PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / IL “CULO” DI D’AVERSA? BEH, PARLIAMONE…

 

(Luca Ampollini) –Si può dire tutto al Parma di quest’anno: ha una posizione di classifica legittima e imperdonabile, ha fallito 1.000 opportunità per recuperare posizioni in graduatoria, ma non lo si può certo definire fortunato. La sconfitta di stasera, arrivata, ma guarda un po’, al 95’, per un gol di Immobile messo da solo davanti a Sepe da due rimpalli, conferma che insieme a tanti demeriti c’è stata, quest’anno, anche una bella dose di “sfiga”. Peccato, perché stasera la prestazione è arrivata, a smentire anche il sottoscritto che pochi giorni fa aveva parlato delle ultime gare come impegni amichevoli e nulla più, gare nelle quali sarebbe servito poco valutare giovani e l’eventuale “testa libera” non avrebbe portato a grandi risultati. Non è andata così, evidentemente, anche se, per chi vi scrive, l’amarezza per l’ennesima, pesante, battuta d’arresto contro l’Atalanta ha prevalso su tutto, ma sono davvero contento di essere stato smentito. Certo, il pareggio contro la Lazio sarebbe servito a poco, ma il Parma l’avrebbe ampiamente meritato dopo una gara attenta dietro come da tempo non si vedeva e brillante davanti con 4 nitide occasioni per passare in vantaggio. D’Aversa cambia il sistema di gioco: i tanti infortunati consigliano il tecnico abruzzese a giocarsela specularmente alla Lazio, un 5-3-2 ben equilibrato con la nota lieta Brunetta, il migliore dei Crociati, ad agire in un’anarchica e fruttuosa posizione di 2^ punta, ma libero di svariare un po’ ovunque da centrocampo in su. Dietro la squadra non è mai andata in affanno: i tre centrali hanno mostrato sicurezza, ed anche in mediana da parecchie giornate non si vedeva questa autorevolezza sia nell’interdizione che nelle ripartenze. E’ giusto sottolineare la giornata non cosi positiva della Lazio, esattamente come la serata brillante e poco fortunata dei crociati. Il 5-3-2 è apparso un sistema di gioco stasera molto congeniale, in grado, evidentemente, di valorizzare giocatori un po’ emarginati quest’anno come Brunetta. Ma credo che al di là di ogni alchimia tattica l’atteggiamento, aspetto fondamentale, sia stato finalmente “da squadra”. Il gol al 95’ di Immobile ha poi sfatato il luogo comune del presunto “culo” di D’Aversa: a prescindere che 2 promozioni e 2 comode salvezze consecutive non si ottengono solo con buona sorte, ma con meriti oggettivi e straordinari di tutto il Pianeta Parma di cui lui è stato uno dei grandi protagonisti, quest’anno, in mezzo a tante responsabilità, ovviamente anche sue, non è stato decisamente fortunato, ma ormai è andata. Ripartiamo, però, da stasera, da alcuni giocatori forse bollati come scadenti troppo precipitosamente, sperando di non venire smentiti ancora una volta domenica prossima. Che dite, sono un inguaribile illuso? Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

16 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / IL “CULO” DI D’AVERSA? BEH, PARLIAMONE…

  • 13 Maggio 2021 in 06:51
    Permalink

    Spiacente Ampollini, ma il Parma quest’anno sta subendo la legge del contrappasso, non mi si dica che negli anni passati, nelle promozioni e in molte vittorie non sia stato fortunato, ora stiamo pagando quello che abbiamo ricevuto, ma la cosa più dolorosa nei minuti finali. Speriamo di avere scontato tutto, e ripartire da questa base che può dare soddisfazioni negli anni a venire, ovviamente con un altro staff tecnico.

  • 13 Maggio 2021 in 07:59
    Permalink

    Caro Ampollini, che le sta simpatico D’Aversa si sapeva e rispetto ogni parere ma adesà esagerèmà miga.
    Mazzone diceva, con piena ragione, che LA SFIGA NON E’ UN ALIBI MA UN DIFETTO.
    Il fatto che hanno fatto UNA (one, ein, iga) partita meritando il pareggio (senza riuscirci!) non cancella la vergogna di una squadra indegna di indossare questa maglia.
    Pochi bali, fuori dai coglioni tutti! Nessuna pietà.
    Questo buonismo dato dal fatto che abbiamo preso un gol solo invece dei soliti tre lo trovo assolutamente ingiustificato.
    Nota: aprite le porte di Collecchio per l’ultimo allenamento così magari si riesce a dire in faccia a questi signori cosa ne pensiamo di loro.

  • 13 Maggio 2021 in 08:58
    Permalink

    Dissento anch’io su le parole di Ampollini.
    La fortuna va cercata e non d’inciampo come ieri.
    Solo grazie alle assenze ha cambiato modulo (finalmente!!)e ha utilizzato giovani a iosa (finalmente !!) che specie nella ripresa trascinavano direi persino gli anzianotti tanto cari al mister.
    Nel tuo ultimo articolo scrivevi che sono frasi fatte chi spinge per l’utilizzo dei giovani e che in questo contesto non sarebbero utili o qualcosa del genere.
    Alla faccia …direi anziché analizzare il culo del mister sarebbe meglio analizzare onestamente perché non si sono utilizzati prima..
    Magari stasera a calcio e calcio si può…

    • 14 Maggio 2021 in 11:42
      Permalink

      D’Aversa ha fatto male ad accettare di tornare, così come avevano fatto male ad esonerarlo i vecchi proprietari. Al Parma quest’anno ci sarebbe voluto un esorcista come minimo, mai visto una squadra ottenere tanto poco, essere ultima con niente da recriminare, pur avendo una rosa che di certo non è inferiore a quelle di almeno 5 altre squadre.
      La partita di Roma lo ha evidenziato, ma siamo riusciti a perderla comunque in maniera assai creativa con i difensori che si sono messi a giocare a flipper.
      Per il prossimo campionato la lista sarà composta da 18 giocatori + 2 giocatori bandiera e gli under.
      Ormai l’argomento più interessante sul quale discutere è il calciomercato, questa stagione va dimenticata, bruciata e le ceneri vanno cosparse di sale.

  • 13 Maggio 2021 in 09:15
    Permalink

    Consiglio di guardare l’immagine in calce a Bagolozoom. Ecco il sentimento è quello e spero che tale graffito venga lasciato sino alla (scontata direi a giudicare dalle infinite dichiarazioni ottimistiche di futuri rosei, serie B incidente di percorso di crescita, grande società etc. non da ultima quella di Ferrari che avendo venduto lui si spera lo sappia) trionfale promozione in serie A. Non chiediamo molto, non una coppa o un piazzamento in “Cempions”, ma una micragnosa promozione, però una buona volta inserita in un campionato dominato, ricordando che a parte la Serie D, abbiamo sempre arrancato (lo stesso Empoli ci aveva asfaltato). Piuttosto di vedere Sepe, Kurtic, Inglese, Alves, Gervinho e Cyprien mi viene da preferire vedere Galli, Crisanti, Ricciardi, Brusaferro, Miozzo e Speranza. E non aggiungo altro.

  • 13 Maggio 2021 in 09:18
    Permalink

    Vorra dire che il prossimo anno Culovic tornerà con noi a titolo fisso, no?

  • 13 Maggio 2021 in 11:33
    Permalink

    L’anno prossimo, vorrei vedere una squadra che vince le partite non con il portiere migliore in campo e la difesa sugli scudi, uno striminzito contropiede che ci da la vittoria e tutte una serie di recriminazioni avversarie. Vorrei vedere una squadra che domina il campionato dall’alto di una superiorità imbarazzante e un allenatore che compia delle scelte coraggiose in qualsiasi circostanza, nei miei sogni ovviamente non c’è posto per D’aversa, ma d’altronde sognare non costa nulla.

  • 13 Maggio 2021 in 11:53
    Permalink

    Peccato non siamo terzultimi perché mi sa che per Setti e il Verona non c’è Kumbulla che tenga si mette male..il Maresciallo Caputo Calogero Pasquale Antonino è arrivato e fargli il mazzo iniziando con un bel sequestro…

  • 13 Maggio 2021 in 12:24
    Permalink

    Carpi ore 7.34.
    Dott. Setti sono il Maresciallo Caputo Pasquale Calogero.. Lei è in contravvenziooone adesso coi miei colleghi l’appuntato Gennaro Esposito Vincenzo e il brigadiere Ciro Carmelino Domenico facciamo un bel accertamento su Kumbulla e Amrabat.

    Mi sa che per il fenomeno Verona si aprono dritte ed in discesa le strade verso la D di Domodossola.

  • 13 Maggio 2021 in 15:27
    Permalink

    A parte che si tratta di un avviso di indagine, il Verona non e’ coinvolto nella questione. Setti avrebbe distolto soldi dal conto del Verona per girarli su altri conti di sue aziende.
    Mi pare difficile che il Verona salti. Guardiamo in casa nostra che e’ meglio.
    E, visto che non mi viene pubblicato un commento di questa mattina, leggiamo bene e interpretiamo altrettanto bene la stampa siciliana di ieri, se la notizia e’ fondata ovviamente

    • 13 Maggio 2021 in 15:48
      Permalink

      Ecco, appunto, se la notizia è fondata, cosa che a noi, dopo verifica, non risulta. Ma soprattutto non ci risultano le altre diffamanti affermazioni a corredo contenute in quel commento finito, giustamente, nel cestino. Perché un conto è la libera espressione, con moderazione, di critiche e disappunto, un altro quello di infamare altre persone riportando falsità.

      • 13 Maggio 2021 in 23:46
        Permalink

        Mediagol. It Trapani smentisce le smentite del direttore Majo. Vedremo fra qualche giorno chi ha ragione. E si parla di offerta del gruppo Parma con a capo tale genna già arrivata al sindaco. Si fanno i nomi di, faggiano e Pizzarotti. Poi sarà falso sicuramente.

        • 14 Maggio 2021 in 00:18
          Permalink

          Al tempo. Io non ho smentito nulla, anche perché non sono nessuno per smentire. Io ho solo scritto che non mi risulta, avendolo smentito, sia pure informalmente, altri vicini agli interessati. I giornali siculi li ho letti anch’io stamani e il giorno precedente i primi lanci sui siti e conoscendo gli attori mi sono fatto la mia idea di come possano essere andate le cose, ma preferisco tenermelo per me. Ma il contendere tra noi due, cioè il motivo della cestinatura di quel commento, non era tanto la notizia più o meno fake (ma indubbiamente lo stesso ghiotta ed interessante) riportata, quanto i riferimenti finali ad altri soggetti che lei ha fatto, quelli si offensivi e tendenziosi e per questo, per l’appunto, meritevoli della cestinatura.

    • 13 Maggio 2021 in 19:12
      Permalink

      Amico mio ma se noi pur con 7 magnati straziati dalla pandemia siano andati in crisi che si è dovuto vendere in fretta e furia secondo te il Verona con l’armatore Setti messo così può andare avanti?

      • 13 Maggio 2021 in 23:50
        Permalink

        Faccio due considerazioni. A setti hanno sequestrato sul conto personale oltre sei milioni di euro. Il Verona si è già venduto per anno prossimo lovato silvestri e zaccagni. Il problema è se va via Juric. Ma anno prossimo in A ci sono sicuro a prescindere da setti.

  • 14 Maggio 2021 in 00:30
    Permalink

    Si ma l’anno dopo saranno in D col Trapani dell’UPI in trasferta (si sa al sud la vita costa meno). Questa sarebbe proprio la chicca che ricoprirebbe l’imprenditoria locale definitivamente di ridicolo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI