NON SOLO D’AVERSA. IL SECOLO XIX E LA SAMP IN SALSA CROCIATA CON SEPE, KURTIC, KARAMOH, INGLESE E CORNELIUS

(ST) – E’ oramai di pubblico dominio la notizia della rescissione consensuale del contratto che legava Roberto D’Aversa al Parma, grazie alla quale l’allenatore del “come noi nessuno mai” potrà guidare la gemellata Sampdoria nella prossima stagione. Dicunt anche che sullo sfondo si stagli la imponente figura di Daniele Faggiano, pur in soggezione a Carlo Osti, confermato nello staff dirigenziale blucerchiato per il prossimo biennio e alla fine saranno 10. E non è finita: secondo il quotidiano genovese Il Secolo XIX “Parma potrebbe diventare una piazza focale per il mercato estivo della Sampdoria. Perché grazie anche alla disponibilità e alla collaborazione con la quale è stata risolta la questione D’Aversa, società blucerchiata e gialloblù stanno prendendo in considerazione una serie di possibili trattative nei due sensi, non necessariamente sotto forma di cessioni, anche come prestiti secchi o con diritto di riscatto. I Krause, retrocessi in Serie B, hanno l’obiettivo di ridurre il più possibile il monte ingaggi. E quindi stanno cercando di liberarsi degli elementi che guadagno di più. I nomi – scrive Damiano Basso – sono conosciuti, anche perché negli ultimi giorni sono stati accostati anche ad altre società, Genoa incluso. Si parte dal portiere Sepe, in caso di vendita di Audero e che non si riesca ad arrivare al primo obiettivo Mirante. Poi il difensore Gagliolo, il cento0campista Kurtic, l’esterno Karamoh, le punte Inglese e Cornelius. Sullo sfondo – aggiunge Basso – c’è la figura di Daniele Faggiano, che molti di quei calciatori ha portato nel Parma, che conosce bene e che stima molto. Dopodomani Ferrero arriverà a Genova e dovrebbe sentirsi, o vedersi (tra domenica sera e lunedì), con Preziosi per risolvere la situazione del dirigente, che ha il posto da ds in Sampdoria che lo aspetta. Il percorso contrario direzione Parma potrebbe farlo qualche elemento in uscita dalla Samp, come Kaique Rocha, che dopo un anno senza giocare ha bisogno di ritrovare l’agonismo, magari La Gumina, Leris o anche Askildsen nel caso D’Aversa lo bocci in ritiro e sempre che il norvegese accetti il declassamento”. In sintesi: stando al quotidiano ligure Krause cederebbe i gioielli di famiglia per avere in cambio gli scarti altrui: una visione, forse, un po’ troppo doriano-centrica

Stadio Tardini

Stadio Tardini

36 pensieri riguardo “NON SOLO D’AVERSA. IL SECOLO XIX E LA SAMP IN SALSA CROCIATA CON SEPE, KURTIC, KARAMOH, INGLESE E CORNELIUS

  • 2 Luglio 2021 in 11:12
    Permalink

    Ci manca solo il titolone: SUPERMARKET PARMA: Dai borghi ai carruggi ed il gioco è fatto.
    Prendendo per veritiere certe teorie per certi elementi mi verrebbe da dire: Magari se li pigliassero! Per certi altri credo sia solo fantascienza.

    • 2 Luglio 2021 in 12:28
      Permalink

      La Sampdoria cerca occasioni low cost. Può essere una soluzione per collocare giocatori tipo Sepe e Kurtic, che a Parma hanno fatto il loro tempo.
      Per Karamoh, Inglese e Cornelius bisogna fare considerazioni diverse.
      Sono giocatori che possono avere mercato e che il Parma non ha interesse a svendere.
      E neppure a prestare, se deve continuare a pagare loro gran parte dell’ingaggio

  • 2 Luglio 2021 in 12:58
    Permalink

    Credo che il discorso sia semplice…

    Tutti i giocatori nominati, se non vengono ceduti a titolo definitivo, non ha senso cederli.

    Detto che Sepe, per me, può andare a giocare a bocce per come si è comportato (a patto che ci giochi in serie A), l’unico che avrebbe senso tenere “sotto controllo” per ragioni anagrafiche può essere karamoh. Gli altri se qualcuno caccia la pila…bene…

    Inglese lo abbiamo a bilancio di un paio d’anni fa a 20 mln (più o meno) proprio grazie a Faggiano…se ora lo vuole ne metta sul piatto almeno 3/4…Cornelius è costato 18 di riscatto..e se devo dire la mia ho l’impressione che finirà all’estero.

    Nell’articolo hanno dimenticato di dire che qui, se qualcuno ha difficoltà di bilancio è la samp (e me ne dispiaccio).

    Alla fine vedrete, non sarà così facile venire a prendere giocatori…o…rovesciando la medaglia…per noi disfarcene..

    • 2 Luglio 2021 in 14:00
      Permalink

      Immaginate che Inglese si sia ripreso al 100% dai suoi problemi fisici…se in effetti Maresca lo volesse…Dovrebbe restare al Parma…perché Parma credeva in lui e pagava i conti…Sì è Compare di D ‘Aversa e D’Aversa lo volevano in Parma a tutti i costi…comunque la cosa nobile sarebbe se restasse un Parma..
      I miei Tifosi amici …. esiste più nobilta ?

  • 2 Luglio 2021 in 15:21
    Permalink

    Ferrero non si accontenta del paracadute, vuole fare il dream team per battere il record di 20 punti appena conquistato dall’armata brancaleone di D’Aversa, auguri!

  • 2 Luglio 2021 in 18:10
    Permalink

    Glieli porto tutti io domani!!!!Sarebbe un miracolo!
    D’Aversa ha messo la pietra tombale alla sua breve carriera correndo a straccia mercato dal Viperetta (che sta fallendo).

  • 2 Luglio 2021 in 18:40
    Permalink

    Ma magari se la Samp si prendesse tutti questi bidoni!

  • 3 Luglio 2021 in 01:17
    Permalink

    temo che il gatto e la volpe d aversa faggiano faranno fare il botto alla sampdoria ……….retrocessione e conti in ordine !!! io a d aversa il bonus uscita non lo avrei dato manco morto e ‘il colmo !! se vuole andare alla samp si decurti lo stipendio ed è una figura da polli le altre squadre si impongono e certi allenatori li pagano la metà di noi idem i giocatori come mai ? per il resto vadano tutti a genova il problema che li vogliono con il metiodo d aversa ovvero gratis e parte dello stipendio lo pagA il parma alla faccia di ribalta che faceva il duro ……..va via solo chi vogliamo noi e se li pagano 😂😂 vedremo se kucka rimane se il genoa o lo sparta lo chiamano dopo aver detto che si ripartiva da lui ! finora non sono riusciti a vendere un giocatore ad 1 eur nessuno li vuol pagare ……almeno per gervinho un miglioncino così per il morale !! potevano chiederlo o per pagare le spese del settore giovanile invece nulla noi li lasciamo andare gratuitamente ci ringraziano le altre società , non abbiamo forza contrattuale

  • 3 Luglio 2021 in 12:20
    Permalink

    Sampdoria 21/22 18 punti. È proprio il pantano classico che soggetti come Faggiano, emulo di Leonardi amano, laddove possono pista pocciare nel torbido e D’Aversa è l’Osso di turno che infatti post 2015 ha visto la sua carriera piano piano spegnersi. Ormai manco in B lo cercano. Se il fallendo Ferrero davvero ci liberasse del mercenario sloveno, il caso da manuale di medicina Inglese, il saltimbanco Karamoh, oltre a bidoni senza dignità come Gagliolo, Iacoponi gli darei anche Grassi in omaggio e magari Pezzella e perché no anche Sprocati e Dermaku. Ovviamente Sepe do per scontato di non sentirlo mai nemmeno più nominare dalla settimana prossima.

  • 3 Luglio 2021 in 14:23
    Permalink

    mandiamo ribalta a lavorare in prestito all atalanta con diritto di riscatto non obbligo ( quindi torna se impara ) chissà che non impari a vendere !! all atalanta basta che un giovane faccia una partita buona in serie A e già lo vendono a 20 /30 ml i casi sono tanti per esempio grassi ! eccc che poi dove vanno spesso si scopre che non li valevano quei soldi e si dice che faceva bene grazie a gasperini ahaha ……..possibile che abbiamo cambiato 5 DS e non c è uno che abbia fatto una plusvalenza !! ma lasciamo stare le plusvalenze per carità ‘ e chiedere troppo ma manco vendere un giocatore in 5 anni facendoselo pagare !! spesso li diamo in prestito con buone uscite !! al massimo prestito con diritto di riscatto ma senza obbligo così ce li respediscono sistematicamente al mittente !! paghiamo anche gli allenatori agli altri ( samp per quale motivo ? se ha i soldi krause per pochi eur doveva fare il mazzo a viperetra ) ora dopo d aversa se uno vuole liverani sa già che il parma gli paga parte dello stipendio non mi sembra che le altre facciano così ( lo spezia va per vie legali con italiano e ha una penale … il contrario di noi ) M i sembra che gli altri se non li paghi i giocatori non te li danno ora mi riesce difficile credere che gervinho valga zero e il polacco che è arrivato 2 ml !! che non ha fatto ancora nulla ma propio nulla emerito sconosciuto anche in polonia

  • 3 Luglio 2021 in 23:27
    Permalink

    Mi rivolgo a Pablo e Davide.
    Il lavoro altrui va rispettato, anche quello di dirigenti sportivi e calciatori.
    Ribalta non è mica uno sprovveduto.
    Per cedere ci vuole chi sia interessato a comprare senza pretendere condizioni irragionevoli, a regalare sono capaci tutti.
    E di questi tempi una società che paga puntualmente come il Parma non si trova facilmente, cosa che giocatori e procuratori hanno bene presente.
    Perciò non aspettiamoci che ci sia la fila per le richieste di cessione.

    • 4 Luglio 2021 in 07:32
      Permalink

      Il lavoro altrui va rispettato soprattutto se si deve vendere giocatori delle precedenti gestioni, con Gervinho regalato come è arrivato, si sono risparmiati i 3 milioni dell’ingaggio lordi e direi che è già tanto, il lavoro di Ribalta andrà giudicato a mercato finito e per i risultati sportivi, ora mi sembra un po prestino. Per quanto riguarda Inglese, direi che il suo procuratore, tale Sopranzi, ha la stessa sensibilità di Giuffredi nei confronti del Parma, dopo due anni di quasi inattività da parte del suo assistito che stiamo aspettando a braccia aperte, sperando abbia risolto finalmente i suoi problemi fisici, questi viene a parlare di futuro di cui bisognerà parlare con la società, non appena Inglese sarà perfettamente ristabilito, cioè a detta sua tra un mese, dimenticandosi che il giocatore ha come minimo 2 o 3 anni ancora di contratto e con quello che è stato pagato e il rendimento dato, sarà il Parma a decidere il suo prossimo futuro anche in B.

      • 4 Luglio 2021 in 14:05
        Permalink

        scusi ONOREVOLE io sono solo deputato giusto che il lavoro altrui va rispettato ma anche giudicato non vorremmo fare come l anno scorso che è apparso qualche striscione a retrocessione matematica , forse con un po’ più di pressioni come a torino e cagliari anche i ns avrebbero dato di più . L atteggiamento dei procuratori e dovuto propio anche a questi messaggi di debolezza della società pagare la buona uscita a d aversa e un grave errore non chiedere nulla per gervinho quando solo 1,5anni fa chiedevi 5 ml e un altro segnale di menefreghismo !! anche solo 100.000 o solo 10 eur come un giocatore di lega pro ma era un messaggio ai naviganti . Dopo lo credo che giuffredi ci sbeffeggia e idem quel procuratore di inglese li hai mai sentito fare quei ragionamenti sui assistiti di altre squadre no !! se sepe non
        lo pagano lo metti fuori rosa vedrai che giugfredi si da una mossa ! perdi 1.6 ml di eur ma il segnale vale molto di più IL lavoro di ribalta io lo giudico anche il 12 luglio se vanno in ritiro sepe kurtic gagliolo pezzella hernani karamou grassi flamini magari anche sprocati e nocciolini ahah allora per me parte con il piede sbagliato perché è gente che non farà gruppo creerà problemi e non serve allenarli c le altre squadre , li tiene a parma con un allenatore come fanno le altre squadre

        • 5 Luglio 2021 in 06:51
          Permalink

          Egregio Dott. Pablo, Neruda non direi, se nelle sue corde c’è una inesauribile vena per la polemica gratuita, nei confronti di Ribalta, per mettere pressione nella vendita di giocatori al momento invendibili se non a straccio mercato o in prestito gratuito, a parte qualcuno, nelle ultime giornate di mercato come sempre succede, dovrebbe coalizzarsi con un altro ultras dell’armiamoci e partite, e trovarvi davanti alla sede del Parma AC, per riversare sul Ribalta tutto il vostro malcontento da potenziali grandi DS frustrati.

          • 5 Luglio 2021 in 14:02
            Permalink

            onorevole già i politici siete poco amati in questo periodo per cui non voglio infierire non capisco di cosa mi accusi ??? ho solo detto che non avrei venduto gervinho per niente e non avrei dato 500.000 eur a d aversa ( netti ) ho fatto pressioni su ribalta ? ma cosa dici leggi bene ! ho poi detto che il 12 luglio certi giocatori che non fanno parte del progetto meglio non portarlo in ritiro perché non farebbero gruppo e quando uno fa la scelta di andare aziendalmente meglio separarli dagli altri non si portano in ritiro a sentire gli schemi questo e ‘ fare pressioni a ribalta xche li venda e il contrario esatto !! dico di non dare vola via è di tenerli fuori rosa . Poi abbi pazienza tutti i giornalisti di parma grossi and company scrivrvono la retrocessione un mese e mezzo prima se non altro ci darà la possibilità di programmare ripeto programmare !!! leggiti gli articoli quindi la pensavano come me ti sembra che l abbia usato bene quel vantaggio ribalta ? cosa ha fatto ? dopo 2 mesi doveva ancora parlare con lucarelli ..nessuna trattativa ( la famosa punta quando la compera ) nessun programma e siamo arrivati a luglio con il rischio di trovare sepe kurtic sprocati inglese karamou hernani gagliolo pezzella ecc. tutti in ritiro non si può dire che è un errore ? se tu la pensi diverso amen ma non offendo nessuno se per te sta lavorando bene sono contento le polemiche le fai tu sei tu che hai polemizzato sul mio intervento dopo di che cerco di spiegare ma se sei sordo amen ognuno rimane della sua idea premesso che io spero propio che azzecchi tutto e ci riporti in serie A

      • 6 Luglio 2021 in 07:28
        Permalink

        Concordo al 100%. Il procuratore di Inglese ha fatto un’uscita vergognosa!! Il suo caro assistito deve cominciare a pedalare per tornare ad essere un giocatore e ripagare la società per tutti i soldi di stipendio che ha tirato fuori, nonostante non si sia praticamente visto in campo negli ultimi 2 anni. Poi sarà il Parma che deciderà se potrà servire alla causa in B o no.
        Mi auguro che il procuratore, a freddo, possa rendersi conto dell’idiozia che ha detto e si vergogni almeno un po’!!! Giuffredi, purtroppo, sta facendo proseliti….

    • 5 Luglio 2021 in 01:33
      Permalink

      SIIBERIANHUSKY tutte le volte su mio intervento appari tu mi marchi propio come un grande stopper i , fin che si scherza ok ma per quanto riguarda me posso avere criticato ma sempre nel lecito. tu travisi la realta’ dai giudizi tranhant quelli si offensivi , leggi meglio e cerca anche di interpretare le parole esite anche l humor inglese sottile .Tu scambi ” il non rispetto per il lavoro altrui” per normali, normalissime critiche ma forse neppure critiche ma solo mie opinioni sempre nei limiti non leggo offese personali ( ribalta stesso sorriderebbe del prestito all atalanta a parte che parlo anche di tutti i ds e non solo lui ) Parlare di calcio e’ anche arlia e usare aggettivi un po’ carichi dire una battuta anche per ravvivare , dire una propria convinzione o provocazione magari errata ma sostenerla , ma in che modo vivi al ghiaccio della siberia ? mamma mia !!! ( quanti rispettabili commenda o cattolici allo stadio danno del cornuto all arbitro allora non rispettano il suo lavoro ) …… cose che normalmente si fanno al bar sport di cui i social sono la continuazione ……. i tuoi giudizi sono pesantissimi esageri sei papa bergoglio ?IN italia c’e la liberta’ di pensiero e parola ( costituzione ) e di idee! anche del lavoro altrui che si puo’ criticare pensa ai politici leggi un giornale nazionale e vedrai che critiche feroci sul loro operato mica arrestano i giornalisti o gli dicono che non hanno riapetto per un politico o per l altro i …… ….. tu scambi un mio pensiero non offensivo al massimo una critica sagace ( e se ribalta si fosse offeso non essendo il mio intento gli chiederei scusa ma e’ una persona troppo intelligente non ottusa …. ) per un non rispetto del lavoro altrui!! Ho detto i fatti nudi e crudi in 5 anni nessuna plusvalenza a parma e nessuna vendita reale per soldi puoi smentirla ? . Non posso dire che la buonauscita a d aversa e’ un grave errore a livello d immagine ? oltre che economico ,( ci sarebbe andato lo stesso ) devo dire bravo ribalta ? uno che sa come andare in serie A ( molto brutta come frase ) e che disse venderemo alle ns condizioni !! belle condizioni gratis (gervinho ) sono buono anch io di vender e anche con le buone uscite !! ( a d aversa ma non si dice ma non escludo anche a gervy come premio del bel campionato …….) ora chiunque le chiedera’ al parma di pagare parte dello stipendio !! per fin a sepe ‘ ……. Poi scusa ma dove vivi in che mondo? la tua affermazione il parma paga e allora non aspettatevi la fuga dei giocatori !! informati hanno gia tutti disdettato le case in affitto e comunicato ai loro procuratori e molti alla societa’ che volgliono andarsene in b non ci vengono , le mogli hanno gia’ salutato le amiche e se ne sono andate ( parma e piccola ) ………..quasi tutti per tua cronaca anche kucka !! secondo te kurtic vuole rimanere ? sepe ? pelle se ne andato ( lo volevano tenere la fidanzata ungherese ha fatto il salame ) pezzella idem , gagliolo lo ha chiesto esplicitiamente per non parlare di hernani gervinho si sapeva che non gli piaceva parma ma anche brugman karamouh vuole andare in francia l altro francese e gia a nantes flamini ,sprocati i giovani vogliono andare a giocare traore’ non vuole firmare con il parma il primo contratto da professionista cerca di vendersi al miglior offerente ecccc e cosi via ma potremmo continuare adesso si e’ aggiunto inglese quindi o non credono nel progetto parma o forse pagano ache gli altri informati meglio prima di scrivere i tuoi commenti ecumenici volemos tutti bene vivete e lasciate vivere

      • 5 Luglio 2021 in 19:52
        Permalink

        Ribalta è alle dipendenze del Parma solo da qualche mese. Se negli anni precedenti al suo arrivo l’unica plusvalenza si è fatta con la cessione di Mazzocchi, è a Faggiano e, marginalmente, Carli che devi muovere critiche.
        Il mercato è appena iniziato e il Parma ha già messo a segno acquisti importanti e che non si potevano dare per nulla per scontati.
        La società sta ripartendo da zero con un organigramma molto strutturato, è la prima volta che in Italia si copia dal professionismo USA sotto questo aspetto.
        Il passato è passato, inutile arrabbiarsi per quello che è successo. Bisogna guardare avanti

        • 6 Luglio 2021 in 08:23
          Permalink

          Bravo Siber ” It is what it is ”
          Forza La Nuova Parma

  • 4 Luglio 2021 in 10:53
    Permalink

    D’Aversa è lo sprovveduto Pinocchio che si fa incantare dal Gatto e la Volpe, Viperetta e Faggiano. Lo aspetta il paese dei Balocchi ma soprattutto il Mangiafuoco e la trasformazione in somaro. Dopo le parole dell’agente di Don Gnocchi Inglese spedirlo a calci in un sanatorio in riviera dal suo acquirente Faggiano credo sia il minimo. Che schifo!Che coraggio. Uno che in tre anni ha giocato 18 partite e gli manca solo l’asteinza sa siga elettronica tra le malattie.

  • 4 Luglio 2021 in 15:25
    Permalink

    E concordo con Pablo serve mettere pressione. A Cagliari hanno mollato qualche sacrosanto calcio (figurato) nel deretano e hanno cambiato marcia. Da noi gli ormai in età di pensione Boys, a parte farsi comparire da tutto il mondo con lo striscione contro Buffon si sono appiattiti sulla Bella età del CC del Manfro e nessuno a proferito mai un boffo di protesta.

  • 5 Luglio 2021 in 14:48
    Permalink

    ONOREVOLE E SIBERINHUSKY invece di essere solo polemici e pesare le mie parole vediamo se siete anche utili o qualche altro solone mi spiega una cosa che non capisco !ammettendo la mia ignoranza calcistica e non solo , mi sapete spiegare COSA SERVE IL RITIRO 12 gg AL PARMA ? io proprio non lo capisco il 13 o 14 luglio parte il torpedono maresca si volta e vede 28 /30 giocatori ma di quelli solo nella migliore delle ipotesi una decina fanno parte del progetto quindi 30% volgliamo esagerare 50 %! esageriamo ( tutti concordavate che andavano venuti tutti ….ora tenerne 10 direi che sono tanti non penso che ne possono confermare di piu anche perche’ i giocatori stessi volgliono andare via ) Ecco mi spiegate cosa serve il ritiro ? di solito serve1) per cementare il gruppo creare amicizie ecc secondo voi sepe hermani kurtic per dire ma anche tanti altri hanno volglia di divertirsi con i nuovi o fare gruppo o i miei dubbi per me sono con il telefono in contatto con il procuratore tutto il giorno .Poi e’ molto probabile che ci sara’ la porta girevole man mano che passano i giorni alcuni se ne andranno ecccc insomma li vedresti al telefonino e basta e dubito che sepe parlera’ bene ai nuovi di parma idem kurtic che getto’ la maglia eccc secondo voi saranno utile per fare gruppo ? si crea un gruppo ? se ,me lo spiegate 2 ) il ritiro serve per imparare gli schemi dell allenatore non ci sono dubbi e’ il momento principale in quel senso !! ebbene con solo 10 giocatori di cui solo 4 maximo 5 titolari cosa puo fare maresca giocare a briscola in 5 ? poi i vari kurtic gagliolo sepe pezzella avrano volglia di imparre e partecipare allo svolgimento dei nuovi schemi ? se non diedero la disponibilita’ a liverani ( va gia bene che andranno tutti in serie A e non passerenno informazioni alle altre squadre pensate se li incontrassimo nella stessa categoria ) se mi spiegate come fara’ maresca mi fate un favore Per cui se non serve per il gruppo non serve per gli schemi a cosa serve se me lo spiegate Qualcuno dira per la preparazione fisica ,ok la parte fisica pero’ allenando anche quelli che venderemo il colmo! li vendiamo gia pronti cotti e mangiati ………….Insomma seriamente mi spiegate a cosa serve che utilita’ reale puo’ avere un ritiro senza almeno il 70 /80% di giocatori definitivi ? io non lo capisco propio spero che qualcuno me lo spieghi

    • 5 Luglio 2021 in 15:36
      Permalink

      PABLO,
      chissà perchè tutti fraintendono quel che vuoi dire…
      In ogni caso lo spirito mi sembra tutt’altro che costruttivo, qualsiasi cosa si faccia era meglio fatta in un altro modo. Penso che sia sempre meglio incitare che giudicare altrimenti non si è supporter, ma spettatori (a volte neanche paganti).
      Se poi mi sbaglio scusa

      • 6 Luglio 2021 in 14:56
        Permalink

        caro ZALVERMAN hai perso un occasione per tacere mentre gli altri hanno capito che cerco di stimolare conversazioni e hanno cercato risposte tu solo polemiche .Apprezzo che ti sei scusato in anticipo sul tuo dubbio che io sia un spettatore pagante ( il colmo abbonato da 40 anni ) se no avresti propio fatto una brutta figura .
        Per la cronaca sono uno dei fondatori dei boys ma come gruppo facevamo tifo in forma aggregata ben prima del 1977 mi puoi facilmente identificare in tutte le foto di repertorio della gazzetta di parma quello centrale ai tamburi ero io certo con piu capelli !!davo il la’ ai cori con il tamburo ( allora li lasciavano portare e anche la mitica trombetta che dava la carica ) o quello dietro all unico invasore di campo del tardini ebbene si non si decideva la rete era stata divelta ma lui era titubante allora si lo ammetto ora io e altri 3 lo abbiamo di peso buttato dentro ahahah c’e la foto della gazzetta lui all arrivo dei carabinieri con le mani alzate e noi dietro a ridere scusa M…i , ti potrei raccontare che io e un altro dei fondatori non faccio nomi ma consigliere regionale da pochissimo scomparso abbiamo portato lo striscione a casa dopo l ultimo derby al mirabello in serie c xche lui masticva un po di reggiano salvo essere satti riconosciuti e li ho battuto il mio record personale sui 100 metri arrivando fra le braccia dei carabinieri in stazione …… dei sabati passati al bar petitot ove c’e una pizzeria a tagliare la carta per la domenica , potrei dirti degli acquisti dei fumogeni , delle mie 150 trasferte dal 1972 al 82 praticamente tutte allora altri tempi un unico pulman ( dopo come boys se ne faceva un altro ma piu avanti ) del parma club la madonnina davanti le persone anziane dietro i giovani il mitico gallina al primo posto perche’ faceva l imitazione della gallina piu’ volte richiesta …il mitico gardelli che si subiva cori indegni tutto il viaggio se ancora in vita gli chiedo scusa…….potrei raccontarti di trieste solo 56 con 18.000 che urlavano unione e noi un veloce pama’ tra i due unione che dicevano con cadenza lenta , potrei raccontarti dei vasi che ci tiravano le donne dai balconi dopo che con il goal di bonci li cosringemmo allo spareggio loro ero convinti di essere gia in b ,, potrei raccontarti di viterbo che al primo fallo di caneo che tu non saprai manco chi fosse un ns terzino noto picchiatore tutto lo stadio urlava assasini con il pugno chiuso verso di noi 40 , che a livorno in una bella giornata di sole non capivamo perche’ i vecchi avessero l ombrello l abbiamo capito dopo ………….potrei continuare per ore ma tu non capiresti certe cose vanno vissute per essere supporter come dici tu e tu purtroppo non le hai vissute

        • 6 Luglio 2021 in 19:49
          Permalink

          Caro Pablo, pensavo ci fosse libertà di espressione, ma almeno ora hai raccontato aneddoti che conciliano perchè tifare in effetti è anche vivere una serie di avventure al seguito della squadra.
          Io ricordo lo spareggio di Vicenza perchè andai in corriera e al ritorno questa si fermo per fare una sosta e dopo aver fatto scendere un pò di gente qualcuno decise che c’erano già troppe corriere lasciandoci a piedi, fortuna c’erano gli altri pulman. Alla prossima

          • 6 Luglio 2021 in 20:27
            Permalink

            ziverman naturalmente allo spareggio a vicenza c ero forse tu parli del secondo sarai più giovane di me ma se fosse il primo con l udinese forse sara’ perché ero giovane e le cose si vedono più grosse ma tanti pullman per una trasferta io non li ho mai visti una marea la colonna non finiva più tutti nei paesi della bassa mantovana e reggiana a guardarci tutti il viaggio con la testa fuori cose epiche ma penso che tu parli del 2 spareggio li andai in auto ma altra giornata storica anche li la colonna era magnifica niente a che vedere con cittadella per esempio già li il tifo era cambiato

          • 7 Luglio 2021 in 07:45
            Permalink

            Ero un ragazzino di soli 16 anni e i ricordi ormai sono piuttosto vaghi grazie all’età, ma era Parma Udinese e su quel pullman c’ero anche io, ricordo di avere fatto il viaggio di ritorno in piedi nel corridoio di un altro pullman, ma la gioia per la vittoria era tale che mi sembrava di viaggiare su di una nuvola.

    • 5 Luglio 2021 in 16:12
      Permalink

      Caro Pablo,
      ti rispondo io. A mio avviso parti da un assunto non corretto, ossia non penso che ci saranno così tante partenze, o meglio non sicuramente il 50% della rosa… Proviamo a fare i conti:
      – giocatori già ceduti/usciti 8 (Alves, Conti, Bani, Caviglia, Cyprien, Gervinho, Pelle, Zirkzee)
      – giocatori sicuramente in uscita 4 (Sepe, Kurtic, Sprocati, Gagliolo)
      – giocatori che potrebbero partire in caso di offerta vantaggiosa 5 (Pezzella, Kucka, Hernani, Karamoh, Cornelius).
      Chi è fuori dal progetto tecnico non andrà certamente in ritiro ma lavorerà in tranquillità sotto il caldo sole di Collecchio in modo da schiarire le idee di chi vuole fare il furbo.
      A mio avviso ci sono già circa una ventina di giocatori che faranno parte della rosa del Parma del prossimo anno e su quelli occorrerà lavorare sin da subito in ritiro. Il mercato è ogni anno più difficile, soldi non ce ne sono, poche squadre pagano regolarmente gli stipendi e per questo i giocatori ci pensano due volte prima di andare via da Parma. La nostra è una delle pochissime società finanziariamente ricche, gli altri lo sanno e quando siamo noi a chiedere i giocatori le richieste sono più alte. In più ci sono i procuratori che pretendono milioni di euro sui trasferimenti (questa è una enorme anomalia che andrebbe corretta e la Fifa si sta muovendo in tal senso).
      Ci saranno sicuramente altre entrate, ad esempio citi la punta, finchè ci sono in rosa Inglese e Cornelius (che comunque in serie B potrebbero essere un lusso se il capocannoniere dello scorso anno è stato il 33enne Coda già ben noto a Parma) non è possibile fare nuove entrate. Penso che Cornelius potrebbe aver mercato e potrebbe essere ceduto ma a patto che il Parma ritorni da quanto speso altrimenti resta qua.
      L’aria tuttavia è cambiata, le mosse fatte sino ad ora sono state tutte molto buone, inoltre Parma non è più un mercato del bestiame, se qualcuno vuole i nostri giocatori li deve pagare il prezzo che chiediamo altrimenti restano qua (proprio perchè non siamo alla canna del gas come altri).
      Fosse per me chiuderei il mercato il 31 luglio o anche prima ma purtroppo lo sappiamo come vanno queste cose per cui io penso che l’obiettivo di portare in ritiro l’80% del nuovo Parma è di fatto già centrato, ora serviranno quegli ultimi ritocchi, 3-4 giocatori di livello e magari qualche giovane da far crescere.
      Sempre e solo forza Parma

      • 5 Luglio 2021 in 19:40
        Permalink

        Sottoscrivo dalla prima all’ultima riga

  • 5 Luglio 2021 in 16:00
    Permalink

    Intanto Brugman ha detto che per lui è stata un’ottima stagione

  • 5 Luglio 2021 in 19:36
    Permalink

    Intanto Parma Today ci comunica che per il ritiro di Castelrotto, non partiranno alcuni degli assistiti di Giuffredi: Sepe, Laurini, Pezzella, Sprocati, che non rientrano nei piani del Parma, se la notizia è vera, questa è una graditissima presa di posizione nei confronti di un procuratore che non perde mai occasione per tacere, se si trasferissero tutti a Genova, sponda blucerchiata il cerchio si chiuderebbe.

    • 6 Luglio 2021 in 18:17
      Permalink

      Ottima decisione. Meglio far capire velocemente agli addetti ai lavori che per chi non rispetta la società le porte si chiudono.
      Nessuno degli esclusi dal ritiro è in scadenza di contratto.
      Quindi il saccente procuratore deve portare acquirenti disposti a pagare secondo le aspettative del Parma, altrimenti i suoi assistiti restano ai box.
      Può darsi che qualcuno di loro decida di trovarsi un nuovo agente perché non è facile per loro, specialmente dopo una stagione deludente come l’ultima, riciclarsi altrove.

      • 8 Luglio 2021 in 01:16
        Permalink

        sembra sia stato giuffredi a chiedere che non fossero convocati i suoi assistiti era la cosa giusta da fare ma sembra che è stato giuffredi non il parma purtroppo sarebbe stato un bel degnale .. …..

  • 5 Luglio 2021 in 22:01
    Permalink

    Se fosse vera la notizia stappiamo senza piocioare. Una bella purga di georgiana memoria a Rebibbia Giuffredi e ai suoi “assistiti”. A radio Marte e radio Vesuvio.

    • 6 Luglio 2021 in 17:04
      Permalink

      Direi proprio che sia vera… tutti a Collecchio a riflettere sulle loro scelte di vita

  • 7 Luglio 2021 in 00:25
    Permalink

    Un segnale forte nei confronti di un procuratore molto ben voluto dalla GdF. Questi personaggi dovrebbero essere espulsi dal calcio.
    Quanto a sopranzi, modestissimo calciatore degli anni 90, trovi una qualsiasi squadra nel mondo che paghi inglese e indennizzi il Parma.
    Siccome non succederà, baci il culo del Presidente del Parma che gli paga la procura per un calciatore che, essendo a un passo dalla tomba ( calcisticamente parlando), dovrebbe fare questo passo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI