ANDREA MONICA E LO SCOUTING SUL TERRITORIO DELL’ATTIVITA’ DI BASE: “UN PLAUSO AL LAVORO OSCURO DEGLI OSSERVATORI E ALLA LORO DISPONIBILITA'” (VIDEO)

(www.parmacalcio1913.com) – Il recente successo del Parma Under 13, vincitore del prestigioso Torneo Internazionale “Pulcino d’Oro”, non è certo frutto del caso, ma dell’impegnativo lavoro di ricerca sul territorio di giovani promesse portato avanti dalla struttura scouting territoriale dell’Attività di base del Settore Giovanile del Parma di cui è responsabile Andrea Monica.

Andrea Monica, cosa c’è all’origine del successo del Parma Under 13 al Pulcino d’Oro?

“Assieme a me c’è una struttura di tanti osservatori: noi ci occupiamo dello scouting territoriale che, partendo dal basso, è il primo anello della filiera dello scouting del Settore Giovanile del Parma che è molto strutturata, perché a salire comprende anche lo scouting nazionale ed internazionale. Noi ci occupiamo delle partite che si svolgono in Emilia Romagna e nelle province limitrofe alla nostra, quindi Mantova e Cremona e da quest’anno siamo presenti anche nella Lunigiana, nella zona tra Massa Carrara e Spezia”.

Nell’era del calcio globale, il vostro è ancora un lavoro di indagine e ricerca, contatti e relazioni sul territorio…

“Quello che conta è andare a vedere delle partite: noi ne copriamo oltre 2.000 nel corso dell’anno. Nel background di un osservatore sono importanti le relazioni che riesce ad instaurare sul territorio”.

Servono ottimi rapporti con i clubs dilettantistici del territorio: alcuni di questi sono affiliati alla nostra Academy, altri no, ma le collaborazioni sono positive lo stesso nell’interesse di tutti…

“La nostra fortuna è che nel corso degli anni, nella provincia di Parma, ma anche in quelle limitrofe, la qualità media delle società dilettantistiche è molto elevata, sia delle nostre affiliate che delle altre società: spesso andiamo a visionare dei ragazzini che sono molto ben preparati ed è un complimento che faccio volentieri alle società dilettantistiche con cui collaboriamo. Le prime tre annate che noi costruiamo non possono essere provate per disposizioni federali: di conseguenza noi dobbiamo andare a vedere le partite e spesso capita di sceglierli vedendoli giocare nelle loro società”.

Se uno venisse a spiare il tuo database personale si accorgerebbe che di nomi di giocatori veri, partiti da questa età, ce ne sono…

“Noi abbiamo un Settore Giovanile nel quale figurano tanti giocatori di buonissima prospettiva: quindi, secondo me, stiamo lavorando bene, anche in collaborazione con il responsabile dell’Attività di Base e con tutti gli staff tecnici. Quindi è un buon gruppo di lavoro e abbiamo la fortuna di avere giocatori preparati, ma colgo l’occasione per dare merito ai tanti osservatori che girano, perché spesso sono figure che lavorano all’oscuro, che magari vanno a vedere la partita, senza che si sappia che si tratta di osservatori del Parma: sono davvero persone molto competenti e disponibili che dedicano gran parte dei loro week end per visionare delle partite.”

Come funziona questa tipologia di lavoro?

“Noi abbiamo dei referenti di provincia e tanti osservatori che girano per noi; settimanalmente facciamo un planning delle partite da vedere e dopo, nella settimana successiva al week end, iniziamo ad avere i feed back sui giocatori. E’ un incrocio costante settimanale di dati e di segnalazioni”.

E’ difficile lavorare nelle zone circostanti a Parma?

“Ringraziamo la Società che ha fatto dei sacrifici economici, mettendoci a disposizione tanti pullmini che girano anche nelle province circostanti: con un’ora di viaggio abbiamo la possibilità di far venire nei nostri centri di allenamento anche giocatori delle provincie limitrofe. Il Parma ha un grado di appeal molto elevato, perché giocare nel Parma significa giocare nella fascia più alta delle società professionistiche, ma è chiaro che nelle provincie limitrofe ci possano essere persone fedeli alla squadra della propria provincia, e la concorrenza negli ultimi anni, nelle provincie limitrofe, si è fatta molto elevata, ma noi cerchiamo di sfruttare al meglio l’appeal della società. Noi, comunque, cerchiamo di arrivare sempre primi, perché questa è la regola principale…”

Il percorso dall’Attività di Base sino ad arrivare allo sbocco in Primavera, se non proprio in prima squadra, è lungo diversi anni: voi dovete avere l’occhio fino e magari fare qualche scommessa…

“In effetti la prima annata che noi selezioniamo sono ragazzini che hanno 7-8 anni e alcuni non li hanno ancora compiuti: di conseguenza pensare che un ragazzino di quella età possa fare il calciatore è in effetti un azzardo, però noi proviamo a vedere in questi giocatori la prospettiva a lungo termine. Diciamo che un ragazzino che entra nella prima annata ha oggi 11 anni di percorso nel Settore Giovanile per arrivare in Primavera: quindi, effettivamente, il percorso è molto lungo”.

Molto lungo anche il tuo di percorso, come militanza nel Parma, ormai sei prossimo alla ventina d’anni…

“Leggermente meno, dai: sono entrato come preparatore dei portieri e osservatore, poi c’è stato un upgrade…”

Da allora ad oggi è cambiata la tipologia di approccio? Cosa si va a guardare in un ragazzino oggi? Se è strutturato?

“Domanda difficile, perché le caratteristiche di un giocatore, nel tempo, più o meno sono rimaste quelle. quello che è cambiato molto è che quando ero entrato, anni fa, la prima fascia che selezionavamo erano i ragazzini della prima media, mentre adesso ci siamo abbassati di tre anni, e il loro percorso, in questi tre anni, è soggetto ad una evoluzione fisica e mentale, per cui sicuramente non è facile…”

Ogni tanto giri anche sui campi del Parma per vedere se la semina sta dando dei buoni frutti?

“Più che altro gli allenamenti: è chiaro che ogni tanto anche le partite dei nostri giocatori vanno viste per vedere se sono migliorati e qual è il livello della squadra, però, principalmente, noi giriamo a vedere le partite di altre squadre”.

Di nuovo complimenti, perché, come dicevamo in apertura, se il Parma è riuscito a conquistare il prestigioso Pulcino d’Oro, una buona parte del merito va anche a chi cerca sul territorio gli atleti, oltre che ai calciatori stessi e a chi li allena…

“Un plauso va dato agli osservatori che girano: io non smetterò mai di ringraziarli perché, come dicevo prima, sono persone che girano e disponibili. Complimenti anche agli staff che stanno lavorando bene sul campo”.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO 1913 SETTORE GIOVANILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL CANALE UFFICIALE YOU TUBE PARMA CALCIO SETTORE GIOVANILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL VIVAIO CROCIATO

INTERVISTA AD ANDREA MONICA,

Responsabile Scouting territoriale dell’Attività di Base Parma Calcio 1913,

di Gabriele Majo, responsabile ufficio stampa e comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913

Stadio Tardini

Stadio Tardini

8 pensieri riguardo “ANDREA MONICA E LO SCOUTING SUL TERRITORIO DELL’ATTIVITA’ DI BASE: “UN PLAUSO AL LAVORO OSCURO DEGLI OSSERVATORI E ALLA LORO DISPONIBILITA'” (VIDEO)

  • 8 Settembre 2021 in 20:14
    Permalink

    Di nuovo complimenti!

  • 9 Settembre 2021 in 08:16
    Permalink

    Io vedo poca meritrocazia e molti giocatori “figli degli amici”… parere personale….

  • 9 Settembre 2021 in 13:28
    Permalink

    La totale inutilità di queste figure è data dal fatto che tutte le società da Lampedusa ad Aosta in teoria “puntano sui giovani” da crescere, valorizzare, bla, bla, bla e banalità assortite. Quindi o il nostro Territorio oltre a tomacche, sigolle e soffiatrici per bottiglie inizia a produrre campioni e i nostri scout sono meglio di tutti gli altri (cosa per altro assolutamente lungi dall’essere visti i recenti risultati) a “scovare giovani prospetti” in giro per il mondo, o come sempre vale il vecchio e sano principio che bisogna spendere e comprare gente valida. Il resto sono favole e cannelle.

    • 9 Settembre 2021 in 21:21
      Permalink

      Mah Davide, mi sembra che il tuo assunto parta da una successione logica un po’ fallace: siccome cercano di farlo tutti allora vuol dire che è inutile farlo. È vero che se tutti vanno nel fosso non ci devi per forza andare anche tu, ma questo concetto vuol dire che uno dovrebbe pensare con la sua testa senza lasciarsi influenzare troppo dagli altri, non vuol dire che bisogna fare sempre il contrario della massa, perché questo vorrebbe dire non pensare allo stesso modo.
      Il nuovo corso è basato sulla crescita dei giovani, e certo cercheranno di prenderli buoni, magari cercando di essere più bravi e più rapidi delle altre società. Questo tuo essere sempre e costantemente contro, denota una sfiducia di fondo, come se tu sapessi già che tanto è una società di incapaci, e allora tanto varrebbe rinunciare al progetto fin da subito.
      Ogni tanto varrebbe la pena secondo me fare silenzio e giudicare i risultati quando è il momento, anziché starnazzare per qualsiasi cosa venga fatta. So già però che con te, come anche con i soliti noti, questa speranza non è realistica. Ormai comunque sei diventato una macchietta in questi spazi: non fai nulla se non nomini delle tomacche e degli industrialotti, stai diventando la tua stessa parodia.

  • 9 Settembre 2021 in 14:27
    Permalink

    Anche a me piacerebbe chiedere al sig. MONICA quali sono i parametri per la selezione dei bambini/ragazzi, perchè si vede molto fisico e poca qualità……
    Seguo diverse squadre del territorio ma vedo che i più bravi spesso non sono considerati perchè magari non hanno già il fisico a 10/12 anni…..
    Forse sarebbe bello aspettare la crescita e puntare un po’ di più sulla fantasia e tecnica….

  • 9 Settembre 2021 in 17:39
    Permalink

    Secondo me si sta esagerando con lo scouting fatto sui bambini. Fino a 14 anni sarebbe meglio curare solo la formazione tecnica, dando basi solide e insegnando l’uno contro uno in attacco ed in difesa,
    per poi formare il fisico ed imparare la tattica in modo graduale quando le potenzialità dei ragazzi sono chiare.
    Vincere trofei fino a quell’età è indubbiamente fonte di soddisfazione per ragazzi e società , ma non deve essere l’obiettivo principale

    • 9 Settembre 2021 in 21:40
      Permalink

      Assolutamente d’accordo : prima deve venire la formazione dei ragazzi e poi i trofei e le vittorie. Purtroppo, ci sono molti allenatori che, per fare carriera, puntano più sui risultati, puntando su chi è più pronto e basta.

      Concordo anche sulla formazione tecnica dei ragazzi fino ai 14 anni, perchè è fondamentale imparare i fondamentali prima di affacciarsi ai professionisti.

  • 10 Settembre 2021 in 13:27
    Permalink

    È tutta aria data ai denti. La scoperta dell’acqua calda o dell’acqua ghiacciata. Ribadisco, qualunque club dalla terza categoria alla Serie A propina queste cazzate, perché in teoria tutti vorrebbero trovarsi Halland accompagnato dai nonni a San Pancrazio o scovato svincolato nella terza serie del Lussemburgo. Ma la realtà è una cosa ben diversa sennò troveremmo le formanzioni giovanili in prima squadra cosa che non succede mai e i “giovani” presi in giro per il mondo bene che vada ti fanno finire in B di Benevento e da lì in C di Como. La stessa Atalanta non tira più fuori nessuno dal vivaio da lustri, per non parlare del Napoli o della Roma. Capisco che questa fola sia un bel “storitelling”, esattamente come il Territorio per il Ponte Caprazucca ma gli effetti pratici sono e saranno pari ai soldi cacciati dall’UPI (festival dal parsutto a parte), ovvero zero.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI