza pubblico (lo è stato, però, per tutti), tecnicamente non sono irresistibili, ma non inferiori a quelli di parecchie squadre che precedono i Crociati. Sono privi, però, di “un’ossatura” che non può e non deve mancare in una squadra di professionisti (se si ritengono tali lo devono realmente dimostrare, non solo a parole). Quest’anno, invece, questa squadra non ha mai dimostrato di crederci davvero, sebbene operi in una città meravigliosamente civile dove può lavorare in tranquillità e in una società esemplare che non le fa mancare nulla. E fa male, quindi, vedere un Presidente ambizioso ed entusiasta così deluso e amareggiato, sicuramente non meritava un’annata così; parlare di futuro è però prematuro, la stagione va conclusa, con dignità, orgoglio e una classifica migliore: i 20 ottenuti in 33 partite sono l’ennesima macchia, di una stagione incredibile, che va cancellata il più possibile. Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

14 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / MA QUANDO MAI C’HA CREDUTO QUESTA SQUADRA?

  • 25 Aprile 2021 in 00:36
    Permalink

    D’Aversa ha sbagliato due volte. La prima quando non ha proseguito ad allenare il Parma alla fine dello scorso campionato, la seconda quando ha accettato di tornare.
    Troppi giocatori hanno avuto un calo di rendimento repentino e verticale, purtroppo. E la cosa ha vanificato prima di tutto la solidità difensiva della squadra, aspetto sul quale, assieme al contropiede, D’Aversa ha fondato le salvezze degli scorsi anni.
    La partita di oggi è incommentabile, la sua unica utilità è stata quella di evidenziare su quali giocatori sia bene non contare per la prossima stagione

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 08:11
    Permalink

    Concordo. D’Aversa non è riuscito a dare un minimo di personalità a questa squadra che di certo è scarsa ma non meno di altre. È il limite più grosso di questo allenatore che è bravo tatticamente ma, a differenza del suo amico Antonio, non riesce a motivare la squadra.
    Nonostante i disastri, questa squadra un mese fa ha battuto la Roma e poteva essere la svolta motivazionale per un finale sprint ed invece…flop…l’allenatore non è riuscito a motivare un gruppo che con la coesione avrebbe potuto superare i pur grandi limiti tecnici.
    Detto ciò, nella torta delle responsabilità, tutti hanno la loro bella fetta….Errori su errori da agosto 2020: a questo giro si paga il conto

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 08:46
    Permalink

    Allora…ricapitolando, per cercare di capire l’antefatto che ha portato a questo caos societario e alla indecorosa chiusura di questa “sfortunata” stagione: D’aversa dichiara alcuni giorni orsono che a tre giornate dal termine dello scorso campionato gli viene comunicato che non sarà più il Mister per la nuova stagione, è evidente che qualcosa si è incrinato con la società, nonostante la salvezza e i due anni di contratto rinnovatigli. La vecchia proprietà vista la crisi dovuta al covid e i costi sempre maggiori, pensa ad un ridimensionamento con vendita di alcuni giocatori che possono avere mercato e squadra impostata su giovani di prospettiva che arriveranno in prestito o con i soldi reinvestiti delle vendite. Faggiano se ne va, viene preso per operare in tal senso Carli per questa “mission impossible”, offerte per i nostri fenomeni non ne sono arrivate e non ne arrivano comunque fino alla fine del mercato, solo un interessamento dell’Inter per Gervinho, l’unico che partirà dei titolari è Darmian. In pieno agosto a pochi giorni dal ritiro, il nostro Ds che non sarà un fenomeno e nemmeno simpatico capisce che D’aversa è l’unico che potrebbe portare alla salvezza una squadra di giocatori anagraficamente bolliti, che nel post lockdown sono riusciti a perdere una striscia infinita di partite passando dalla zona UEFA ad una meno ambiziosa ma tranquilla zona salvezza, cerca di fare rientrare D’aversa per riaffidargli la squadra, ma ovviamente senza concedere spazio a richieste “non teniamo dinero”, D’aversa fa presente come dice Ampollini che in squadra ci sono vari giocatori bolliti e che sicuramente una squadra impostata sui giovani non arriverà alla salvezza. Carli vede il Mister poco motivato e propende per Liverani contattato già prima della fine del campionato, dalle voci uscite dopo Lecce Parma. Poi a metà settembre la vendita con l’arrivo di Krause, il mercato raffazzonato in qualche maniera in pochi giorni, con la linea societaria di continuità con la precedente ed ecco la retrocessione è servita, chapeau grazie di tutto.

    Rispondi
    • 25 Aprile 2021 in 10:12
      Permalink

      Hai riassunto correttamente. È ovvio che con questi antefatti era un po’ illusorio pensare di passarla liscia.
      Negli anni scorsi è andata bene (playoff 2017, promozione diretta all’ultima giornata 2018, gironi d’andata sprint 2019 e 2020). Quest’anno si sono fatti errori su errori e si paga

      Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 11:24
    Permalink

    D’Aversa comunqe da’ spiegazioni. Lucarelli, a parte farsi bacchettare come uno scolaretto insipiente per l’improvvida uscita sulla supersega, non mette mai la faccia (o qualcos’altro), Carli parla prima delle partite, il Presidente pensa al futuro, utilizzando il modello Borlotti.
    Siamo retrocessi in modo indegno. Nessuno mette la firma su un fallimento sportivo che e’ un fallimento della citta’ e del suo modello. Aspetto l’estate per capire quale sia la maschera del Presidente. La squadra che impostera’, gli obiettivi concreti, immediati e reali che perseguira’, la diranno tutta su cio’ che ci attende.
    Quanto alla vecchia proprieta’ , diciamo che dal punto di vista sportivo e’ riuscita in una scalata senza eguali, ma cio’ ha comportato costi insostenibili per essa e, complice la pandemia, con relativa crisi pesante del socio piu’ coinvolto, ha dovuto alzare bandiera bianca. Non si puo’ fare una colpa, anzi siamo comunque due serie sopra il 2015 ma anch’essa ha sbagliato qualcosa nella strategia. Prepariamoci all’ennesimo nuovo inizio degli ultimi 18 anni. Anche questo e’ un record. Evidentemente Parma non puo’ fare questa serie A

    Rispondi
    • 26 Aprile 2021 in 01:04
      Permalink

      Ok su tutto, ma il Parma è stato venduto ad una bella cifra…non è mica stato regalato… Io non vedo bandiere bianche ma una vendita fatta dai “parmigiani “al momento giusto

      Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 11:25
    Permalink

    Eh no, anche Krause ha pesanti responsabilità. Per troppo tempo ha lasciato andare la situazione, non accorgendosi di quanto eravamo nella melma. Ha passione, ma è ingenuo.

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 11:53
    Permalink

    LUCA Z riassunto corretto pero’ tutto questo cosa dice ? che la retrocessione e’ da imputare alla VECCHIA PROPIETA’ che fanno gli eroi con i soldi delle banche ( di frusciante ne hanno messo poco li ha messi il cinese gia gabolato ) questi signori (eufemismo ) sanno che devono vendere sono in trattativa ma pensono bene di essere dio in terra di incidere anche sulla prossima stagione allontanano d aversa e assumono a pochi giorni dalla chiusura di una trattativa carli !!! andando a compromettere una stagione in maniera definitiva …….ma scusate se sai che devi vendere sara’ la nuova propieta’ che decidera’ chi assumere come direttore tecnico e che impostazione dare !! si sono appropriati di decisioni fallimentari che hanno poi distrutto lo spogliatoio perche la vecchia guardia era d aversana i vari kucka gervinyo alvez kurtic con liverani non giocavano …..il resto eì storia comunque krause gli hanno lasciato una societa’ con 70 ml di riscatti di giocatori che non ha voluto lui insomma diventa difficle attribuirgli la retrocessione pur avendo le sue colpe per esempio di non battere anche i pugni sul tavolo ps quei giocatori che oggi molti dicono bolliti a iniziare da gervy o alves o kurtic non mi stupriei di vederli pimpanti e in gran forma in altre squadre il prossimo anno

    Rispondi
    • 25 Aprile 2021 in 14:22
      Permalink

      Sono d’accordo il Presidente è quello che ha meno colpe di questa situazione, lui ha la visione di un progetto che io condivido, per rendere sostenibile una permanenza in serie A ad una città come Parma. Ora la struttura è quasi completata spero che l’organigramma societario sia all’altezza del futuro che noi tifosi ci aspettiamo, c’è chi afferma che sarà roseo, ma quello che inizierà prossimamente sarà il Parma di Krause non questo.

      Rispondi
    • 25 Aprile 2021 in 15:21
      Permalink

      “ i vari kucka gervinyo alvez kurtic con liverani non giocavano”
      non è vero, hanno sempre giocato, quando disponibili, se non infortunati o positivi a Covid-19.
      Per la precisione!

      Rispondi
      • 25 Aprile 2021 in 16:32
        Permalink

        Penso che intendesse non giocavano in un altro senso, e a parte Kucka impiegato fuori ruolo spesso per problemi contingenti ma che l’impegno non lo ha mai fatto mancare, cosa successa anche con D’aversa, gli altri tre hanno dato sempre la sensazione di essere giocatori ormai al capolinea sia con l’uno che con l’altro.

        Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 16:13
    Permalink

    Colpa di Carli, colpa di Liverani, colpa di D’Aversa…colpa dei 7…
    Le colpe maggiori sono dei GIOCATORI che vediamo sfrecciare con Range Rover e Porsche senza il minimo merito.

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 18:02
    Permalink

    Allenatore mediocre,quando è finito il culo sono venuti fuori tutti i suoi limiti che già comunque ci aveva fatto conoscere

    Rispondi
  • 25 Aprile 2021 in 18:16
    Permalink

    Per me, caro Ampollini, l’immagine più emblematica dello sfascio in cui siamo precipitati si è vista al momento dell’ingresso in campo di Gervinho. Si è presentato in panchina con tre TRE anelli al dito della mano sinistra senza che nessuno gli abbia chiesto “vai in panchina o a prendere l’aperitivo in centro? ” e si è dovuto aspettare 30 secondi che li togliesse sulla linea laterale prima del cambio. Questa è la foto della stagione che spiega tante cose.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI