CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ROBOANTE

(Gianni Barone) – La querimonia di uno striscione contro non lo urta, non lo irrita, e non lo scalfisce nemmeno: evidentemente la lagnanza per un torto o un danno subito da una parte della tifoseria più accesa, non è riuscita a fargli perdere la voglia di crederci ancora. Di coltivare un sentimento, un’ emozione, un amore, chiamiamolo come si vuole, per spingerlo a tornare indietro per andare avanti, insieme a chi lo ha convinto e insieme a chi ancora si entusiasma per qualcosa intorno ad un pallone che tutti vorrebbero più umano e meno milionario, troppe volte solo a parole. Qui non c’è stata nessuna rivoluzione, anche se sono cambiate molte facce, e tutto continuerà come prima. Questo è ciò che esce dalla confessione, sfogo sentimentale, quasi un’elegia, di un Gigi Buffon, sicuro dei suoi sentimenti e della sua umiltà. Che poi i destini paralleli di chi è stato l’artefice e il protagonista dell’operazione, crescano viene da se, dopo il grande impatto mediatico generato dalla “mossa del cavallo” (di ritorno), che qualcuno, con argomenti sterili, ha voluto, per snobismo di maniera, contestare. Oramai è chiaro: hanno avuto la meglio le ragioni romantiche del gesto su ogni altra cosa e su ogni altra conflittualità costruita nel laboratorio di un fanatismo “sportivo”, da cui, lui, vuole uscire o prenderne le distanze. Nella kermesse roboante, costruita su ricordi, sfide e sogni futuri, lui dice di volersi divertire, emozionare, come ha sempre fatto (anche in B come con Juve), e come sempre spera di poter fare per essere se stesso, quello che è e non un ”Pasdaran”, ossia un guardiano di una qualsiasi rivoluzione che non gli appartiene, e proprio per questo rivendica il suo diritto a contrastare chi aveva gridato allo scandalo in occasione della presunta creazione della “Superlega”, salvo poi stupirsi ed indignarsi per la sua scelta di cuore. Siamo in piena era di romanticismo calcistico, con il suo ritorno alle origini, agli amici, alla città che lo aveva accolto, alla società che lo aveva lanciato, e con una Nazionale che tutti amano e ammirano, tranne chi pretende inginocchiamenti forzati, però questa stagione ben presto dovrà fare i conti con la dura realtà dei risultati da ottenere subito, e quindi l’incantesimo e l’incanto dovranno farsi da parte, seppur sorretti da sentimenti vivi, importanti e carichi di pathos. Il risveglio è atteso fra poco, quando gli echi, fatalmente si spegneranno e quando occorrerà fare i conti con tattiche e filosofie di  gioco più o meno moderne, più o meno efficaci, più o meno opportune. E lui si sta già preparando studiando ciò che il nuovo allenatore, vecchio compagno ala Juve, chiede al portiere nel suo gioco. Quindi non solo poesia, ma tanta prosa da mettere in mostra e in atto. Per il resto centrato alla perfezione l’obiettivo della visibilità mediatica, da diversi giorni la mossa di Krause/Buffon, desta gran interesse e tutti i media d’ambito (mainstream) e non solo dedicano spazi più che adeguati. Il Parma “roboante”, di Buffon tira eccome al punto di coinvolgere anche chi vorrebbe parlare solo di Verratti, di Mancini, e della Nazionale all’Europeo. Il potere del mito e del campione non permette cogitazioni diverse, nel bene (molto), e nel male (minimo), se ne continua a parlare, vedremo ancora per quanto. Intanto se ne è andato un altro monumento della storia del calcio, come Boniperti, che il sagace “ Veleno” Lorenzi, chiamava “Marisa”, per i boccoli biondi esibiti in gioventù, in attesa che se ne costruiscano altri in tempi più moderni. E poi scopriamo L’affinità, non certo elettiva, fra Guccini e Sarri, che al desco con il nostro vecchio mentore dei tempi di Mediaset (aveva selezionato Majo e me per Pressing, prima che arrivasse da Parma il veto dai poteri forti e deboli di spirito per il nostro ingaggio) Marino Bartoletti, si scambiano effusioni di pensiero: da una parte l’anarchico genio “ciranesco”, dell’autore della sempiterna “Avvelenata”, e dall’altra il burbero, simpatico, a giorni alterni, tecnico tosco-campano inventore, suo malgrado, di un modo di giocare che porta il suo nome, e dovrebbe essere sinonimo di bel gioco, che chiede lumi su il citato “Bertoncelli”, quello che spara cazzate. Ma chi l’avrebbe mai detto di vedere… Cosa? “Marisa”? O Bertoncelli? O chi spara cazzate, sempre in un numero abbastanza nutrito? Mah!!! Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ROBOANTE

  • 23 Giugno 2021 in 14:49
    Permalink

    Premesso che è stato tutto perfetto, ho apprezzato tantissimo le parole di Buffon, per altro sempre in un buon italiano e non nell’italiacano a cui eravamo tristemente abituati con le conferenze stampa dei vari Faggiano prima e Carli poi. Mi è piaciuta soprattutto la parte in cui ricorda ai vari giocatorucoli da serie C alla Sepe cosa rappresenta il club nella storia del calcio italiano e soprattutto europeo. L’appunto di Buffon è in realtà da rivolgere non tanto agli omuncoli di cui sopra, la cui carriera ha lo spessore di un foglio di carta da culo, ma agli ambienti “che contano” della città. Appiattiti sulla mentalità upinaconfindustrialecaprazucchesca, gli organi di stampa asservita quali truppe cammellate e i salotti buoni cittadini hanno negli anni sempre più offuscato, obliato e ridotto la portata del nostro passato, derubricandolo al “periodo irripetibile di Calisto”. Ovviamente si trattava di un lavaggio delle menti di stampo bulgaro alimentato dall’UPI, a cui ovviamente conveniva far passare nelle menti del popolino l’idea che si trattava di un periodo da dimenticare e di cui quasi vergognarsi. Questo ovviamente pro domo loro, per non risultare azzerati nella loro micragnosa piocioneria rispetto agli anni d’oro. Tomaccari e buslotari e soprattutto catarrai che in quegli anni favolosi erano sbavanti nei ristoranti europei durante le trasferte a macca e in prima fila a lustrare e leccare i pomelli dell’allora vero padrone del vapore. Salotti buoni e imprenditoria locale, che ricordiamolo hanno consegnato il glorioso Parma reduce dagli anni d’oro all’innominabile di Carpenedolo, salvo a disastro compiuto saltare fuori dal buco (ovviamente a costo zero, come confermato dalla recente rivendita) e voler fare anche i salvatori della patria (per altro riuscendo a fare cazzate anche in 5 anni basta vedere la questione cinese, pippein, fino alla disastrosa gestione della scorsa estate). La stessa comunicazione (che io ho sempre contestato) della precedente società era sempre improntata sulla geremiade, sull’assenza di soldi, quindi ovviamente era dura aspettarsi che si ricreasse quell’immagine di prestigio giustamente auspicata da Buffon a cui va il mio plauso per aver ricordato al popolo chi siamo stati e chi siamo e soprattutto che la nostra storia non la dobbiamo a quei 4 industrialotti con le pezze nel sedere e ai loro salotti di leccapomelli.

  • 23 Giugno 2021 in 16:33
    Permalink

    numero uno!!!!!!!!!
    “i miei figli, mia moglie, tutti devono capire cosa è per me Parma!”

    • 24 Giugno 2021 in 15:07
      Permalink

      Alla prima parata i Boys perdoneranno tutto a Buffon. Basta aspettare.

  • 27 Giugno 2021 in 15:59
    Permalink

    Capisco l’entusiasmo per il giocatore che può dar lustro e sorriso al presidente, capisco possa far rivivere la sensazione a chi era bambino nei ’90/’00 di ritornare ad essere il grande Parma, capisco il fiume di inchiostro che genera, per me se si può fare un campionato di vertice con Frattali e di sicuro va benissimo anche Buffon a 43 anni, a me non interessa la visibilità, non interessa essere apparsi su giornali indonesiani, Ghanesi o di Des Moines, a me interessa avere nel complesso una squadra che ci consentirà di andare con la sciarpa a Lignano Sabbiadoro, Terni o Lecce e portare a casa i tre punti o per lo meno a non fare figuracce come l’anno scorso, a giocarcela. Io per questo ho paura, tutti a parlare di Buffon ma io che per motivi personali sono spesso in Croazia e quest’anno ho visto 9 partite dell’Hajduk, penso che Ribalta o suoi collaboratori professionisti nel calcio non possano aver scelto Juric come titolare, forse come contropartita per qualche squadra di C, per darlo in prestito a qualcuno per qualche motivo o cose del genere, io l’ho visto 9 volte e questo è sì e no un giocatore di C, uno che ha fatto sempre panchina, l’ha fatta nelle giovanili del Dugopolje, nell’Hajduk 2, poi per due anni ancora nell’Hjduk per fare la sua prima stagione da titolare quest’anno a 25 anni, 0 convocazioni nelle nazionali giovanili, ma dovreste vederlo dal vivo…. piedi da doctor Jekill e Mister Hyde, alterna tiri da fuori strepitosi e tocchi di fino verso traiettorie da visionario e scarpate tipo Cacioli senza esagerare, perde la posizione 10 volte a partita, sembra lento tipo paracarro già in un campionato lento, per me è un mistero, magari i professionisti tipo Oliver dai numeri capiscono, a ragione, che ha doti nascoste utili in B, io sono preoccupato da acquisti del genere, questo giocatore non è nelle Vanuatu, è in Croazia a Spalato, è in una nazione ricolma di gente competente senza contare gli osservatori esteri, questi avrebbero dormito tutti mentre arriva Oliver, lo strapaga e ci farà i big money? Mi spiace che nessuno a Parma l’abbia visto dal vivo se no capivate perché scrivo così ma se facciamo 4 o 5 acquisti di questo genere e su queste basi si lotterà per non retrocedere, anche con Buffon e Vazquez.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI