CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARTITI

(Gianni Barone) – Mentre negli spot per gli abbonamenti per il prossimo campionato echeggia la voce del testimonial d’eccezione Bruno Pizzul, tornato improvvisamente di moda (che non torni in pista anche il vecchio cronista Brunone?), il quale pronuncia la fatidica frase “Partiti”, con cui iniziava tutte le telecronache della Nazionale e non solo, pur non avendo mai commentato, suo malgrado, nessun successo degli Azzurri, ecco che la stagione del “nuovissimo” Parma Calcio targato Krause e Maresca, è a propria volta “Partito”, con la prima amichevole nel ritiro, altoatesino, di Castelrotto. Le cronache ci riferiscono di un Parma, ancora in fase embrionale, con molte assenze e con molte incognite derivate dal mercato da completare e con tanti giocatori ancora da inserire nel mosaico, avveniristico, del Mister. Si è partiti, tanto per rimanere in tema, con il 4-2-3-1, sistema e non modulo, a beneficio di chi imperterrito, nonostante le mie e le sollecitazioni del “Gede”, persevera, nell’errore, ormai marchiano e macroscopico (non facciamo nomi, ma gli interessati sanno bene a chi ci riferiamo). Sistema che negli ultimi anni con D’Aversa e Liverani non si era mai visto, tanto caro in Italia, a Pioli e Mihajlovic, e all’estero allo “Special One” (daje) tra gli altri, tanto per fare qualche nome eccellente che lo adotta. Per il resto niente di che, visto che il calcio di Luglio, fra prestazioni e risultati, è decisamente, più bugiardo di quello di Agosto, quindi difficile esprimere, in merito, ogni tipo di giudizio. Di sicuro Maresca, in attesa di vedere all’opera, tutti i nuovi arrivati, giovani o meno giovani che siano, ha cercato d’impostare in un certo modo, suo personale, la squadra, dando l’impressione, di non voler rinunciare a “senatori” del calibro di Simone Iacoponi, e soprattutto Riccardo Gagliolo (tolto molto opportunamente dal mercato o almeno così pare) da affiancare ai vari “baby”, del reparto difensivo – Dierckx, Balogh, Valenti –  confermati dalla passata stagione. Manca, forse, ancora il laterale sinistro titolare che, data per certa la partenza di Pezzella, dovrà essere reperito sul mercato, salvo che non si decida di affidarsi in toto al sempre affidabile, uomo per tutte le stagioni, Gagliolo. Per il centrocampo con Juric, Bernabé, nuovi da integrare con Brugman, Sohm, e Kucka, sempre in bilico, si è scelto di affidarsi ad una sostenuta colonia di stranieri (sempre più vittoria azzurra all’Europeo non docet). Peccato speravano, sulle ali dell’entusiasmo, a qualche rinforzo autoctono, ma tant’è: qualcuno ammonirà “ma siamo o non siamo una società internazionale, a proprietà straniera effettiva e dichiarata”, quindi lasciamo ad altri, tipo il Pisa, acquisti come Piccinini (il Piccio) del Lentigione, centrocampista molto interessante, ma ancora da verificare a livello di B, o come l’attaccante, calestanese di nascita e collecchiese d’adozione (ex giovanili Parma e Sassuolo), Nicolò Bruschi, 30 goal in D, con il Fiorenzuola neo promosso in C. Per l’attacco il Parma, a fronte delle conferme di Mihaila, Man e Brunetta, sembra non aver ancora sciolto le sue riserve: Inglese? Con il giovane polacco in alternativa? Staremo a vedere: il mercato è ancora lungo e la suggestione Tutino, attualmente in ritiro con la casa madre Napoli, con la concorrenza di altri club da superare, potrebbe essere sostituita da qualche altra trattativa, ora ignota e segreta anche ai grandi “soloni” del calciomercato, novelli Bertoncelli, di gucciniana memoria, sempre pronti a sparare “cazzate”, per la gioia e per la noia di tutti. E intanto, in attesa dei prossimi e più probanti impegni, godiamoci l’estate, questa estate, senza odiare niente e nessuno da parte di chi ha creduto e crede nel bel calcio italiano, all’occorrenza anche all’italiana, meno bello, ma vincente in mezzo ad una esterofilia calcistica, al momento perdente, sebbene sia sempre in voga nell’agenda degli uomini di mercato in sevizio permanente effettivo. Quelli che sempre meglio un giocatore straniero più o meno sconosciuto, piuttosto che un giovane di casa nostra formatosi nei campionati minori. Misteri della fede, calcistica, mi si dirà. O no? Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

14 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARTITI

  • 18 Luglio 2021 in 11:29
    Permalink

    Quando si commentava che Lucarelli era stato collocato alle varie ed eventuali nell’ufficio in fondo a destra tra le scale e il lavatorio non ci si allontanava molto dalla realtà. È in ferie mentre la squadra è in ritiro, non si è visto a Castelrotto e anche volendo pensare che si occupi dei prestiti non dovrebbe osservare la rosa al lavoro appunto per capire gli chi come e dove “prestare” e valutare gli eventuali esuberi?

    Rispondi
  • 18 Luglio 2021 in 13:22
    Permalink

    Vazquez è dato in arrivo i primi di agosto per un problema del cugino ( evidentemente molto importante se salta il ritiro) , bernabe’ invece è arrivato all’Hotel de la ville ma non in ritiro. Motivo? Forse il problema alla schiena simil zirkzee di cui si vocifera in giro? Infine Traoré. Più avanti le risposte

    Rispondi
    • 19 Luglio 2021 in 14:36
      Permalink

      Figa……che mistero…..proviamo a chiedere a Kazzenger? Non è che chi viene dall’estero e non ha la green card, deve fare il tampone e giorni di quarantena? E magari sono stati convocati per il secondo turno di Ponte di Legno, perché al primo c’era troppa confusione e giovani da valutare e loro erano già noti?

      Rispondi
      • 19 Luglio 2021 in 15:37
        Permalink

        quindi tutti i giocatori stranieri presenti in ritiro , secondo il Suo onorevole ragionamento, sono provvisti di green card o hanno fatto la quarantena, prima di iniziare il ritiro.
        Dopo di che non sapevo che la sardegna e Milano non fossero in Italia … E’ rientrato in Italia dalle vacanze in Costa Rica, una tappa intermedia in Sardegna, poi Milano, dove ha incontrato il suo agente Daniele Piraino per valutare le proposte che sono arrivate…

        Rispondi
  • 18 Luglio 2021 in 14:21
    Permalink

    P. S. Lucarelli è stato tenuto solo perché comincia nuovo percorso ed è prudente non inimicarsi la piazza ,sai mai vadano male le cose. Ma se la squadra vincesse e salisse in A, credo che il suo destino sia già ampiamente tracciato. Gli pagano il tfr e lui si cerca un nuovo lavoro.

    Rispondi
  • 18 Luglio 2021 in 16:56
    Permalink

    Ottimo Aldo! Concordo in pieno. Essere in Sardegna con la squadra in ritiro e il mercato nel vivo la dice lunga.Su Vazquez un mese in più di permesso mi sa una follia. Però sarebbe auspicabile un po’ di chiarezza. Bernabé io non lo considero nemmeno non serve a nulla e farà la fine dei vari Zirkzee, Cyprien etc.

    Rispondi
  • 18 Luglio 2021 in 17:25
    Permalink

    Intanto un applauso a Sepe. Se lo stanno contendendo tutti i top club della defunta “super lig”. Ha talmente tante offerte che il suo manager Giuffredi non sa quale scegliere. Il Parma gli stava stretto, ma quando hai offerte da Psg, Real, Tottenham, Chelsea etc. come fa un campione come lui a stare in una provinciale?

    Rispondi
  • 18 Luglio 2021 in 18:38
    Permalink

    Ovviamente la Rudarola sempre più Rudarola presa a decidere con quale immagine (virus di vari colori, tute biohazard, reparti Cóvid) accompagnare la quotidiana articolessa/bollettino di guerra su incrementi di contagi, saldi LIFO e FIFO di entrate e uscite dal padiglione Barbieri, maglia nera di Parma in regione per contagi e altre tragiche informazioni sulla “pandemia” non si è mai nemmeno preoccupata di chiedersi perché Vazquez non sia ancora stato nemmeno presentato.

    Rispondi
    • 18 Luglio 2021 in 20:14
      Permalink

      Ha firmato il contratto ed è subito andato via. I ben informati ritengono non ci siano problemi legati a giocare nel Parma ma se è vera la storiella del cugino, iniziamo molto male. Boh staremo a vedere e a sentire qualche versione ufficiale.

      Rispondi
    • 18 Luglio 2021 in 21:47
      Permalink

      In verità, mancano proprio i termini al momento. Pieni di centrali e pochi laterali.

      Rispondi
    • 19 Luglio 2021 in 09:05
      Permalink

      Devo ammettere che la tua descrizione del quotidiano locale mi ha fatto molto ridere, e devo dire anche riflettere perchè fanno davvero così. Certo che qualche reporter d’assalto invece che presenziare ad assaggi e a contest sul cibo potrebbe davvero cercare di capire quali siano le cause per Vazquez.
      Per il nostro ex portierone invece pare che l’unica meta sia quella di un ritorno nel golfo a lui caro. Come riserva ovviamente.

      Rispondi
      • 19 Luglio 2021 in 10:57
        Permalink

        No come nuotatore di fondo. Campionati italiani master. Come scrivevano su Topolino decenni fa : il nuotatore olandese van afond.
        È talmente sf…Sepe che se fanno un campionato mondiale della sfiga, arriva secondo.

        Rispondi
  • 19 Luglio 2021 in 12:31
    Permalink

    Mio cugino una volta ha visto una senza reggipetto! Forse il suo si è svegliato tutto bagnato che gli mancava un rene e per questo non va in ritiro. Ovviamente nell’intervista al Presidente nessuno che chiede nulla sai mai che ti ricordi di essere un giornalista.
    Anche su Inglese sarebbe d’uopo una volta per tutte un pò di chiarezza dopo 36 mesi che ci sorbiamo le via crucis del soggetto in questione. Chiarezza vera, non la fola che “Inglese che sta bene in B fa la differenza”, visto che bene non starà mai e infatti non è nemmeno a Castelrotto ma davanti a cà soa a tirare due calci a un pallone. Intanto si accettano scommesse sull’immagine di oggi a corredo del bollettino di guerra. Io propendo per un virus in technicolor (blu o rosso) dopo due giorni di tute e reparti.

    Rispondi
  • 19 Luglio 2021 in 16:25
    Permalink

    “Io propendo per un virus in technicolor (blu o rosso) dopo due giorni di tute e reparti”. Direi che ho indovinato in pieno…addirittura psichedelico.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI