D’AVERSA: “SENZA I NOSTRI TIFOSI I RISULTATI IN CASA SONO STATI PESSIMI” (VIDEO CONFERENZA) / I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Alla vigilia di Parma-Atalanta, in programma domani alle 15.00 allo Stadio ”Ennio Tardini”, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti. Ecco le sue parole:

Sotto l’aspetto morale il post-gara, e parlo della partita di Torino, non l’ho vissuto bene ma credo che sia anche normale. C’è stato un verdetto di un obiettivo non raggiunto, una retrocessione che faccio ancora fatica a nominare come termine oltre che ad ammetterlo ed accettarlo. Al di là dell’aspetto professionale, quello che mi ha fatto stare più male è l’aspetto sentimentale perché credevo molto in questo e tutti voi sapete quanta fatica e quanto lavoro è stato fatto in passato per far sì che questo club potesse tornare nella categoria gli compete. Siamo comunque professionisti e, a prescindere da quello, bisogna essere uomini sempre, sia quando le cose vanno bene sia quando le cose vanno male”. 

Dobbiamo onorare il campionato, comportarci da professionisti quali siamo. Pur avendo commesso degli errori, pur avendo avuto dei limiti in questo campionato, non possiamo permetterci di addossarci altre situazioni che vanno al di là della nostra professione ovvero l’impegno/non impegno. Ogni volta che si va in campo, si va sempre per cercare di vincere la partita nonostante l’esito ci vede già retrocessi. Abbiamo tre partite in questa settimana, un numero ristretto di calciatori a disposizione, ci deve essere la volontà pure da parte dei giocatori di sapere che ci sono delle sfide come quella l’Atalanta, che una realtà stupenda da qualche anno, poi andremo a Roma a giocare contro la Lazio. Penso ci si debba ritenere fortunati nel giocare un certo tipo di gare”. 

Per quanto riguarda dove posso essere venuto meno l’ho già detto. Le mie squadre in passato hanno dimostrato di avere nel proprio DNA la voglia di portare a casa il risultato a tutti i costi. Ho in mente ancora la trasferta di Genova contro il Genoa, il primo anno di Serie A. La formazione ce la ricordiamo tutti, vincemmo 3-1 con tanti assenti per infortunio ma nonostante questo ho ancora l’immagine di due calciatori che hanno terminato la partita con le bende in testa e sanguinanti. Quella rappresenta una caratteristica che la squadra ha sempre avuto, dalla Lega Pro e molto probabilmente anche in Serie D prima del mio arrivo. Da lì c’è stato un obiettivo comune, da parte di tutto l’ambiente, tifoseria, club, giocatori, di fare una risalita e quindi partendo dalla Serie D, dalla Lega Pro, dalla Serie B si è acquisita quella fame che permetteva di raggiungere risultati andando oltre i limiti tecnici. Posso rimproverarmi, come detto in passato, di non aver trasmesso al gruppo questa caratteristica che in passato avevamo. Il fatto di non mollare mai, perché per me la partita non finisce neanche dopo il fischio dell’arbitro. Probabilmente ero convinto di ritrovare il mio solito gruppo e, invece, avrei dovuto agire in maniera diversa. Indietro comunque non si può tornare, quest’anno deve servire da esperienza ma parlo ragionando a 360° e su tutte le situazioni. Per quanto riguarda la mia professione, può far crescere ottenere risultati ma credo che l’esperienza di quest’anno mi faccia capire tante cose e possa servirmi molto di più degli anni passati”. 

Prima di intraprendere questa professione ho fatto il calciatore. Non ad altissimi livelli, in Serie A ho giocato 98 partite credo. La prima presenza in Serie A l’ho fatta a 27 anni, nessuno mi aveva regalato nulla. Per questo non posso pensare che, magari, qualcuno possa scendere in campo sminuendo un impegno perché siamo già retrocessi. Indossiamo una maglia gloriosa. Abbiamo commesso degli errori, possono dirci che abbiamo dei limiti, che siamo scarsi, ma dobbiamo dare tutto il possibile. Domani giochiamo contro l’Atalanta che, sulla carta, è una squadra molto più forte. Anche in passato abbiamo subito 4 gol. Chiunque scenda in campo però non può essere influenzato. Il mio futuro? Ripeto, per la terza volta, che a fine anno mi incontrerò con la Società e lì dove possano esserci dei principi e pensieri comuni si potrà ragionare sul futuro. In questo momento ho un anno di contratto, sono legato al Parma ma i legami non dipendono dai contratti o meno. Il mio ritorno a Parma non è stato dettato dal contratto. Il mio ritorno a Parma, giusto o sbagliato perché col senno di poi si può sempre giudicare, è stato dettato dal fatto che sentimentalmente sono molto legato a tutto ciò che si è fatto in questi 4 anni. Era una forma di protezione del lavoro che si è fatto in questi anni: purtroppo non ci sono riuscito e di questo ne sono rammaricato. Non mi sono pentito di essere tornato, col senno di poi si possono dire tante cose. Non mi sono pentito perché nel momento in cui ho fatto questa scelta l’ho fatta in maniera convinta, consapevole del fatto di poter salvare la squadra ma purtroppo alla fine non ci sono riuscito. Sono rammaricato, dispiaciuto, proprio perché sono molto legato al Parma e ai trascorsi che tutti quanti voi sapete. Questo non significa nulla, nel calcio bisogna sempre ragionare sul presente e sul futuro senza guardarsi indietro. Il mio ritorno è stato dovuto al fatto che c’è un legame sentimentale: quando fai una scelta di cuore, per me, è sempre giusta”. 

“La notte di La Spezia molto probabilmente, professionalmente parlando, è stata tra le serate più belle. Purtroppo, quella più brutta, è arrivata lunedì sera dopo la partita con il Torino. I tifosi? Ci sta che possano attaccare qualche striscione, la delusione di una retrocessione è enorme. Ho girato tanti stadi e conosciuto tante tifoserie. Ho tre figli: uno è nato a Taormina, uno a Trieste e l’altra a Pescara, dunque ho girato da Nord a Sud a livello calcistico. Il senso di civiltà che ho trovato qui a Parma difficilmente si trova da altre parti, ma questo non deve essere visto come una cosa negativa anzi per me è positivo. Quello che si evince da quest’anno ma anche dall’anno scorso è che, senza i nostri tifosi, i risultati in casa sono stati pessimi: questo significa che la loro presenza è stata fondamentale in questo percorso. Lo hanno dimostrato dai tempi della Serie D, dalla Lega Pro e la finale di Firenze che non dimenticherò mai, oppure quando abbiamo vinto il derby a Reggio contro la Reggiana. I tifosi sono sempre stati encomiabili e il mio dispiacere è perché so quanto loro tengano alla squadra. Qualche volta ci hanno fatto sentire più che il loro malumore la loro vicinanza chiedendoci di onorare la maglia, mentre da altre parti magari non sarebbero venuti a chiederci di onorare la maglia ma avrebbero avuto un altro tipo di comportamenti. Mi auguro che il Parma, per la storia del club, per i numeri che i tifosi hanno sempre raggiunto in ogni categoria, possa raggiungere tante vittorie e poi la vittoria del campionato perché tutto l’ambiente merita che la propria squadra stia nel campionato di Serie A”. 

“La delusione è normale che ci sia, specialmente nei post-partita. Quello che è successo a noi nel giro di un mese e mezzo da altre parti capita in 6-7 anni. Avevamo un vantaggio di 2 gol e ci siamo fatti recuperare, a Firenze eravamo in vantaggio al 91′ e ci siamo fatti recuperare al 93′, a Cagliari vincevamo 3-1, poi vincevamo fino al 91′ e addirittura si è perso la partita. E’ normale che nel post-gara, dopo alcune partite dove avremmo meritato un risultato diverso, ci sia stata delusione. Vale per me ma anche per i ragazzi. Io non mi sento in questo momento di dividermi dalla mia squadra. Purtroppo, quando si vince si fa la gara a prendersi i meriti mentre quando si perde la sconfitta è orfana e non ha padri. Nel bene e nel male dobbiamo sentirci tutti responsabili. Deluso sì, dal risultato finale, perché spesso e volentieri le prestazioni meritavano un risultato diverso. Tradito però no, perché lo spessore di un uomo e di un professionista si vede nel momento di difficoltà. Ho sempre dato merito ai ragazzi per le vittorie perché l’allenatore senza la materia prima non si può fare. In questo momento non mi sento di dividermi dai miei ragazzi nonostante si è commesso degli errori, siamo retrocessi ahimè per responsabilità nostra perché potenzialmente non è una squadra che deve retrocedere. Poter lavorare su un gruppo sin dall’inizio poteva far sì che le cose andassero in maniera diversa, ma questo non per giudicare il lavoro pregresso ma per il modo di operare. Ci si è ritrovati a prendere tanti calciatori stranieri e far capire, quando ci sono delle problematiche di comunicazione e dialettica, richiede più tempo. La certezza che avrei potuto salvare la squadra chiaramente non c’è. Dobbiamo sentirci tutti responsabili. Io ho un rapporto pessimo con la sconfitta, vi lascio immaginare cosa posso sentire in questo momento non solo per il risultato ma anche per responsabilità”. 

“Ci sono tre partite in una settimana, ci sono 23 calciatori convocati con 3 portieri e in queste tre partite ci sarà spazio per molti. Per quanto riguarda il fatto che qualche ragazzo abbia giocato meno, credo che un allenatore valuti sempre il campo e non faccia delle scelte in base a simpatia/antipatia. Un allenatore valuta gli allenamenti e dove reputa un calciatore più pronto rispetto ad un altro fa delle scelte. Non voglio andare sui singoli, però posso dire che Dierckx ha giocato titolare diverse partite: credete che possa essermi più simpatico degli altri? Lì dove si dimostra in allenamento di poter giocare, gioca. Valenti? Ha giocato titolare contro la Lazio quando sono arrivato, si è fatto male, l’ho fatto rientrare subito con lo Spezia e si è rifatto male con l’Inter. Quando si fanno delle valutazioni e si parla bisogna conoscere tutto per bene, Valenti non ha giocato non perché l’allenatore non lo ha fatto giocare. Per il resto, sarà la Società a fare delle valutazioni. Io devo ragionare sull’Atalanta, una realtà importante del calcio italiano e lo ha dimostrato anche a livello europeo. Faccio i complimenti alla Società, a Gasperini, perché stanno dimostrando che con il lavoro, con il sacrificio, con delle basi si può arrivare a fare del calcio importante anche in una provincia e non solo in città più grandi come Milano, Roma o Torino. Gli van fatti i complimenti per il lavoro che stanno facendo in questi anni”. 

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-ATALANTA

PARMA-ATALANTA, I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della seduta di allenamento sostenuta oggi, Mister Roberto D’Aversa ha convocato per la gara contro l’Atalanta, in programma domani alle 15.00 allo Stadio ”Ennio Tardini” e valida per la trentacinquesima giornata del campionato di Serie A 2020-2021, i seguenti 23 calciatori:

Portieri: Colombi, Rinaldi, Sepe;
Difensori: B. Alves, Balogh, Bani, Busi, Conti, Dierckx, Gagliolo, Laurini, Osorio, Valenti, Zagaritis;
Centrocampisti: Camara, Grassi, Kucka, Kurtic, Sohm;
Attaccanti: Brunetta, Cornelius, Gervinho, Pellè.

Giuseppe Pezzella non sarà disponibile per la gara a causa di un problema alla spalla sinistra.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “D’AVERSA: “SENZA I NOSTRI TIFOSI I RISULTATI IN CASA SONO STATI PESSIMI” (VIDEO CONFERENZA) / I CONVOCATI

  • 8 Maggio 2021 in 17:15
    Permalink

    Potete per favore scendere in campo senza la maglia del Parma, che avete disonorato in maniera schifosa questo anno? Grazie.

  • 8 Maggio 2021 in 18:54
    Permalink

    “Dierckx non gioca perché mi è simpatico,ma perché dimostra in allenamento che può giocare”, peccato che poi in partita dimostri tutti i suoi limiti attuali, come Sepe, come Conti, come Bani, come Kurtic, come Gervinho.

  • 9 Maggio 2021 in 10:04
    Permalink

    Sepe, Gervinho, Kurtic, Inglese, Alves e compagnia se puoi non nominarli nemmeno. Vanno derubricati alla voce innominabili in compagnia del bresciano, di Cassano, di Lodi, etc.

    • 9 Maggio 2021 in 19:42
      Permalink

      Veramente smettiamo di nominare certi giocatori perché mi sale un nervoso allucinante, il prossimo anno non voglio vedere nessuno di questa banda di buoni da niente!!! Che schifo!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI