CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARADOSSO ITALIA: VITTORIA O DISASTRO?

(Gianni Barone) – La parola disastro evoca sempre qualcosa di negativo: una sciagura o giù di lì: quindi, accostata ad una vittoria, potrebbe essere quanto di più assurdo e impossibile si possa immaginare. E in effetti una vittoria ai tiri di rigori, dopo aver impattato nei tempi regolamentari e supplementari (1-1) meriterebbe una migliore collocazione anche dal punto di vista verbale. Però, lasciateci obiettare e liberamente discettare su ciò che una vittoria all’Europeo più indurci, benevolmente, a pensare. La parola, paradosso, la nostra preferita (insieme a disastro in una accezione positiva del termine difficile da spiegare) per l’occasione, dal greco antico “doxa”, ha la stessa radice di dogma e vuol dire “opinione, pregiudizio, fede”: tutto molto pertinente con il contesto che andiamo a sviluppare. Para significa “contro”, (la contro-persona direbbe l’indimenticato Francis): quindi, insieme, i due termini hanno il significato di “ciò che contraddice l’opinione corrente, ciò che è incredibile”. L’opinione corrente ci dice che siamo i più forti d’Europa a calcio, mentre ciò che è incredibile e che la Nazionale italiana, pur con altri uomini e altri tecnici, altri dirigenti, fino a tre anni fa non era stata nemmeno in grado di essere ammessa alla fase finale dei Mondiali e ora si trova qui, sul tetto d’Europa, dopo aver sconfitto, ai tiri di rigore, e con il gioco, fate vobis, gli inventori del calcio che politicamente sono appena usciti con la Brexit, dall’Unione Europa (forse per questo che si sono complimentati con Draghi sia la Merkel, che come lui non riteneva Londra la sede ottimale per l’epilogo, vista la diffusione variante locale della pandemia, sia laVon der Leyen? Non a caso lor signore accennavano a vittoria dell’intera Europa unita… Successo che, secondo una illustre docente della Luiss Guido Carli, solleverà l’economia italica) e con il pallone erano stra-convinti di trionfare nell’intero continente. Paradosso su paradosso di giunge fino alla serata di Domenica 11 Luglio 2021 che ha decretato la vittoria di una Nazionale di calcio, nel cui campionato, tutte le migliori, o per lo meno le prime quattro o cinque squadre, nelle loro formazioni titolari schierano si e no due o tre giocatori italiani. Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti: Inter, piena zeppa di stranieri, Campione d’Italia, con il solo azzurro Barella, fisso nella formazione prevalente in base al minutaggio; Milan, secondo, altro feudo di giocatori non italiani con le sole eccezioni, sempre in base alle presenze, di Donnarumna (citato dal Premier italiano durante il secondo incontro istituzionale, susseguente a quello col Capo dello Stato, che come Pertini 39 anni anni prima a Madrid ha menato buono) e saltuariamente Calabria e Romagnoli; non parliamo della Juve che oltre a Chiellini e Bonucci nell’undici titolare non ha annoverato con continuità, Chiesa e Bernardeschi, decisivi con gol e rigori nell’Italia Campione all’Europeo. E si potrebbe andare avanti con il paradosso, anche facendo riferimento ad altre squadre tipo l’Atalanta, quasi tutta straniera tranne il portiere e con Pessina, anch’egli decisivo per Mancini con i suoi goal, quasi sempre impiegato a partita in corso. Quindi l’interrogativo pressante è: “Com’è che la Nazione campione che tutti acclamano, in campionato ricorre, coi club più prestigiosi, in maniera così massiccia all’impiego di giocatore d’oltralpe e d’oltrecortina, trascurando i presunti talenti locali?” Sarebbe interessante che qualche dirigente fosse in grado di rispondere alla questione senza ricorrere ai luoghi comuni banalità, come quelli che hanno condito le cronache e commenti post partita sia su Rai che su Sky. A proposito di Rai: la sostituzione del titolare Alberto Rimedio, positivo al COVID, con Bizzotto, affiancato dalla commentatrice “puledra di razza”, Katia Serra, pur non essendo in presenza di una telecronaca indimenticabile dal punto di vista della spontaneità e della genuinità, con troppo ricorso all’archivio, per lo meno non ha portato male, come era successo in passato nei precedenti del ’70 (staffetta Carosio/Martellini) e dell’86 cambio per motivi sanitari con Pizzul in luogo di Martellini. Il quale Martellini, che aveva commentato nel ’68, l’ultimo e fino a ieri unico successo europeo degli azzurri, ci è  mancato e ci continua a mancare parecchio, perché nessuno dei suoi successori, Pizzul compreso, riesce ad essere il suo degno emulo nel commentare, senza urla e senza fragore eccessivo, con garbo stile, eleganza e professionalità, le imprese vincenti del Club Italia. Per essere bravi non occorre urlare e neanche essere tifosi “ossessivi/ compulsivi”: basterebbe dire, come fece lui al Mondiale 82: “lo meritava Zoff, lo meritava Cabrini, lo meritava Scirea”, e via elencando tutti i protagonisti, anche se nell’occasione, si dimenticò, nella foga, il nome di Collovati… E dopo 53 anni, a Mancini è  toccata la sorte di Valcareggi, che nella sua carriera azzurra vinse solo quel titolo, ma per farlo dovette piegare la resistenza della Jugolavia (allora uno squadrone con giocatori di attuali sei repubbliche indipendenti) non con una partita, terminata 1-1 dopo i supplementari, ma con la ripetizione in cui ebbe la meglio per 2-0 con gol di Anastasi e Riva. Particolare curioso tra la prima e la seconda gara, il Cittì “Uccio” (così veniva chiamato con affetto nell’ambiente) cambiò radicalmente la formazione passando da un 4-3-3 (anche se allora si giocava col modulo a uomo e non c’erano i sistemi) ad un 5-2-3, con l’innesto di ben 5 giocatori nuovi: Salvadore libero al posto di Castano, De Sisti a centrocampo al posto di Ferrini, Mazzola al posto di Juliano, Riva in avanti al posto di Prati, con la variante tattica di Rosato (stopper aggiunto) in luogo del mediano Lodetti. Cambi che si rivelarono, a quanto pare, fruttuosi al cospetto degli “slavi” che tra le due gare operano, nella formazione una sola sostituzione causa infortunio. Corsi e ricorsi storici, a parte, allo stile catenaccio di Valcareggi ora la vittoria di Mancini, passerà alla storia come la vittoria del calcio giocato, offensivo, propositivo e divertente e chi più ne ha più ne metta. Perché nella serata di Wembley mentre, al termine, Vialli e Mancini si abbracciavano, quasi in lacrime, a noi sono venute in mente tante cose però la più divertente è quella dell’immagine finale del film “L’allenatore nel pallone” in cui Oronzo Canà (alias Lino Banfi che non aveva fatto mancare a Mancini il suo apporto sussurrandogli con un video di utilizzare la sua bizona 5-5-5) viene portato in trionfo dai due “gemelloni”, e dice loro “Mi avete preso per un coglione”, “No, per un eroe”, rispondono loro. “No – ribatte Canà – per un coglione”, inteso come testicolo, strizzato da chi lo sorreggeva. Ecco a Mancini, che qualcuno, tre anni fa, noi compresi, dava del visionario lui avrebbe voluto rispondere alla Canà, così: “Ma mi avevate preso per un coglione?”. E questa volta la strizzata, fisica, di “cabbasisi”, non c’entra per nulla. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARADOSSO ITALIA: VITTORIA O DISASTRO?

  • 13 Luglio 2021 in 07:46
    Permalink

    Bell’articolo.
    Non condivido solo una cosa: Pizzul per me è stato il migliore. Martellini era bravo, ma noiosissimo.
    Ma forse perché sono troppo abituato alle urla di oggi… eccessive, inutili. Fuori luogo.

  • 13 Luglio 2021 in 12:59
    Permalink

    Rete rete rete. Come urla quel buffone di Sky

  • 13 Luglio 2021 in 19:49
    Permalink

    A maggior ragione una Nazionale che vince con pochi italiani titolari nei club principali della A merita un grande inchino. Lavoro spaziale da parte di Mancini.

  • 13 Luglio 2021 in 22:35
    Permalink

    Strano che no abbia attinto a piene mani tra i nostri italiani titolatissimi. Da Sepe a Iacoponi, passando per Grassi, Gagliolo, Pezzella. Grassi non lo cercano neanche dalla serie B greca. L’unica è metterlo nel Tide.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI