PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / UN BRODINO CHE PIU’ AVANTI CAPIREMO QUANTO SARA’ STATO CORROBORANTE

(Luca Ampollini) – Diciamo la verità: dopo 20 minuti di Parma – Pisa nessun tifoso crociato o quasi avrebbe pensato che la gara, dopo il vantaggio iniziale di Lucca, il miracolo di Buffon su Sibilli e il dominio imbarazzante degli ospiti, sarebbe stata recuperata nella ripresa. Sembrava il remake della sfida interna con la Cremonese, con un Parma inizialmente frastornato e travolto dal ritmo infernale degli ospiti e apparentemente incapace di reagire. Ma rispetto alla disastrosa gara coi grigiorossi oggi e’ arrivata una reazione più convincente: non troppo ordinata, d’accordo, ma che finalmente ha mostrato una squadra vogliosa di ribellarsi allo svantaggio. L’inizio, come detto, e’ stato traumatico: “ Il Parma – ha detto ieri Maresca in conferenza stampa – difenderà meglio quando comincerà a costruire meglio, quando la palla l’avremo più noi dell’avversario” . Ok, ma se la palla ce l’hanno gli avversari, com’è accaduto sistematicamente nella prima parte del match, bisognerà organizzare una fase difensiva più efficace, per evitare che il bomber del campionato Lorenzo Lucca sia marcato ad un metro di distanza dal distratto e superficiale Valenti in occasione del primo gol, o che Buffon venga bersagliato dai tiri degli avversari. In questo contesto Schiattarella ha dovuto fare gli straordinari, dopo l’uscita di Juric, in un centrocampo dov’era l’unico a rincorrere ogni avversario vista l’allergia, soprattutto di Vazquez, in fase di Interdizione. Non e’ un caso che la partita del Mudo sia salita di tono nella ripresa, quando il Pisa ha logicamente diminuito la pressione e il Parma ha iniziato a impostare e costruire con profitto. Schiattarella avrebbe però bisogno di un ausilio più efficace al suo fianco, quando sono gli avversari a costruire, in attesa di avere un predominio di possesso che dovrebbe, speriamo, migliorare anche la fase difensiva (se la palla c’è l’hai tu non ce l’hanno gli altri, chiaro, no?) . Nella ripresa, come detto, il Parma ha fatto meglio, ha creato, concluso, in modo non sempre ordinato, e ottenuto un legittimo pareggio. Rimangono alcune perplessità per il ruolo di prima punta: Tutino ha qualità da vendere, ma non e’ un centravanti e Inglese ( il Parma ha davvero bisogno di lui ) deve ritrovare presto la forma e il gol, aspetti da cui non si può prescindere, se si vuole risalire in classifica. In una giornata, dove si e’ ritrovato parzialmente il sorriso, va rimarcata la prova di Coulibaly, che migliora gara dopo gara e del già citato Schiattarella, l’uomo, a mio modo di vedere, più indispensabile della squadra. Non bene invece Correia: fumoso e inconcludente non ha mai creato superiorità sull’out di destra, posizione nella quale, Man a parte, non ci sono giocatori mancini. Ma il pareggio va accettato con soddisfazione perché arrivato dopo due prove desolanti e perché ottenuto contro la squadra più in forma del campionato. Un brodino da cui ricominciare che presto capiremo quanto sarà stato realmente  corroborante per i crociati.? Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

9 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / UN BRODINO CHE PIU’ AVANTI CAPIREMO QUANTO SARA’ STATO CORROBORANTE

  • 26 Settembre 2021 in 23:24
    Permalink

    Ora però siamo più vicino alla C
    che alla serie🅰️

  • 27 Settembre 2021 in 06:45
    Permalink

    Ah ecco lo capiremo piú avanti, non so chi e quanti siete ma io e un altro bel cioppo lo abbiamo capito più indietro, vi aspettiamo c’è posto

  • 27 Settembre 2021 in 08:37
    Permalink

    È da oltre un anno che veleggiamo nei bassifondi della A prima e della B poi. Ci saremmo anche stancati.

  • 27 Settembre 2021 in 10:00
    Permalink

    Continuimao a difendere questa pseudo società che in un anno è riuscita a fare qualsiasi record negativo…io mi sono stancato di vedere partite oscene….. BASTA!!!!

  • 27 Settembre 2021 in 11:34
    Permalink

    Il mio pensiero sposa l’articolo, ma con meno prudenza rispetto all’autore, aggiungerei che tutto quello che stiamo vedendo è stato ampiamente articolato e anticipato da molti dei commentatori di questo sito, ormai da diversi mesi.
    Niente di nuovo quindi. Mentre i giornali nazionali e locali descrivevano questo Parma come una autentica fuoriserie per la categoria, io e qualcun’altro scrivevamo in questo spazio esattamente quello che oggi stiamo osservando tutti.

    Il Parma di quest’anno è una squadra utopistica per la serie B.
    I problemi che osserviamo in campo sono problemi che andavano evitati fin da principio se l’obiettivo era realmente quello di vincere il campionato.

    Il Pisa è un ottima squadra di categoria che ha mostrato ieri al Tardini di che pasta è fatta la serie B italiana. Chi con più chi con meno qualità, tutte le squadre che affronteremo avranno questo approccio alle gare. In serie B, nessuno è stanco e nessuno tira indietro la gamba. Non si cerca la giocata da copertina, ma si bada al sodo.

    Il nostro Parma invece, intende sfidare tutte le leggi consolidate del calcio, vincendo la serie B con giocatori privi di esperienza della categoria (eccetto Schiattarella) con il tiki-taka e senza un attaccante da 20 gol.
    Esattamente come l’anno scorso, il presidentissimo Krause, ha voluto sfidare la sorte e le leggi consolidate del calcio italiano per realizzare il suo personalissimo sogno utopistico di calcio.

    Non so dire come finirà, ma ad oggi, la posizione di bassa classifica in serie B non è da considerarsi una sorpresa per chi conosce un pochino il calcio italiano, anzi.
    La fortuna è che abbiamo ancora tempo di migliorare, a cominciare dai Boys e dalla Curva Nord di ieri che è rimasta muta per 90 minuti al cospetto dei meglio organizzati e combattivi tifosi pisani.
    Sembrava di giocare in Toscana anzichè a casa nostra.

    Certo è che anche Maresca deve trovare in fretta degli accorgimenti a centrocampo perchè non si può pensare di non avere interdizione sulla linea mediana per tutti i 90 minuti di un campionato come questo. Non è pensabile immaginare di avere un possesso palla di 70 minuti in Italia. A fianco a Vazquez serve gente capace di correre e recuperare palloni, noi ieri avevamo Brunetta!

  • 27 Settembre 2021 in 14:37
    Permalink

    Nessuno che dice che c’era un rigore netto per noi !!

  • 27 Settembre 2021 in 15:41
    Permalink

    Io penso che la nostra dimensione sia la serie B, Krause puo’ anche tornare in America per quello che ha dato ad oggi…Squadra e curva imbarazzanti ….. non serve dire altro…

  • 27 Settembre 2021 in 19:56
    Permalink

    La curva non è colpa di Krause o dell’UPI…

    • 28 Settembre 2021 in 08:30
      Permalink

      e’ colpa di vignali che non ci ha fatto una rotonda

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI