CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARMA BIFRONTE

(Gianni Barone) – Proprio come Giano, Ianus, il Dio latino degli inizi materiali e immateriali che aveva due facce, una rivolta al passato e una al futuro, il Parma dell’esordio di campionato in Ciociaria ha proprio due facce ben distinte, una diversa dall’altra: quando attacca e sa attaccare è bellissimo, quando difende, pardon quando non sa difendere, è bruttissimo o debolissimo a seconda delle angolature. Eppure, dopo 20 minuti roboanti (per dirla alla Buffon, ieri particolarmente impegnato e incavolato coi suoi compagni di difesa) con giocate rapide e movimenti che fanno girare la testa agli avversari, ecco che è arrivata, puntuale, l’amnesia sul primo gol, banale sin che si vuole, ma immancabile, poi rimediata dalla giocata “quasi di rimessa” sull’asse Vazquez (quando sarà in forma sarà importante), Brunetta (già molto in forma e ficcante), con goal di Tutino già “agueriano” al punto giusto. Poi, in pieno stile ripartenza (toh, chi si rivede con piacere…) la fuga e toccata di Brunetta per il tocco sotto vincente di Man: tutto molto bello, chioserebbe Pizzul, tutto da applausi come da copione previsto, contropiede a parte, che è fuori dal repertorio usuale del gioco di proposizione e dallo spartito che tutti si aspettano. Al che, con l’uscita di Tutino, e la pressione del Frosinone, super esaltato dal duo di telecronisti di Helbiz live, (una delle tre piattaforme che con Dazn e Sky segue in diretta la B: ma che inutile abbondanza, sarò oscurantista, ma che bello quando c’era solo il tempo di una partita di calcio in bianconero, commentata dal furlano) ecco che il Parma arretra il proprio baricentro ed alza un muro che resiste fino a pochi attimi dalla fine, anche in questo caso, dopo tanti proclami di calcio che comanda, ciò che non ti aspetti e non ti saresti mai aspettato dalla Maresca boys, come non ti saresti mai aspettato che, nel primo tempo, dopo poco convinti inizi di costruzione dal basso, Buffon si spazientisse e, violando le consegne, lui si che se lo può permettere, decidesse di rilanciare il pallone lungo alla ricerca in avanti del trio o quartetto “fantasia” capace di accendere la luce e creare pericoli al Frosinone. Tutto fa brodo, geometrie e consegne violate comprese, nell’economia di una B che va affrontata con spirito di combattimento, però la fase difensiva, sconosciuta a più di uno dei difensori Crociati, e non, mi macchio di delazione facendo i nomi degli interessati visto che molti altri lo hanno già fatto e lo faranno, andrebbe non dico rivista, ma presa con un pizzico in più di passione per la marcatura stretta tipo “fag sentir l’osel”, in area e non solo. E per finire una rubrica nella rubrica: la pagella per i commentatori sportivi che ci fanno assaporare con le loro parole la nuova stagione cadetta. Abbiamo scelto Helbiz live, non per mobilità sostenibile, ma per economicità: quindi un bel 4 al telecronista (Raffaele Pappadà) che ha pronunciato invano la parola modulo, da aborrire, per ragioni ormai note, diverse volte, molte, troppe e poi si è dimostrato impreparato, ha scoperto, ad esempio, solo a partita in corso che Sohm si disimpegnava da terzino in una fase e da mediano nell’altra, cosa che il medesimo ha sempre fatto in precampionato. Per fare il telecronista non basta urlare e “frinire” (già come le cicale) ad ogni piè sospinto, bisogna conoscere bene le squadre e la materia. 5 invece al commentatore tecnico, Jeda, ex calciatore di Rimini, Palermo e Cagliari, tra le altre, troppo verboso è troppo complimentoso con il telecronista dispensandogli troppi “ bravo” o “ bravissimo” neanche fosse il Trap dei bei tempi andati. Ma bravo de che? Invitiamo, nello spazio commenti, i lettori che visto la partite sulle altre due piattaforme, ad esprimere il loro giudizio sui commentatori di Sky e Dazn. Grazie. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

33 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PARMA BIFRONTE

  • 21 Agosto 2021 in 18:52
    Permalink

    Sono finiti i soldi come ai tempi della B dei 7 e del cinese che dopo gli acquisti dal Carpi siamo stati senza centrocampista fino al secondo anno di A? Cosa si aspetta a prendere terzino, difensore centrale e centrocampista?E perché Buffon non è capitano?

    • 22 Agosto 2021 in 12:12
      Permalink

      Penso proprio che Krause non voglia piu’ spendere, si è rotto le 🍒
      Ha visto che i risultati non cambiano e il gioco non è un pervenuto.
      Una difesa allucinante che andrebbe cambiata tutta perché, Buffon a parte, è una difesa da Lega Pro composta da giovani acerbi che prima di fare la serie B dovrebbero fare ancora tanta ma tanta strada e mangiare tanta ma tanta…polenta.
      In difesa ci vogliono veterani che noi non abbiamo e che le altre squadre hanno
      Manca un Valdés.
      Eccone se manca specialmente nelle palle alte.
      Se non hai una difesa forte non vai da nessuna parte.
      LO DICONO LE STATISTICHE
      Arriveremo decimi o undicesimo non di più.
      NOI PRENDIAMO SEMPRE DAI DUE AI TRE GOL A PARTITA DA METÀ MARZO
      NELLE ULTIME 4 PARTITE LI ABBIAMO PRESI CON SASSUOLO INTER LECCE FROSINONE.
      COSÌ NON VA
      PER NIENTE.
      CAMBIANO GIOCATORI
      CAMBIANO ALLENATORI
      MA È SEMPRE LA STESSA FOLA
      GIOCO BRUTTO
      DIFESA GRUVIERA e
      CENTROCAMPO HURRIBILIS
      Serie A?
      Ma fatemi il piacere.
      Krause da che la difesa è un allucinante, il mercato è ancora aperto ma lui si è un stancato.
      Si sta disinamorando della squadra, lo si può capire visto i soldi spesi e le prestazioni del centrocampo e della difesa.
      Non prenderà in più nessuno e se potesse tornare indietro….
      Penso che stia cercando un compratore…..

  • 21 Agosto 2021 in 21:16
    Permalink

    Ho visto la partita su Sky. Alla decima volta che il telecronista ha pronunciato Brunetta alla francese ho tolto l’audio e ho ascoltato la radiocronaca di Church (Carlo Chiesa)

    • 22 Agosto 2021 in 09:12
      Permalink

      non ho colto questa sfumatura ,ero troppo intento a guardare la costruzione dal basso ,essendo stopaj posso dare giudizi da un punto di vista privilegiato,dal basso ho visto un canotto …con cla squadrasa chi am tòche fer dal snorkeling senza andare sul mar rosso

  • 21 Agosto 2021 in 21:44
    Permalink

    Ieri più che Guardiola, direi un misto tra Zeman e Bielsa. Almeno non ci siamo annoiati.

  • 21 Agosto 2021 in 22:37
    Permalink

    Pederzoli è andato in ferie o il bussolotto è vuoto?

    • 22 Agosto 2021 in 09:18
      Permalink

      come si dice noi a parma capitale dell’urocultura 2021 (vedi sebach piazzati dal perito)

      al sior pedersoli al conta tant cme il du ed bastò e sòte ed briscola i ghen i spedi

  • 22 Agosto 2021 in 10:41
    Permalink

    Speriamo che prima del festival del parsutto che insieme al Cibus 2021 come si sa è l’evento massimo del Territorio delle tomacche, delle stabiare e delle soffiatrici per le bottiglie la catena di comando spagnolo olandese svedese e che vede il povero Pederzoli come ultima bocca di fuoco riesca a sparare i colpi.
    P.S. che rinforzo il Genoa con Hernani!!!!Sembrava un morto che ciondola

    • 22 Agosto 2021 in 11:27
      Permalink

      noi invece gli ultimi 30 minuti sembravamo un camposanto ,10 croci piantate davanti a buffon il becchino,infatti ne ha beccato uno alla fine, prima della chiusura ,che rubava il rame delle grondaie che kamara manco ci arriva

  • 22 Agosto 2021 in 13:21
    Permalink

    Mentre in attacco siamo in sovrannumero e qualcuno dovrà essere ceduto ( man, Tutino, benedyczak, iacoponi, mihaila, inglese, Correia, brunetta a cui aggiungiamo pure sprocati e karamoh) , a centrocampo siamo sotto numero. Juric, non ancora pronto per il calcio italiano e non a proprio agio nel ruolo che mastrociliegia gli ha inventato, schiattarella, Camara e brugman ( se resterà, così simone t.non si offendera’ nelle leggere notizie che escono dal suo ampio schema mentale). Non abbiamo né titolari né cambi all’altezza. Dietro poi è incredibile. Tre centrali : valenti, Balogh e Osorio ( anche lui…) dierckx che non interessa al mister, due terzini inutilizzati ( Busi e zagaritis) che il mister non vede un giocatore senza idoneità sportiva e un…….che ha cambiato sette ruoli in un anno e che il Tesla de noatri vede terzino. Spero che la proprietà voglia veramente vincere il campionato, che la dirigenza acquisti almeno 4 giocatori in questi ruoli e quell’altro cominci a utilizzare tutte le risorse che ha a disposizione. Se si vuole andare in A è il momento della coerenza e non delle balle.

    • 22 Agosto 2021 in 14:13
      Permalink

      Guarda che il parma srl non è più un azienda con portafoglio clienti, è uno spazio ludico privato ad uso familiare

      • 22 Agosto 2021 in 19:40
        Permalink

        Ha parlè sinalcol pighè

  • 22 Agosto 2021 in 15:17
    Permalink

    Ho sottolineato anche io che la rosa presenta buchi in certi reparti e come ho scritto l’assenza di cambi all’altezza è stata la principale causa della non vittoria a Frosinone.
    Probabilmente il settore numericamente più deficitario è il centrocampo dove al momento vi sono solo 4 elementi sicuri (Juric, Sohm, Schiattarella e Vazquez) ed un quasi primavera (Camara). Gli altri elementi o sono in uscita (vedi Brugman) o infortunati per tempi lunghi (Bernabe). In più c’è Brunetta che farà il trequartista / Jolly in diversi ruoli.
    In attacco non siamo in sovrannumero o meglio, sulle fasce vi sono 4 disponibili (Man, Iacoponi, Mihaila e Correia) e 3 in uscita fuori dal progetto (Sprocati, Karamoh e Siligardi). Il tema è la punta, abbiamo Tutino come titolarissimo, poi il resto è nebbia in quanto c’è Inglese che non so quanto sarà arruolabile (a proposito ho anche sentito voci di possibili scambi ma tutte operazioni difficili) e poi Benek che mi sembra ancora troppo acerbo. Occorre una punta che possa fare il vice Tutino e che dia garanzie in serie B (a me andava benissimo anche un Paloschi, andato a Siena in LegaPro, o un Di Carmine).
    In difesa manca un terzino destro di ruolo che sappia anche impostare (a me piace Caceres che è svincolato) e poi un centrale esperto (i nomi usciti sono quelli di Romagnoli e Ceppitelli).
    Sono fiducioso in quanto la società nelle ultime dichiarazioni rilasciate alla stampa, alcune settimane fa, in ordine al mercato, aveva assicurato che sarebbero arrivati ancora diversi elementi. Inoltre come potete notare vi sono diversi slot liberi per calciatori over, altro indicatore che degli arrivi ci saranno. Questa settimana molti esuberi di squadre di A dovrebbero cominciare a muoversi, vediamo se il mercato si accende.
    Sempre e solo forza Parma

  • 22 Agosto 2021 in 15:19
    Permalink

    Premesso che penso la campagna acquisti finora attuata più che soddisfacente, dal punto di vista dell’attacco, appena sufficiente con mancanza di almeno un altro centrocampista di sostanza da considerare un titolare, per il centrocampo, insufficiente la difesa, con un Osorio spensierato a tal punto, da fare passare un pallone su un cross semiteso abbassando la testa a centroarea, favorendo la conclusione di coscia di un giocatore del Frosinone fuori di poco, roba da matti, saltando a vuoto per cattivo piazzamento sul pareggio, Gagliolo costantemente in affanno contro giocatori che lo scorso anno giocavano in C, Valenti in panchina, a cui è stato preferito Balogh, che effettivamente non ha demeritato ed è l’unico in crescita, appare evidente e palese che questi giocatori per crescere,
    hanno bisogno di un centrale di esperienza, veloce che guidi la difesa, assolutamente indispensabile come il pane e mi chiedo cosa si aspetti, ultimo punto che merita un capitolo a parte il caso Sohm, sono anche io d’accordo con altri che, visto il giocatore deputato a questo ruolo, Bernabè non si sa quando tornerà e vista l’inadeguatezza di Sohm, se non è il caso almeno momentaneamente tralasciare l’esperimento, tornando al tradizionale, vedendo anche il potenziale offensivo che abbiamo e gli uomini adeguati in costruzione. Allora, il quesito che si pone a questo punto è…..era il caso, se non ci sono più soldi, o se i soldi sono stati spesi e male lo scorso anno, se abbiamo sul groppone una serie interminabile di giocatori e ingaggi di cui fai fatica a liberarti e non servono alla causa, in ruoli non contemplati dagli schemi Marescani, prendere un allenatore così integralista da non modificare di una virgola le sue concezioni, neanche davanti a dei “momentanei”palesi fallimenti?

  • 22 Agosto 2021 in 16:55
    Permalink

    Tutto giusto.Il tempo delle cannelle iniziato un anno e un mese fa è finito. E vorrei anche sapere perché Buffon non fa il capitano. Davo per scontato che se le ho fatto Alves che in tre anni a parte collezionare contravvenzioni stradali più di Budan non ha mai proferito una favella nella lingua di Dante avrebbe potuto farlo anche Buffon. È forse un ammiccamento ai Boys? Se così fosse cadiamo nel farsesco neanche nel ridicolo.

    • 22 Agosto 2021 in 17:56
      Permalink

      Buffon non fa il capitano perché è più pratico che lo faccia un giocatore di movimento, visto che si spera che le azioni si sviluppino lontano dalla nostra area

      • 22 Agosto 2021 in 21:22
        Permalink

        Mo se ien sempor li 🤭

  • 22 Agosto 2021 in 21:06
    Permalink

    Se il Monza è la nostra avversaria principale posso dire che dormirò sonni tranquilli.

  • 22 Agosto 2021 in 22:40
    Permalink

    Molto bene Cremonese, como e Brescia. Al Monza manca un attaccante ma l’organico è molto completo. Sentire il commento di Pisa SPAL col Presidente del Pisa che riferisce di un colpo straordinario in arrivo a centrocampo ( è brugman immagino) mi fa capire che qui non ci siamo proprio. Cedi un ottimo giocatore per la B e magari prendi l’ennesimo balordone per spostare soldi all’estero e risparmiare sul l’ingaggio. Basta con ste cose. Già i rumeni, i giocatori di Moggi e sohm. Ma non bastano mai queste operazioni?

    • 23 Agosto 2021 in 08:43
      Permalink

      Nagy

  • 23 Agosto 2021 in 08:36
    Permalink

    Gli acquisti necessari sono 4.
    Due ulteriori interditori a centrocampo (uno titolare ed uno riserva) a difesa di Brunetta e/o Vazquez. Un terzino con i controcavoli che sappia fare le due fasi ed un centrale di esperienza e possibilmente con maruga per affidargli Valenti e Osorio che altrimenti farebbero discreti danni.
    Davanti sarebbe necessaria una punta perchè Inglese è affidabile come il sedere di un neonato e il ragazzo polacco è evidentemente acerbo per questo campionato.
    Bene Schiattarella Tutino e Brunetta, Man discreto a tratti, Vazquez solo un assist ma ha mandato in gol.
    Dietro Buffon solo sufficiente e difesa leggerissima dove il solo Balogh non ha sfigurato. Male Osorio e Gagliolo e malissimo Sohm che credo sia definibile un pesce fuor d’acqua non solo per il ruolo ma per il calcio vero e proprio. Credo proprio che la società non abbia finito i soldi come qualche espertone su queste pagine sta affermando ma che stia aspettando i soliti saldi di fine Agosto. Male perchè i punti persi ora poi sono difficili da recuperare. Come abbiamo visto la B è tosta. Tutti giocano alla morte contro di noi e tutti per scaricarsi la tensione nervosa ci additano come i super favoriti. Questo, oltre alla paura atavica di vincere porta la squadra in campo a sfaldarsi alle prime difficoltà. Serve un mental coach oltre che un allenatore. Speriamo arrivino velocemente questi innesti.

    • 23 Agosto 2021 in 12:26
      Permalink

      Con i saldi di fine agosto ti porti a casa Bani. No grazie

  • 23 Agosto 2021 in 09:10
    Permalink

    Amico mio proprio perché i punti persi ora sono difficili da recuperare se non sono finiti i soldi occorre NON aspettare i saldi in stile Faggiano e sette che si lanciavano i contratti all’ultimo respiro e si cercava Caputo per 4 mesi per poi prendere Ceravolo. Attenzione al Brescia, Inzaghi ovviamente ci fa il gnao, per non parlare della Spal e di Galliani. Corrado era euforico perché il Regime gli ha riaperto i cinema (col distanziamento,mascherina, gel igienizzante, tampone e grin pas). Peccato non ci siano i film che sono tutti in “striming”.

  • 23 Agosto 2021 in 10:47
    Permalink

    Inzaghi è un pauroso parac**o, ci usa sempre come parafulmine ed è per questo che andrebbe asfaltato alla prima occasione per fargli perdere quella sicumera scaramantica tipica dei falsi low profile.
    Vedremo che succederà in fase di mercato. Mi auguro venga presa gente con raziocinio.

  • 23 Agosto 2021 in 13:28
    Permalink

    Riporto informazioni ricevute oggi. Capitolo cessioni probabili : laurini, sprocati e inglese alla Sampdoria. Osorio vuole andare via. Brugman e iacoponi no ma verranno ceduti ( non piacciono a maresca che non vede nemmeno valenti). Se brugman andasse a Pisa, un terzo dell’ingaggio verrebbe pagato dal Parma. Dermaku difficilmente resterà perché la società non si è comportata così bene con lui. Diciamo così. Poi vedremo. Unico senza offerte Sepe.Non lo vuole nessuno neanche a fare il 4 portiere nello stabile di casa. Karamoh forse in Francia. Capitolo acquisti. Pare che il terzino venga scelto dal figlio di Krause ( che ha portato frutti notevolissimi l’anno scorso vedi sohm ) e sia un francese giovane che gioca in Serie B francese e che verrebbe pagato 6 milioni. ( leggi operazioni già viste anno scorso anche per i costi reali e quelli dichiarati). Arriveranno uno o due centrali difensivi, un attaccante al posto di inglese e un centrocampista se andrà via brugman. Ma non ci sono nomi comunicati al momento. Vediamo quante di queste situazioni si verificano e quante no. È tutto in divenire.

    • 23 Agosto 2021 in 18:08
      Permalink

      Non capisco, il terzino francese è anche capace di impostare il gioco? È un requisito assolutamente indispensabile, perché di terzini di fascia ne abbiamo già in abbondanza, Busi che di andarsene non se ne parla, Laurini che tutti vogliono e nessuno se lo piglia, Ricci che hanno accostato a mezza serie B ed è ancora qui, Zagaritis boh, no no questa mi sembra una fake, come quella che verrà preso un centrocampista solo se va via Brugman, è evidente a tutti che di un incontrista feroce ne abbiamo bisogno come il pane, come ho dei forti dubbi che qualcuno sia interessato a Inglese, che sono mesi che non gioca, e dopo 15 minuti fatti ha l’ affaticamento muscolare.

      • 23 Agosto 2021 in 22:50
        Permalink

        Ci sta che l’informazione non sia corretta. Quello che posso dire è che mi è stata data da un giornalista solitamente ben informato. Ma io per primo credo che nell’ultima settimana di mercato possa succedere di tutto.

  • 23 Agosto 2021 in 15:56
    Permalink

    Laurini Sprocati e Inglese mamma mia che “rinforzi”!!!Ah certo che l’ammmiraglio Faggiano e il povero D’Aversa (è riuscito a andare a prendere meno di quello che gli davano qui i piocioni e ce ne voleva) si mettono in una botte di ferro. Laurini credo sia il giocatore (gramo) nella storia della serie A che è stato più fuori (più di un girone) per una botta (senza traumi) alla testa. Sepe beh si sapeva che anche il Tide piuttosto che regalarlo e perdere clienti preferirebbe ritirare i fustini dal mercato. Il giorno che Inglese si levasse dai maroni ascolto come fioretto tutta la prima parte del TG Upi dedicata all’andamento della pandemia da Sars Cov2-19 con anche i collegamenti dal Barbieri (è un anno e mezzo che accendo solo per gli ultimi 10 tremendi minuti della cronaca dalla provincia e la pagina sportiva).

  • 23 Agosto 2021 in 15:58
    Permalink

    Ma poi perché un francese?Abbiamo già un campione come Busì e vogliamo almeno un uzbeko o un birmano di 17 anni che parli inglese da pagare 8 milioni.

  • 23 Agosto 2021 in 17:07
    Permalink

    Davide chi mi gira le notizie di solito è ben informato. Però le dinamiche dell’ultima settimana di mercato sono, strane. Sul terzino, si dovrebbe trattare di un giovane scelto dal figlio di Krause. Poi di che nazionalità sia non so proprio. Pare giochi nella B francese. Quanto a Inglese, non è una novità che voglia andarsene via. L’idea del pacchetto con gli altri due e forse Sepe chissà, è per trovare una quadra su cifre e formule. Poi se andrà in porto lo vedremo. Si dovrebbe fare negli ultimi due giorni di mercato.

    • 23 Agosto 2021 in 22:55
      Permalink

      Comunque potrebbe essere Renault il giocatore. Anche se non gioca in francia. Vediamo

      • 24 Agosto 2021 in 09:20
        Permalink

        io ho sentito Peugeot…

  • 23 Agosto 2021 in 21:14
    Permalink

    Comunque a mio modesto parere, reperire un giocatore che si sposti da un altro campionato, o anche dall’Italia, per venire a fare il terzino ibrido e complicarsi la vita per un ruolo mai fatto in carriera e che potrebbe essere un fiasco completo è altamente impensabile, una cosa diversa potrebbe essere un mediano……ma anche qui sarebbe da convincere……

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI