CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / 1-1 PER NOI. E INTANTO LA RIVOLUZIONE RUSSA…


(Gianni Barone) – Il Parma ferma la corsa del Pisa: questo dato di fatto, non era nei proclami della vigilia affatto pronosticabile, però occorre adattarsi in corsa alla realtà dei fatti dopo una settimana piena di insuccessi, di critiche e di gogne social sul futuro di un tecnico che la società per nessun motivo al mondo ha voluto e vuole rimuovere. Soprattutto attraverso le parole del responsabile di area tecnica Ribalta, da me condivise a mezzo radio suscitando lo stupore e l’ira di qualche nostro lettore commentare che giammai si sarebbe aspettato, alla luce di qualche articolo pregresso in cui si predicava una linea più di lotta che non di governo in fase di interviste e commenti giornalistici, la mia totale accondiscendenza con linea della società votata alla più ferrea convinzione di aderire al progetto tecnico di gioco, al momento, ahinoi, ahi loro, ahi tutti quanti, ancora molto, troppo «in fieri», e poco realisticamente realizzato. Progetto tecnico che non si materializza neanche al cospetto della capolista Pisa che, col suo calcio semplice secondo il suo tecnico D’Angelo, razionale secondo Paolo Grossi della Gazzetta di Parma, e tradizionale secondo noi, esce imbattuto dal Tardini, dove secondo alcuni avrebbe dovuto perdere per lo meno ai punti seguendo logiche pugilistiche inapplicabili al calcio. Tutto molto condivisibile quando si parla di reazione che c’è stata dopo le due sconfitte, due, in una settimana e dopo la prima mezz’ora di dominio del Pisa, e che ha portato il Parma, finalmente a ricordarsi del valore tecnico del suo organico che per la prima volta, in maniera semplice, razionale o tradizionale che dir si voglia, ha presentato due terzini che hanno fatto i terzini fino in fondo e in entrambe le fasi, senza machiavellici giochi posizionali o marchingegni vari, come direbbe Majo (facendo riferimento alla prima trasmissione live dal Tardini di Radio Parma dell’Autunno del ’75 da lui rimembrata in un video a cura di Carlo Alberto Cova per i Veterani dello Sport, clicca sul collegamento ipertestuale per vederlo, che mi ha allietato la domenica mattina) ai quali era stato sottoesposto finora Sohm, ieri per la prima volta partito dalla panchina e chiamato in corsa a sostituire l’euclideo ed incontrista al tempo stesso Schiattarella. Poi quasi d’incanto, dopo l’infortunio di Juric e l’ingresso di Correa spostato all’ala, ecco che si materializza il sogno di vedere, nel ruolo di mezzala, creativi entrambi, insieme, Vazquez e Brunetta, per rispondere a coloro i quali, anche attraverso il mio intervento radio di cui sopra, mi contestavano il fatto che io li ritenessi, a pieno titolo, capaci di esprimersi, entrambi come centrocampisti puri, offensivi fin che sin vuole, ma pur sempre adatti a presidiare bene «la zona nevralgica» del campo come ci avrebbe suggerito il compianto Pino Colombi, sempre maestro in questi dettagli dialettico-retorici. Quindi tutto va bene madama la marchesa? Ma tutto, proprio tutto, non direi, anche se il brodino del pareggio non é stato del tutto sciapo: un po’ di sapore di carne lo si è assaporato, nella parte finale del primo tempo e nella ripresa, quando l’intrepido Pisa del tosto, razionale, semplice e tradizionale tecnico D’Angelo, ha forse anche temuto di perdere e ha rinunciato al suo prezioso talento offensivo Lucca, vera sorpresa individuale del campionato, oltre che all’altro attaccante Sibili, per immettere coi cambi – lui ne fa sempre cinque come altri suoi colleghi mentre Maresca quasi sempre tre, chissà perché – quel qualcosa in più che sa molto di conservazione del risultato, sebbene non si tratti di vittoria piena, ma di pareggio. Però, in mezzo a tutti questi elementi, per certi versi confortanti, ciò che stride, per parte Crociata, oltre alla irrealizzazione (attuale) del progetto di gioco e di calcio posizional/propositivo sono i punti in classifica: dopo sei giornate, otto, la metà esatta di quelli della capolista Pisa che non ha prevalso, oltre alle già citate due sconfitte incassate contro avversari sulla carta inferiori. Questi i dati di fatto, oltre al solito svagamento in area in fase di marcamento su traversoni come in occasione del gol subito, nel quale il gigantesco Lucca, per impattare il pallone, ha dovuto quasi inchinarsi, perché, in quel momento, i suoi 201 centimetri di altezza rappresentavano quasi un impaccio e non una risorsa. Tanto per dire che sulla fase difensiva ancora il lavoro non manca. Su quella offensiva verrebbe da dire che si fa da sé risolvere l’enigma su che tipo di centravanti occorre schierare, se su uno di movimento alla Tutino che inneschi i tagli degli esterni offensivi o se uno come Inglese che tali incroci li favorisca attraverso le spizzate di testa o grazie alla gioco sporco fatto di sportellate e difesa della palla? Questo ed altro andrà risolto nei prossimi giorni per riuscire, finalmente, a vedere una squadra che sia veramente capace di comandare il gioco come da propositi o da proponimenti della vigilia. Accontentiamoci per il momento dei progressi minimi espressi e dalla capacità di reazione agli eventi avversi dimostrata. Una squadra che doveva essere rivoluzionaria sempre, al momento sembra solo «reazionaria», e se si considera il senso politico e storico del termine, verrebbe da dire che, non solo si è lontani dall’obiettivo, in termini di gioco, prefissato, ma che si sia imboccato il verso opposto di tale strada. Perché «reazione» e il sostantivo/aggettivo conseguente «reazionario» vogliono significare qualcosa di dichiaratamente favorevole al ripristino di un assetto storicamente superato, decisamente ostile a qualsiasi spinta o tendenza innovatrice e progressista. Va a vedere che alla fine si torna indietro alla difesa e contropiede (magari) del catenaccio che tutti – concettualmente – vogliono aborrire. Non sarà così anche se al momento l’annunciata «rivoluzione», russa. Cioè dorme e ronfa… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

7 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / 1-1 PER NOI. E INTANTO LA RIVOLUZIONE RUSSA…

  • 27 Settembre 2021 in 17:12
    Permalink

    Restando in tema di Rivoluzione Russa, speriamo di non fare la fine dei troskisti.
    Perché dietro questa rivoluzione di Maresca io vedo molta ma molta utopia.

    La Juventus fece la serie B con i campioni eppure non si inventò nulla nel gioco che rimase classico o tradizionale. Qui si vuole vincere la serie B italiana con il tiki-taka di Guardiola, ma non abbiamo né i campioni né il tempo infinito di aspettare un evoluzione da parte di 8/11 della squadra titolare.

    A me poi sembra che non ci sia nemmeno una rosa così profonda da cui attingere in termini di qualità e in termini di quantità. Francamente ad oggi, il Parma rispecchia la posizione di classifica che occupa e questo mi sembra abbastanza grave per una società che ha dichiarato di voler tornare subito in serie A.

    Vedremo dopo Ferrara, se anche a Parma servirà chiamare un Lenin per far sventolare la Bandiera Rossa sul Tardini in barba ai sogni utopistici di Trosky-Maresca

  • 27 Settembre 2021 in 20:29
    Permalink

    Se la rivoluzione russa vuol dire che dorme

    • 28 Settembre 2021 in 08:25
      Permalink

      se invece l’insalata russa il pomodoro non dorme

  • 27 Settembre 2021 in 23:27
    Permalink

    Magari tornassimo indietro! Non possiamo marcire in B perchè Maresca deve per forza far vedere che è l’erede di Guardiola. Serie A quest’anno o ciaone.

  • 28 Settembre 2021 in 08:20
    Permalink

    Ma questa storia di guardiola ha un po’ fiaccato.
    Questo del gioco di guardiola non ha nulla.
    Guardiola ha attaccanti che pressano e squadra alta e corta, noi siamo lunghi 80 metri dopo dieci minuti.
    Abbiamo i due rumeni che calcisticamente sono ignoranti a livelli abissali e quando perdono palla non provano neanche a recuperarla se hanno l’avversario a un metro, abbiamo una difesa bassissima e stretta al centro che viene attaccata sistematicamente sugli esterni, non abbiamo una sola sovrapposizione terzino mezz’ala attaccante, dove sia guardiola non lo so. Forse al Pronto soccorso.
    Questo non ha idea di cosa fare, come giocare e cio’ che peggio nemmeno guarda gli avversari che per 4 partite di fila, lo stanno attaccando con il terzino sinistro alto , i centrali difensivi che in fase di non possesso vanno uno contro uno con i nostri cavalli da corsa ( anche se meglio sarebbe muli da soma) che restano alti e sistematicamente ci raddoppiano coi centrocampisti, cosi’ le loro corse dritto per dritto con sterzata vengono spesso fermate.
    Noi giochiamo con lanci verticali e stop. Solo schiattarella prova qualche variazione di gioco ma di base e’ inchiodato a fare il terzo centrale di difesa e quindi ne vedi tre a partita

    • 28 Settembre 2021 in 16:34
      Permalink

      La mia preferita è quando Coulibaly (prima Sohm) prende palla da terzino, la da a Mihaila sempre di spalle, poi invece di aiutarlo con un triangolo, lo molla lì in balia di un raddoppio mentre diligentemente lo abbandona per prendere celermente e inutilmente posizione a centrocampo come obbligano i dettami di Maresca in fase di possesso.
      Comunque in due occasioni nel secondo tempo si è fatto qualche minuto di “calcio posizionale”, e lì si è capito perché ‘sto futuristico Tiki Taka nessuno in Italia lo propone, fare quella miriade di passaggini lenti orizzontali e all’indietro col fine di fare uscire prima o poi qualcuno e crearsi lo spazio per l’imbucata, semplicemente se l’altra squadra, senza fatica, resta schierata e corta non funziona, forse a meno che tu non abbia 6 giocatori offensivi a livelli altissimi, ma proprio altissimi, che non perdono mai e poi mai palla e magari tutti con una grande visione di gioco, forse.

  • 29 Settembre 2021 in 11:09
    Permalink

    A mi al tikitaka al me mei piasù!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI