IL COLUMNIST di Luca Russo / IL CALCIO DEL PISA ANTEPONE IL SENSO PRATICO ALL’ESTETICA FINE A SE’ STESSA

(Luca Russo) – Due vittorie nelle prime due giornate ai danni di Bologna e Lecce, un 2-0 rifilato al Torino, il pareggio a reti bianche in trasferta contro la Lazio, la vittoria esterna per 2-0 al cospetto della Roma, il pareggio casalingo per 1-1 col Napoli e il 2-3 inflitto al Parma al Tardini. Se vi sembra il ruolino di marcia di una squadra in corsa per un piazzamento europeo, siete completamente fuori strada. Si tratta, invece, di alcuni dei risultati ottenuti dal Pisa durante la Serie A 1990/1991. Per i nerazzurri quel campionato si concluse con 22 punti, la terz’ultima piazza e la retrocessione in B: da allora in A i toscani non si sono più visti e per loro è iniziato un lungo girovagare tra Serie B, C, Dilettanti, fallimenti e rinascite. L’ultima delle quali siglata da Alexander Knaster, 62 anni, imprenditore britannico naturalizzato statunitense che acquisendo il 75% della proprietà del Pisa gli ha garantito la liquidità e le risorse necessarie per partecipare alla B nelle vesti di vera e propria favorita, togliendogli di dosso l’etichetta un po’ riduttiva di outsider. E i risultati, almeno finora, sono visibili a tutti: i ragazzi allenati, in modo a quanto pare eccellente, da D’Angelo comandano la classifica dopo aver fatto strike nelle prime cinque giornate disputate, conquistando altrettante vittorie e mettendosi in tasca 15 punti. L’Ascoli, secondo, viaggia a tre lunghezze di distanza, il Brescia terzo a quattro, il Benevento quarto a cinque e via via tutte le altre. Un andamento da promozione che è la diretta conseguenza della solidità societaria, del gran lavoro compiuto dal tecnico, delle intuizioni dell’area sportiva, governata dal ds Claudio Chiellini, fratello di Giorgio Chiellini, bravissimo nell’assicurarsi elementi del calibro di Lucca, Nicolas, Cohen e Nagy e naturalmente di chi poi va in campo. È grazie a questo mix di competenze che il Pisa sta correndo ad una velocità doppia rispetto alla concorrenza. Compresa quella del Parma che invece procede a marce basse e che domenica pomeriggio ospiterà al Tardini proprio la capolista. Una sfida ad elevato coefficiente di difficoltà sia sul piano tecnico che sotto il profilo emotivo. Quella di D’Angelo è una squadra che non fa del possesso palla il suo cavallo di battaglia: preferisce andare in aggressione alta sugli avversari per sottrargli il pallone e poi catapultarsi rapidamente in proiezione offensiva. Poco tiki taka, per intenderci, e una spiccata propensione alle verticalizzazioni e in genere a un calcio che anteponga il senso pratico all’estetica fine a sé stessa. Filosofia, questa, assimilata alla perfezione pure dalla difesa, granitica come poche altre: 3 le reti subite dalla retroguardia toscana, il miglior rendimento della cadetteria, farle gol è sulla carta impresa ai limiti del proibitivo. Con tali premesse verrebbe da dire che il Pisa rischia di rivelarsi il peggior avversario possibile in un momento così delicato per il Parma, ed in parte è vero: se i Crociati dovessero replicare quanto di brutto ci hanno mostrato contro la Cremonese e la Ternana, e cioè una difesa statica e disordinata e un gioco d’attacco limitato alle palle alte, difficilmente riusciranno a impensierire i nerazzurri. Sarà, inoltre, un test indubbiamente significativo per verificarne la tenuta nervosa, perché consapevoli che un passo falso li allontanerebbe ulteriormente dalle prime due posizioni, i Ducali potrebbero non reggere il peso dello scontro diretto. Ma in fondo forse è esattamente per questo che il Pisa potrebbe tradursi, al contrario, nel miglior avversario possibile per i ragazzi di Maresca: è in partite del genere che da gruppo si diventa squadra e da favorita sulla carta ci si trasforma in seria candidata alla promozione. Se c’è un’opportunità per diventare grande, eccotela servita Parma. Luca Russo

12 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / IL CALCIO DEL PISA ANTEPONE IL SENSO PRATICO ALL’ESTETICA FINE A SE’ STESSA

  • 25 Settembre 2021 in 11:01
    Permalink

    “Se c’è un’opportunità per diventare grande, eccotela servita Parma”

    niente fa gia’ ridere cosi’

    l’anno prossimo per diventare grandi seviamoci un bel parma carrarese e dico carrarese mica micio micio bau bau ,povera parma che brutta fine

    • 25 Settembre 2021 in 13:24
      Permalink

      Fermo restando che ognuno è libero di pensare e dire ciò che vuole e ci mancherebbe altro, mi piacerebbe se almeno qui potesse nascere un dibattito costruttivo, senza che si arrivi a divisioni interne e avendo in testa sempre che il bene del Parma viene prima di ogni altra cosa. Anche delle nostre convinzioni. Se il fuoco nemico uno se lo aspetta, quello amico è disarmante.

      • 25 Settembre 2021 in 15:35
        Permalink

        Stai parlando del fuoco amico dei due americani ovviamente, se no fat curer, ti dico quelli che penso se è divisivo non lo so secondo me é fattoriale

    • 25 Settembre 2021 in 18:15
      Permalink

      Siamo attualmente quattordicesimi
      Il Brescia ha vinto in casa dell’Ascoli e anche Inzaghi saluta la nostra
      ARMATA BRANCALEONE
      con il gesto dell’ ombrello.
      Se non si vince domani con
      FARSESCA ( lo chiamerò così )
      la farsa è servita.
      Arrivederci al prossimo anno
      ovviamente con
      FARSESCA
      RIBALTA e
      KRAUSE
      Il trio meravigliao
      sempre però se saremo ancora in 🅱️

  • 25 Settembre 2021 in 13:17
    Permalink

    Spero che domani sera Maresca non sia più l’allenatore del Parma.
    Uno il cui credo è sempre stato “il calcio si deve adattare a me e non io al calcio” deve essere spedito a pedate.
    A lui del Parma non interessa nulla vuole solo dimostrare al mondo di essere un innovatore e un genio del calcio. Siccome non lo è, via lui e le sue canelle e valorizziamo i calciatori in rosa che sono il patrimonio del Parma. Presidente pensi ai suoi acquisti e valuti se questo omuncolo tutela il suo patrimonio oppure lo svilisce. La risposta segna il timing del licenziamento di questo sedicente allenatore.

  • 25 Settembre 2021 in 15:12
    Permalink

    Ma a Krause piace fare Karakiri
    Ditemi un giocatore che con questo allenatore è aumentato di valore rispetto al prezzo pagato.
    Presumo nessunissimo anzi il prezzo dei giocatori e’ sceso in picchiata
    Più rimane questo allenatore con schemi folli e più il prezzo dei giocatori diminuirà
    con il Parma che più che pensare alla serie 🅰️ dovrai guardarsi di non scivolare in C
    A Krause si vede piace così.
    A Krause si vede piace il karakiri

  • 25 Settembre 2021 in 16:45
    Permalink

    Siamo l’unica squadra di tutta la B con positivi al Covid, in una settimana abbiamo fatto fuori Man e Danilo. Non poteva beccarlo che so Correia o Valenti?No due titolari.Assumano la Meschi dal Barbieri come “Covid consulant” tanto un dirigente in più cosa cambia. Almeno ce ne liberiamo dal palinsesto della Rudarola.

  • 25 Settembre 2021 in 16:48
    Permalink

    La zona retrocessione è a 3 punti. Quella promozione a 8 è potenzialmente 11. Lascio a Ribalta, ai “softuer” e algoritmi che usano per decidere acquisti e formazioni una risposta a questa banale considerazione.

    • 25 Settembre 2021 in 20:15
      Permalink

      E oltre l’azzurro della tenda nell’azzurro io volerò.
      Quando la donna cannone d’oro e d’argento diventerà,
      Senza passare dalla stazione l’ultimo treno prenderà,avanti siore e siori american circus is our pink future

  • 25 Settembre 2021 in 17:42
    Permalink

    Strano, eppure pensavo che il calcio “pane e salame” non fosse di successo, vero Maresca?

  • 25 Settembre 2021 in 19:29
    Permalink

    Ascoltate le conferenze stampa di Maresca dopo
    Cremonese
    Ternana
    e rimarrete allibiti
    Dice le stesse identiche cose in fotocopia.
    Sono le stesse tali e quali conferenze stampa e dopo le sconfitte con il Pisa e la Spal saranno conferenze stampa ancora in fotocopia e non riuscirete a distinguere una conferenza stampa dall’altra.
    TUTTE UGUALI
    dove dirà le stesse identiche cose dette dopo Cremonese Ternana e dirà dopo Pisa e Spal.

  • 25 Settembre 2021 in 22:26
    Permalink

    Maresca ha un curriculum di tutto rispetto:
    vice allenatore all’Ascoli,
    consulente di Montella
    allenatore dell’under 23 del manchester united.

    E’ una garanzia. chi lo critica è un disfattista, nemico della patria e causa delle sconfitte passate e future, ma siete orbi non le vedete che credenziali mostra e poi scusate si può esonerare il genio da Nobel per la Fisica che ha esperimentato con (in)successo la quantistica applicata al calcio: fai l’esterno destro e nel contempo il centrocampista ma nessuno sa dove sei nel momento in cui ti osserva …..e ne manco tu lo sai vero sohm????
    Comunque coraggio ed ottimismo: la palla è rotonda, la scintilla non è ancora scoccata, ci manca il guizzo, gli episodi ci hanno condannato, ci sono ancora tantissime partite da giocare (domanda ma solo per noi o anche per quelli che ci precedono e/o ci seguono?), il Parma tremare il mondo fa, è già promosso, noi dobbiamoo dominare il gioco… e via discorrendo….ma mi faccia il piacere SILENZIO E PEDALARE.
    Scherzi a parte l’allenatore va esonerato perchè è confuso ed inesperto ma la squadra è sopravvalutata e va rinforzata; manca un centravanti (inglese ha bisogno di tempo) mancano due centrocampisti ed un difensore ed i due esterni d’attacco non possono fare i solisti, ma mancano principalmente l’amalgama e l’alchimia ed il………GIOCO…..che non si comprano con i dollari e gli algoritimi ma che solo un allenatore rodato può dare e non un principiante volenteroso ma inesperto, meditate dirigenti meditate e… decidete asap.
    Come diceva Andreotti “ve la siete cercata”ma siete in tempo per rimediare.
    forza parma sempre.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI