D’AVERSA: “CLUB E TIFOSERIA NON MERITANO LA B, MA PURTROPPO E’ ACCADUTO E OGNUNO DI NOI SI DEVE PRENDERE LE PROPRIE RESPONSABILITA'” (VIDEO)

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine del match, il commento di Mister Roberto D’Aversa:

“Questa partita di stasera rappresenta tutto il periodo da quando sono rientrato, non credo che anche oggi gli avversari siano stati superiori a noi, ma siamo venuti meno sotto l’aspetto della precisione nella fase offensiva. Abbiamo concesso un gol che nasce da un fallo laterale, questo ci fa capire i difetti di carisma, di determinazione e penso che sia stata una costante per entrambe le fasi e che ci hanno portato a perdere stasera e a retrocedere matematicamente; mi riferisco anche alle altre partite: quando la partita è tattica i ragazzi hanno fatto bene, quando la gara si fa più sporca bisogna avere più determinazione, personalità, carisma nel leggere le situazioni. Tanti difetti che ci hanno condannato anche quando siamo stati superiori all’avversario, per stasera invece mi riferisco solo alla situazione del gol dove lo abbiamo preso da rimessa laterale”

Credo che il Parma come club e come tifoseria non meriti di stare in B, purtroppo questo è accaduto e ognuno di noi deve prendersi le proprie responsabilità. Mi auguro e sono convinto che il futuro del Parma sarà roseo, si sta strutturando una società importante, questo incidente di percorso non fermerà la crescita da parte del presidente. Da parte nostra dobbiamo ragionare su cosa vogliamo lasciare, mancano quattro partite. Esiste la possibilità che i numeri siano ancora peggiori, dobbiamo affrontare il resto del campionato con dignità perché siamo dei professionisti e su questo non ho dubbi. Il mio futuro? In questo momento c’è tanta delusione, sono qui da quattro anni e questa Serie A ce la siamo guadagnati partendo dalla Lega Pro per poi vincere il campionato di B e sudarci due salvezze. In questo momento l’unico pensiero che ho è che siamo retrocessi, del futuro parleremo più avanti”

“Dobbiamo finire il campionato in maniera dignitosa, a fine anno ci troveremo con la società come ogni anno e si discuterà, se ci sono le condizioni e se si ragiona allo stesso modo non vedo perché non accettare questa situazione, l’ho già fatto in Lega Pro in passato, non è una questione di categoria ma il mio pensiero non va alla mia situazione personale. A fine partita non c’è stata alcuna discussione con l’arbitro, gli ho detto che avrebbe potuto fare un po’ più di recupero, oltre al dispiacere di vedere il giallo per un ragazzo del 2003 come Dierckx al primo fallo, ma nessuna polemica: Aureliano ha arbitrato benissimo stasera. Ci conosciamo da molto tempo, abbiamo fatto la stessa carriera in termini di categorie, non c’era nessuna polemica, anzi ci tengo a sottolineare che la terna arbitrale non c’entra nulla per la gara di stasera così come per il resto del campionato, noi dobbiamo fare tesoro di quel che è successo quest’anno, ognuno deve pensare alle proprie responsabilità per fare sì che quest’anno possa servire, a prescindere”.

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA DOPO TORINO-PARMA 1-0

Stadio Tardini

Stadio Tardini

8 pensieri riguardo “D’AVERSA: “CLUB E TIFOSERIA NON MERITANO LA B, MA PURTROPPO E’ ACCADUTO E OGNUNO DI NOI SI DEVE PRENDERE LE PROPRIE RESPONSABILITA'” (VIDEO)

  • 4 Maggio 2021 in 07:11
    Permalink

    No caro D’aversa, capisco perfettamente che tu volessi accontentare con una vittoria il Presidente che a parole ancora ci credeva, affidandoti per 10 undicesimi alla vecchia guardia, nella speranza che motivati dalla ricerca di un futuro ingaggio in A, fossero mossi da orgoglio e amor proprio a fare la prestazione, e purtroppo sei stato ancora una volta disilluso dalla realtà, ma il giovane di belle speranze in questo momento con la partita di ieri sera e con la serie A non c’entra niente, la ignobile randellata tirata al settimo del primo tempo a centrocampo che è costata il cartellino e la sostituzione preventiva a fine primo tempo lo dimostra, penso che il ragazzo al momento non sia pronto neanche per una squadra di B che ambisce a vincere il campionato. Chi si aspettava di vedere magari un Valenti fin dall’inizio, finora bloccato da noie muscolari, al centro della difesa invece che in una posizione di terzino sinistro, è stato ancora una volta deluso, si potrebbe dire la fatal Torino, per la seconda volta dopo il caso Juventus finito fuori per motivi disciplinari, anche col Torino il giocatore finisce fuori dai radar proprio alla vigilia della partita, anche se non risultando tra gli infortunati. Molto probabilmente in contrasto con le scelte dell’allenatore, che onestamente anche la grande maggioranza dei tifosi non condivide. Grazie di tutto, ma addio a mai più Mister.

    Rispondi
  • 4 Maggio 2021 in 08:24
    Permalink

    No, basta per favore. Ti ho sempre difeso, ma hai fatto meno punti di Liverani. Aria.

    Rispondi
  • 4 Maggio 2021 in 08:52
    Permalink

    Che dire? ieri sera è arrivato il verdetto purtroppo atteso oramai da almeno un mese ed ora finalmente potremo tirare le somme di questa annata disgraziata. Lo faremo a partire dai vertici societari che si sono dimostrati alquanto deficitari per poi proseguire con staff tecnico e giocatori. Non sto nemmeno a commentare i 90 minuti di ieri sera perchè mi sembra di sparare sulla croce rossa tanta è stata la pochezza. Un paio di precisazioni però le vorrei fare. La partita di Alves titolare al posto di Bani, Conti, o altri è stata una delle poche sufficienti ieri. Pertanto vorrei capire perchè quest’anno lo si sia relegato in tribuna per far giocare scempi di partite agli altri. I gol tra l’altro li abbiamo sempre presi copiosamente e pertanto era meglio tenerci un giocatore che seppur lento, tecnicamente è due spanne sopra i suddetti e avrebbe potuto dare maggiori garanzie. Il giovane di belle speranze ieri avrà sicuramente toppato ma va anche detto che a quell’età gestire la pressione di una gara di serie A contro un’avversario che doveva salvarsi non era da tutti. Va poi detto che ieri c’è stata una totale disparità di scelte arbitrali tali da riuscire a farmi destare dal torpore in cui ero sprofondato. Entrata killer a piede a martello del “gallo” su Hernani, ammonito Hernani, interventi di izzo su Cornelius e su Kucka non sanzionati e potrei proseguire. Il simpatico urbanetto in tribuna evidentemente avrà comunicato bene la sua voglia di rimanere in serie A.
    Dierckx per intenderci è un giocatore sul quale investire e sono sicuro che si dimostrerà un ottimo giocatore, ma va fatto crescere.
    Mi auguro che dopo il quadretto silenzioso di ieri sera con Ribalta e Kalma la famiglia Krause capisca che danno sia per Parma e per noi tifosi questa retrocessione, un post di sentite scuse per lo meno me lo sarei aspettato. Il “We’ll come back” non mi basta perchè non è indicativo del momento tragicamente sportivo che ci ritocca bere ma intuisco che fa parte del pragmatismo americano, svoltare subito senza guardarsi indietro, o almeno spero. Ora queste 4 gare rimanenti mi auguro vengano giocate da quei calciatori che vorranno rimanere qui a Parma in cadetteria l’anno prossimo. Tutti gli altri che rimangano a casa. Mi auguro infine un repulisti di tutti i calciatori facenti parte di una certa scuderia da procura calcistica. Nessuno escluso.
    Ora e più che mai: FORZA PARMA! C’è bisogno di tutti per cambiare la rotta.

    Rispondi
  • 4 Maggio 2021 in 14:14
    Permalink

    Non scrivo più o meno dai giorni della fantasmagorica conferenza stampa di presentazione di Carli da parte dei Magnifici.
    Avevo espresso subito il mio personale stupore e rassegnazione nel sentire certe cose, ho preso su del pessimista, dell’asino, di quello che non ci capisce niente e che non ha mai fiducia nella società. Tanti qui si erano subito alterati perché guai a dire qualcosa fuori dal coro o che non fosse “grazie magnifici” o “ricordati dov’eravamo solo qualche anno fa”.. Beh stamattina mi sono andato a rileggere alcuni commenti e devo dire che un sorrisino mi è spuntato…forse non sono io che non ci capisco niente, ma magari sono altri che farebbero meglio a cambiare sport. Comunque, niente di nuovo o inaspettato sotto il sole…come ampiamente pronosticato in estate siamo retrocessi in serie B, meritatamente e vergognosamente. Devo ammettere che comunque non mi sarei aspettato un campionato così indecente neanche nella peggiore delle fantasie…eppure, siamo riusciti nell’impresa di retrocedere a Natale, suicidandoci in una quindicina di occasioni, tanto da far pensare male. Detto questo, ormai in serie B ci siamo e dobbiamo cercare di approfittare di questa situazione per fare tabula rasa di ogni singolo parassita presente in questa società allo sbando. Via tutti o quasi i giocatori (salverei solamente i due rumeni Man e Mihaila, qualche giovincello e stop), via allenatori (Liverani e D’Aversa), preparatori, medici, osservatori, DS (una delle peggiori disgrazie mai passate da Parma…grazie Carli e grazie Magnifici 7), Lucarelli (non si capisce che ruolo abbia, ma è meglio che si concentri sul mediocre ristorante)…via tutti quanti senza passare dal via. Note particolari le vorrei spendere per Sepe e Gervinho, sperando di non rivederli mai più neanche in fotografia. Krause ci ha messo tanti soldi ma francamente penso che sia un record mondiale riuscire a retrocedere con un budget del genere, speriamo che Kalma e Ribalta siano veramente in gamba (come penso che siano) e che abbiano le palle di prendere decisioni drastiche da subito, senza neanche aspettare la fine del campionato. Bisogna rifondare tutto dalle fondamenta, con umiltà e pazienza, perché bisogna essere consapevoli che le cose fatte bene richiedono tempo e preparazione. Dobbiamo mettere in preventivo più di un anno di serie B secondo me, ma ben venga se servirà a creare una struttura solida con gente di valore, prima di tutto fuori dal campo. Basta mercenari e basta idioti che si rendono ridicoli in campo e sui social (vero Sepe??). Testa bassa e pedalare e fra un paio d’anni tireremo le somme

    Rispondi
    • 4 Maggio 2021 in 15:30
      Permalink

      Totalmente d’accordo con te, mi hai rubato le parole di bocca, anch’io dopo la conferenza stampa di agosto prevedevo la retrocessione, ma non in maniera così vergognosa. Adesso minimo un paio d’anni di b ce li facciamo poi si vedrà….

      Rispondi
  • 4 Maggio 2021 in 17:21
    Permalink

    Ma in Agosto ragazzi la squadra era tutto un’altra cosa, sapere che si sarebbe retrocesso dopo che a Gennaio sono arrivati altri 5o6 giocatori e si è recuperato Mihaila, in più oserei dire che avevate previsto il covid e i cento infortuni e soprattutto sapevate che sarebbe arrivato il magico d’Aversa a darci il colpo di grazia .
    Io invece ero pessimista dal giorno che è arrivato cioè da gennaio e temevo il peggio.
    A mio avviso è soltanto un campionato irrepetibile con una serie di meritate sconfitte ma anche sfighe .
    I giovani non vanno assolutamente processati perché se dovevano imparare qualcosa dai veterani allora gli si può perdonare tutto.
    In questo d’Aversa invece ha fallito, ha creato 2 corpi distinti nella rosa, senza anima, senza coesione.
    Un bel Big Bang….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI