FROSINONE-PARMA 2-2, IL TABELLINO E LA CRONACA DI FRANCESCA DEVINCENZI

FROSINONE-PARMA 2-2, IL TABELLINO
Marcatori:
31′ Zerbin, 40′ Tutino, 52′ Man, 88′ Charpentier

FROSINONE – Ravaglia; Gatti, Rohden (70′ Charpentier), Maiello, Zampano, Boloca, Brighenti (60′ Cotali), Zerbin (70′ Tribuzzi), Szyminski, Canotto (75′ Garritano), Ciano (75′ Iemmello). All. Grosso
A disposizione: De Lucia, Palmisani, Vitale, Haoudi, Satariano, Bevilacqua, Koblar

PARMA – Buffon; Balogh, Gagliolo, Brunetta, Tutino (65′ Benedyczak), Vazquez (78′ Camara), Juric, Sohm, Schiattarella (78′ Brugman), Osorio, Man (85′ D. Iacoponi)
A disposizione: Turk, Colombi; S. Iacoponi, Dierckx, Zagaritis, Busi, Valenti.

Arbitro: Sig. Massimiliano Irrati della sezione AIA di Pistoia

Assistenti: Sig. Alessandro Costanzo di Orvieto e Sig. Matteo Passeri di Gubbio

Quarto ufficiale: Sig. Davide Moriconi di Roma 2

V.A.R.: Sig. Luca Banti di Livorno

A.V.A.R.: Sig. Alessandro Lo Cicero di Brescia.

Ammoniti: Balogh, Gatti, Gagliolo

LA CRONACA DI FRANCESCA DEVINCENZI (DA PARMA PRESS 24)

Il primo gol della serie B lo ha segnato il Frosinone.

Ma il dramma vero è fuori dal campo: un tifoso del Frosinone è morto dopo essersi sentito male mentre era in fila per entrare allo stadio in occasione della gara di esordio con il Parma.

L’uomo, 46 anni, era in fila quando si ò accasciato a terra sotto gli occhi del figlio. I soccorsi sono stati tempestivi ma vani. Il tifoso è morto dopo l’arrivo nel vicino ospedale.

Appresa la notizia sullo stadio è sceso il gelo. I ragazzi della curva hanno tolto gli striscioni e smesso di incitare la squadra in segno di rispetto.

LA PARTITA – Parma luci e ombre. Le luci sono tutte dalla cintola in su: Vasquez è al 50% ma fa grandi numeri. Brunetta è superlativo, Tutino segna. Dietro Buffon para e guida la difesa per quello che riesce: è quello il reparto che davvero pare fare acqua con Sohm che fatica.

La domanda è: ma Simone Iacoponi non merita almeno di essere provato?

Il resto è calcio di quasi agosto: due squadre forti ma in rodaggio, che si dividono la posta come dire che entrambe vogliono la A.

Solitamente chi vince la prima sale: nel 2017 l’open day lo decise Calaiò al Tardini, contro la Cremonese. Pari e patta, tutto da rimandare, ma gara pirotecnica, divertente. Un inno all calcio.

Quasi un derby Mundial quello tra il Parma di Gigi Buffon e il Frosinone allenato da Fabio Grosso: la prima col Var.

Avvio sprint del Parma che si fa vedere già al 5′ con Brunetta su calcio di punizione, trovando però la respinta di Ravaglia in angolo. I ducali premono ancora con Man, senza esito, ma dal 10′ si accende il Frosinone con il colpo di testa di Gatti (alto) e la conclusione di Zerbin su cui Buffon è attento. Tra il 14′ e il 16′ nuova proiezione offensiva degli ospiti con Brunetta, palla a lato, e soprattutto Tutino, con Ravaglia ancora a rispondere presente. Passano pochi secondi e il pericolo si sposta in area del Parma dove il cross di Canotto buca tutta la difesa, sibilando sul fondo. Al 31′ Frosinone in vantaggio con Zerbin: ancora Canotto semina il panico e calcia in porta trovando la respinta di Buffon, ma Sohm arriva in ritardo e non può impedire il tap in del numero 24 ciociaro, in gol all’esordio in B. Il portiere ex Juve tiene a galla i suoi mettendo in corner un tiro di Ciano destinato al sette, poi al 39′ Brighenti non trova la porta da due passi e mette a lato. Gli ospiti sembrano lì lì per capitolare, ma al 42′ viene fuori la qualità dei suoi e arriva l’1-1 del Parma. È una bellissima azione orchestrata da Vazquez, proseguita da Brunetta e finalizzata da Tutino che angola dove Ravaglia non può arrivare e firma l’1-1. Dopo 1′ di recupero Irrati manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa vede un dominio pressoché totale del Frosinone che sfonda spesso sulla destra con Zampano, pericoloso due volte tra il 47′ e il 51′, ma sessanta secondi più il Parma è subito letale e capitalizza un contropiede in campo aperto di Brunetta che serve l’accorrente Man dalla destra: il romeno entra in area e fredda Ravaglia per il gol che vale il 2-1 ducale. Passano 5′ e gli emiliani vanno vicinissimi al 3-1 con Vazquez. La conclusione del Mudo, però, termina a lato per una questione di centimetri. I ciociari rispondono al 59′ con la botta dalla distanza di Zerbin alta di poco che dà il via all’assalto dei ragazzi di Grosso: tra il 73′ e il 76′ ci provano Tribuzzi e Canotto, senza fortuna, mentre al 78′ è Buffon a dire di no al neo entrato Charpentier. Il Parma prova a difendere il vantaggio con le unghie e con i denti e ci riesce, almeno fino all’88’ quando il Frosinone racciuffa il pareggio con lo stacco imperioso di Charpentier che beffa un Buffon non irreprensibile: è 2-2.

E tornano gli incubi: di nuovo squadra raggiunta a un soffio dal fischio finale… Francesca Devincenzi (da ParmaPress24)

Stadio Tardini

Stadio Tardini