TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / L’EQUILIBRIO E’ UN PRINCIPIO INDISPENSABILE E AVERE 4 ATTACCANTI INSIEME GENERA DEI RISCHI

(Patrick Fava) – Ennesima battuta d’arresto per i Crociati che inciampano al Tardini col fanalino di coda Crotone, terza sconfitta consecutiva per i ducali e seconda consecutiva con lo stesso punteggio 4-3. Il Crotone scende in campo con il 3-5-2 mentre Mister D’Aversa conferma il 4-3-3, lanciando Dierckx dal 1′ al fianco di Bani al centro della difesa, si rivede Busi sull’out di destra, in avanti Cornelius preferito a Pellè nel ruolo di centravanti boa. I Crociati partono bene nei primi 10′, ma sono i pitagorici a segnare la prima rete del match e ancora una volta su corner, stavolta ê Bani a perdere la marcatura di Magallan che di testa nel cuore dell’area di rigore sigilla l’1-0 per gli ospiti. D’Aversa, per l’occasione, aveva ancora una volta modificato la sistemazione su corner, passando ad una zona mista con alcuni giocatori pronti a ricercare la palla nelle zone adiacenti all’area piccola e altri deputati alla marcatura ad personam dei giocatori più temibili, ma anche in questa occasione la scelta dell’allenatore di casa si è rivelata poco felice, evidentemente la squadra manca in maniera inesorabile, in queste circostanze, di cattiveria agonistica, di concentrazione e di consapevolezza nei propri mezzi. I gialloblù provano a reagire, lo fanno alternando buone trame specie sulla sinistra, con la catena Pezzella, Kurtic e Mihaila che crea qualche grattacapo a Molina e Messias che non hanno grandi attitudini difensive, ma anche affidandosi alla costruzione diretta con un vivace Cornelius, abile nel gioco aereo e meno statico del solito. Il centravanti danese è determinante nell’azione del pareggio, con Magallan attirato a rompere la linea da Mihaila, il numero 11 ê bravo a leggere lo spazio libero alle spalle del difensore pitagorico, Golemic segue il movimento di Cornelius che si defila sulla fascia all’altezza della bandierina, quest’ultimo è bravo a girarsi e a mettere un cross per Hernani, che di testa fa 1-1, complice una marcatura approssimativa di Djidji. Il pareggio galvanizza i Crociati che alzano il baricentro, e risalgono il campo o con gli attacchi diretti, o cercando la superiorità numerica sulle corsie laterali, in particolare sulla sinistra, con un Pezzella molto ispirato in fase di possesso. Intorno a metà primo tempo si fa male Man ed entra Gervinho: il sistema di gioco rimane invariato, l’ivoriano passa a destra, i Crociati sembrano prendere campo, ma il Crotone nelle ripartenze fa male e una buona combinazione tra Ounas e Messias porta al tiro quest’ultimo che, complice una deviazione di Bani, scheggia la traversa intorno alla mezz’ora di gioco. I gialloblù continuano a guadagnare campo e ad invadere la metà campo dei rossoblù che paiono in difficoltà, ma proprio nel momento in cui i nostri sembrano in controllo arriva una transizione fulminea degli uomini di Cosmi che vedono Ounas involarsi sull’out di destra, affrontato da Bani che lo porta esternamente, il franco-algerino mette in mezzo un pallone deviato dallo stesso Bani che mette fuori causa Dierckx e consente al nigeriano Simy di realizzare il più facile dei gol, il 18° stagionale per lui. Neanche il tempo di riprendersi e stavolta su un lancio lungo proveniente dalle retrovie da parte di Cordaz, Simy viene anticipato da Bani, i centrocampisti, in particolare Brugman, sono troppo alti e la sfera giunge ad Ounas che ha una voragine davanti a sé, per puntare la linea difensiva: l’attaccante ex Cagliari e Napoli punta la linea difensiva ducale che scappa fino al limite dell’area, ad un certo punto Dierckx decide di rompere la linea, ma l’attaccante è rapido nell’esecuzione e trafigge Colombi con un tracciante che si infila nell’angolo basso a sinistra dell’estremo difensore gialloblù. Una doccia gelata per D’Aversa e la squadra che vanno a riposo sull’1-3. Il tecnico fa entrare Pellè per Kurtic e Osorio per Bani e passa ad un 4-4-1-1 in fase di non possesso e ad uno strano sistema di gioco fluido in fase di possesso, un 3-3-2-2 con Gervinho e Mihaila alle spalle di Pellè e Cornelius, con Pezzella più ancorato sulla linea difensiva sulla prima costruzione e con Hernani pronto ad aprirsi sull’out di sinistra con Brugman davanti alla difesa e Busi sull’out di destra: questo nuovo modo di disporsi inizialmente dà i frutti sperati, con un Gervinho abile nei primi minuti della ripresa a sfruttare una sponda aerea del solito Cornelius, gettandosi nello spazio dietro la linea difensiva, siglando il momentaneo 2-3 battendo l’incolpevole Cordaz. Anche in questo è facilmente visibile la superiorità posizionale dei gialloblù sul centro sinistra con Gervinho che non dando punti d riferimento riesce a creare una superiorità posizionale nel mezzo spazio di sinistra con ancora una volta Magallan che viene attirato fuori da Mihaila, su Cornelius c’è Golemic, mentre su Pellè c’è Djidji: ne consegue che c’è uno spazio libero tra Molina e Golemic che Gervinho sfrutta positivamente. Il Parma insiste e dopo pochi minuti trova il 3-3 con Mihaila, abile a sfruttare un cross rasoterra di Pezzella. Il Parma sembra rigenerato dall’assetto ultra-offensivo, ma ben presto perderà equilibrio: le squadre si allungano e ancora di più i gialloblù con Cornelius quasi commuovente nello schermare Cigarini, ma è evidente che avere 4 attaccanti porta ad alcuni rischi che possono verificarsi durante l’arco della gara e l’equilibrio, come sappiamo, è un principio indispensabile per la fase di non possesso. Dopo un momento di stasi, improvvisamente il Crotone torna avanti grazie ad un calcio di rigore di Simy, nell’occasione incredibile ingenuità di Hernani, Busi ed Osorio che si fanno dribblare da Reca, con il venezuelano autore del fallo sull’esterno polacco che risulterà decisivo per l’epilogo di un match, che vede i Crociati provarci per l’ultima volta con Cornelius all’87’, ma il suo colpo di testa sul solito cross di Pezzella, finisce alto sopra la traversa. Un 3-4 amaro che sancisce il punto più basso della stagione dei gialloblù, una stagione sciagurata, maledetta, con tanti errori da parte di tutti e che probabilmente sancisce la fine di un ciclo e di una splendida cavalcata cominciata dalla serie D. E’ ora di ripartire con un progetto nuovo, ambizioso e con persone motivate a fare crescere questa nuova società, con un presidente che sembra essere in grado di poter dare alla città e ai tifosi quelle soddisfazioni che si meritano, perché Parma merita la serie A, sperando che si possa ricreare quell’entusiasmo degli anni ’90: sarebbe bello e auspicabile vedere un Parma in stile Ajax, perché il futuro è, e sarà, costruirsi i talenti in casa, cercando d’investire sul settore giovanile che tante soddisfazioni sta dando ai lanceri e a pochi chilometri di distanza a Bergamo. Forza Pres., Forza Parma. Patrick Fava

Patrick Fava

Patrick Fava, 37 anni, di professione impiegato ed allenatore di calcio (UEFA B) come hobby, attualmente è in forza al Fiorano (Campionato di Promozione Girone C. Appassionato di match-analysis e di tattica calcistica è sempre pronto a studiare i principi di gioco dei grandi allenatori italiani ed europei, ma soprattutto è un grande tifoso del Parma

2 pensieri riguardo “TATTICA-MENTE, di Patrick Fava / L’EQUILIBRIO E’ UN PRINCIPIO INDISPENSABILE E AVERE 4 ATTACCANTI INSIEME GENERA DEI RISCHI

  • 27 Aprile 2021 in 10:15
    Permalink

    Comunque non so davvero come facciano Udinese, Torino, Sampdoria, Sassuolo, Cagliari, Genoa, Bologna senza un PPC, un organismo, l’ennesimo di derivazione pontecaprazucchesca (con un occhio ai campi di pomidoro e alle officine della pedemontana dove vengono assemblate le ultra tecnologiche macchine per imbuslare la polpa e lavare le bottiglie in luogo dei pallini dello schioppo che usava mio nonno quando imbottigliava), davvero fondamentale per la riuscita del calcio nelle città non metropolitane. E soprattutto come hanno fatto senza il meglio, la crème delle imprenditorie locali.
    Ah loro sono e restano in A da lustri?E’ vero non ci avevo fatto caso…

  • 27 Aprile 2021 in 19:40
    Permalink

    Si, i nostri giovani sembrano davvero fortissimi. Salvo i due rumeni e forse Osorio e Valenti non se ne salva mezzo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI