CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL PARMA CHE VERRA’

(Gianni Barone) – Qualche anno fa, addì 2017, un vecchio ingegnere appassionato di calcio piacentino, mi segnalò un nome, dicendomi: vedrai, che abbiamo trovato il nuovo “ Gibi Fabbri”, si chiamava Alessio Dionisi, allora allenatore dilettante, al Fiorenzuola. E io quel nome me lo sono segnato e ho cercato di seguirlo negli anni, nella sua grande scalata al grande calcio, trovandomelo ora come il successore di De Zerbi, al sempre più sorprendente Sassuolo, con la missione di non arrestare l’evoluzione tecnico-tattica della compagine neroverde, ultima frontiera del calcio bello e propositivo che tutto il mondo calcistico ammira ed apprezza sempre più. Non ho verificato con precisione, il parallelo fra Dionisi e il mitico Gibi Fabbri, tanto per intenderci, allenatore del Vicenza dei miracoli ai tempi dell’immenso Pablito Rossi, a cui è intestato da quest’anno, il titolo di capocannoniere della serie B, ma tant’è. Di sicuro già dai tempi di Piacenza, anni 70, Fabbri faceva praticare, per l’epoca, un calcio avanzatissimo da noi, derivazione di provincia del calcio totale olandese, esploso a livello internazionale, con terzini a spingere su entrambe le fasce, con difensori e centrocampisti a scambiarsi i ruoli senza particolari imbarazzi, con una sola punta centrale sui generis e senza la presenza della figura vera e propria del regista. Era un calcio molto spettacolare che, però. pagava qualcosa dal punto di vista difensivo, fino ad un certo punto, tuttavia, visto che il sommo ed esimio Gianni Brera così aveva avuto modo di esprimersi per quella novità del momento: “Veramente, non avrei mai creduto che una squadra di provincia giocasse al calcio come il Lanerossi Vicenza”. Quindi con tale benedizione da parte del forse più grande sostenitore del calcio all’italiana, il mite ed umile Gibi ha proseguito sulla sua strada senza mai arrivare alla soglia di un grande club o della Nazionale, forse i tempi per cotanta realizzazione non erano ancora maturi. Ora: vedendo il Sassuolo di Dionisi, ancora molto “dezerbiano” al cospetto di un Parma “mareschiano” (magari al momento ancora solo mareschino) che regge un tempo bene, ma che punge poco, aldilà dei paragoni del passato con calcio espresso da tecnici emergenti, e a loro modo rivoluzionari, come Gibi, appunto, viene da chiedersi: ma reggerà tanta innovazione, e tanto coraggio, l’impatto con la serie B, nel caso nostro, e con la serie A, per la conferma di una piazza importante, ma pur sempre di provincia, in A, come il Sassuolo? Ecco: la gara di ieri qualche indicazione positiva da una parte e negativa dall’altra, al netto di tutte le attenuanti del caso dovute al periodo di riferimento, e di rodaggio in atto, potrebbe anche averla fornita, però esprimerla adesso, senza la dovuta cautela, sarebbe oltremodo azzardato. Ma chi ha il compito di commentare e criticare, per ruolo o per mestiere, qualche azzardo deve pur prenderselo – cosa non riscontrata nei media nazionali e locali – quindi azzardiamo noi, per parte Parma, ovviamente, il percorso di Dionisi, speriamo sia veramente parallelo a quello del Vicenza di Fabbri ammirato anche dal sommo Brera, per il bene suo e del calcio moderno. Il Parma, dopo l’urto di un match importante e difficile contro un avversario forte e collaudato, ci sembra ancora troppo incompleto a meno di quindici giorni, dall’inizio ufficiale della stagione, in troppi ruoli chiave tipo quelli finora ricoperti da Balogh, da Daniele Iacoponi e dal centravanti polacco, ammirato poco sotto porta, ma molto per le sue doti di corsa e resistenza al punto che ci viene voglia di affibbiagli il soprannome, tanto per rimanere in tema, di “Brusalerba” (non “Sbragaversi”, quello non c’è più da queste parti) lo stesso che era stato riservato al Giovan Battista Fabbri, giocatore, ala, anni 40/50. Infatti il mercato ancora molto può fare nel Parma che verrà: per poter verificare appieno la bontà del metodo attuato per la scalata nel prossimo torneo cadetto. Buone le intenzioni, buoni i movimenti: ma per attuare il gioco tanto vagheggiato serve qualche interprete in più, che al momento, o non è al massimo, o addirittura non c’è. Ed ogni riferimento ad Inglese, Vazquez, o all’acquisto di Tutino, o chi per lui, non è puramente casuale. Nell’economia del gioco difensivo, potrebbe non bastare e non reggere puntare su certi giovani come Balogh o Dierckx: servirebbe, a destra, come laterale nello schieramento a 4, o come braccetto in quella a 3, avere un elemento come Gagliolo, nella speranza che lo stesso non venga ceduto, perché se così fosse si aprirebbe una voragine di sicurezza e temperamento anche a sinistra (dopo che l’Atalanta si è appropriata di Pezzella). Tuttavia anche l’impatto di qualche reduce della squadra dell’anno scorso, sembra ancora da verificare, visti i mutati compiti richiesti e ci riferiamo a Kucka, ammirevole per impegno, ma ancora non ben calibrato in una posizione centrale più stanziale e meno dinamica. La rinuncia ad un regista vero e proprio, alla Gibi Fabbri, verrebbe da dire, come Brugman, o chi per lui, non sappiamo quanto sia auspicabile o definitiva, vedremo se non ne risentirà l’ordine della manovra, sempre ammesso che non si voglia fare a meno dello stesso per puntare su una serie di spostamenti utili a disorientare gli avversari solitamente molto avvezzi a contrastare, in B, assetto tattici molto statici e convenzionali. Il Parma che verrà dovrà cercare anche di sovvertire certi schemi tattici e mentali molto rigidi e omologati. O no? Eh? O no? Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

12 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL PARMA CHE VERRA’

  • 3 Agosto 2021 in 11:42
    Permalink

    il parma che verra’ deve ancora venire ,na godude preventiva ,un po come me quando penso a belen rodriguez ,questo di tanta speme oggi mi resta

    • 3 Agosto 2021 in 11:43
      Permalink

      ps: ma lo juniorcasale che fine fece ?

      • 3 Agosto 2021 in 12:22
        Permalink

        stopaj ti rispondo io.
        Lo Juniorcasale di cui conservo figurina dell’album Panini 1976/77 retrocesse nel 1980/81 e da allora fece pochissima C e tanti dilettanti. Allo stadio ho visto solo un Parma JuniorCasale del 1980 vinta 2-1 .
        Ho sempre nutrito molta simpatia per loro come per la Biellese, altra squadra sparita dai radar della C1 nel 1980.
        Roba da malato di mente , quale mi considero per il Parma calcio dal 1976 al 1989.

        • 3 Agosto 2021 in 12:23
          Permalink

          Ps il Casale ha rischiato di vincere la serie D l’anno scorso. Quest’anno meno bene

        • 3 Agosto 2021 in 12:49
          Permalink

          Io vidi un parma juniorcasale 1-0 rete di mario scarpa, ed era già un po che ci andavo al tardini e la pezzani era già li

  • 3 Agosto 2021 in 14:03
    Permalink

    L’anno della promozione in B 1978/79. Il mio debutto al tardini è stato in Parma Grosseto 0-2 nel 1977 , seguito da Parma Siena 0-0. Altri tempi, c’erano i gradoni allo stadio, altro che posti coi sedili.

  • 3 Agosto 2021 in 17:08
    Permalink

    Eh lo so ma non c’era la pandemia da Sars Cov2 19 con variante Delta. E gli stagionali dei tomaccari erano nostrani del sasso. E chi non si scantava e non trovava posto a catar su i pomi d’oro doveva ripiegare nel piacentino con le sigolle o allo zuccherificio che c’era tra la Lupa e la stazione.

    • 3 Agosto 2021 in 19:17
      Permalink

      esatto quando son via da parma e penso alla mia citta’ am vena in menta l’odor ed sigòli tomachi e dei tigli o meglio delle pocce coi fiori di tiglio che marciscono,digol a col ca gira con na bocia in ma par perma

      • 4 Agosto 2021 in 10:53
        Permalink

        e l’odor ed pisa in Pilòta?

      • 6 Agosto 2021 in 07:24
        Permalink

        Perma voladora?

  • 3 Agosto 2021 in 19:28
    Permalink

    Il calcio è una scienza semplice. Non occorre complicare ruoli e posizioni per dimostrare di essere bravi.

    • 14 Agosto 2021 in 10:38
      Permalink

      mai luogo comune fu piu’ veritiero,ci aggiungo che oltre alla scienza e’ un fatto geografico e di religione,mi sa che in america sia piu’ filosofia da quaccheri

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI