TUTTO PARMA E… CHIESA / IL CAMPIONATO SI E’ STUFATO DI TENDERE LA MANO AL PARMA ED ASPETTARLO

(Carlo Chiesa) – A forza di guardare costantemente i risultati delle altre e pensare poco ai propri, anche il campionato si è stufato di tendere la mano al Parma. La vittoria del Torino a Udine, come un leggero soffio d’aria, ha spento la flebile fiammella della speranza che continuava ad alimentare il sogno del miracolo salvezza da parte dei Crociati. Finché la definitiva condanna della matematica non diventerà sentenza, proveremo ad accodarci a quel sopravvissuto e nutrito gruppo di inguaribili sognatori ancora convinti che il miracolo possa accadere, consapevoli però del rischio di svegliarsi all’improvviso e precipitare in una realtà ben più preoccupante e probabilmente senza scampo.  La partita contro il Milan è l’ennesima conferma che la squadra di D’Aversa non possiede le caratteristiche fondamentali né tecniche, né mentali per rimanere nel massimo campionato del nostro calcio e che, rispetto alle altre 17 squadre del torneo (Cagliari e Crotone escluse) è quella che ha fatto meno in assoluto, durante tutto l’anno, per raggiungere il proprio obiettivo stagionale.

Si dice spesso che trovare gli stimoli quando si affrontano le grandi squadre sia facile e naturale per le piccole. Per il Parma, invece, sembra che tutte le partite siano uguali.  Sia che affronti il Benevento o il Milan, i Crociati finiscono sempre per regalare il primo tempo agli avversari che si ritrovano in vantaggio con il minimo sforzo.  L’approccio Crociato alle ultime gare sembra essere sempre il medesimo, senza il coltello tra i denti, ma con la lama rivolta addirittura verso sé stessi in una sorta di suicidio collettivo al primo tiro a rete avversario. Contro i rossoneri sono bastati soltanto otto minuti per lasciare sul campo ogni speranza di ottenere almeno un punto, che solo Ibrahimovic (…o l’arbitro Maresca?), facendosi espellere, ha cercato di alimentare ulteriormente, trasformandosi da giustiziere dei Crociati (il Parma è la squadra contro cui ha segnato il maggior numero di reti in Italia), a benefattore e regalando un finale di gara baldanzoso a Gagliolo e compagni, comunque incapaci di approfittarne fino in fondo. Per il resto la partita ha mostrato un divario tecnico imbarazzante che solitamente le squadre più deboli provano a colmare parzialmente con l’agonismo, purtroppo, come già detto, non pervenuto in casa Crociata almeno per un’ora.

D’Aversa ha provato anche a modificare la propria formazione passando dal classico 4-3-3 del primo tempo ad una sorta di 4-2-4 in fase offensiva nella ripresa, con l’inserimento di Cornelius al fianco di Pellè e il posizionamento di Kucka come esterno offensivo di sinistra a fare il quarto insieme a Man a destra. Dopo averlo difeso a spada tratta in conferenza pre-gara (pensiamo più per forma che per effettiva convinzione), lo stesso D’Aversa si è reso conto che sarebbe stato meglio provare a recuperare la partita giocando la ripresa in undici, piuttosto che continuare a giocare con un uomo in meno. Per questo ha tolto il solito inutile Gervinho, ancora una volta completamente privo di spunti degni di nota e restìo nel cercare l’intesa con Pellè, pur continuando imperterrito, quest’ultimo, a richiamarlo nel tentativo di suggerirgli movimenti o passaggi.

Al di là dell’ex freccia della Costa d’Avorio, diventa estremamente difficile regalare la sufficienza a qualcuno degli altri 14 giocatori impiegati. Da evidenziare, piuttosto, rimangono soltanto diverse brutte prestazioni dei singoli, a partire da quella di un Conti davvero irriconoscibile rispetto a quel giovane di bellissime speranze che lasciò la maglia dell’Atalanta per vestire quella rossonera. Male in fase difensiva (agghiacciante una rimessa laterale a inizio gara a liberare Kessie per un tiro pericoloso appena sopra la traversa) e praticamente assente in fase di spinta sulla fascia, è arrivato persino a far rimpiangere un Laurini qualsiasi o lo stesso Iacoponi, difensore di destra formato campionato Serie B/Lega Pro di 3/4 anni fa.

Un’ultima doverosa annotazione riguarda l’incapacità cronica di offrire palloni decenti al metro e 95 di Cornelius e Pellè nelle situazioni di calcio da fermo, per sfruttare il loro colpo di testa, una delle poche armi offensive in possesso dei Crociati. Dai calci d’angolo e dalle punizioni dalle fasce, infatti, sono scaturite soltanto incomprensibili traiettorie a mezza altezza, facili prede del solito difensore avversario posizionato sul primo palo.

In conclusione, se l’eventuale retrocessione è il dazio che il Presidente Krause deve pagare al campionato italiano per qualche errore d’inesperienza e per ripartire dai giovani (ancora una volta buona la prestazione di Man) creando un’ossatura che possa avere lunga vita nella massima serie e dando soddisfazioni economiche, sotto forma di plusvalenze, alla società, ben venga. L’importante, nel caso il campionato finisse come sembra, sarà rimanere ai margini del grande calcio il meno possibile, per riuscire a regalare quanto prima al palcoscenico di un nuovo Tardini stellare e avveniristico, appuntamenti degni dal punto di vista dello spettacolo e del nome delle formazioni più blasonate del nostro campionato. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / IL CAMPIONATO SI E’ STUFATO DI TENDERE LA MANO AL PARMA ED ASPETTARLO

  • 11 Aprile 2021 in 22:14
    Permalink

    Io punterei tutto su Bobby English

    • 12 Aprile 2021 in 03:14
      Permalink

      🤣😂

    • 12 Aprile 2021 in 14:27
      Permalink

      Davide spari molte cazzate ma sul fatto di puntare su Bobby english l uomo da 18 ml di eur sono d accordo anch io ……😂😂😂 in serie B naturalmente lo vedo come capocannoniere 😇😂

  • 11 Aprile 2021 in 22:40
    Permalink

    ” il solito inutile Gervinho”…. Appunto… Come può non accorgersene D’aversa?!?! Il Parma non ha speranze perché è in mano a un allenatore che non sa o non vuole imparare dai suoi errori… Mi rode molto il modo in cui questo campionato sta andando alle ortiche

    • 12 Aprile 2021 in 15:41
      Permalink

      Anch’io lo vedo come capocannoniere se non si fa male🤪🤨

  • 11 Aprile 2021 in 23:10
    Permalink

    Perché nei commenti ignori un giocatore del Parma come Busi?
    Ha giocato lui nella ripresa è meglio di Conti, almeno sa crossare ed ha più gamba.
    Possibile che rimanga sempre quello del rigore di Sassuolo?
    Voi (giornalisti) lo avete sempre denigrato .
    Non ha qualità difensive ma se impiegato avanti alla Darmian all’Inter può rendersi utile.
    Tifo per lui perché se lo merita secondo me, tifo per un suo assist o una rete perché così almeno avrebbe qualche possibilità di far scrivere a qualcuno una volta un qualcosa che assomigli ad un’incoraggiamento.
    Ignorare un giocatore del Parma non va bene.
    Forza Busi. Forza Parma.
    PS esaminate meglio chi incide in negativo davvero nei risultati.
    Un Robin Hood dei poveri.

    • 12 Aprile 2021 in 07:39
      Permalink

      Si, ad ghè ragiò.
      Mo Busi la fat na casèda tropa grosà… anghla chèv miga vabè? Le pù fort che mì. Am dispièsa.

  • 12 Aprile 2021 in 11:56
    Permalink

    Busi potrebbe andare bene per la serie b, forse….

  • 12 Aprile 2021 in 12:29
    Permalink

    A suon di cercare l’ultima spiaggia è arrivata una bella corrente che ci ha trascinato al largo in mare aperto. Game over.

  • 12 Aprile 2021 in 14:33
    Permalink

    La cosa assurda è il modo di giocare 15 minuti di passaggi inutili avanti e indietro e poi passaggio a sepe che alza le mani per dire non c è nessuno libero e lancia al terzino super marcato ……ma non è meglio con due torri allora fare subito un bel lancio lungo alla viva il parroco ? Piuttosto che quel gioco innutile di passaggi lenti e retro passaggi al portiere !! In serie a passano al portiere 10 volte a partita il parma 100 volte lo credo che non segniamo …..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI