TUTTO PARMA E… CHIESA / PARTITA SIMBOLO DI UNA STAGIONE DISGRAZIATA, ASSURDA, SURREALE

(Carlo Chiesa) – Stamattina mi sono alzato felice. Come sempre quando ti svegli di soprassalto mentre nel sonno sei turbato dall’incubo peggiore. Stavo sognando che in una delle innumerevoli partite decisive per rimanere in Serie A, il Parma era in vantaggio 3 a 2 fino al 90°, prima di subire due reti negli ultimi quattro minuti di recupero e perdere l’ennesima grande occasione di questo campionato. Per di più la rete della vittoria avversaria l’aveva segnata, beffa delle beffe, un giocatore della nostra provincia. Poi, ho aperto il giornale e l’amarezza ha preso il sopravvento non appena mi sono reso conto di come la grande delusione, che pensavo frutto soltanto della fantasia di un bruttissimo sogno, fosse invece la cruda realtà, vissuta la sera prima.

Di certo non sarà un 4-3 che entrerà di diritto nella storia del calcio, come quello epico fra Italia-Germania di Messico 70, che regalò la finale agli Azzurri contro il Brasile. Ma sicuramente, quello subìto a Cagliari, rimarrà nella testa dei tifosi del Parma per parecchio tempo, come il simbolo di una stagione disgraziata, assurda e talmente surreale da sembrare costruita ad arte da una regia occulta, quasi con l’intento di bilanciare con tanta sofferenza sportiva, le gioie e le emozioni vissute dai tifosi nelle ultime sei stagioni consecutive.

Ormai è chiaro. Questo Parma finirà ingloriosamente in Serie B. Dopo Cagliari, le speranze di salvarsi stanno a zero. E guai ad aggrapparsi alla malasorte o a un campionato stregato. Il Parma retrocederà esclusivamente per gli errori della vecchia e della nuova società, nonostante i dichiarati e tangibili intendimenti di fare tutto per il bene della squadra e per la gioia dei propri tifosi, ma soprattutto per le colpe di una squadra sgonfia, piena di lacune incolmabili, incapace da sempre di difendere un risultato di vantaggio e specializzata nel far ottenere alle altre squadre il massimo risultato con il minimo sforzo.

Cagliari è stato il film di un intero campionato negativamente indimenticabile. Gli evidenti limiti tecnici nella fase difensiva hanno raggiunto il loro apice massimo, a partire dal portiere, esaltato nelle stagioni scorse da una difesa organizzata e difficilmente penetrabile, ma che ai primi cedimenti ha evidenziato tutti i suoi limiti, soprattutto nelle uscite alte. Con 63 reti subìte in 31 partite (alla media, quindi, di più di due reti subìte a partita) diventa davvero difficile mantenere la categoria e dei goal subiti di testa, sempre alla stessa maniera e con D’Aversa impotente a porvi rimedio, abbiamo ormai perso il conto. Ovviamente anche l’attacco ha le sue colpe, se si pensa che i Crociati prima di Cagliari, avevano il secondo attacco meno prolifico del campionato e che i loro sei paladini offensivi hanno segnato soltanto 12 reti totali, meno della metà di quelli siglati da Cristiano Ronaldo, cinque in meno di Simy del Crotone e gli stessi realizzati dal solo Belotti nel Torino.

Ma ai limiti tecnici, vanno sommati, forse in maniera addirittura più rilevante, quelli psicologici, che anche lo strizzacervelli più affermato farebbe fatica ad analizzare e a dare loro una chiave di lettura. Il Parma ha spesso giocato alla pari con le altre dirette concorrenti, magari anche meritando il risultato sul campo, ma alla fine ha puntualmente regalato loro punti preziosi. Gridano ancora vendetta quei 12 punti sperperati negli ultimi cinque minuti più recupero e quelle 10 volte in cui i gialloblù sono stati raggiunti o superati da una situazione di vantaggio, permettendo spesso alle squadre avversarie di riaprire la partita troppo rapidamente, subito dopo averla virtualmente chiusa. E’ successo a Udine, a Milano contro Inter e Milan, a Genova contro il Genoa, a Verona, a Benevento e infine a Cagliari, dove i goal avversari sono arrivati dopo solo una manciata di minuti da una rete Crociata.

Con un curriculum del genere diventa impensabile salvarsi. La matematica è l’unico aspetto ancora dalla parte dei Crociati, che però andranno domenica a far visita a una Juventus ferita dalla sconfitta di Bergamo, incrementando ulteriormente, con ogni probabilità, la propria distanza dal quart’ultimo posto. E allora che si inizi davvero e con convinzione a programmare la prossima stagione per una pronta risalita, che ripagherebbe tutti i tifosi da un’annata costellata da delusioni e arrabbiature continue. Mezzi economici e nuovi dirigenti entusiasti ed esperti ci sono, un patrimonio di giocatori giovani da cui ripartire anche, a patto che siano intelligenti a capire che rimanere a Parma, seppur in una categoria inferiore, possa essere utile anche per la loro crescita. Una volta risolto il rebus dell’allenatore, tutti i tasselli del puzzle saranno al posto giusto per una nuova ripartenza, consapevoli di riportare dove il Parma merita di stare, grazie anche all’entusiasmo che il popolo Crociato è sempre riuscito a trasmettere alla squadra, indipendentemente dalla categoria. Carlo Chiesa

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “TUTTO PARMA E… CHIESA / PARTITA SIMBOLO DI UNA STAGIONE DISGRAZIATA, ASSURDA, SURREALE

  • 19 Aprile 2021 in 00:30
    Permalink

    Si gioca mercoledì contro la Juventus

  • 19 Aprile 2021 in 07:52
    Permalink

    Solito articolo assolutamente inappuntabile.
    Bravo Chiesa.
    ps: come mi mancano le tue radiocronache… se dovessi ricominciare col piffero che me la guardo in TV!

  • 19 Aprile 2021 in 09:08
    Permalink

    tanto noi partecipiamo direttamente alla superlega che ci frega della serie B che tanto siamo espulsi dai campionati nazionali insieme alle strisciate, Kalma e Ribalta sono qui per questo e ci saranno tanti spot della pasta negli intervalli, Federer cucinerà nelle Scai Rum e prenderemo tanti giovani per fare come l’Ajax.

  • 19 Aprile 2021 in 09:16
    Permalink

    Intanto abbiamo la partita di mercoledì, una finale che vale sei punti.
    In ogni caso resta il fatto che la disgraziata e arrabattata formazione di Osso del 2015, senza stipendi, mensa e con l’erba non tosata si è dimostrata molto più dignitosa di questa accozzaglia di gente balorda, ex giocatori (Inglese, su cui spero tra 20 giorni si aprirà un tavolo di ricerca internazionale essendo il giocatore che nelle ultime tre anni ha giocato meno), pseudo giovani (Cyprien a 20 anni se è messo così quando ne ha 30 è peggio di Inglese), grami (Bani, Sepe, Sohm, Brunetta), fenomeni da baraccone, etc..
    Fossi in loro mi vergognerei anche solo di scendere dall’auto per entrare a Collecchio.

  • 19 Aprile 2021 in 11:46
    Permalink

    Comunque con sta storia della Superlega…chissà… (il Cagliari ha già iniziato a muoversi….)

    • 19 Aprile 2021 in 13:55
      Permalink

      L’UEFA avrebbe intenzione di cacciare dai rispettivi campionati e dalle competizioni europee chi partecipa alla superlega, quindi….

      • 19 Aprile 2021 in 22:26
        Permalink

        Bene …siamo salvati

  • 19 Aprile 2021 in 12:10
    Permalink

    Chiesa ma come mai nessun giornalista non ha ancora chiesto a Kruase cosa pensa di fare con il parma?? Da quando è arrivato ha fatto tutto il contrario di quello che avrebbe dovuto fare nonostante molte persone gli indicassero quali erano le priorità…. Adesso ci sventola la proposta del nuovo tardini che tanto non verrà mai fatto….. scusi chiesa ma i tifosi del parma si meritano tutto questo?? E’ tanto difficile trovare 15 giocatori che pensino ad onorare la maglia del parma nei 90 minuti?? Invece di fare spot di 10 finali, o in B non andremo mai, sarebbe bello avere una struttura degna della categoria a partire dalle giovanili…. e poi scusi chiesa come mai nessuno della società ci metta mai la faccia??
    La ringrazio saluti da un tifoso che sta perdendo la voglia di seguire la sua squadra del cuore

  • 19 Aprile 2021 in 12:19
    Permalink

    aggettivi dopo sabato non ne ho più.
    aggiungo solo che un indagine da parte di qualche organo federale visto l’ atteggiamento di alcuni “professionisti” sul campo forse va aperta.
    da approfondire poi la cosa in modo particolare valutando le prossime destinazioni di Sepe, Bani (già non ns e quindi manco doveva mettere piede), Cervigno, Kurtic e D’ Aversa ricordando solo quelli che proprio non si può fare a meno di elencare.

  • 19 Aprile 2021 in 17:54
    Permalink

    Siamo sicuri che la società sia buona? Perchè Krause ha si soldi ed entusiasmo, ma non credo sia ben conscio delle realtà che lo circorda. Non ha mai parlato dell’eventualità di retrocedere.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI