PARMA-CREMONESE 1-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

PARMA-CREMONESE 1-2, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

PARMA-CREMONESE 1-2, IL TABELLINO

Marcatori: 4′ Fagioli, 34′ Vido, 69′ Mihaila

PARMA – Buffon; Danilo, Vazquez, Juric, Delprato, Sohm (45′ Coulibaly), Schiattarella (65′ Brunetta), Cobbaut, Mihaila (85′ Correia), Inglese, Man (83′ Iacoponi). Allenatore: Maresca
A disposizione: Colombi, Dierckx, Zagaritis, Busi, Valenti, Bonny

CREMONESE – Carnesecchi; Valeri, Bianchetti, Bartolomei (79′ Crescenzi), Sernicola, Vido (58′ Zanimacchia), Castagnetti, Fagioli, Di Carmine, Okoli, Gaetano (79′ Nardi). Allenatore: Pecchia
A disposizione: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Collodel, Ravanelli, Ciofani, Meroni, Dalle Mura, Deli

Arbitro: Sig.  Manuel Volpi della Sezione A.I.A. di Arezzo

Assistenti: Sig. Alberto Tegoni di Milano e Sig. Alessandro Cipressa di Lecce

Quarto ufficiale: Sig. Marco Emmanuele di Pisa

V.A.R.: Sig. Micheal Fabbri di Ravenna

A.V.A.R.: Sig. Matteo Gariglio di Pinerolo

Espulsi: Vazquez, Pecchia

Ammoniti: Bianchetti, Sernicola, Mihaila, Iacoponi

 

LA DIRETTA LIVE DI Ilaria Mazzoni

Benvenuti allo stadio Ennio Tardini da dove vi racconteremo la quarta giornata di campionato, crociati chiamati, in questa domenica sera, ad affrontare nel posticipo della serie cadetta la Cremonese che, in classifica si trova, al momento, ad un solo punto di distanza dal Parma.

Le due formazioni hanno appena terminato la fase di riscaldamento e rientrano in questo momento nel tunnel che conduce agli spogliatoi del fortino gialloblù, dopo il successo riportato a Pordenone la squadra di casa è di nuovo di scena a casa propria con il tentativo di proseguire la propria striscia positiva e di raggiungere le tre vittorie consecutive.

PRIMO TEMPO

01′ Giunge in questo momento il fischio del direttore di gara che segna l’inizio del posticipo di questa sera, Parma che attaccherà, nel corso di questi primi quarantacinque minuti, da sinistra verso destra

02′ la Cremonese sembra mettere in campo immediatamente un approccio molto aggressivo alla gara; gli ospiti cercano ora di sviluppare la propria manovra offensiva lungo la fascia di de sinistra con Valeri

03′ GOOOOOAL, 0-1 CREMONESE! La squadra di Pecchia sfrutta nel migliore dei modi la discesa di Valeri lungo la fascia, sfera che giunge tra i piedi di Fagioli che serve l’assist perfetto a Di Carmine che non deve far altro che appoggiare il pallone verso la porta gialloblù. Buffon si tuffa ma il pallone gonfia, comunque, la rete. Inizio in salita per il Parma che, a tre minuti dal fischio di inizio, si trova nelle condizioni di essere costretto ad inseguire l’avversaria

07′ la Cremonese dopo la rete del vantaggio siglata qualche minuto fa sta pressando e costringendo i padroni di casa nella propria metà campo; discende lungo la fascia “il solito” Valeri che poi arriva sul fondo e crossa verso il primo palo. Nessun compagno, per fortuna, riesce ad arrivare sul pallone

09′ sono gli ospiti a dettare ritmi e tempi di gioco; in questo momento potranno usufruire di un calcio d’angolo dopo che Danilo ha messo fuori il sinistro liberato all’interno dell’area di rigore da Gaetano. Il corner sarà battuto dalla sinistra; nulla di fatto. E’ l’estremo portiere crociato, Super Gigi, a rimettere il pallone in gioco

12′ fraseggio della Cremonese: dialogo tra Sernicola e Gaetano, la trama offensiva viene arrestata da un ottimo intervento di Delprato che interviene in area di rigore a pochi passi da Buffon

14′ ancora Cremonese, Parma che deve provare ad accendere la luce a centrocampo per poter avanzare nella metà campo avversaria, ci prova ora. Manovra crociata arrestata da un intervento di Bianchetti giudicato falloso dal direttore di gara che decide di ammonirlo. Parma che usufruirà di un’importante punizione a pochi passi dal limite dell’area di rigore. Punizione battuta direttamente sulla barriera, nulla di fatto per i gialloblù

16′ lancio di Schiattarella, il gialloblù vorrebbe innescare l’avanzata di Man ma Valeri ci mette il corpo e vigila sull’uscita del pallone oltre la linea di fondo

20′ prima vera occasione per il Parma che riesce a portare Inglese a tu per tu con l’estremo difensore della Cremonese, l’attaccante era riuscito a smarcarsi con efficacia dalla morsa di Okoli. Poi prova la conclusione che termina, però, sul fondo di un soffio, il Tardini trattiene il fiato. La bandierina dell’assistente si era comunque alzata per segnalare la posizione di fuorigioco di Bobby. Peccato

22′ conclusione della Cremonese; un provvidenziale Sohm intercetta il pallone calciato da Vido che aveva ricevuto il pallone in area e aveva provato il tiro in girata

25′ il Parma prova a mostrarsi in avanti con un cross basso di Vasquez che viene allontanato in fallo laterale. I padroni di casa che, sino ad ora, si sono dimostrati forse un pò troppo intimiditi, provano ad alzare il proprio baricentro, per ora senza fortuna

26′ Crociati in pressione! Inglese di sponda lancia Man in campo aperto; l’attaccante crossa poi a centro area ma si chiude bene la Cremonese

28′ problemi per Okoli che rimane a terra dopo una chiusura effettuata su Inglese; l’arbitro arresta momentaneamente il gioco quando stiamo per arrivare alla mezz’ora di gioco al Tardini con la Cremonese in vantaggio per una rete a zero

32′ lancio di Danilo per lo scatto di Inglese, interviene la difesa avversaria

34′ GOOOAL, 0-2 CREMONESE. Gli avversari non si fanno di certo pregare e concretizzano mettendo a segno la seconda rete che porta la firma di Luca Vido. Parma che deve reagire prima di rientrare negli spogliatoi

36′ occasione per la Cremonese con Gaetano che controlla in area dopo aver raggirato la difesa gialloblù; prova la conclusione ma Buffon intercetta il pallone e lo devia evitando il tris avversario

37′ il Parma prova a rispondere con Mihaila che approfitta di un errore di Bianchetti e prova a calciare verso la porta ma trova la ferma opposizione di Carnesecchi che esce dalla propria area di rigore, sfera che termina poi sul fondo

39′ la Cremonese prova ad abbassare il ritmo in questi minuti finali del primo tempo il tentativo è quello di non consentire ai gialloblù di entrare in partita. Padroni di casa che, comunque, devono tirare fuori la cattiveria giusta per ribaltare l’andamento di questa gara

42′ Gaetano riceve da Vido e prova a calciare sul secondo palo da posizione defilata. Pallone che termina abbondantemente a lato della porta presidiata da Buffon

44′ Man riceve dal limite poi però perde il possesso del pallone mentre giunge qualche fischio da parte del pubblico crociato

45′ un minuto di recupero

46′ finisce in questo momento, Parma che rientra negli spogliatoi in svantaggio di due reti; i padroni di casa raggiungono il tunnel accompagnati da qualche fischio da parte dei tifosi che, di certo, non hanno apprezzato questo primo tempo gialloblù troppo timido

Il Parma chiude il proprio primo tempo con una prestazione troppo timida, la Cremonese mette in salita la gara dei crociati dopo solo tre minuti con una rete che ha reso difficile il gioco della squadra di casa. I crociati hanno avuto qualche buona occasione su tutte quella di Inglese, poi l’avversaria, alla mezz’ora, raddoppia. Ci saranno ancora quarantacinque minuti a disposizione dei crociati che dovranno mettere in campo, però, un atteggiamento più aggressivo.

SECONDO TEMPO

46′ prima del fischio di inizio lo speaker del Tardini annuncia il primo cambio tra le fila crociate: esce Sohm per Coulibaly. Inizia ora il secondo tempo, primo pallone giocato dalla Cremonese

47′ buonissimo avvio per i crociati; la squadra di Maresca si porta immediatamente in avanti con convinzione; Schiattarella si allarga sulla destra per Man che si accentra e libera il proprio sinistro dai venti metri la Cremonese si chiude bene ma certamente sembra un Parma con uno spirito diverso, quello giusto per raddrizzare le sorti di questo match

48′ Man entra palla al piede in area e dopo aver saltato due uomini tenta la conclusione, troppo imprecisa, però. Pallone che termina direttamente sul fondo

49′ calcio di rigore a favore degli ospiti dopo che Fagioli è caduto a terra a seguito di un contatto con Schiattarella; alcun dubbio per l’arbitro che indica con decisione il dischetto di rigore. Sembra davvero sfortunata questa serata per il Parma

50′ Buffon miracoloso! Il super portierone para il calcio di rigore di Di Carmine, sulla respinta ci riprova la Cremonese ma il pallone viene deviato in fallo laterale

53′ l’arbitro ci ripensa dopo aver ricevuto indicazioni dalla VAR: Schiattarella è entrato in area prima della battuta di Di Carmine: il calcio di rigore deve essere battuto nuovamente. Gigi strega tutti: Di Carmine calcia fuori

57′ Valeri guadagna il fondo e crossa al centro per Di Carmine ma non fa i conti con Cobbaut che è ben piazzato e anticipa l’attaccante della Cremonese

58′ prima sostituzione anche per la squadra ospite: rilevato Vido, al suo posto subentra Zanimacchia

61′ il Parma prova a prendere le energie dal doppio rigore parato da un super Buffon e prova ad alzare il proprio baricentro. E’ arrivato il momento di accorciare le distanze in modo da riportarsi ad una solo lunghezza dall’avversaria

63′ Mihaila ci prova dalla lunga distanza dopo aver ricevuto il pallone da Man. Conclusione molto alta sopra la traversa di Carnesecchi

65′ ammonizione per Bartolomei, sarà calcio di punizione per il Parma. Verrà battuta a qualche passo dal centrocampo della Cremonese

66′ ancora un cambio per Maresca: esce Schiattarella che lascia il proprio posto a Brunetta

69′ GOOOOAL PARMA! I crociati accorciano le distanze e si riportano in partita grazie alla rete siglata da Mihaila

72′ si accende una scaramuccia in campo e vola un cartellino giallo verso Vasquez che, però, è già ammonito: il giocatore deve abbandonare il campo dopo che il direttore gli mostra il cartellino rossa che decreta il termine anticipato della sua gara e condanna i gialloblù a terminare questo incontro con un uomo in meno. Sarà difficile, ma non impossibile, rimontare la rete di svantaggio in inferiorità numerica

73′ nella Cremonese Di Carmine lascia il posto a Ciofani

75′ ammonizione anche per Mihaila, autore della rete che ha riportato i crociati ad una rete di svantaggio

76′ i padroni di casa, nonostante l’inferiorità numerica, ora spingono. Cremonese che, invece, ha a terra ogni minuto un proprio calciatore. Il pubblico si infiamma così come gli animi sul terreno di gioco, i ducali devono essere bravi a mantenere la calma e credere nelle proprie doti per poter almeno riportare sul pareggio questo match. Si preannuncia un robusto recupero

78′ uno scatenato Mihaila dimostra le proprie qualità imbambolando la difesa della Cremonese con un dribbling ipnotico, poi, dopo essere penetrato nel cuore dell’area avversaria, prova a scaricare il proprio destro a giro verso la rete. A lato di un soffio! Che occasione per i ducali!

79′ sostituzione Cremonese: fuori Bartolomei per Nardi

81′ i crociati, nonostante l’oggettiva difficoltà di affrontare questi ultimi dieci minuti che mancano alla conclusione del secondo tempo, provano con aggressività ad insediare l’area avversaria. Speriamo non sia troppo tardi

83′ per il Parma esce dal terreno di gioco Man, inizia la partita di Iacoponiù

85′ Mihaila sembra aver un problema muscolare, speriamo siano solo crampi. Il calciatore è costretto ad abbandonare il campo sorretto dallo staff medico che accelera l’uscita per consentire alla squadra di sfruttare appieno questi ultimi cinque minuti. Al suo posto entra sul manto del Tardini Correia Felix

87′ ammonizione per Iacoponi

89′ Iacoponi si porta sul fonda e prova il cross verso il centro dell’area ma arriva per primo un difensore della Cremonese che libera la propria area di rigore. Parma che non molla e rimane in fase di attacco quando manca ormai solo un minuto; tutto l’Ennio spera in un sostanzioso tempo di recupero

90′ sette minuti di recupero

91′ fermato Roberto Inglese per posizione di offside

92′ forcing del Parma che ci prova con le unghie e con i denti a prendere questo punto e non abbandonarsi alla sconfitta. Cremonese relegata all’interno della propria area

94′ calcio di punizione per gli ospiti che vedono così scorrere secondi preziosi. La vittoria, per la Cremonese, sembra essere davvero vicina ora che mancano solo tre giri della lancetta dell’orologio

97′ triplice fischio finale: la Cremonese espugna il Tardini e condanna il Parma alla sua prima sconfitta di questo campionato cadetto

Si conclude questo posticipo della quarta giornata di campionato, i crociati sono sconfitti da una buona Cremonese che mette subito in difficoltà i padroni di casa con una rete dopo soli tre minuti. Poi il raddoppio, ma il Parma non ci sta e, dopo l’intervallo, mette in campo lo spirito giusto, quello che serviva dall’inizio. La squadra di Maresca non molla e con la rete di Mihaila si porta a meno uno. Non basta. Appuntamento con i tre punti alla prossima: mercoledì quando si giocherà in casa della Ternana alle ore 18.00. Ilaria Mazzoni

27 pensieri riguardo “PARMA-CREMONESE 1-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 19 Settembre 2021 in 20:34
    Permalink

    Forza Parma

  • 19 Settembre 2021 in 21:02
    Permalink

    Svegliamoci, che siamo indecenti!

    • 19 Settembre 2021 in 21:07
      Permalink

      La costruzione dal basso. Il gioco senza palla si fa anche con la palla. E il gioco con la palla si fa anche senza palla.

      • 19 Settembre 2021 in 22:37
        Permalink

        secondo me apelle figlio di apollo fece una palla di pelle di pollo ,infatti tutti i pesci stanno venendo a galla e ad occhio e croce sembrano dei rugaterra,comunque il futuro e’ roseo come il culetto di un neonato ,spesso spussa di cacca

  • 19 Settembre 2021 in 21:06
    Permalink

    Game over. Giusto così.

    • 19 Settembre 2021 in 21:17
      Permalink

      Sono tornati in campo in incognito Sepe, Iacoponi, Liverani, Kurtic, Gagliolo, Karamoh e il giostraio? E’ uno schifo imbarazzante

  • 19 Settembre 2021 in 21:17
    Permalink

    Primo tempo in cui si sono viste le differenze tra un allenatore che in settimana lavora e uno sbruffoncello incapace, che passa le giornate a raccontare balle. Zero grinta, zero idee e zero schemi. Sohm non fa male ma Valeri è un’altra cosa. Spiegare ai due rumeni che ci vogliono i coglioni in Serie B. Ma solo colpa del mozzarellaio di ponte Cagnano questo primo tempo.

  • 19 Settembre 2021 in 21:34
    Permalink

    Ecco qua. Gli sono servite 4 partite più la Coppa Italia per capire che gli avversari mettono l’uomo più veloce contro sohm. Beata presunzione del sedicente allenatore. Deve fare il re della mongolia

  • 19 Settembre 2021 in 21:43
    Permalink

    Stiamo facendo pena

  • 19 Settembre 2021 in 21:50
    Permalink

    C’e da vomitare.
    E con questa squadra di vuole andare in A?
    Ma non prendiamoci in giro.
    Maresca NON VA BENE PER LA 🅱️
    I nostri pensano di vincere il campionato
    gigioneggiando in campo,?
    Povero Krause
    Brunetta non gioca?
    Da questo si vede la pochezza di Maresca

  • 19 Settembre 2021 in 21:52
    Permalink

    Secondo tempo di soli tiri alla disperata dei due rumeni. Proprio calcio champagne.

  • 19 Settembre 2021 in 22:25
    Permalink

    Il nervosismo dei giocatori è la prova della scarsa concentrazione su partita e avversario, tipici di chi ritiene di essere predestinati alla vittoria. Maresca non sa gestire, preparare, allenare, motivare, non studia gli avversari. Qui, serve tanto guidolin e ranieri. Lui vada a produrre formaggi della sua terra e a tempo perso, si dedichi alla moda visto, che è sempre impeccabilmente figo.

  • 19 Settembre 2021 in 22:25
    Permalink

    Sconfitta meritata. Che ci serva da lezione. Siamo una banda di giocolieri senza uno stralcio di idea di squadra.

  • 19 Settembre 2021 in 22:32
    Permalink

    Modulo viva il parroco tutti avanti però ha dimenticato di dire che anche la palla dovrebbe arrivare in avanti.pajas

  • 19 Settembre 2021 in 22:33
    Permalink

    Sono stanco di perdere partite. Per amor del cielo la Cremonese ha meritato ed è forte, costruita da uno di 75 anni che conosce il calcio e non da tre scienziati ( Presidente compreso) che vogliono innovarlo. Sono stanco di vedere uno che dovrebbe far panchina negli amatori, giocare terzino titolare e far prendere sempre gol da quella parte ( si perché il secondo gol parte da li con man che chiude e sohm che non si capisce cosa stia facendo visto che nemmeno mancava), solo perché il misterone vuole innovare il calcio oppure prendere gol perché al terzo minuto lo stopper deve giocare dal basso. Basta scienziati , mettiamo Ranieri o Guidolin e vinciamo il campionato per distacco. Non aspettiamo la prossima serie di sconfitte . Cacciatelo stasera, fa più danni della grandine. Uno che ha forse la terza media stasera ci racconterà con la sua flemma da esperto prenditore per il sedere, che gli errori ci stanno e fanno crescere che abbiamo perso per errori individuali e ha visto miglioramenti. Abbiamo giocato contro la prima vera squadra e abbiano fatto una figuraccia. Presidente non si faccia prendere per il culo, intervenga subito.

    • 19 Settembre 2021 in 23:18
      Permalink

      Amico mio sul fatto che il vecchio dell’acciaio ne sappia di calcio ho i miei dubbi. Sono 15 anni che è tra C e B, due anni fa a momenti retrocede, ha avuto tra i suoi allenatori Rastelli e aveva preso Ceravolo e Ciofani. Non aggiungo altro. Se mi dici Cellino ok ma Arvedi proprio no.

      • 20 Settembre 2021 in 00:14
        Permalink

        Mi riferisco a braida

        • 20 Settembre 2021 in 00:29
          Permalink

          Braida l’ho visto prima della partita che parlava con Ribalta vicino all’ingresso della tribuna. Ha una cioma tinta e un toupet da Champions. Però si ti do ragione lo vorrei domani al posto del sosia spagnolo di Ampollini e di Kalma.

  • 19 Settembre 2021 in 22:37
    Permalink

    Sconfitta meritata.
    Senza dubbio è meglio perdere adesso con una delle squadre piu in forma in questo momento che più avanti..
    sconfitta che ci riporta sulla terra..dopo pordenone..
    mercoledi vinciamo facile con la ternana..
    ..ma basta sohm terzino..giochiamo in 10..

  • 19 Settembre 2021 in 22:40
    Permalink

    P.S. Non abbiamo perso per colpa di Sohm..
    Sono stati inguardabili tutti, anche se non mi ha fatto una brutta impressione koulibaly..

    • 20 Settembre 2021 in 00:16
      Permalink

      Io ero allo stadio. Se guardi il campo, e non la palla, a centrocampo vedi 4/5 giocatori avversari e uno dei nostri. E inutile discutere, da le c’è in poi, e io le ho viste tutte, ci massacrano lì. Noi con 4 attacanti (3+Vasquez) ad aspettare palloni.
      Buttiamo palloni cercando la giocata come col Benevento, ma non è calcio champagne e calcio imbarieg…

  • 19 Settembre 2021 in 23:18
    Permalink

    Senza polemica perché non serve a nulla, vorrei leggere i commenti di quelli che sono sempre e comunque pro Presidente e allenatore. Vorrei un confronto su questi temi : 1) ritenete che Maresca sia in grado di condurre e gestire questa squadra o pensate che sia tollerato e considerato alla stregua di un mentecatto dai calciatori, 2) ritenete che sia presuntuoso sia nelle scelte che nella preparazione delle singole partite oppure lo ritenete perfetto, 3) ritenete sia il caso di insistere su questo allenatore che ha già detto gli occorrono 2 anni per vincere oppure è bene intervenire subito. Ripeto in puro spirito costruttivo e non polemico

  • 19 Settembre 2021 in 23:28
    Permalink

    Io sono con il culo al caldo e la partita non la ho vista.
    Pare sconfitta meritata. Meglio adesso, così si vola bassi, in settimana ho letto che eravamo la squadra da battere e mi son toccato i coglioni… e infatti zac
    Vedo però che riemergono quelli che l’altra domenica stavano zitti.

  • 20 Settembre 2021 in 00:31
    Permalink

    Con Iachini o Ranieri si andrebbe in A sparati. Ma non costruiscono dal basso e non giocano senza palla.

  • 20 Settembre 2021 in 00:36
    Permalink

    Questa partita deve fare imparare che con la presunzione si va poco lontano. Tutto è girato storto e la colpa è per gran parte nostra, perché abbiamo fatto sembrare la Cremonese una squadra molto più forte di quello che è.
    Regalare un goal per inutile insistenza ad impostare dal basso ed un altro per mancanza di concentrazione deve riportarci sulla terra.
    Aggiungiamo il raptus inspiegabile del Mudo, che con la sua esperienza doveva evitare quanto accaduto. Siamo rimasti in 10 proprio quando l’inerzia della partita stava cambiando in nostro favore e l’inferiorita’ numerica ci ha tarpato le ali.
    Avessimo giocato con sano realismo, la partita sarebbe stata molto diversa e con ogni probabilità l’avremmo vinta, perché la Cremonese ha sempre potuto attaccare smarcando un giocatore tra le linee, cosa che sarebbe stata difficile da fare se il Parma fosse stato attento a non scoprirsi.
    Di positivo c’è da apprezzare la grinta mostrata, i giocatori ed il tecnico hanno dato tutto e, se sapranno imparare da questa sconfitta, questo incidente di percorso si rivelerà per assurdo utile

    • 20 Settembre 2021 in 08:07
      Permalink

      Le mancanze a costruire gioco dal basso e a fare filtro a centrocampo, con lo stucchevole esperimento Sohm, sono emerse ancora una volta, con in più nel primo tempo la mancanza di determinazione, questa volta è bastato a gettare al vento la partita, contro una squadra non eccezionale ma che ha mostrato un temperamento ed una organizzazione che ancora non abbiamo. Il problema è che alla quarta giornata non vi è la pur minima parvenza di un collettivo, ma una accozzaglia di talenti che attraverso una manovra farraginosa cercano individualmente la giocata e la cosa è preoccupante, come è preoccupante l’insistenza a continuare a proporre Sohm in quella posizione, per l’apporto nullo sia in impostazione che in difesa che dà, in questo momento abbiamo un disperato bisogno di solidità difensiva di sicurezza, non di un difensore sempre sul punto di sbandare al minimo affondo e questo lo si è visto fin dalla prima azione loro, al primo minuto, in cui ci siamo salvati grazie alla chiusura di Danilo, fra l’altro questa impostazione tattica costringe Juric ad un lavoro da ala(che non fa il terzino), sguarnendo il nostro centrocampo di un uomo di contenimento, dando insicurezza a centrocampo e difesa, dove gli ospiti imperversavano nel primo tempo senza resistenza. Decisamente più normale la ripresa, con i giocatori al loro posto, anche se la differenza della mano dell’allenatore che guida la squadra per il secondo anno, si è vista. Quindi, pazienza, mercoledì si gioca di nuovo, un bagno di umiltà non può fare che bene alla squadra e all’allenatore.

  • 20 Settembre 2021 in 14:32
    Permalink

    Giusto per capire come vanno le cose:

    Ultimo campionato di serie B 2017-18
    3a giornata Parma Brescia 0-1
    4a giornata Perugia Parma 3-0
    5a giornata Parma-Empoli 1-2
    A fine Campionato 12 sconfitte (tra cui Entella e Pro Vercelli, retrocesse),
    Non fu cambiato il tecnico dopo 5 giornate nonostante 3 sconfitte consecutive e si fu promossi in serie A.
    Non eravamo fenomeni a Lignano con il Pordenone, ma non siamo dei brocchi dopo aver perso con la Cremonese. Siamo una buona squadra e credo che si debba lasciare il tempo di dimostrare le proprie capacità e riflettere sulle sconfitte, a volte più salutari di una vittoria, a chi ha responsabilità tecniche e societarie, senza aspettare la prima sconfitta per chiedere la testa di chicchessia.
    Sempre Forza Parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI