CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL PRIMO FLOP NON SI SCORDA MAI

(Gianni Barone) – Adesso con la storia che era già tutto previsto, e che le rivoluzioni non si fanno in un giorno, e nemmeno in un mese (con la speranza che si attuino almeno entro un anno o un po’ prima), tutti mettono un po’ le mani in avanti, in sede di commenti, per non bruciarsi in anticipo, garantendo quel minimo di tempo, per permettere all’idea, da molti condivisa, di compiersi. L’idea di un calcio offensivo, che s’impone, che comanda e che si fa valere sempre e comunque. A parole e sulla carta, tutti offensivisti e tutti ottimisti, poi, nella realtà dei fatti, tutti inclini a scoprire lacune sul gioco difensivo, uscite sbagliate dei singoli e quindi errori che generano goal subiti e via discorrendo. Con il coraggio di schierare due trequartisti come mezzale, Brunetta e Vasquez, paro paro a ciò che fa il “totem” Guardiola con il suo City, che non paga in termini di equilibrio e in termini di interdizione, al punto che s’invoca “l’incontrista” che non c’è, che non c’è mai stato, e che non è nemmeno stato inseguito o ricercato in sede di mercato. Lo spettro di una fase difensiva non curata e non esaltata, in sede di proclami o di presentazione del progetto, affiora, emerge e rende il tutto molto incerto, fluttuante dubbioso al limite del pericolo prossimo venturo. Qualche buona idea di gioco, qua e là, viene espressa e ripresa, ma non basta a cancellare del tutto la mancanza d’identità, ancora troppo invadente o prevalente. Sarà questione di singoli non adatti e non ancora adattati al meglio o sarà semplicemente che l’insieme (la retorica dell’amalgama) non si sia ancora, del tutto, “guardiolizzato”, pardon “mareschizzato”? Oi, oi, quanto pesano le etichette, le ideologizzazioni, le talebanizzazioni (ora piuttosto d’attualità) a meno di cinque giorni dall’inizio del campionato, dopo che la Coppa Italia, se n’è scivolata via, squagliandosi nella canicola ferragostana. Un Parma ancora un po’ troppo incongruo, questo è un dato di fatto, aldilà di tutte le attenuanti del caso esperite ed addotte sia da dentro che da fuori l’ambiente. Einstein si chiedeva: “è meglio essere ottimisti e sbagliare, o essere pessimisti nel giusto e nella verità?”. Stesso interroghativo che ci poniamo noi. L’universo degli scontenti sta prendendo piede troppo in fretta, e troppo presto, questo è scontato, tuttavia un certo tipo di scetticismo non si può dire che non sia suffragato a dovere, da quanto la squadra ha saputo offrire in termini, non dico di gioco, quanto di concretezza. Il fantasma della rivoluzione a metà dello scorso anno, che ha provocato sconquassi, va allontanato, al più presto e con forza, per non correre ulteriori rischi. Va bene lo scambio di posizioni, la pratica di geometrie nuove, la ricerca di idee, però pragmaticamente, non si può attaccare e basta o pensare solo a questo, e contro il Lecce qualche campanello d’allarme ha preso a suonare con vigore, occorre infatti prevedere e preparare a dovere, una fase difensiva, che a quanto pare, ultimamente, dalle nostre parti, che ci sia Liverani, D’Aversa o Maresca, sembra avere assunto contenuti e contorni alquanto esiziali. Bandire sempre troppo affrettatamente il catenacciarismo o meglio, per gli esteti della domenica, la solidità difensiva, potrebbe assumere lineamenti troppo rischiosi, in un torneo come quello cadetto in cui il gioco propositivo non trova, finora, frontiere e confini comodi o congeniali. C’è chi invoca la “sana ignoranza”, quando si è attaccati in fase d’impostazione o di uscita difensiva, forse non del tutto a torto, e chi invece sostiene che alla lunga la “famigerata” costruzione dal basso sia il toccasana per giovani e meno giovani generazioni di calciatori. Sarà, ma quando ti ritrovi a giocare contro gente come Coda, e compagnia bela, gli errori tecnici, di palleggio, o quant’altro, si pagano tutti a carissimo prezzo. Poi possiamo disquisire su tutto, che ancora molti giocatori importati non abbiano raggiunto uno stato di forma accettabile, che l’idea della prima punta è legata al recupero totale ed ottimale di Inglese, e che Tutino, come detto da Spalletti che lo ha avuto nel precampionato col Napoli, più che punta centrale, sia un “trequartistino” (testuale) o “centrocampistino esterno offensivo”, al pari dei vari Iacoponi o Man, schierati finora, o Mihaila, atteso al rientro. Si può dire di tutto, però qualcosa di concreto va fatto, qualche aggiustamento all’idea offensiva, in atto, e in cui si crede, va apportato, prima che sia troppo tardi e prima che ci si possa pentire amaramente. E visto che neanche uno come Einstein aveva avuto in materia la soluzione giusta – al discorso su ottimismo, pessimismo, verità ed errori – rimaniamo con i piedi saldamente piantati, sulla nuvola del dubbio. Che ci sia una terza via, di mezzo, da praticare per non scottarsi e per non farsi troppo del male, all’inizio, con tutta questa serie di teorie, belle, di bel gioco, ma appunto teorie, e trovare un livello pratico meno estetico, più crudele e un tantino più efficace sul piano della “rottura” dell’altrui manovra, visto da teoreti, di cui sopra, come qualcosa di blasfemo o sconvolgente. Meditate gente, meditate dunque. Ai “quaquaraquà“ di sciasciana memoria (ex cioccolaté) l’ardua sentenza. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

81 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL PRIMO FLOP NON SI SCORDA MAI

  • 17 Agosto 2021 in 08:28
    Permalink

    Come ha detto Maresca il Parma ha un problema mentale che si sta trascinando ormai da troppo tempo ed è un problema che non si riesce a risolvere anzi si aggrava sempre di più
    Va in vantaggio ma poi va nel pallone, non riesce più va connettere a ragionare e simbolicamente se la fa addosso dalla paura.
    Già da dall’anno scorso dissi che in questa squadra ci voleva uno psicologo per aiutare il gruppo ad uscire da questa situazione mentale che sta diventando per il tifoso e per loro umiliante.
    NON SONO STATO ASCOLTATO e questo è il risultato è sarà sempre così se nello staff medico non subentrerà uno psicologo.
    Se non si provvede immediatamente il campionato del Parma diverrà un inferno.
    Ci sono tante figure nella dirigenza del Parma inutili.
    Cavolo ma mettere uno psicologo che è la figura in questo Parma che manca di più.

  • 17 Agosto 2021 in 08:58
    Permalink

    Squadre difensive un par de balle, ho visto aggressività, organizzazione offensiva e difensiva ma senza barricate di daversiana memoria e tanta tanta tanta corsa, sarà forse il falso calcio d’agosto ma noi al cospetto siamo in altomare sotto tutti i punti di vista, con in più degli esperimenti che squilibrano la squadra in modo evidente. Venerdì la verifica alla attitudine di Maresca al masochismo, ma non credo sia così.

  • 17 Agosto 2021 in 09:27
    Permalink

    secondo me ci manca solo la donna cannone e un paio di trapezisti poi siamo a posto

    • 17 Agosto 2021 in 12:09
      Permalink

      A fer dal circo atghe pensi ti

      • 17 Agosto 2021 in 12:23
        Permalink

        dura ahn ? ,dai portog anca to moiera clas divertisa un po che a ster con ti ag vena la nòne

    • 17 Agosto 2021 in 13:59
      Permalink

      Di dice che la colpa della prestazione indecente da zombie dei giocatori del Parma scesi in campo. ( Brunetta e Inglese non c’entrano ) è della canicola di agosto e causa il caldo il Parma ha giocato da vomito
      Ma scusate.
      La canicola c’era anche per il Lecce o no ?
      Perché non diciamo chiaramente che chi ha messo in campo quella formazione ASSURDA con un centrocampo nullo e una difesa gruviera probabilmente aveva preso nel pomeriggio un colpo di sole non avendo messo sotto il micidiale sole di ferragosto il cappellino per ripararsi dal sole e in quel momento con il cervello accaldato e quasi cotto non era in grado d’intendere e di volere ?

    • 17 Agosto 2021 in 15:24
      Permalink

      Ora vi spiego perché preferisco Carli a Ribalta.
      Carli ha portato
      Man
      Brunetta
      Mihaila
      Rivalta non ha portato Buffon che invece l’ha portato IL DIVINO KRAUSE.
      Maresca ha portato
      Vasquez
      Juric
      Benedvxczah
      Tutino
      Jacoponi
      e altre mezze seghe e inoltre non riesce a dar via un giocatore in esubero
      Capirete quindi che il tanto criticato Carli
      era di gran lunga superiore a Rivalta e quindi siamo caduti dalla padella alle brace.
      Prendiamo poi Maresca.
      IO VI FACCIO UNA PREVISIONE
      Dopo la partita col Frosinone
      in cui Gigi sara’ ancora finto infortunato,
      se la difesa non offrirà garanzie a Buffon
      e si prenderanno i soliti due o tre gol a partita
      SUCCEDERA’ UNA COSA SICURA
      1) Rmarrà Buffon e Maresca sara’ esonerato
      2) Rimarrà Maresca ma Buffon chiedera’di essere ceduto
      3) Maresca si rimangerà le sue idee futuristiche e giocherà alla D’Aversa.
      In poche parole dovrà rinunce al suo gioco che farlo in 🅱️ è utopia pura
      Vedrete succederà una di queste 3 cose
      Buffon non è venuto al Parma per prendere goleade e chiudere con goleade la sua carriera.
      Quando ha firmato pensava di avere una difesa granitica e non una difesa gruviera
      Mai Buffon si era infortunato in carriera.
      Non vi sembra strano che appena arrivato è gia’ infortunato,?
      Dai, sveglia Paisà
      Vedrete Sepe rimarrà come secondo portiere se ovviamente Buffon se ne andrà
      dato che Sepe non lo vogliono nemmeno gratis.
      Nuovo Parma peggio del vecchio.

  • 17 Agosto 2021 in 09:45
    Permalink

    Considerando che gli unici rimasti dall’anno scorso sono i 4 dietro, la lista dei fragili psicologicamente si riduce parecchio.

    • 17 Agosto 2021 in 10:50
      Permalink

      non solo. pare che gagliolo voglia andarsene perche’ stanco e demotivato dalle scelte di calcio futurista di lierano e maresca che lo mettono nella condizione di difficolta’ perenne, osorio pare se ne voglia andare perche’ di giocare in B non se ne parla proprio, Inglese e’ un anno e mezzo che vuole cambiare aria, man e mihaila non sono per nulla contenti perche’ un anno come lo scorso potrebbe pregiudicare la loro carriera e vorrebbero cambiare aria.
      Se questo scienziato non smette di dire in giro fuori dalle telecamere che lui e’ qui perche’ e’ stato scelto per il suo calcio e le sue idee e intende portarle avanti, di questa squadra restano solo nuove macerie.
      Unica cosa da dire, che se dopo le imbarcate iniziali , marescheinstein venisse rimosso in favore di un tecnico normale, si potrebbe avere un effetto boomerang di autostima nei giocatori.
      Non cambio idea nemmeno, come spero, mi auguro e auspico, venerdi, in qualche modo si vincesse a frosinone.

      • 17 Agosto 2021 in 12:17
        Permalink

        Gagliolo vuole andare? Lo accompagno io al cancello

        • 17 Agosto 2021 in 12:33
          Permalink

          dopo a sinistra ci sarebbe garito…… ottimo prospetto ,ma te vuoi l’autodistruzione completa o bevi ?

        • 17 Agosto 2021 in 15:26
          Permalink

          Non è il solo a voler andare via.
          Il gioco di Maresca non piace a molti
          Buffon in primis

      • 17 Agosto 2021 in 15:46
        Permalink

        Figa metti le mani avanti è…….

        • 17 Agosto 2021 in 15:49
          Permalink

          X la partita di Venerdì…non si sa mai è????? A son bò anca mi

  • 17 Agosto 2021 in 10:02
    Permalink

    Ho letto con piacere questo articolo, scritto con una penna davvero godibile, da giornalista di altri tempi. Complimenti.

    Il punto focale tuttavia, gira sul dubbio che il tifoso Agostano avrebbe tra il criticare subito e l’attendere e sperare in un miglioramento.

    Ma a mio modesto parere la questione che il tifoso parmigiano e che tutta la cittadinanza dovrebbe iniziare a porsi è perché chi ha fatto si che dopo il fallimento osceno dell’epoca Ghirardi, esistesse ancora il calcio a Parma, abbia poi deciso di ucciderlo regalandolo ad autentico American Psyco che risponde al nome di Krause (the clown) che sta sistematicamente operando alla totale distruzione della nostra realtà con scelte tecniche scellerate e prive di logica e sapienza.
    È vero, lo yankee sta sperperando il suo denaro (sarà poi davvero così? Mah) ma I nefasti frutti delle sue azioni, ricadono tutti sull’onore di questa maglia che merita maggiore rispetto.

    Qua l’unica speranza è che passi presto questa sciagura di avere Krause come presidente.

    • 17 Agosto 2021 in 11:03
      Permalink

      Cerchiamo per cortesia di evitare gratuite offese a Krause esercitando si il proprio diritto di critica ma senza trascendere. Parimenti evitiamo di alimentare tesi strampalate circa le risorse che il presidente immette. D’ora in avanti saranno cestinati i commenti contenenti espressioni come yankee o peggio ancora clown et similarità. Peraltro la cessione ad un magnate facoltoso era quanto in tanti auspicavate nostalgici della grandeur di Calisto.

      • 17 Agosto 2021 in 12:29
        Permalink

        Bravo Majo.
        Criticare il Divino KRAUSE è come criticare tua madre che ti ha messo al mondo.
        E’ pur vero che senza IL DIVINO eravamo saliti dalla D alla serie 🅰️ ma è
        ALTRETTANTO VERO
        che senza IL DIVINO
        dalla serie 🅰️ saremmo scesi molto presto probabilmente in serie D o per fallimento o per demeriti sportivi per cui se siete VERI tifosi del Parma non toccate IL DIVINO nemmeno per scherzo e nemmeno per gioco
        altrimenti……..passate l’Enza

        • 17 Agosto 2021 in 12:40
          Permalink

          con gli amaracani hanno gia’ dato ,do you remember in september ,terra vento e fuoco

      • 17 Agosto 2021 in 14:16
        Permalink

        Ma egregio Direttore, ma come lo dobbiamo etichettare il presidente a stelle e strisce dopo lo scempio a cui stiamo assistendo dal suo arrivo?
        Trovatele voi giornalisti le parole corrette se quelle dei tifosi sembrano inopportune. Ma iniziate ad avanzare dei dubbi e delle critiche vere all’operato distruttivo di questa dirigenza perché è evidente a tutti fin da ora quale sarà l’esito anche di questa stagione, non facciamo finta di niente per inseguire il politically correct.

        La scorso campionato tutta Italia ha riso di noi. La maglia è stata profanato battendo ogni record negativo possibile.
        Sono stati acquistati giocatori privi di valori fondamentali per giocare in Italia a delle cifre assurde. Osorio, Valenti, Sohm, Man, Busi. È stato dilapidato un capitale per nulla. Vogliamo dirlo oppure no?
        Siamo scesi in serie B, e invece di cambiare rotta, si continua ad acquistare calciatori stranieri sconosciuti e mezze tacche strapagate ai procuratori amici come Tutino.
        È arrivato Buffon che doveva essere il leader e dopo il primo fracasso di stagione stiamo ancora attendendo una sua dichiarazione.
        Ma noi tifosi fino a che punto dobbiamo sopportare questo schifo?

        Ma avete idea di cosa sarebbe successo a Roma o a Napoli per la metà delle cose a cui stiamo assistendo qui dalla scorsa estate?

        • 17 Agosto 2021 in 14:52
          Permalink

          Si possono enumerare i fatti di cui sopra, evitando però le etichette che non è necessario affibbiare. Specie se offensive

        • 17 Agosto 2021 in 15:36
          Permalink

          Beh etichettare Man come una mezza tacca mi sembra da incompetenti.
          IL DIVINO KRAUSE SI E’ FIDATO e l’ ha preso ancora in quel posto.
          Troppo buono.
          Abbiamo tanti allenatori buoni in Italia ( vedi Lucarelli della Ternana) ma noi siamo andati a prendere un allenatore che la serie 🅱️ non la conosceva e un D.S. non all’altezza.
          Potevamo prendere Coda e invece e’ arrivato Tutino UDITE UDITE allo stesso prezzo.
          Dai, se non si retrocede con questo allenatore e con questo D.S. non si retrocede piu’ inoltre in società ci sono decine di persone che fanno quello che potrebbero fare la metà di queste persone mentre manca una figura FONDAMETALE nello staff medico come uno psicologo visto che i giocatori se vanno in vantaggio si cagano addosso come da prassi consolidata nel tempo.

          • 17 Agosto 2021 in 19:25
            Permalink

            Hai ragione man non è mezza tacca, facciamo tre quarti e chiudiamola li fra amici

        • 17 Agosto 2021 in 19:34
          Permalink

          vai tranki che quest’anno i navy seals son liberi da impegni afghani ,co gani po gli af gani

        • 17 Agosto 2021 in 20:10
          Permalink

          a roma te lo dico io, un tweet con #LIMORTACCIVOSTRA

  • 17 Agosto 2021 in 11:12
    Permalink

    Amico mio sono le stesse domande che mi pongo da un anno senza riuscire a trovare una risposta. Prova a chiedere su “feisbuc” al presunto fenomeno catalizzatore della vecchia cordata dileguatasi come Ghani all’arrivo dei Talebani. Anche se non penso in Turkmenistan ma in luoghi più ovattati.

    • 17 Agosto 2021 in 16:23
      Permalink

      Caro Davide,
      a quanto mi risulta Marco Ferrari effettivamente dal giorno successivo alla cessione il 18 Settembre 2020 non ha più messo piede a Collecchio. Ma Ghani e i talebani non c’entrano. Semplicemente chi paga, giustamente comanda e vuole ballare da solo, senza presenze ingombranti tra i piedi. Sostengono alcuni bene informati che il nostro avesse pure lasciato qualche buon consiglio sull’uscio, tipo affidarsi da subito a un DG italiano di grande esperienza e di non puntare solo sui giovani stranieri, ma queste son voci che si porta via il vento. Piuttosto non capisco questa tua insistenza nel ricordo dei tempi andati. Per anni in tanti avete sbertucciato la proprietà locale per il basso profilo, la mancanza di ambizione e il braccio corto, auspicando l’avvento di un magnate vero, decisionista, che trasformasse il brutto anatroccolo dei provinciali dilettanti in un cigno bianco con vision e management internazionale. E ora che tutto questo si è finalmente realizzato, che il Parma ha più soldi dell’Inter e più dirigenti poliglotti del Credit Agricole, mo co vot ancora da Fereri & Co?

      • 17 Agosto 2021 in 19:50
        Permalink

        eh ciao ,maledetto enteglament quantistico ,ahahahaha

  • 17 Agosto 2021 in 11:13
    Permalink

    E aggiungo direttore, di evitare inoltre di mettere in giro voci, tipo tizio e caio se ne vogliono andare per questo o quell’altro motivo, senza un minimo di prova o di fonte… capisco la delusione per questo inizio stagione e sono il primo ad essere deluso. Ma cominciare il 17 di agosto con ste voci senza senso e al solo scopo di destabilizzare ulteriormente l’ambiente mi sembra francamente troppo, e parimenti agli insulti, fossi nel direttore, centinerei anche queste affermazioni.

    • 17 Agosto 2021 in 11:30
      Permalink

      Hai ragione. La boiata dell’anno è quella che vorrebbe Buffon desideroso di scissione. Cagheda

      • 17 Agosto 2021 in 11:41
        Permalink

        Checchè se ne dica sempre nel lecito, son tornati i talebani del ducato, tremate, il parma è un dogma Majo il suo profeta, parma é piccola la gente mormora… Come il piave, non passi lo straniero! Soprattutto se ha attraversato l’atlantico come balbo, ma alneno il pilota era astemio

      • 17 Agosto 2021 in 12:01
        Permalink

        buffon vuole scindersi ? Oddio si dovrebbe scegliere tra la parte sotto e quella sopra. Buffon non va da nessuna parte. Purtroppo per il signor Simone T. le fonti ci sono e sono molto attendibili. Le stesse che parlavano della questione traore’, della questione bernabe’ , della questione kucka e altre ancora, sempre taciute o dette a mezze parole.
        Qui non e’ un problema di destabilizzazione ambiente , e’ un problema tecnico, tattico e di demotivazione giocatori.
        Prima viene compresa la situazione ( non credo che le voci che escono da casa madre siano ignote ai protagonisti), prima si risolvono i problemi nei modi piu’ consoni

        • 17 Agosto 2021 in 12:32
          Permalink

          ripeto ,schizzaglielo se no non se ne esce piu’ fuori,it doesn’t come out anymore ,cominciate a scrivere in inglese tutti che il nostro idioma fa male al re

          • 17 Agosto 2021 in 19:37
            Permalink

            Schizzaglielo? Se sapevo si stava girando un porno non inter…venivo..

        • 17 Agosto 2021 in 15:17
          Permalink

          Se le fonti ci sono e sono attendibili allora che si faccia nome e cognome e che ognuno si assuma le responsabilità di quello che dice, se sono cose vere che problema ci sarebbe? Alternativamente i commenti sono parole al vento che non valgono nulla

      • 17 Agosto 2021 in 18:10
        Permalink

        No caro Majo non condivido.
        Buffon non è infortunato e questo
        lo sanno tutti.
        Ma si metta nei suoi panni.
        Chi glielo fa fare a essere il
        portiere in una difesa allucinante
        forse la peggiore difesa d’Italia
        lui che vorrebbe finire la carriera
        a Parma ma con una difesa alla sua altezza
        Questa è una difesa dove i giocatori non sanno cosa fare dove perfino il Lecce entrava nella nostra difesa come fosse di burro.
        Vedrà venerdì Buffon non giocherà
        Dirà che è infortunato ma se la difesa
        dovesse fare ridere come contro il Lecce, vedrà che qualcosa succederà.

          • 17 Agosto 2021 in 20:02
            Permalink

            amazza oh che notula ,anvedi questo ,teribbile

    • 17 Agosto 2021 in 14:18
      Permalink

      Mi metto nei panni di Buffon.
      Chiudo gli occhi e m’ immedesimo in lui
      Sono voluto venire al Parma per chiudere alla grande il cerchio, la squadra è competitiva, sono consapevole che con i giocatori presi siamo.la Juventus della serie 🅱️
      Per questo porterò il Parma in serie 🅰️ ma poi partita dopo partita mi accorgo che la difesa è peggio di una gruviera coi buchi in è la conferma la,’ ho con il Lecce.
      Che faccio ?
      Siccome sono venuto al Parma per non prendere goleade, in un primo momento mi fingo infortunato per vedere se il mio giudizio sulla difesa è reale o campato in aria.
      Mi accorgo che la difesa invece è purtroppo peggio dell’anno scorso con giocatori ( vedi Sohm) improvvisati difensori.
      Prendo tempo, mi fingo sempre infortunato e poi dopo la prima di campionato in cui ovviamente saro’ sempre infortunato se mi accorgo che la difesa è veramente quella, ne parlo col presidente e mi faccio trasferire.
      Non voglio finire la carriera con goleade.
      Questo è il mio pensiero.
      Sarà sbagliato ma io se fossi in Gigi agirei così
      Sarebbe un atteggiamento sbagliato?
      Forse ma io agirei cosi per cui se Gigi la pensa come me è un infortunato…..alla Gervinho.

      • 17 Agosto 2021 in 19:35
        Permalink

        mi metto nei panni di buffon chiudo gli occhi e punto tutto sulla retrocessione del parma la danno a 50

  • 17 Agosto 2021 in 12:02
    Permalink

    Passano gli anni ma non cambia mai nulla purtroppo…veramente desolante.

    • 17 Agosto 2021 in 12:13
      Permalink

      gia’ nel frattempo i desolanti si puppano lignano sabbiadoro e lovisa ,are you ready for the concert ? look to the moon not to the finger

      • 17 Agosto 2021 in 13:59
        Permalink

        Be careful, you can find the finger very close behind the bottom…very close…very close….TAAC!

  • 17 Agosto 2021 in 14:30
    Permalink

    Comunque il dato politico come dicono i dottoroni pelati è che a marzo eravamo retrocessi e a fine agosto è ancora tutto in alto mare. Chi sono i responsabili di questo scempio non lo so, ma sta di fatto che in 5 mesi la società aveva il DOVERE di presentare alla prima di campionato una squadra pronta e competitiva. Cosa che ovviamente non c’è. E la gente si è giustamente rotta le balle di sconfitte, imbarcate, umiliazioni, gente che ciondola senza meta per il campo e gol presi. Krause, Ribalta, Galli, Pederzoli, Maresca, Pasta, il Mat Sicuri non mi interessa ma è ora di darci un taglio.

    • 17 Agosto 2021 in 15:27
      Permalink

      Caro Davide, purtroppo il mercato, specialmente in Italia, da che mondo è mondo, si fa negli ultimi 15 giorni (guarda quanti nomi sono in ballo in questi giorni, e non parlo del Parma). Se vai a giugno a chiedere un giocatore il costo è 10 se ci vai a fine agosto è 1, questa è la legge del mercato. Mentre se devi vendere a giugno li devi regalare mentre ad agosto magari qualche soldino lo tiri a casa. Quindi anche io avrei voluto una squadra completa ma non è possibile e nessuna squadra di A, B o Lega Pro lo è in questo momento. Poi io sono assolutamente favorevole a chiudere il mercato prima dell’inizio del campionato (anche il 31 luglio) perchè a mio avviso è aberrante come cosa.

      • 17 Agosto 2021 in 15:47
        Permalink

        LG posso condividere in parte la Tua analisi ma oltre a prendere vari attaccanti ( e attenzione a uno che finora non e’ sceso in campo che potrebbe essere sacrificato…) questi autoproclamatisi dirigenti hanno venduto tutti i centrocampisti, tesserando solamente Juric e mettendo ai margini Brugman oltre a non acquistare nemmeno un difensore, sia esso centrale o laterale.
        Sapere da 5 mesi che sei retrocesso e hai lacune in un paio di settori e non intervenire non ha alcuna scusante.
        Le altre squadre di B hanno gia’ rose definite, con ritocchi da fare.
        Qui devi ancora prendere giocatori poliglotti e multiruolo per maresca ( anzi no un terzino era stato preso ma non si sa oggi se potra’ mai piu’ giocare a calcio)

      • 17 Agosto 2021 in 15:57
        Permalink

        Condivido tutto parola per parola, sono straconvinto che i giocatori arriveranno e altri partiranno negli ultimi giorni di mercato.

  • 17 Agosto 2021 in 14:32
    Permalink

    Se speravano nella pazienza dopo l’annata scorsa hanno fatto l’ennesimo errore. La pazienza giustamente non c’è e la gente vuole VITTORIE. Dal basso, dall’alto a zona a uomo coi giovani o coi vecchi VITTORIE. La filosofia si fa al liceo.

    • 17 Agosto 2021 in 15:28
      Permalink

      Su questo commento sono totalmente in sintonia

  • 17 Agosto 2021 in 14:59
    Permalink

    Sottoscrivo in pieno gli ultimi due commenti di Davide.
    Visto che facciamo filosofia passiamo a Hegel . Tesi /antitesi e sintesi.
    Sintesi vale a dire divenire. Aggiungerei in ossequio a stopaj : movors e smummieros ch’iv rot al bali a basta

  • 17 Agosto 2021 in 15:07
    Permalink

    io penso che stiamo pagando una cattiva impostazione di squadra di canevari ,non si possono prendere piacenti borelli e cesati e pretendere di andare in serie b ,meno male che abbiamo trovato lo iowense si no saressimo a fare il derby con al bureg san dune’ ,tutti al ballotta ,ale’ ballotta ale’ ale’, ale’ ballotta ,ale’ ale’ ale’

  • 17 Agosto 2021 in 15:34
    Permalink

    Se questa volta dopo un mese siamo in alto mare e chiamare subito Ranieri, non aspettare Natale. Non c’è lo possiamo permettere.

    • 17 Agosto 2021 in 17:31
      Permalink

      Condivido scelta giusta

  • 17 Agosto 2021 in 16:23
    Permalink

    Sono tornati Moroni & Velenoso, sabato si tornerà a scrivere “vamos”….
    Nulla muta nel tedio

    • 17 Agosto 2021 in 19:14
      Permalink

      Si e Venerdì matenna as cucarema anca Parmaland?

      • 17 Agosto 2021 in 19:38
        Permalink

        No, no, tranquillizzatevi, ho tolto il disturbo da tempo….
        avrete altri argomenti di cui parlare

  • 17 Agosto 2021 in 16:24
    Permalink

    Coda non so più in che lingua dirlo. Calcio nel gnao a quel manuale di malattie di Inglese e dentro Coda. Un terzino destro vero, Busì e Sohm raus e un centrale di difesa oltre che un mediano. CODA MASSIMO.

    • 17 Agosto 2021 in 18:45
      Permalink

      Sapari Davide che il Parma aveva l’accordo fatto con Coda e il Lecce a inizio mercato.
      La condizione era la cessione di Inglese

  • 17 Agosto 2021 in 16:34
    Permalink

    Riassumendo abbiamo Gagliolo che vuole andare e che onestamente con i due piedi e la rapidità nei primi passi che si ritrova, penso che se la Salernitana avesse offerto 1,5 milioni sarebbe già là, Osorio che non vuole fare la B, ma che ha fatto per due anni solo la panca al Porto e allo Zenit e se qualcuno porta i 4 milioni che lo abbiamo pagato, glielo tirano dietro, Man e Mihaila che hanno fatto tre partite in due e che sono stati strapagati, con un procuratore furbone a caccia di soldi, che puntualmente ogni settimana tira fuori dell’interesse della Lazio per uno, che però vorrebbe il prestito, e degli arabi o i francesi del Lille per l’altro, sempre in prestito, a cui darebbero un ingaggio di 2.5 milioni l’anno, con la nostra società che risponde per meno di 20 milioni non se ne parla. Del nostro Buffon mi sono sempre chiesto cosa chi glielo facesse fare di venire a rischiare con l’esperimento Maresca, ma suppongo che abbia ricevuto ampie garanzie in tal senso. Non dico che ci sia da firmare una cambiale in bianco, ma almeno aspettare la fine del calciomercato e l’inizio del campionato per tagliare delle teste o no?

    • 17 Agosto 2021 in 16:53
      Permalink

      no

      • 17 Agosto 2021 in 17:11
        Permalink

        Talebano

        • 17 Agosto 2021 in 19:31
          Permalink

          tez che lilu’ le bo ed fer al tuit con na bandiarenna dl’afghanistan ,e ghe vo ed vint’an in tal kabul cle bo ,co dit

          • 17 Agosto 2021 in 19:56
            Permalink

            🤣🤣🤣🤣

    • 17 Agosto 2021 in 17:53
      Permalink

      E’ tutto estremamente corretto.
      Tagliare teste no.
      Non si puo’ ricominciare ogni mese con qualcosa di nuovo.
      Basterebbe avere la testa sulle spalle tutti quanti e guardare cio’ che si e’ fatto, ponendo un rimedio vero.
      Vorrei vedere venerdi sera che, risultato a parte, Maresca ha modificato qualcosa di piu’ del metto schiattarella e tolgo Vazquez o Brunetta o peggio ancora Juric, vedere che non soffre di d’aversite nella gestione del secondo tempo, vedere che dagli errori macroscopici commessi in oltre un mese, qualcosa si modifica ( per me e’ aberrante non aver preso un terzino mediano centrale o come cazzo lo vuole maresca , lunedi dopo la partita col lecce), sentire un dirigente parlare di calcio dalla parte della societa’ e non solo delle sue tasche, usando frasi fatte che nemmeno i giornalisti della gazzetta di parma usano piu’ e capire che quest’anno si punta a vincere.
      In modo serio, concreto ed effettivo, non con proclami.
      Sono stanco di personaggi presentati come semidei e che poi davanti a Gozzer il gozzeriano si vaporizzano senza piu’ riprendersi.
      Sono stanco di sentire scuse puerili e alibi, tipo domenica, alla Jose’ Buonservizi.
      Sono stanco di incazzarmi ogni volta che il Parma viene umiliato e surclassato da squadre della minchia, solo perche’ qualcuno vuole difendere a zona in mezzo all’area di rigore e gioca con 5 attaccanti, mobili come gli omini del subbuteo , senza mettere un solo uomo a recuperare palla, vedendo juric che fa assist no look o sohm che fai colpi di tacco

  • 17 Agosto 2021 in 16:55
    Permalink

    spero di essere stato circonciso,nel senso che mi sarei rotto i coglioni e tagliato il filetto

  • 17 Agosto 2021 in 18:01
    Permalink

    Comunque che sta manica di dormiti senta la pressione e che si sveglino perché perdere a Frosinone sarebbe già inaccettabile. L’isola felice è quella dove vado a comprare le crocchette per il cane.

    • 17 Agosto 2021 in 20:04
      Permalink

      devo dire che i “dormiti” e’ molto bella ,vendi i diritti a preziosi ci fa le statuine del fu parma ac e vai di marketing che kalma a ghe gnan d’avis ve

  • 17 Agosto 2021 in 18:05
    Permalink

    La campagna acquisti ha modificato la rosa quel tantino giusto per fare una squadra materasso perfetta anche per la serie B. Esattamente come l’anno scorso si prendono sempre due o tre gol a partita e se per caso si passa in vantaggio poi si subisce la rimonta. Questo Parma è un de ja vu! Le schiappe portate da Carli ed il caos organizzativo sono ancora qui ed il risultato si vede in campo. Maresca per ora non ha cambiato una virgola.

  • 17 Agosto 2021 in 18:10
    Permalink

    @ Stopaj, secondo me hai assorbito un po’ troppo vino quando eri sul collo della bottiglia.

    • 17 Agosto 2021 in 19:19
      Permalink

      🤣🤣🤣🤣🤣 mi strabucco dal ridere

      • 17 Agosto 2021 in 19:29
        Permalink

        eh anchio quando ti intravedo mi sgargnaplo ,no dai sei molto bello ,huhuhuhu

    • 17 Agosto 2021 in 19:47
      Permalink

      di che ano e’ ? lo so che il galateo, che lei ben conoscera’, sconsiglia di chiedere l’eta’ di una dona ,le sono vicino in questo momento difficile si faccia coraggio

  • 18 Agosto 2021 in 08:33
    Permalink

    Oh ma esistono i moderatori qui dentro? Di 71 commenti scritti, più della metà sono zanate scritte da fake e pseudotali. metteteci anche la mia nel conto se volete ma Stadiotardini sta diventando illeggibile.
    Direttore mi rivolgo a lei nella speranza che lo spazio commenti torni ad essere un prezioso contenitore di critiche e pareri perlopiù costruttivi non un ammasso di schifezze scritte dai soliti 3 o 4 da TSO che devono fare i buoni e si danno un tono con i soliti taglioni e battute del cavolfiore ad uso e consumo loro.
    Che poi ad onor del vero queste persone so chi sono dal vivo e mi meraviglio che scrivano così. Crescere no eh che è ora?

    PS> Mi dispiace che Morosky non scriva e non commenti più, peccato perchè i suoi spunti e le sue rubriche le leggevo con piacere. ma torniamo al discorso di prima. Rimangono i c******i e vanno via quelli che mettevano qualcosa di buono qui dentro.

    • 18 Agosto 2021 in 13:07
      Permalink

      Mi cospargo il capo di cenere, ma quando vengo attaccato da taglioni intimidatori, come li hai definiti, per niente costruttivi, e vedo l’intervento di chi dovrebbe essere moderato (Morosky) o esserlo stato, che invece ha sempre incoraggiato e si è sempre dato gran pacche sulle spalle con tali personaggi, intervengo vedendo la deriva e la piega che si sta prendendo cercando di dare qualche colpo anche io, ora dispiaciuto me ne torno nel mio nido e chiudo.

      • 18 Agosto 2021 in 21:31
        Permalink

        Sottoscrivo! Ora fa la vittima chi aveva favorito il degrado del sito facendo da spalla a certi personaggi. Siamo arrivati al punto di vederci sospendere i commenti. Gravissima responsabilità da parte di un opinionista che sosteneva il narcisismo debordante di persone solo perché erano amici suoi. Dico questo perché ho voluto sinceramente bene al sito.

    • 18 Agosto 2021 in 13:43
      Permalink

      Vedi Nolan, hai ragione, ma internet è questo. E “moderare” è complicato perché il moderatore è comunque una persona che ha una opinione, e pertanto diventa difficile dire “questo sì, questo no”, a parte ovviamente i commenti volgari o offensivi.
      Da sempre questo punto di ritrovo diventa alternativamente:
      – uno sfogo per chi la vede nera, quando si perde
      – una rivincita per chi è ottimista, quando si vince
      e ahimè sarà sempre così.
      Lo sai benissimo che chi predica catastrofi se ne sta bello zitto quando si vince, chi dice che sono tutti menagrami spesso non ha argomenti quando si perde e semplicemente accusa gli altri di “testaquadrismo”. Lascio poi stare le bandiere al vento, che sono pronti a scrivere tutto e il contrario di tutto pur di veder letto il loro commento, mi ricordano alcuni politici di professione.
      Ma mettiti il cuore in pace, la fola lè costà chi. Fai come me: scrivi il tuo parere, positivo o negativo che sia, lascia perdere le provocazioni da tastiera e salta i commenti idioti.
      L’anno scorso ho provato a dare fiducia alla squadra, poi a Novembre, dati alla mano, non ho potuto far altro che ammettere che mi ero sbagliato. Mi piacerebbe sperare che quest’anno vada diversamente, anche se non nascondo le grosse, grossissime perplessità attuali.
      In sostanza il moderatore fattelo da solo, vedrai che funziona benissimo!

  • 18 Agosto 2021 in 13:28
    Permalink

    Pienamente d’accordo con Nolan. Se si vuol far crescere di interesse questo spazio commenti, è necessario filtrare maggiormente gli stessi, perchè come dice Nolan, la quasi totalità sono cagate, battute forzate e critiche solo allo scopo di alimentare la fiamma delle critiche…veramente quasi illeggibile. Per non parlare poi delle solite voci “tizio vuole andare”,”caio ha detto…”..ma basta. avete fiaccato!!!

    • 18 Agosto 2021 in 18:12
      Permalink

      Il problema è che non vi siete ancora andati a nascondere, quello si, continuate così che io godo

  • 19 Agosto 2021 in 09:32
    Permalink

    Stopaj il problema invece è che alle tue battute ridi solo tu, motivo per il quale ti consiglio di nasconderti tu per primo, anche se già lo fai dietro i tuoi mille nickname

    • 19 Agosto 2021 in 09:41
      Permalink

      quindi se rido solo io quale sarebbe il problema ,spiegom anima pura che invece ha solo un nick
      io vorrei che i signori politicamente corretti col culo altrui si andassero a rileggere d’ogni tanto
      se volete scrivere sui vostri salotti di stocazzo esclusivi fatevene uno e fora di bali

  • 19 Agosto 2021 in 11:31
    Permalink

    Aldilà di qualche battutaccia che ci può stare per stemperare gli animi, perché il calcio se permettete non va preso per un dogma, le cose serie sono ben altre, la politica per esempio, penso che molti di voi basandosi sulla passata disastrosa annata, hanno già messo una croce da mesi su tutto quello che è e sarà l’operato Krausiano, dalle scelte dirigenziali alle scelte tecniche, se vi lasciassero entrare a Collecchio sono sicuro avreste da dire anche su chi taglia l’erba dei campi, per non parlare del nutrizionista, ma avete notato come correvano Domenica i nostri, probabilmente stavano ancora digerendo il cotechino dal mezdì, ordinato probabilmente da Ribalta alle sorelle Picchi, la verità in fondo è che a questa squadra fondamentalmente non serve un allenatore con idee cervellotiche e futuristiche, ma di un Mental Coach, quella di Marcel Jacobs sarebbe l’ideale, ha trasformato un ronzino in un purosangue.

  • 19 Agosto 2021 in 17:16
    Permalink

    Caro Stopaj, non so se hai 15 anni o 70, perchè da come scrivi tutto è possibile. Il classico leone da tastiera che nulla da in termini di conversazione.
    Per questo motivo non replicherò più a nessun tuo commento per non cadere al tuo stesso livello e allo stesso tempo mi auguro di leggere sempre meno tuoi interventi, anche se non è mai facile capire dietro a quale nome ti nascondi. Augurandoti buon divertimento ti saluto con affetto.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI