TUTTO PARMA E… CHIESA / MIRAGGI IN PIENO DESERTO

(Carlo Chiesa) – A furia di parlare di ultime spiagge siamo ormai nel pieno del deserto. Ciò nonostante il campionato persevera nel voler continuare ad aspettare la formazione Crociata, come un’oasi ricca di vegetazione e di acqua fresca che sembra sempre a un passo dall’essere raggiunta, ma che puntualmente svanisce come un beffardo miraggio all’ennesima vittoria mancata. Il Parma continua a giocare alla pari, se non meglio, delle proprie avversarie, ma alla fine si ritrova puntualmente con un pugno di mosche in mano, o, bene che vada, con un punto che non fa rima né con svolta, né con salvezza. E dopo la trasferta di Benevento diventa quasi monotono continuare a parlare di ennesima occasione perduta, anche se, fra demeriti Crociati ed episodi anomali, diventa difficile trovare una definizione più azzeccata.

I demeriti Crociati non sono pochi, a partire da un approccio alla gara quantomeno imbarazzante. Quando ti aspetti una squadra carica a molla, pronta a sprigionare grinta e ardore agonistico sin dal primo minuto, spronata anche dalle parole del proprio Mister alla vigilia, e invece assisti ad un primo tempo lento, completamente privo di trame di gioco, con giocatori fermi nelle proprie posizioni e con tante disattenzioni ed errori, dettati più dalla testa che dalle gambe, viene da chiedersi se a questa salvezza ci stia credendo soltanto il tecnico e non chi va in campo. A questo punto del torneo e nelle condizioni di classifica nelle quali si trova, il Parma non può permettersi passaggi a vuoto come i primi 45 minuti contro il Benevento, ritrovatosi in vantaggio senza quasi nemmeno volerlo.

Certo, a furia di dover vincere tutte le partite e di non ottenere quasi mai il risultato pieno, si fatica a spazzare via dalla mente dei giocatori quella paura folle che, implacabile, ti condiziona nel momento in cui devi toccare un pallone, giornata dopo giornata sempre più incandescente. In questo modo perdi fiducia e entri in campo già condizionato negativamente. A maggior ragione se continui poi a subire situazioni a dir poco strane (non si vede spesso un fuorigioco come quello evidenziato dal Var sul goal annullato di Gagliolo), molto simili a presagi di un anno assolutamente stregato. Da questo punto di vista anche un condottiero grintoso come D‘Aversa sembra abbia potuto fare davvero poco dal suo arrivo, con la sola attenuante non da poco, a sua discolpa, di aver trovato una squadra già ben predisposta a questo tipo di atteggiamento dalle scorie lasciate dal suo predecessore, sconfitto otto volte in sedici partite.

Al di là di quelle ben evidenti di squadra e società, le responsabilità di D’Aversa sono quindi da ricercare maggiormente altrove. Ad esempio nel non aver ritrovato quelle certezze difensive che erano parte integrante del proprio gioco, per non dire uno dei suoi punti di forza. In tre mesi di lavoro, diventa difficile spiegarsi come il Parma continui a subire così tanti goal, molti dei quali sempre nella stessa maniera: calcio da fermo avversario e colpo di testa vincente diretto in porta o a far da sponda in area per un compagno che, quasi sempre lasciato completamente solo, spinge il pallone in rete. Sembra quasi impossibile che in tutto questo tempo il Mister Crociato e il proprio staff tecnico non siano arrivati a trovare delle soluzioni per porre fine ad un leitmotiv che sta condizionando negativamente tutta la stagione. Certo qualcosa è stato tentato (schieramento difensivo con le due linee posizionate in area di rigore sulle punizioni avversarie da trequarti), ma purtroppo senza risultati convincenti.

Cosa fare, quindi, nelle ultime nove partite per provare a rimanere agganciati alla speranza fino all’ultima giornata? Innanzitutto ripartire dal secondo tempo di Benevento, dove la squadra è sembrata più convinta e incisiva, non tanto per la disperazione dello spettro dell’ennesima sconfitta quanto per una consapevolezza di superiorità che il Parma avrebbe dovuto avere sin dal primo minuto. E poi dando spazio a chi ci crede davvero, a chi vuole dimostrare qualcosa, per emergere personalmente o per aiutare il gruppo, poco importa, ma comunque pronto a dare il suo apporto con voglia e grinta per tutti i 90 minuti più recupero. Non c’è bisogno in questo momento dell’assenza mentale di Gervinho, diventato un fantasma svogliato, vittima di dribbling sempre cercati e mai trovati, e uscito camminando lentamente al momento della sostituzione, anziché correre nel tentativo di risparmiare qualche secondo prezioso da regalare alla propria squadra protesa a recuperare il risultato. Oppure del girovagare senza senso di Zirzkee, già sicuro di tornare al Bayern a fine stagione, delle disattenzioni continue di qualche difensore (portiere compreso) o di chi ha già buttato le speranze al macero e si sente già in vacanza. Ora c’è bisogno dei giovani che abbiano voglia di dimostrare che in questo campionato ci possono stare davvero e ben figurare (Man e Mihaila su tutti, oltre a Valenti quando sarà recuperato), di Pellè che ha voglia di essere ancora utile in un campionato competitivo dopo la ricca esperienza cinese, della vecchia guardia con la maglia Crociata cucita addosso, da Iacoponi, a Gagliolo, da Kucka a Kurtic, che non se la sentono di chiudere la loro avventura a Parma con una retrocessione a macchiare promozioni indimenticabili e salvezze miracolose.

Le prossime cinque partite sveleranno tutti gli arcani: Milan (non più quello di inizio campionato, ma sempre Milan è) in casa e poi tre scontri diretti in quattro gare: la trasferta di Cagliari e, dopo la Juventus a Torino, Crotone in casa e Torino fuori. Dare tutto è doveroso, quantomeno per evitare di alimentare ulteriori rimpianti e, se proprio non sarà possibile salvarsi, per lasciare la massima serie a testa alta. Sempre e comunque. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

2 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / MIRAGGI IN PIENO DESERTO

  • 6 Aprile 2021 in 14:28
    Permalink

    D’Aversa è davanti ad un bivio: ora deve scegliere veramente i più in forma e chi ci crede e non i nomi. Se questo porterà ad avere Busi titolare al posto di Conti amen.

    Rispondi
  • 7 Aprile 2021 in 18:06
    Permalink

    L’unica colpa di Liverani è stata quella di fidarsi troppo della vecchia guardia, che aveva poca voglia di ripartire su nuove basi tecniche. D’Aversa ha dovuto prendere atto del declino nel rendimento di qualche giocatore, non lo ha ancora fatto totalmente perché a qualcuno continua a dare troppa fiducia.
    Il Milan è una squadra che a volte si allunga troppo, se giocheremo con precisione in fase di ripartenza potremmo creare loro diversi problemi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI