GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “NELL’ULTIMA IN A DEL PARMA AL TARDINI, MEGLIO I SENATORI DEI GIOVANI”

(Gian Carlo Ceci) – Vista non in televisione, ma dal vivo allo stadio, la partita è ben diversa: si possono seguire meglio, e più dettagliatamente, le prove individuali, valutare capacità, tecnica, movimento e prestazioni complessive dei giocatori che le inquadrature delle telecamere non mostrano. L’ultima partita del Parma di serie A al Tardini con il Sassuolo, che ha vinto meritamente per tre a uno, infliggendo alla squadra di D’Aversa l’ennesima sconfitta casalinga, presentava come motivo di maggior interesse osservare e seguire, particolarmente, la prova dei cinque giovani schierati dall’inizio per valutare se, in prospettiva futura, potrebbero essere validi per il prossimo campionato di Serie B.
Purtroppo indicazioni positive non ne hanno fornite: anzi i più bravi sono stati gli “anziani” Hernani, il migliore nel primo tempo, poi nella ripresa si è progressivamente spento, e Sepe che costretto a poche uscite (gli ospiti hanno limitato i cross laterali preferendo giocare con palla a terra) fra i pali ha parato tutto ciò che era possibile. Per quanto riguarda i giovani, a parte Brunetta che qualcosa ha fatto vedere almeno come impegno, nessuno ha brillato e impressionato positivamente e tutti i difensori, sia i laterali che i marcatori sono apparsi in difficoltà. Pur ben strutturati, ma certo inesperti i due centrali, il diciottenne Dierckx (non ha chiuso al centro consentendo all’ex Defrel di segnare, con un’acrobatica non facile deviazione, il gol del due a uno) e il troppo nervoso e litigioso argentino Valenti, hanno difettato per esperienza e posizione e quasi mai sono riusciti ad anticipare i diretti avversari così come i laterali che, in più, oltre a spingere poco, hanno perso molti contrasti dimostrandosi anche deboli nei tackle: Laurini si è dimenticato di fare la diagonale per impedire a Boga di realizzare la terza rete, ma peggio è riuscito a fare Busi che, su un lungo lancio proveniente dalla linea centrale, dopo aver mancato l’intervento su Berardi è subito andato a scalciare sulla linea di fondo Raspadori, causando il rigore dell’uno a zero. Così il belga ha bissato il fallo commesso, all’andata, sempre contro il Sassuolo quando, con un inutile e ingenuo intervento, consentì ai padroni di casa di pareggiare al novantaquattresimo e con i tre punti sfuggiti allo scadere è iniziata, come ha sottolineato più volte D’Aversa, la lenta e costante parabola discendente del Parma.
Fra tutti i giovani, chi ha maggiormente impressionato, in negativo, è stato Sohm: certo seguendo il Parma in televisione ci si è chiesti perché si vedesse poco questo ventenne che, forse, svolgeva un lavoro oscuro fuori dalle inquadrature. Seguito dal vivo si può dare una risposta: il centrocampista è apparso estraneo al gioco della squadra, un oggetto misterioso con una prestazione da programma “Chi l’ha visto”: dopo aver fallito, sullo zero a zero, una facile occasione, la migliore creata dal Parma nel primo tempo, si è limitato a trotterellare avanti indietro senza contrastare gli avversari e nel primo tempo ha toccato due (contati) palloni, se si esclude un terzo, quando è stato pescato in fuorigioco. Una prestazione imbarazzante, notevolmente negativa, così tanto inguardabile da far chiedere ai giornalisti presenti in tribuna stampa che hanno sempre seguito dal vivo la squadra Crociata, se il giovane svizzero (pagato sette milioni) gioca sempre così o se era incappato in una cattiva giornata: “prestazione identica al passato” è stata la sconfortante risposta e alcuni sorridendo hanno ipotizzato che, forse, nella nazionale rossocrociata aveva giocato un omonimo… Dell’infelice prova di Sohm si deve essere accorto anche D’Aversa che nella ripresa, dopo dieci minuti, ha deciso di far giocare la squadra in undici, sostituendo la mezzala con Brugman anche per cercare di arginare il, molto visibile, crescendo del Sassuolo che, in sette minuti, ha chiuso la partita, per poi lasciare l’iniziativa a un Parma che è parso giocare come nelle amichevoli precampionato. Ha retto per un’ora, anche se a fatica, e con molti brividi, poi al discreto primo tempo è seguito il “solito” calo della ripresa almeno sino a poco meno di quindici minuti dalla fine quando, anche per una flessione degli ospiti, la squadra di D’Aversa (che sperando evidentemente in un risultato positivo ha schierato, come a Roma, la difesa a tre e in attacco una punta, Cornelius, supportata da Brunetta e con Hernani che, in fase offensiva, si spostava sulla destra per formare una linea a tre) è riuscita a portarsi nella metà campo avversaria come mai aveva fatto prima e avrebbe meritato un altro gol, però negato da grandi parate del portiere ospite Consigli.
Ancora quindi una deludente prestazione di questa squadra (da ricordare la prodezza balistica, il gran gol del provvisorio pareggio del quarantenne Alves) domenica vestita con i colori del lutto, un nero che ben si addice alla stagione del Parma: un’inedita divisa antirazzista, con intenti benefici, voluta dal presidente Krause che ha suscitato polemiche e diviso i tifosi (che, forse più rassegnati che arrabbiati, alla partenza da Collecchio e all’ingresso del Tardini hanno, nemmeno troppo e molto civilmente, contestato giocatori e staff tecnico) fra chi ha apprezzato l’iniziativa e chi invece ha ritenuto un rinnegare i classici colori e un’offesa alla tradizionale Maglia Crociata. Maglia Crociata che certo non è stata portata con onore da questa squadra che, dopo i risultati del Crotone, ora è ultima e sabato prossimo concluderà il campionato in quest’umiliante posizione. Gian Carlo Ceci



Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “NELL’ULTIMA IN A DEL PARMA AL TARDINI, MEGLIO I SENATORI DEI GIOVANI”

  • 18 Maggio 2021 in 14:30
    Permalink

    Ormai mi sembra superfluo mettersi a parlare di valutazioni sui giovani che hanno giocato l’ultima col Sassuolo. Semplicemente a questo punto non è il momento di fare valutazioni perché non sarebbero attendibili. La squadra, tutta, ha fatto schifo tutto l’anno, giovani e vecchi, figuriamoci se alla penultima di campionato, già retrocessi, con mille assenze come al solito e senza l’ombra di uno stimolo possiamo permetterci di valutare il valore dei singoli. Le risposte le abbiamo avute in larga parte durante tutto il campionato e non credo di andare molto lontano dalla realtà se dico che la squadra sarebbe al 90% da rifare da zero. Non si salva praticamente nessuno, in parte Pezzella, in parte Kucka, in parte Man e certamente Mihaila, per il resto non ci sono giocatori da salvare e chi più chi meno si sono dimostrati ampiamente inadeguati non solo alla serie A, ma senz’altro anche alla serie B. Di certo sarebbe pura follia pensare di salvare l’ossatura di una tale armata Brancaleone. L’unico modo per non sfigurare malamente rischiando la retrocessione in C è mandare via quasi tutti e ripartire da ZERO.
    Il primo tassello del mosaico deve essere tassativamente l’allenatore, ma un vero allenatore, non uno pseudo giovane emergente che non ha mai dimostrato niente. Girano nomi da brividi tipo Grosso, Cannavaro… Se veramente l’intento è quello di risalire immediatamente i nomi sono pochi: Juric, Sarri, forse Italiano, Ranieri (che pare sia in rotta con la Samp)…e basta. Con un progetto giusto e l’incentivo necessario non credo che la categoria sarebbe un problema, forse a parte Sarri. Il secondo tassello, non meno importante è il DS, perché credo si siano accorti tutti cosa significa avere un DS da football manager, anche quando si hanno tanti soldi da spendere…Carli sembra sia stato mandato qui pagato da altri per far fallire la stagione, davvero un personaggio inqualificabile, il peggiore passato da Parma mi viene da dire. Via anche le palle al piede inutili rimaste in società senza un reale motivo, tipo Lucarelli. A quel punto, e solo a quel punto si potrà costruire la squadra, avendo ben chiaro che c’è un solo modo per risalire subito, e cioè avere una corazzata che ammazzi il campionato perché virare a metà stagione sperando di arrivare ai playoff sarebbe un suicidio. Per fare una squadra di questo tipo, con un allenatore di questo tipo e un DS di questo tipo ci vogliono tanti tanti soldi, gente pronta subito e in ogni caso una buona dose di fortuna. Ah dimenticavo, è fondamentale oltre ogni immaginazione avere una squadra di preparatori, medici, fisioterapisti, che siano in grado di garantire che non ci siano 1500 infortuni in un anno. Basta vecchie glorie a fine carriera che vengono a svernare, basta ragazzini raccattati non si sa bene dove, basta giocatori incapaci di fare un passaggio a 2 metri (tipo Iacoponi, Gagliolo e company) e basta scommesse. Non è che abbiamo fallito quest’anno, è solo che negli ultimi anni ci era sempre andato tutto molto, troppo bene. A partire da come sono venute le promozioni, fino ad arrivare al rendimento miracoloso di alcuni giocatori e veri e propri colpi di culo tipo trovarsi in squadra Kulusevski che da solo ha vinto la metà della partite dell’anno scorso.
    E per favore basta con personaggi clowneschi in campo e fuori, come Sepe che oltre ad essersi dimostrato un bidone di proporzioni colossali, si è anche dimostrato un uomo microscopico con uscite imbarazzanti sui social media ecc..
    Basta, il Parma non è una Onlus o una comunità di recupero, è una squadra di calcio con una storia che merita rispetto, o che quanto meno lo meritava prima di questa stagione penosa.
    Meglio che ci si dia da fare subito perché se no ci si ritrova per l’ennesima volta ad arrivare all’ultimo secondo e a dover prendere quello che avanza dai piatti degli altri, così ti va bene una volta, due volte…ma alla lunga si fanno delle figure misere, come il campionato appena chiuso.

    • 18 Maggio 2021 in 15:25
      Permalink

      👍👍

  • 18 Maggio 2021 in 14:56
    Permalink

    Riferito al titolo direi …meglio tardi che mai !
    Siamo tutti attenti a valutare bene le prestazioni dei giovani…sottolineando con la biro rossa anche i movimenti sbagliati, ma cosa dovremmo scrivere su prestazioni indegne di giocatori navigati? Gervinho su tutti…come si fa a rendere in campo con fantasmi in campo per mesi a guardare dalla panca chi doveva insegnare loro qualcosa…mah, io mi sarei chiesto ma dove sono capitato??sanno fare tre passaggi in croce?
    Hanno le loro colpe, saranno acerbi, ma di sicuro non lo fanno apposta a tirare remi in barca.
    Ps.Poi io non ho capito…il rigore c’era davvero?
    Una buona penultima partita dei senatori…meglio tardi che mai….

    • 18 Maggio 2021 in 16:10
      Permalink

      Marco hai ragione, quest’anno siamo certamente retrocessi per colpa nostra, non c’è dubbio, però in certi episodi non abbiamo neppure avuto fortuna con le decisioni arbitrali, in primis il gol annullato a Benevento, se si vinceva li avremmo fatto un altro campionato, ne sono sicuro

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI