CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / SI FA QUEL CHE SI PUO’ E NON QUELLO CHE SI VORREBBE

(Gianni Barone) – “Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo ed è una cosa che non deve succedere”, così ha sferzato il tecnico Maresca all’indomani del pareggio col Frosinone. Giammai: non sia mai vero che chi vuole o vorrebbe sempre giocare, chi vuole sempre andare a comandare si riduca a farsi chiudere nella propria metà campo, per più di mezz’ora, rinunciando ad ogni tipo di manovra autonoma che parta dal basso. Non sia mai detto macchiarsi di cotanta vergogna e usare le armi, obsolete, del catenaccio per venirne fuori e per sfangarla in una gara che era iniziata pienamente e fieramente in avanti. E poi, anche se la cosa è stata esplicitamente taciuta, fare due goal in contropiede, il primo a metà, il secondo interamente, perché non dovrebbe essere motivo di vanto o di gloria (oltre che “spettacolare, ergo “bel gioco”)? Queste armi non dovrebbero essere contemplate nel manuale del buon “propositivo”, mi si dirà, che per arrivare al tiro e al goal occorrono solo azioni manovrate, in virtù di un sopraffino e migliore palleggio. Peccato che tutte queste cose non sono state rilevate, non dico dai tifosi, divisi fra pro-freddini e contro-accaniti, ma da chi dovrebbe esercitare in sede di cronaca, commenti, e pagelle il diritto di critica con maggiore coraggio e con migliore e ben distinta personalità. Tuttavia per chi, malauguratamente, non ha avuto l’agio di seguire in Tv o via streaming la gara, o lo ha fatto solo via etere attraverso la radio – che dopo decenni di esilio modenese (a parte sporadiche eccezioni) è tornata (finalmente!) entro i confini ducali – dalle narrazioni non ha potuto capire fino in fondo, innanzitutto se si è divertito o meno, e poi quali siano gli effettivi problemi, che all’oggi, la compagine Crociata è chiamata a risolvere per il proseguo del campionato. Dare quattro mini insufficienze ai singoli e porre un punto interrogativo accanto alla parola “meritato”, riferendosi al pareggio ottenuto dal Frosinone in extremis, potrebbero non bastare per rendere un buon servizio di commento e di obiettività all’evento. Siamo agli inizi e sbilanciarsi, scontentando qualcuno, potrebbe risultare oltremodo rischioso di questi tempi e a queste latitudini. Lo so: fare goal in contropiede e difendersi ad oltranza col baricentro basso, come farebbe il più bieco catenacciaro, non è affatto cult. Anzi… Però non sempre “si fa quel che si vorrebbe”, ma occorre accontentantesi di quello che si può fare e si può ottenere in un torneo duro ed insidioso come quello della serie B. Lo ripetiamo: pensare solo ad attaccare non può essere sufficiente per venirne a capo in partite complicate come quella giocata a Frosinone (e alla fine si fa la conta dei punti, non delle pugnette, come direbbe Cinquini al povero signor Franco). Bisogna imparare a soffrire senza presunzione alcuna: le buone doti tecniche di alcuni calciatori del Parma, per essere utili in termini di punti e classifica, non possono prescindere, quando capita, anche da atteggiamenti “sporchi”, dal punto di vista del gioco, a scapito della bellezza dello stesso tout court. Il pane duro della B (sdong) si conquista a fatica, a volte un bel piatto di spaghetti aio, oio e peperoncino rigorosamente a crudo (al di là delle rivisitazioni propositive dei Cannavacciuolo di turno), può essere gustato, con piacere, al posto di aragoste, caviale e champagne accessibili a pochi eletti (anche il pane salame, cui ora dan di naso gli esterofili di una nota piazza virtuale ducale). Il partito radical chic calcistico dopo queste affermazioni potrebbe anche insorgere, ma tant’è. Anche un pareggio meritato o meno senza punti interrogativi di sorta, potrebbe essere utile alla classifica, benché scaturito al termine di prestazioni poco convincenti sul piano dell’estetica e del gioco offensivo sempre e comunque. Bisogna sapere vincere in modi non sempre consoni o congeniali ad uno specifico progetto. E la passata delittuosa stagione avrebbe dovuto insegnarlo a chi si ostina a programmare un faraonico futuro, non curandosi delle necessità impellenti del presente. Tra il calcio d’attacco e quello di difesa, può esistere una terza via, quella di mezzo sempre più vicina al buon senso e alla pazienza di saper subire e accettare il normale corso delle cose, specie in una serie B, talvolta operaia. Ed infine basta con la “fola” del gioco, del bel gioco, del palleggio come unica strada per arrivare alle vittoria, perché non è vero sebbene un ex santone come Sacchi lo sostenga da tempo (dimentico che senza un Colombo qualsiasi le stelle Gullit e Van Basten avrebbero più faticato), e dietro di lui a rimorchio tutti i suoi seguaci, tutti i suoi nipotini patiti per questo tipo di calcio (per scimmiottare male quello degli altri – che non ci appartiene – abbiamo disimparato il nostro) che se non sostenuto “da altro”, il cui contenuto consiste in quanto visto l’altra sera allo “Stirpe”, e non sto qui a ripetere come si sono ottenuti i goal, e come si stava cercando di difendere il vantaggio, non si va nessuna parte. Mettiamocelo bene in testa. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

58 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / SI FA QUEL CHE SI PUO’ E NON QUELLO CHE SI VORREBBE

  • 24 Agosto 2021 in 10:37
    Permalink

    Dopo Man se ne andrà pure Inglese
    Lo abbiamo pagato 22 milioni e lo daremo via per 7 e dove andrà in farà il fenomeno.
    Krause sta smobilitando
    Tra un po’ nuovo proprietario.
    Che squadra di m….

    • 24 Agosto 2021 in 13:53
      Permalink

      Vorrei fare una domanda ai visitatori di stadiotardini.it

      1) Vi sta piacendo il mercato del Parma?
      2) Vi piace la difesa del Parma?
      3) Pensate che Krause rimanga ?
      4) Pensate di andare con questa squadra e con questo tecnico in 🅰️?
      5) Vi piace Maresca?
      Se avete risposto a 5 NO
      di calcio c’è ne intendere.
      Se diamo via Man o Inglese o tutti e due
      arrivare decimi sarà gia’ un’ impresa titanica.
      Attendo risposte.

  • 24 Agosto 2021 in 10:58
    Permalink

    Grazie per la disanima ma bisogna anche capirsi cosa si intende per bel calcio.
    Anche se io credo ,che da buon italiano , si ami soprattutto il risultato.
    Probabilmente , anzi quasi sicuramente, senza vittorie il Milan di Sacchi non sarebbe passato alla storia no?
    Credo anche che per un parmigiano, che ha avuto la fortuna di vedere , anche se da piccolo come me , il Parma di Sacchi sia difficile da dimenticare
    E faccio presente che Sacchi difendeva 20 metri più avanti tramite il pressing asfissiante.
    Il quale gli procurava la possibilità di far partire il contropiede a ridosso dell’area avversaria.
    Altro piccolo appunto, un certo Liedholm predicava il controllo della partita attraverso i mille passaggi ben prima dei Maresca, Guardiola ecc… mi si dirà che erano altri tempi e velocità del gioco diversi…ma tantè
    Scusate un ultima mia riflessione…. si da tanto addosso al povero Sohm (che ha le sue “colpe” sia ben chiaro) ma vedo poche analisi sul fatto che si sono presi 2 gol con azioni partite sulla fascia opposta di competenza di un certo Gagliolo che forse non ha coperto adeguatamente ??? lascia quasi sempre la possibilità all’avversario di crossare (secondo gol) o tirare (primo gol) esattamente come l’anno scorso….saluti

  • 24 Agosto 2021 in 11:02
    Permalink

    Quindi andiamo avanti con Sohm, Gagliolo, Valenti e Osorio? Pederzoli ha preso la carlite?

  • 24 Agosto 2021 in 16:05
    Permalink

    Delprato perfetto per sostituire Sohm in quel ruolo portato a difendere ma anche ad impostare, se Brigman viene offerto a tutti vuol dire che Sohm verrà impiegato da centrocampista, ma ne manca sempre uno. Ma come rompe Gasperini, sta aspettando un centrocampista per liberarlo…..

  • 24 Agosto 2021 in 18:34
    Permalink

    risposta 4 a Velenoso : cucu’ cucu’ il parma non c’e’ piu’ e’ retrocesso a maggio e non ritorna piu’ ,e carli se ne andato d’aversa non c’e piu’ e’ ritornato maggio al canto del cucu’,cucu’ cucu’ in serie a non ci vai piu’, andiam a des moines e la guardiam in tivù

    • 24 Agosto 2021 in 18:36
      Permalink

      se tutto andasse bene la guarderemo in du …

  • 24 Agosto 2021 in 18:52
    Permalink

    Mi sono informato su Kenzie che da giugno sarà il nuovo proprietario del Parma
    Ha 25 piscine e due supermercati oltre a tre rivendite per auto e tutto questo nel Texas.
    È del 48 e si dice che è molto tirchio.
    Speriamo che il nostro DIVINO KRAUSE ci ripensi.
    Se se ne va lui il calcio a Parma è finito
    PER SEMPRE

    • 24 Agosto 2021 in 18:58
      Permalink

      Non 25 piscine ma 15
      Lapsus linguae

    • 25 Agosto 2021 in 10:23
      Permalink

      Cos’è questa sparata?

  • 24 Agosto 2021 in 20:20
    Permalink

    Olly Krause ha colpito ancora. Dopo Sohm, Busì, Cyprien e Bernabè arriva l’ennesimo inutile e balordo giovane quando serviva solo un esperto mestierante della B. Evidentemente adorano farsi del male da soli e l’anno scorso non è bastato a imparare.

    • 24 Agosto 2021 in 20:58
      Permalink

      e per non farsi mancare niente si e’ rotto il malleolo ,come si dice a parma la “nocetta” che come la tocchi fa un male bestiale solo a scendere da letto,il vero mudo e’ Carli

    • 24 Agosto 2021 in 22:23
      Permalink

      Sebbene non precisa, l’informazione di ieri era corretta, quindi Davide Non stupirti. Non francese ma belga dal cognome francese e scelto da Krause figlio. Ma il difensore esperto arriverà quando verrà ceduto osorio. Brugman e inglese verranno sostituiti anche loro. Gli altri esuberi verranno ceduti senza sostituzione.

      • 25 Agosto 2021 in 15:46
        Permalink

        Veramente e non vorrei polemizzare, ma doveva essere un difensore giovane che arrivava dalla B francese, invece è un ventiquattrenne belga titolare dell’Anderlecht cercato anche dall’Atalanta, mentre dalla B francese arriva un diciassettenne attaccante che può andare bene per la primavera,dall’Atalanta dovrebbe arrivare il ventiduenne Delprato per sostituire Sohm nel delicato ruolo……
        ..alla faccia della precisione, chi è il giornalista, quello che pulisce i corridoi a Collecchio ed intanto che passa butta dentro un orecchio dentro, quello che sente meno per carpire informazioni?

        • 25 Agosto 2021 in 17:19
          Permalink

          Intanto il giornalista in questione ha colto la notizia. Sulla precisione sono il primo a dire non sia cosi. MA NESSUNO AVEVA SCRITTO O DETTO CHE IL PARMA STAVA PRENDENDO UN DIFENSORE STRANIERO.
          Forse ha fatto del casino, visto che il giocatore dalla B francese e’ arrivato.
          Ma il fondamento della notizia c’era

  • 24 Agosto 2021 in 22:45
    Permalink

    Difesa belga Busì Cobbaut “Dirx” con magari Valenti e/o Osorio. Mi viene la pelle d’oca come quando avevo appreso che Carli era il nuovo Ds.

  • 25 Agosto 2021 in 07:37
    Permalink

    Prima di giudicare qualcuno aspetterei quantomeno di vederlo in campo tre o quattro volte… inoltre vorrei ricordare che siamo in B dove la qualità media è davvero bassa (altro che A2!!!), chi è arrivato non sarà Cannavaro ma basta molto molto meno per vincerla a mani basse.
    Per conto mio manca ancora una punta di riserva affidabile. Inoltre ribadisco quanto scritto su chi c’era l’anno scorso, più se ne vanno e meglio è.

    • 25 Agosto 2021 in 08:50
      Permalink

      guarda che non siamo mica piu’ negli anni 70-80 che arrivavano emeriti sconosciuti e dovevi vederli giocare ,etor che cannavaro qui si parla di schicchi e facco ,ahahahaha

      • 25 Agosto 2021 in 11:23
        Permalink

        Non sapevo fossi un accanito appassionato del campionato belga… mo mama (cit)

        • 25 Agosto 2021 in 13:50
          Permalink

          mi ahn ? second mi le al fiol dal to president ,mo mama (ricit)

          adesso ti rispiego ,hai presente facco e schicchi ? no ? elora co perlot da fer

          • 25 Agosto 2021 in 17:17
            Permalink

            PER AIUTARE i meno anziani, Facco e Schicchi arrivarono intorno al 1977/1978.
            Erano gia’ vecchiotti per l’epoca ma venivano dall’Avellino che era squadraa di categoria superiore.
            Facco si fece male in un Parma – Prato ( sospeso per nebbia quel giorno sullo 0-1 e rigiocato con analogo risultato) Schicchi resto’ fino alla promozione 1978/79 ma incise veramente poco

  • 25 Agosto 2021 in 09:35
    Permalink

    Aldo sei davvero un grande! Però dammi qualche bella notizia oggi non fare come la Rudarola ieri con la storia del giovane prospetto straniero che parla bene inglese mi avevi distrutto.

  • 25 Agosto 2021 in 09:37
    Permalink

    E se Osorio non viene ceduto giochiamo come sabato al Benito Stirpe in difesa?

  • 25 Agosto 2021 in 09:59
    Permalink

    Aldo un’ultima domanda. Ma questa fissa per i belgi da cosa deriva? Per l’ottima birra cruda che producono? Perché c’è la suggestione del “mancester siti” coi suoi belgi? Perché a Fifa 2021 sulla “plei” “De bruin” era uno dei 5 migliori giocatori? Non va dimenticato anche l’altro acquistone del 16 enne franzoso.

    • 25 Agosto 2021 in 11:29
      Permalink

      Faccio solo notare che il Belgio è da anni primo nel ranking fifa mondiale… probabilmente le loro scuole calcio non lavorano così male…

    • 25 Agosto 2021 in 11:39
      Permalink

      Allora rispondo così. Nella logica del player tradyng fatto dal figlio di Krause con l’ausilio di tutti icd wyscout della Terra, si parte dalla nazione ranking 1 fifa. Poi si sceglie il profilo sulla base dei dati fisici e solo dopo quelli tecnici. Vale a dire guardo le qualità che eccellono ( corsa forza o ciò che serve per il ruolo) e poi prendo a prescindere da come giochi perché tutta la parte tecnica si può allenare e migliorare. Dopo di che, credo ci possano essere anche rapporti privilegiati con qualcuno , che permettono affari personali validi.
      Sul resto, ripeto quanto detto, se dovessero andare via brugman, Osorio e inglese verranno rimpiazzati. Credo possa esserci una sorpresa finale per uno tra man e mihaila se arriveranno offerte corpose e il problema si porra’ per gli esuberi. Inglese vorrebbe andare via e non è un mistero. Il Parma sa che non monetizzera’. Per cui deve confezionare un pacchetto. Ma la dirigenza non si aspettava di doverlo cedere e non hanno ancora pronto il sostituto. Poi magari alla fine resta. Ma se resta lui, restano anxhe esuberi da integrare e qui….

  • 25 Agosto 2021 in 10:04
    Permalink

    Allora, qui la società sta giocando con il fuoco. Non mi pare possibile che ancora si portino a casa “prospetti” di questo tipo quando abbiamo fatto un’annata sanguinosa l’anno passato con questa miscela di giovanotti “di belle speranze” e giocatori mezzi o totalmente finiti.
    E’ mai possibile che ci si debba affidare all’algoritmo piuttosto che ad una visione normale di un giocatore? Ma dove stiamo andando a pescare e soprattutto chi? un belga infortunato che è stato messo fuori rosa ed un 18enne dalla B francese. Ma stiamo scherzando? La società dica chiaramente quali sono i progetti per la stagione attuale. Pronta risalita? con questi ragazzi? Ci vorranno almeno 4 mesi per farli ambientare e dubito abbiano quella fame che serve ad una squadra come la nostra per risalire la china. Che si dica chiaramente che almeno 2 o 3 giocatori li pesca direttamente il figlio del presidente che sta giocando ad una versione live di football manager sulla pelle dei tifosi. Almeno ci mettiamo l’animo in pace. Mi ero francamente illuso che arrivassero acquisti sensati come Schiattarella, Tutino e gente che conosce la categoria ma ancora stiamo perseverando in questo assurdo giochino. La pazienza finisce prima o poi. La nostra in primis.
    Sono sempre stato moderato in queste pagine ma certe notizie mi fanno salire lo sconforto.
    Giudicherò ovviamente queste scelte, ma di primo acchito la sensazione è di totale disorientamento.

    • 25 Agosto 2021 in 11:25
      Permalink

      Il belga non penso che sarà titolare ma ti garantisco che sarà sicuramente più forte del Gagliolo visto negli ultimi 12 mesi…

  • 25 Agosto 2021 in 11:25
    Permalink

    Matteo Ricci svincolato no?Non è abbastanza esotico e non parla inglese o fiammingo? Comunque come ormai è certo che sarà un’altra annata del colore di quella passata 💩. O finisce sta pagliacciata dei prospetti (Inzaghi guardate che prospetti ha preso e ce la metterà nel gnao due volte sia all’andata che al ritorno) e si smette di giocare a playermanager o si finisce male. Ma si sono bevuti il cervello?Non è bastato Busì, Cyprien, Sohm, Valenti?

    • 25 Agosto 2021 in 13:41
      Permalink

      Matteo Ricci potrebbe essere un buon modo di rimpiazzare Brugman se fosse ceduto, secondo me ci guadagneremmo anche tecnicamente.

      • 25 Agosto 2021 in 14:14
        Permalink

        Dubito che un preconvocato per la Nazionale che ha vinto gli europei, accetti di venire a Parma. A mio avviso, brugman verrà sostituito con una mezz’ala perche Juric a oggi non è all’altezza.

        • 25 Agosto 2021 in 14:41
          Permalink

          Certo, sono d’accordo che venire in B può essere un passo indietro, però essere senza squadra a fine agosto con pastorello come procuratore e con solo un’offerta dall’arabia… vuol dire che le opzioni diventano sempre meno, e un tentativo i nostri lo potrebbero fare.

  • 25 Agosto 2021 in 11:34
    Permalink

    Bravo Nolan, analisi condivisibile, anche se non posso giudicare il nuovo acquisto dal momento che non ho minimamente idea di chi sia…e questo la dice tutta sull’ennesima scommessa. Speriamo stavolta vada meglio di quelle passate. Poi c’è anche l’incognita dovuta al brutto infortunio dal quale è reduce…che dire. Il soldi li mette Krause ed è giusto che li spenda come pensa sia giusto, certo è che no sembra imparare dagli errori passati.

    • 25 Agosto 2021 in 14:22
      Permalink

      La situazione è fluida. Dierckx potrebbe andare in prestito o essere dirottato in primavera, valenti non piace a Maresca, iacoponi deve cercarsi squadra ( calcoliamo che lui ha proposto anche di ridursi l’ingaggio pur di restare ma ribalta e pederzoli non sentono ragioni), gagliolo ha richieste in A, osorio vuole andare via, dermaku vuole andare via perché messo fuori rosa all’inizio della preparazione e non contento di restare a fare numero, bernabe’ potrebbe riprendere l’attività a marzo ma difficilmente giocherà quest’anno. Come si vede la difesa è un cantiere e potrebbe succedere di tutto negli ultimi giorni. Brugman vorrebbe giocare in Serie A alla fine andrà via. Inglese vuole andare via. Dei due rumeni uno potrebbe partire in presenza di offerta elevata. Questo non è l’esempio di squadra che vuole vincere un campionato. Questo è un esempio di proclami senza troppa coerenza

  • 25 Agosto 2021 in 13:41
    Permalink

    Lo svincolato si può prendere anche dopo la chiusura del mercato, ora è prioritario piazzare gli esuberi, ma anche gratis non li prende nessuno per gli ingaggi troppo elevati
    A suo tempo sono stati stipulati contratti troppo onerosi (il contratto fino al 2024 a Sepe grida vendetta), soprattutto per il periodo post COVID, fare mercato è molto difficile, Società con soldi veri da spendere non ce ne sono.
    I calciatori che sanno di avere mercato arrivano a scadenza, valutano le varie offerte e poi decidono se e con chi fare il contratto, credo che questo sarà il futuro. In questi scenari, secondo me anche l’investimento sui giovani per fare plusvalenze è piuttosto rischioso, esiste il pericolo di prepararli per le “Grandi” che offrono ingaggi e platee più allettanti.
    Speriamo bene, comunque
    Sempre Forza Parma

  • 25 Agosto 2021 in 13:44
    Permalink

    Purtroppo è mancato il Professor Tagliamosca, alias Bartlòn noto chiromante e madgone laureato dall’Università di Timbuktu di cui esponeva fiero la pergamena dorata fatta probabilmente a Busseto. Era l’unica speranza per la salute di Inglese e anche per il malleolo del nuovo figurante arrivato ieri. Si sa che ormai siamo un casting, un reality nello stile Campioni di Ciccio Graziani organizzato da Olly è ambientato a Collecchio in luogo di Cervia.

  • 25 Agosto 2021 in 19:02
    Permalink

    Caro direttore, le volevo chiedere se tutti i messaggi postati restano in archivio e per quanto tempo..
    AVANTI CROCIATI

    • 25 Agosto 2021 in 19:46
      Permalink

      Posso rispondere anche io. I messaggi postati restano in archivio.

    • 25 Agosto 2021 in 21:32
      Permalink

      Bene a sapersi..sarebbe bello tirarli fuori fine campionato!!

      • 25 Agosto 2021 in 22:19
        Permalink

        Si va bene tenere i messaggi ma qui non vince nessun commentatore. È inutile avere astio reciproco tra chi è pro e chi contro Krause, tra chi ritiene di poter vincere il campionato e chi no. Ognuno fornisce un contributo, tutti leggono e si fanno un’idea. Cosa pensereste, a sapere che il Presidente ha detto no a Ferrari e Caceres e ha voluto del prato e cobbaut in quanto in linea con la sua filosofia? La societa è sua e fa ciò che vuole. Poi ognuno di noi ha le proprie idee

        • 26 Agosto 2021 in 08:21
          Permalink

          Allora su Caceres, penso che il problema sia tecnico, basso per fare il centrale, adatto per una difesa a tre, come terzino destro, perché quello è il suo piede mi sembra abbiamo altri progetti, Ferrari suppongo quello della Samp, l’altro è titolare del Sassuolo….allora perché non Bani, stessa qualità, per quanto riguarda il discorso Delprato, ha già fatto due campionati di B, under21, bravo in difesa e centrocampo, la scelta dell’allenatore, il fallimento di Sohm e il ruolo ibrido ha determinato la scelta e non era facile da reperire e il giocatore non è niente male, sull’altro acquisto Belga, aspetto il campo prima di esprimere un giudizio, non lo conosco e non so se il problema avuto, lo condiziona ancora o è abile arruolato. Non ho nelle mie corde, la vena della polemica a priori, aspetto il verdetto del campo.

          • 26 Agosto 2021 in 09:23
            Permalink

            Ferrari e’ quello del sassuolo che voleva tornare a parma. Il problema non e’ stato tecnico ma di eta’.
            Caceres comunque sta ancora aspettando il Parma e se un difensore andasse via l’ultimo giorno, potrebbe arrivare

      • 26 Agosto 2021 in 10:15
        Permalink

        i tuoi dello scorso campionato li ho,un veggente ,ahahahaha

        • 26 Agosto 2021 in 15:15
          Permalink

          Ricordarmelo perché l’anno scorso non scrivevo qui sopra

  • 25 Agosto 2021 in 21:53
    Permalink

    Se partisse uno dei due romeni sarebbe l’ennesima cannella propinata da Ribalta dopo Kucka. In ogni caso essere retrocessi a marzo e trovarci il 26 agosto in queste condizioni senza sapere nemmeno quale sarà la difesa titolare, chi è il regista e chi il terzino destro è chiaramente indice di uno sfacelo totale.

    • 26 Agosto 2021 in 00:09
      Permalink

      Gli indiani per filosofia erano andati in guerra contro i coloni con arco e frecce e si vede come sono finiti.

      • 26 Agosto 2021 in 07:53
        Permalink

        A dire il vero sono gli europei che hanno cercato casini, i nativi americani usavano arco e frecce per vivere in una natura che rispettavano, dove combattevano in modo meno impari con gli animali che facevano parte dello stesso Creato.
        Per quanto riguarda dove sono finiti la ruota gira fin dai tempi dei greci, egiziani, romani ecc.
        Quello che rimane di loro è proprio la cultura e la filosofia, non certo quanti popoli hanno sottomesso. Meglio avere una propria “filosofia” (ovviamente confutabile) che avere due bicipiti incredibili

    • 26 Agosto 2021 in 10:18
      Permalink

      carli carli 😉 ,a proposito dove e’ el mudo dei ds ,che se parlasse ,oh se parlasse …asse asse fortuna che

  • 26 Agosto 2021 in 10:05
    Permalink

    Penso che il problema di Caceres sia l’ingaggio altino, per Ferrari penso non sia quello di Sassuolo è titolare gioca in A, in un intervista di fine campionato ad un nostro giornalista aveva risposto che dov’era stava bene, mentre l’altro è stato offerto al Parma a più riprese, Inglese al di là delle chiacchiere non ha mercato cosi come Mihaila, Man prezzo esagerato per quello che ha prodotto, per Osorio non credo sia stata rifiutata un offerta da 4 milioni, Gagliolo in partenza…magari, degli altri fuori rosa non parlo.

    • 26 Agosto 2021 in 11:53
      Permalink

      Luca Z. onestamente a me e’ stato detto questo : il giorno dell’annuncio di Buffon il Parma aveva gia’ raggiunto l’accordo con il Lecce e con Coda che sarebbe venuto di corsa a Parma. Il Presidente ha bloccato Ribalta perche’ ritiene il giocatore anziano e tre anni di contratto non li voleva fare.
      Ferrari , mi si dice e le tue eccezioni le ho poste anche io, voleva tornare a Parma ma sempre il Presidente ha posto il veto per costi e eta’.
      Stessa cosa per Caceres a cui era stato proposto ( e accettato) un triennale ma Krause ha detto no.
      Ma se uno andasse via l’ultimo giorno , potrebbero prenderlo per mancanza di alternative sul mercato.
      Sono voci riportate. Non posso dire sia la verita’ perche’ non lo so ; posso dire che a me sono state dette esattamente in questi termini

  • 26 Agosto 2021 in 10:15
    Permalink

    Ricci che come immaginavo e dicevo era stato proposto non va bene perché:
    – è in integro e non viene da infortuni;
    – è italiano;
    – non ha 18 anni;
    – non parla fiammingo e non è vallone;
    – verrebbe a piedi (come Coda) e come Coda sarebbe perfetto per la serie B.

    Molto meglio belgi 20 enni rotti e attaccanti minorenni francesi ancora più giovani del polacco.
    Un po’ va bene ma se vogliono fare gli esperimenti che se li facciano nel Kansas.

  • 26 Agosto 2021 in 13:22
    Permalink

    Intanto arriva uno dal Mali altro che balle, Ricci, Coda, Ferrari. Un bel maliano dalla B norvegese.

  • 26 Agosto 2021 in 13:41
    Permalink

    a me sembra che si faccia quello che si vuole e non quello che si potrebbe, egregio Barone

  • 26 Agosto 2021 in 14:07
    Permalink

    Vorrei chiedere ad Aldo come fa ad avere tutte queste certezze su chi vuole venire a Parma. Quali sono le tue fonti?
    Grazie

  • 26 Agosto 2021 in 16:44
    Permalink

    Potremmo trovare uno valido all’aeroporto di Kabul in fuga. Essendo stato a contatto con gli americani parla sicuramente inglese e giovane lo è di sicuro vista l’età media afgana.

  • 26 Agosto 2021 in 20:46
    Permalink

    È arrivato un terzino francese che gioca in seconda divisione al posto di gagliolo. Ricorda niente a nessuno???

    • 26 Agosto 2021 in 20:47
      Permalink

      Con buona pace di Simone T… PS inglese potrebbe rimanere Osorio e brugman, no

  • 26 Agosto 2021 in 21:39
    Permalink

    Qualsiasi giudizio risulta complesso, mo chi eni chi lor? Chi li ha mai visti?
    Vediamoli giocare e vedremo, sicuramente l’azzardo è grosso. Teoricamente non è ancora arrivato chi ci serviva veramente. Teoricamente.
    Vediamo se questi qua si rivelano dei gran giocatori o dei miseri bipedi implumi scovati chissà dove, chissà come e chissà da chi.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI