SUPERMAN RETURNS, BUFFON TORNA A VESTIRE LA MAGLIA CROCIATA: IL RACCONTO IN DIRETTA DEL RITORNO E IL VIDEO DELLA CONFERENZA

(Ilaria Mazzoni) – Qualche giorno fa il mitico portierone aveva postato suoi propri profili social le parole di Venditti “certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”, queste le parole che Gigi ha utilizzato per descrivere questo romantico ritorno ai colori gialloblù.

La storia di Parma e Buffon inizia nel lontano 1995, tanti ricordi, tante emozioni in crociato, maglia con cui il portiere divenuto, nel corso della sua brillante e lunga carriera una tigre dei pali, fece il suo ingresso nel mondo dei professionisti. Poi l’addio, nel 2001, con la scelta di vestire una delle casacche più detestate in casa ducale: quella della Juve, nonostante questa scelta (legittima) di voler vestire i colori bianconeri l’amore con Parma e per Parma non si è mai affievolito. Lo dimostra questo ritorno, dopo vent’anni, oggi Gigi torna a casa, nonostante la tristezza per quest’anno conclusosi con un’amara retrocessione per la squadra ducale oggi siamo tutti emozionati, siamo tutti felici, siamo tutti impazienti di riabbracciare (ma a distanza di sicurezza) il nostro portierone.

Si inizierà alle 19.30, tra pochi istanti, con una conferenza che vi racconteremo in diretta per poi proseguire sul manto del Tardini che, per l’occasione ha aperto le proprie porte per mille tifosi. Tutti pronti per Superman.

Siamo ancora in attesa dell’arrivo di Gigi, ormai, ogni volta che si apre la porta tutti gli sguardi si alzano speranzosi.

Eccoci pronti per raccontarvi le emozioni di questa serata, con il suo solito sorriso Gigi rientra, finalmente, nella nostra sala stampa.

Ad iniziare la conferenza è il Presidente Crociato, che inizia subito asserendo che questa è una magnifica giornata per il Parma e che, quando ha avuto l’onore di poter guidare questa formazione, ha subito pensato di riportare il portierone in crociato. Uno dei calciatori, continua Krause, che è riuscito a conquistare una coppa europea. L’incontro con Gigi avvenne quando il Parma andò a Torino a giocare contro la Juve. In quell’occasione colse l’occasione per chiedergli “cosa fai la prossima stagione”. La risposta fu quel sorriso, ampio e sincero che tutti abbiamo imparato a conoscere, non rispose, continua il Presidente, ma, intanto gli mise la pulce nell’orecchio. Quindi non resta che augurargli un “bentornato Gigi”.

Termina, quindi, l’intervento del Presidente, la parola va a Gigi.

La decisione di arrivare a Parma? Gigi la definisce come un impulso a cui non ha potuto resistere, uno starnuto che non è possibile trattenere, un richiamo fatale come quello delle sirene per Odisseo. Una scelta che, afferma, di cuore perché questa sfida lo coinvolge emotivamente, una piazza ideale, perché una piazza del cuore, per poter lanciare la sua ultima sfida. Una sfida che è certo di poter affrontare nel migliore dei modi, perché solo quando coinvolto nei sentimenti Gigi sa di poter essere ancora un portiere top player.

Cosa è cambiato dal Gigi che esordì più di vent’anni fa a Parma? “Ho ancora bisogno di quel ragazzo un pò guascone, mi serve per affrontare il mio lavoro”, certo, qualcosa, afferma, chiaramente è cambiato ma ancora lui. Gli sembra ieri, continua, di aver lasciato questi spalti, questa città, un onore che spetta a pochi poter tornare con il pensiero di essere ancora un portiere che può raggiungere obiettivi importanti. Pochi possono concludere in una piazza come Parma che si pone grandi traguardi.

Un messaggio poi a tifosi che riabbraccia dopo tutto questo tempo: la scelta di tornare è sicuramente dettata dal desiderio di condividere quelli che saranno i futuri risultati della squadra, che si augurano possano essere grandi. La stima che Parma ha sempre dimostrato e l’affetto ricambiato da Gigi sono un’attestato di stima e amore reciproco. D’altronde i messaggi che gli erano giunti dal pubblico crociato, una volta trapelata la notizia di un suo possibile riavvicinamento, hanno rappresentato una spinta decisiva nella scelta di vestire nuovamente la maglia crociata. Nel 2021 Gigi non sceglie di giocare in serie B, ma afferma: “io nel 2021 ho scelto Parma”.

Poi un curioso episodio, circa 12 giorni fa il portierone seguì la presentazione del nuovo Mister crociato, Maresca, che affermava che sarebbero rimasti solamente quelli che avrebbero voluto farlo, a questo punto ha sentito una punta di orgoglio: i calciatori che non desiderano vestire questa maglia non conoscono la storia gloriosa di questo club.

Ma sono troppe le motivazioni che hanno condotto Gigi verso il Tardini: racconta un altro episodio, come uomo, afferma, oltre che come calciatore, deve fare capire cosa significa scegliere Parma per i figli e per la moglie, per dimostrare cosa significa questa città per lui, cosa rappresentano questi colori e quanto siano stati importanti in questo momento.

Quello che non mancherà durante questa stagione? L’umiltà e la determinazione, essendo ben consapevole delle sfide e degli ostacoli che, inevitabilmente, ci saranno. Si costruirà la sua strada su sua immagine e somiglianza. Sarà questa la ricetta per riportare il Parma in serie A? Gigi non si esprime ma è certo che per affrontare il futuro bisogna ricordare gli aspetti positivi del passato, cogliendone gli aspetti migliori. Non bisogna mai dimenticare quelli che si è stati, rimanere umile, come sempre ha dimostrato sempre Gigi.

Si conclude questa prima parte della serata, appuntamento a tra mezz’ora, giusto il tempo per l’Ennio di rendersi perfetto per accogliere il proprio portierone. Una notizia bellissima quella di poter rivedere, anche se in numero esiguo, i tifosi tra gli spalti.

Tutto è pronto per poter accogliere in campo, su questo campo che ha visto nascere quello che era destinato a divenire la stella più luminosa che ha brillato, non solo sui campi nazionali, in tutti questi anni. Questa serata speciale si riapre con l’ingresso in campo del Presidente Krause che interviene affermando che questa è una serata fantastica, anche perché finalmente può rivedere i tifosi animare questa che sarà una serata memorabile.

Gigi entra sulle note di Jovanotti “bella”, Gigi spiega questa scelta: in una giornata piovosa di ritorno da Milano, passando per Parma direzione Forte dei Marmi, partì alla radio proprio questa canzone e fu in quel momento che, sospinto dalle emozioni, ebbe la conferma che, in cuor suo la scelta era stata fatta: sarebbe tornato in questa città. Si ricorda ancora quando entrò la prima volta al Tardini: fece una passeggiata lungo tutto il perimetro dello stadio, assaporando tutte le vibrazioni positive, tutta l’adrenalina di poter sognare, un giorno, di poter giocare in questo stadio. Quattro anni dopo detto fatto: c’era proprio lui in primo piano su questo palcoscenico.

Un consiglio per i nuovi ragazzi, presenti anche stasera sul campo del Tardini? Essere sempre umili, lavorare sempre per cercare di perfezionarsi sempre, e se lo dice uno che ha vinto tutto (o quasi) c’è da prenderlo sul serio..

Poi il portierone abbandona momentaneamente il campo, la sorpresa è dietro l’angolo: sulle note dell’Aida che tante volte ha accompagnato il suo ingresso tra i pali entra la leggenda, con l’immancabile numero 1 sulle spalle Gigi rientra al suo Ennio vestito con la nuova maglia, quella che il portierone indosserà durante questa stagione, quella che, siamo certi, farà emozionare tanti bambini e anche qualche bambino che è cresciuto con i ricordi di quel numero uno tra i pali.

“Parma dentro di me è sempre stata presente, ma non pensavo che la vita potesse propormi questa scelta, ma la mia determinazione nel voler giocare mi ha concesso questa opportunità”, esordisce in questo modo il portierone dopo essersi accomodato sul divanetto posto a centrocampo.  Questa città è stata la sua isola felice, un posto in cui ha potuto dare sfogo anche a quelli che ora, alla bellezza di quarantatré anni, giudica come “eccessi caratteriali”, poi Parma, non ci sono dubbi, continua, era l’isola felice di tutti i giocatori che hanno avuto l’opportunità di giocarvi nei mitici anni Novanta.

Poi una dichiarazione d’amore: “a me il Parma ha aiutato a diventare grande, ora sono io a dover dare una mano al Parma per ritornare grande”. Una città che anche ora lo sta aiutando, dandogli le energie che necessitano per ripartire con grande entusiasmo, quello che serve in questo momento per cancellare, nella memoria dei tifosi, i ricordi amari di una stagione che ha portato sconforto tra i tifosi. Un Parma che dovrà, comunque, lottare per poter risalire questa china; il portierone avverte che la serie B non è semplice, “fidatevi l’ho già fatta”, ma questo non potrà fermare il nostro numero uno.

Poi un messaggio per i propri “vecchi-nuovi” tifosi: “io sono convinto della mia scelta, insieme arriveremo all’obiettivo ma ho bisogno del vostro sostegno perché un giocatore, specie come me che è già stato a Parma tanti anni, ha necessità di sentire che tutti stanno remando. Di annate brutte ne abbiamo fatte, quest’anno spingiamo per scrivere un finale diverso”. Ilaria Mazzoni

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI GIANLUIGI BUFFON

4 pensieri riguardo “SUPERMAN RETURNS, BUFFON TORNA A VESTIRE LA MAGLIA CROCIATA: IL RACCONTO IN DIRETTA DEL RITORNO E IL VIDEO DELLA CONFERENZA

  • 22 Giugno 2021 in 21:33
    Permalink

    “Mi ha sconcertato gente (che è meno di. Il la aggiungo io cosa che pensava anche lui) con la spocchia di restare o venire a Parma”. Pensiero di Buffon per Masaniello Totó e Peppino, Ciro Sepe.

  • 22 Giugno 2021 in 23:03
    Permalink

    Ho letto le sue parole: determinato e cazzuto, ma anche umile. Ora fai parlare il campo Gigi 😉

  • 22 Giugno 2021 in 23:46
    Permalink

    Splendida presentazione …molto ispiranti le parole di Gigi ….. In attesa di una stagione ” Magico ” davvero speciale …..
    Grazie Gigi,
    Grazie Presidente Krause
    Forza La Nuova Parma

  • 23 Giugno 2021 in 09:04
    Permalink

    Buffon ha toccato le corde giuste ieri sera. Molto spigliato come sempre e devo dire bello carico per iniziare. Non me lo aspettavo. Ma bene così. Certamente alcune sue parole dovrebbero far fischiare e parecchio le orecchie di qualcuno. Il Parma si merita, non si accetta dubbiosamente. Purtroppo questo è oramai un mondo di procure e di personaggi poco limpidi intorno alle squadre. L’epoca d’oro del calcio italico è tramontata, ma un ultimo bagliore di quella luce la potremo vedere allo stadio. Io mi auguro sinceramente che la tifoseria tutta si unisca e si compatti come sempre è stato. Gigi ci potrà dare una grossa mano, lui vive di stimoli e per restare “vivo” professionalmente parlando ha accettato un rischioso percorso verso la squadra che lo ha lanciato. Diamogli la giusta carica, a lui ed ovviamente a tutti i ragazzi che accetteranno di rimanere / vorranno venire qui. Questo serve.
    Ieri sera bene anche Krause, visibilmente emozionato. Si vede che ci tiene. Speriamo questi sforzi siano utili per creare una base coesa e finalmente vincente.
    FORZA PARMA.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI