CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LARGO AI GIOVANI-VECCHI

(Gianni Barone) – Anche se ancora, nulla è ufficiale, tutti sono – o siamo – convinti della bontà della «scelta di vita» calcistica di Buffon, orientata verso Parma, e verso il Parma: in direzione del suo passato, della sua origine sportiva. Avevamo ironizzato nella nostra precedente edizione, sull’idea, definita bonariamente folle, e avevamo non intuito la grandezza della portata che tale scelta avrebbe generato nell’immaginario collettivo della tifoseria, e non solo, che viceversa sembra, nella sua maggioranza, gradire, e non poco, il ritorno del grande portiere alla corte di Krause e Maresca. Largo ai giovani (vecchi), verrebbe da dire, quasi da urlare, di fronte alla decisione, di entrambe le parti, di credere nel progetto di lungimiranza e di longevità atletica di cui tutti i giornali sportivi e nazionali hanno ritenuto di dare largo spazio attraverso il commento della notizia ufficiosa, ma carica di significati, dell’ingaggio di uno dei monumenti, ancora deambulati (per suo dire) del calcio e dello sport da parte di una società, il Parma, di B, si spera ancor per poco anche alla luce di tutto ciò. Il Circo Barnum della stampa nazionale non ha esitato, tra le righe, ad approvare la scelta, e a rendere merito al protagonista che, a quanto pare, non decide di smettere la sua attività agonistica, oltre che per passione e ambizione, anche per le tante richieste pervenute da parte di numerosi club, alcuni dei quali, molto prestigiosi. E il Parma diventa il beneficiario , di cotanta operazione/passione/ambizione sotto l’aspetto tecnico con l’arrivo di quel leader che ultimamente, in campo, tanto è mancato. Cosa importa l’età (quel bontempone dell’impaginatore, non a caso, come foto di evidenza ha scelto quella del capostipite dei numero uno eterni, ossia Lamberto Boranga, il quale, a questo punto, a 78 anni suonati potrebbe candidarsi come dodicesimo, anche perché, visto che piacciono le date tonde, quest’anno ricorre il 60° dall’inizio della sua carriera, avviatasi nel 1961 per non trovare più fine… e anche lui con trascorsi Crociati…), cosa importa se la politica dei giovani, tutti, solo a parole propugnano, cosa importa se qualcuno avanza qualche dubbio sul passato del portierone al momento del suo passaggio alla Juve, dal Parma, considerato, allora, da taluni, quasi un tradimento. Ma de che? Il tifoso dovrebbe superare certi complessi e divenire meno piccolo e provinciale quando sono in atto operazioni epocali di questa portata tecnica, societaria e lasciatecelo dire, mediatica. Perché vedere oggi, sia pure per interposta contro-persona, il nome del Parma, sulle pagine importanti dei media sportivi e nazionali (anzi, internazionali), fa senz’altro piacere a tutti dopo l’anno «orribile», non ancora metabolizzato bene o del tutto, dalla maggior parte dell’ambiente. Tanto per dire: alla conferenza stampa di presentazione di uno dei suoi grandi elettori, ossia il neo tecnico Maresca, non erano presenti inviati di testate nazionali, né le stesse si affidarono ai corrispondenti per il resoconto della medesima, finita per essere ignorata dal mainstream. Eppure era stato ingaggiato un uomo di Pep Guardiola, l’allenatore più osannato al mondo, specie dai giochisti à la page, ma niente paginate e neppure titolini, magari in risposta all’invito-lampo alla presentazione poche ore dopo l’ufficializzazione dell’ingaggio, anche perché il presidente Krause doveva tornarsene in patria. Quindi ben venga il nuovo, portiere, il nuovo capitano, il nuovo leader, il nuovo futuro dirigente (di questa categoria non si avverte penuria: come osserva un fresco ex trattasi di esercito di generali, e non di truppa…), semmai le cose si materializzassero, e si realizzassero secondo il proclami del momento. Però, in mezzo a tanto ottimismo, a tanti plausi e attestati di stima nei confronti dei protagonisti della vicenda, esiste sempre qualcuno che è contro, che non approva e che spara a zero, com’è proprio costume, suscitando l’ira dei benpensanti che lo invitano a zittirsi o peggio ancora di prendere in esame l’eventualità della pensione (pensiòn, scriverebbe Davide, magari invitandolo pure ad andér dal barber visto che nell’occasione ostenta una chioma candida quasi come Coach e a taluni ha ricordato persino Lele Mora). Per chi non lo avesse ancora scoperto o capito, stiamo parlando di Mario Sconcerti, grande vecchio (sempre giovane per parte sua) del giornalismo sportivo che fuori dal coro non ci sta e afferma con forza “Anche se dai campioni di quella generazione mi aspettavo di più”. Eccolo il solito “solone” per non dire “vecchio trombone”, qualcuno ha avuto l’ardire di aggiungere. Il quale, spiegando cosa intenda per sue aspettative asserisce senza timore alcuno “Una presenza più forte nel movimento calcistico, a livello dirigenziale. Invece mi sembra che per la maggior parte non abbiano la forza di rimettersi in gioco. Credo che la loro riluttanza sia dovuta alla paura di sporcarsi con la burocrazia, così finiscono per scegliere la via più facile, più comoda”. Alla faccia della scelta di vita, romantica e sentimentale, qui senza tanti giri di parole, Sconcerti, mette sotto accusa i grandi campioni in campo, molto meno campioni fuori dal terreno di gioco. Gli esempi per confermare questa sua tesi non mancano: dove sono finiti i Baggio, i Totti, il Del Piero? Gigi-Gigione ha ampiamente argomentato il suo desiderio di non smettere, però, evidentemente, non è riuscito a convincere un grande vecchio-cronista che, nel suo ambito, sembra ugualmente, non volerne sapere per nulla di pensione, quiescenza o altro che odori di vecchiume, di polvere e di inutilità. Perché non si ritira lui, qualcuno avrebbe voglia di gridare, vieppiù se si aggiunge il corollario della odierna esternazione secondo cui Buffon è tornato al Parma perché non avrebbe potuto andare in piazze anti-juventine. Ma come, Sconcerti, vabbè che noi siamo provincialotti, ma tu (tra colleghi si da del tu e non del lei, anche a chi può vantare quarant’anni di giornalismo) come puoi non ricordare la rivalità sul filo di scudetti/coppe contese tra i bianconeri e i ducali, che fanno sì che ancora oggi, ben lontani dalla grandeur di allora e in attesa della nuova con Krause, la Vecchia Signora risulti piuttosto odiata in questa latitudine . Ma tant’è. Anche noi nel nostro piccolo, ci sentiamo di essere dalla parte dei grandi giovani vecchi che non si arrendono, visto che anche noi continuano a confrontarci con la radio-telecronaca calcistica (è stato scritto anche di recente un libro in proposito con il sottotitolo da “Carosio e Caressa”) da quarant’anni e non accenniamo minimante a smettere, mettendoci in gioco, ogni maledetta domenica, sfidando caldo e gelo , sempre pericolosi per l’età, al cospetto di giovani colleghi, a volte dotati di meno carica e di ritmi di cronaca meno incalzanti. Quindi siamo tutti d’accordo, anche chi dice di non esserlo come “il non goduto” Sconcerti: non bisogna mai ridursi ad una questione di anagrafe e di età, quando la passione (e l’ambizione), esistono e reggono a dispetto di tutto e di tutti, e del tempo. Buffon, con il Parma, vorrebbe costruire un qualcosa di epocale in ambito personale, ossia la partecipazione al sesto mondiale, anche se come terzo portiere. E per riuscirci non vuole fare il dodicesimo: vuole essere lui il numero uno, il titolare, il capitano. E chissenefrega della carta d’identità… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LARGO AI GIOVANI-VECCHI

  • 15 Giugno 2021 in 20:51
    Permalink

    Direttore, Sconcerti non lo manderei dal barbèr, mi sembra con la testa in ordine. Ma in pensió assolutamente si. La posizione presa su Buffon è il classico voler a tutti i costi pisciare fuori dal cerchio per farsi notare.

  • 15 Giugno 2021 in 21:51
    Permalink

    Carisma, mentalità vincente ed esperienza. O ci teniamo Sepe? Dai su!

    • 17 Giugno 2021 in 00:07
      Permalink

      Speriamo Sepe trovi squadra. Non sono così sicuro venga ceduto.
      Ci vuole un club disperato con un ds dissennato a tesserarsi, pagando pure il cartellino al Parma.

  • 16 Giugno 2021 in 16:09
    Permalink

    L’unico punto di domanda è capire quanto sarà l’ingaggio, se spropositato potrebbe crearre frattura col resto del gruppo, ma non credo però

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI