TUTTO PARMA E… CHIESA / IL PEGGIOR MODO DI RETROCEDERE

(Carlo Chiesa) – La partita della malinconia fra due squadre ormai destinate alla retrocessione, si è trasformata, per parte Crociata, nella partita della vergogna. Ci sono annate che possono andare storte e può capitare di retrocedere. E’ lecito ed è parte integrante del mondo dello sport. Ma c’è modo e modo di farlo e il modo in cui lo sta facendo il Parma è il peggiore possibile. Inutile versare lacrime di coccodrillo a fine partita contro il Cagliari, scimmiottando un attaccamento alla maglia, peraltro mai esternato sul campo durante tutta la stagione, se poi, solo tre giorni dopo una bruciante sconfitta che sa di beffa, scendi in campo contro l’ultima in classifica, senza la minima voglia di dimostrare che non sei la squadra più scalcinata della serie A, senza quel minimo orgoglio e quella dignità che ogni giocatore che veste una maglia che trasuda storia, come quella Crociata, dovrebbe avere. E non c’è scusa che tenga. Puoi anche essere retrocesso mentalmente dopo Cagliari, ma rimane comunque l’obbligo di onorare chi ti paga lo stipendio e i tifosi, unica categoria, costantemente fedele e presente (quest’anno, purtroppo, soltanto da casa), da rispettare, sempre e comunque, versando sul campo fino all’ultima goccia di sudore possibile. Tifosi che, al contrario, alimentano ulteriormente la loro sofferenza nel vedere una squadra che sembra fare tutto il possibile, ed anche l’impossibile, per chiudere la stagione con un umiliante ultimo posto in classifica.

È innegabile che dei 27 sin qui disputati, l’attuale sia il campionato di Serie A peggiore in assoluto della storia del Parma Calcio (sì, peggiore anche di quello sciaguratissimo del fallimento) e che i suoi sgangherati protagonisti rimarranno per parecchio tempo nella mente di tutti i tifosi, non certo alla voce “idoli indiscussi”. Tutte le volte che il Parma è retrocesso in Serie B lo ha fatto comunque a testa alta. Quest’anno no. Nel 2007/2008 i Crociati rimasero in corsa, seppur con speranze limitate, fino all’ultima giornata, nella quale la pioggia battente e fitta che cadeva sul Tardini si fondeva con le lacrime di gioia dell’Inter Campione d’Italia e con quelle di disperazione dei tifosi di un Parma spedito in Serie B senza pietà da una doppietta di Ibrahimovic. Nel 2014/15, nonostante i tormenti di un dichiarato fallimento che pesò per tutta la stagione come un macigno nella testa e nelle gambe, la squadra nelle ultime 13 giornate, seppur virtualmente retrocessa, si batté sempre al massimo, dando tutto sul campo e ottenendo anche un’incredibile vittoria contro la Juventus, futura vincitrice dello Scudetto, che gli regalò la stima e gli onori di tutta Italia.

La pessima squadra di quest’anno, invece, ha dimenticato chissà dove attributi e grinta, incapace di vincere le partite anche quando segna tre goal o va in vantaggio al 90°, oppure di non riuscire praticamente mai a difendere il risultato da una situazione di doppio vantaggio. Una squadra che continua a subire goal nella medesima maniera (di testa con cross dalle fasce o da calci da fermo) senza riuscire a porvi rimedio ed ora anche sbeffeggiata dall’ultima in classifica, dalla quale, dopo avergli regalato fra andata e ritorno 6 goal e 6 dei 18 punti raccolti sino ad ora, dovrebbe imparare la voglia e l’orgoglio messo in campo al Tardini, con il misero, ma comunque nobile, intento di allontanare anche solo per una giornata la matematica retrocessione.

“D’ora in avanti metteremo in campo solo quei ragazzi che vorranno onorare la maglia che indossano” così si è espresso D’Aversa a fine gara. Tutto facile a parole, se non fosse così difficile individuarli e metterne insieme undici da schierare. L’unica ricetta applicabile, per queste ultime cinque giornate di agonia, è quindi quella di comporre la formazione unicamente con giocatori di proprietà, vada come vada, al fine di far capire davvero al nuovo responsabile dell’Area Tecnica Javier Ribalta se meritano la riconferma e se hanno l’atteggiamento giusto per dare il loro contributo in una serie inferiore. Di sicuro chi si merita tanta comprensione è il Presidente Krause, non esente da errori dettati prevalentemente dall’inesperienza (non certo imprenditoriale, ma di settore), ma con un intatto entusiasmo anche dopo così tanto scempio da parte dei suoi dipendenti. Speriamo che, se non i risultati della squadra, almeno il progetto stadio lo tenga vincolato a Parma ancora per tanti anni, nonostante le delusioni patite, perché passione, positività e disponibilità economiche non sono poi così facili da trovare tutte insieme in una sola persona. E anche perché, ne siamo certi, prima o poi riuscirà a trasferire anche solo una piccola parte dei successi raggiunti come imprenditore alla sua squadra la quale, mai come quest’anno, di successi gliene ha regalati davvero pochi. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / IL PEGGIOR MODO DI RETROCEDERE

  • 25 Aprile 2021 in 11:20
    Permalink

    Sono perfettamente d’accordo con Chiesa, Kurtic rappresenta il prototipo del giocatore mercenario senza cuore e senza anima emblema di questa maledetta annata, arrivato a Parma nel gennaio 2020, per dare qualità ad un reparto più portato alla fase difensiva, dove nel suo ruolo spesso era impiegato con tutti i limiti tecnici che aveva un certo Antonino Barillà, ma che faceva della corsa e della grinta e caparbietà nell’affrontare l’avversario, la sua arma migliore, prototipo di giocatore che una squadra dovrebbe avere sempre tra le sue fila a prescindere e magari con maggiori doti tecniche. Scappato da Ferrara alle prime avvisaglie di serie B e dopo appena un anno stesso tentativo a Parma, con fatidico errore nel fermarlo e non rimpiazzarlo, ma d’altronde se andiamo a vedere il suo continuo peregrinare per le squadre di A alla ricerca di un migliore ingaggio, si rende l’idea dell’attaccamento alla maglia di questo giocatore. Quello che fa specie è il suo costante impiego da parte dell’allenatore, come se i suoi difetti li vedessimo solo noi tifosi, ma d’altronde quando punti su di un uomo e come lui Sepe, Gervinho, ci vai fino in fondo e ne paghi le conseguenze.

  • 25 Aprile 2021 in 15:41
    Permalink

    Adesso D’Aversa vuole schierare solo chi merita! Un po’ tardi.

    • 25 Aprile 2021 in 16:36
      Permalink

      Oppure semplicemente gli verrà imposto come ieri chi dovrà schierare per ragioni ovvie.
      Altrimenti credo che Conti e c non mancherebbero mai.

  • 25 Aprile 2021 in 17:37
    Permalink

    È incredibile che un allenatore dica che adesso schiererà solo chi merita……perché finora ha fatto dei favoritismi?

  • 25 Aprile 2021 in 18:55
    Permalink

    Condivido tutto,bravo Chiesa,sui giovani non fa ciò critiche,sono i senatoriGervinho su tutti,che fino alla fine molti lo vogliono.incampo come salvatore della patria

  • 25 Aprile 2021 in 19:03
    Permalink

    Abbiano anche una tifoseria di pensionati nell’animo ormai nel mood dello stareincasa.Basta vedere oggi cos’hanno fatto i nostri amici di Bordeaux e il confronto è imbarazzante.

  • 25 Aprile 2021 in 20:17
    Permalink

    A dire il vero. Il confronto tra Bordeaux e Otello è proprio imbarazzante…
    Ma anche l’Amarone non scherza

  • 25 Aprile 2021 in 21:03
    Permalink

    Ma scusate ..d’aversa non ha ancora dato le dimissioni ? E lucarelli non dice nulla ?
    Ma tutto questo politicamente corretto lo capite che fi pirta in B per tanti anni ? ( vedi il Monza che praticamente era gia in A …nei sogni ) siamo circondati da
    ” incompetenti specifici “..anche il presidente che stimo , se fosse competente avrebbe gia’ fatto pulizia della corte a sbafo che ha intorno …ma possibile che solo noi da fuori lo vediamo ? Ma siamo tutti r.i.m.b.a.m.b.i.t.i. ?

    • 26 Aprile 2021 in 06:59
      Permalink

      Al Monza non mi sembra vi siano incompetenti specifici……..

  • 26 Aprile 2021 in 03:14
    Permalink

    Tutti dalla società ai tifosi sembrano fare finta di niente, è una cosa veramente imbarazzante

  • 26 Aprile 2021 in 09:31
    Permalink

    Mi chiedo al giorno d’oggi come sia possibile leggere ancora certi commenti, passatemi il termine da veri “provincialoni” che vanno ad offendere questo e quello a giorni alterni senza avere chiare le idee.
    L’annata è andata nel peggiore dei modi per una svariata serie di motivi e stiamo giustamente scendendo in serie B con demerito. Ciò non toglie che le colpe siano da distribuirsi a tutto l’ambiente Parma, giocatori e società in primis. Il Presidente Krause, si è dimostrato un’ottima persona dal punto di vista dell’entusiasmo e della voglia di fare, ma assolutamente è stato mal consigliato ed ha egli stesso commesso diversi errori, se vogliamo di inesperienza. A qualsiasi imprenditore da fastidio perdere dei soldi propri e lui non farà certo eccezione. Penso abbia capito e si stia attrezzando inserendo in società componenti a lui fidate che dovranno operare senza indugi ed errori. Alcuni dicono che Ribalta sia inadeguato per il campionato di Serie B, io sinceramente vorrei capire perchè. La visione del prossimo DS (poichè mi auguro che si pensi ad un distacco dall’attuale Carli) ed il team di osservatori farà capo a lui ed i rapporti sui giocatori da acquistare o da cedere verranno da lui validati come diretta emanazione del Presidente. Credo invece sia un lavoro molto difficile quello che attenderà Kalma: Dover rigenerare l’appeal del Parma dopo questa stagione sarà molto complicato. Io mi auguro si parta da cose semplici per poi evolversi via via. Dobbiamo metterci in testa che il nostro “zoccolo duro” di tifosi raggiunge appena le 10000 unità se va bene, e pertanto dobbiamo giocoforza investire in comunicazione per risultare appetibili a nuovi potenziali tifosi.
    Capitolo allenatore, io credo che D’Aversa abbia fatto tanti errori, il primo forse è stato quello di riprendere questa sgangherata baracca, ma d’altro canto se lo ha fatto è perchè davvero ci credeva nel poterla risollevare. Lui solo va in conferenza stampa e lui solo ci sta mettendo davvero la faccia. Si arrabbia, sbotta e sbraita e pertanto credo lo stia facendo perchè arrabbiatissimo della stagione e di quello che è stato il suo progetto. Io ci penserei due volte prima di esonerarlo o cacciarlo. Lo dico non per provocazione ma perchè la sua voglia di rivalsa potrebbe essere un’arma per la prossima stagione dove la fame di risultati e la capacità di riemergere saranno fondamentali. Ovviamente è un condizionale perchè non so quanto la nuova linea societaria voglia trattenere un allenatore che ha ricordiamo un carattere molto forte (spesso fumantino) e che potrebbe rivelarsi un arma a doppio taglio, ma ho espresso una mia opinione sulle ragioni di una riconferma. Alternativa valida direi davvero Luca Gotti, che oltre ad essere una persona molto garbata e posata sa ottenere il massimo dalle sue squadre. Sarebbe ottimo anche come scelta progettuale a medio lungo termine. Escluderei invece categoricamente scelte esotiche o estere che nulla hanno a che vedere con il tipo di campionato che andremo ad affrontare.
    Capitolo “squadra”: Non ho molto da dire se non che oramai oltre ai limiti caratteriali, tattici ed atletici comincio ad intravedere anche fortissimi limiti comunicativi. Sembra non si parlino in campo, sembra facciano ognuno un proprio moto casuale sul rettangolo verde. Ogni azione non ha coralità ma spesso sembra frutto del caso. Su questo l’allenatore ha purtroppo avuto poca presa in questo frangente. Dei singoli non vorrei parlare, non mi pare il caso. Ci vorrà però un gruppo sparuto di giocatori da confermare per la serie cadetta. Dei quali io salverei solamente Colombi, Pezzella, Brugman, Man Mihaila e Cornelius. Dubito fortemente per Pezzella e forse per Man poiché sicuramente avranno mercato e non saranno dei nostri quasi sicuramente ma gli altri dovranno essere trattenuti seppur con sforzi economici per avere un minimo di ossatura.
    La partita nemmeno la commento, è la summa di quanto non si dovrebbe fare in campo.
    Vedremo se ora in campo ci andranno davvero i meritevoli, rimangono poche partite e poi tutto, finalmente finirà. Si dovrà ricominciare immediatamente a ricostruire, mi auguro stavolta con raziocinio e soprattutto con le idee molto chiare di una pronta risalita.
    FORZA PARMA!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI