UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / IL PARMA BLOCCA LA CAPOLISTA

(Luca Tegoni) – “Il Parma blocca la capolista”. Il Pisa è la squadra da battere e il Parma non ci è riuscito, ma non ha perso. Vista la differenza di aspettative la partita del Parma va accolta con moderato entusiasmo. Nonostante la giovane età Maresca, allenatore del Parma, mette in campo la sua squadra, anche contro i primi della classe, con la consueta spregiudicatezza che porta ben presto al goal del Pisa. Cross dalla trequarti destra d’attacco del Pisa, Valenti valuta male la traiettoria spiovente del pallone che finisce sui piedi indisturbati di Lucca che tocca al volo e segna.

Sotto la pioggia, tra i tuoni e i fulmini, il Parma cerca di pareggiare. Si fa male Juric che viene sostituito. Scala a far la mezzala Brunetta ed entra in campo Correia a far l’esterno. Abbondanza di centrocampisti.

Comunque il Parma non demerita e regge il gioco del Pisa, ben strutturato e organizzato. La reazione c’è, più morale che fattuale.

Il campo da gioco, nonostante la grande quantità d’acqua assorbita, sembra ancora in ottime condizioni.

Dopo nemmeno dieci minuti dall’inizio del secondo tempo, che non vede sostituzioni da parte del Parma, la partita torna in equilibrio. Tutino conquista palla nella metà campo avversaria e lancia Correia che prontamente scende sulla destra e fa partire un cross che però è corto e viene rinviato dal centrale pisano, la palla cade tra i piedi di Schiattarella sulla trequarti. Il regista controlla palla e la lancia in area per Mihaila che colpisce al volo verso l’estremo opposto dell’area dove arriva in corsa Del Prato che anticipa il difensore e mette in rete. Esterno su esterno, goal come la Dea.

Il Parma però non insiste più di tanto e il Pisa riprende le redini dell’incontro. Entra Inglese per Tutino. L’atteso attaccante crociato però non riesce ad incidere e non fornisce una prestazione di qualità. Si alza però l’intensità di gioco del Parma soprattutto con delle giocate individuali di Vazquez. La partita, complice anche il maltempo, si sviluppa in modo confuso e questo favorisce il Pisa che sembra avere le idee più chiare. Parma volenteroso ma mai arrembante. Esce anche Schiattarella sostituito dal poliedrico Sohm.

La partita termina e forse il Parma avrebbe anche meritato la vittoria. Il Pisa continua la sua striscia positiva nonostante non sia riuscito a portare a casa la sesta vittoria consecutiva. Siamo certi che il Pisa possa continuare il proprio campionato tra le prime posizioni. Per il Parma, dopo due sconfitte laceranti, un punto in casa non è che sia un granchè ma deve accontentarsi. Il campionato è ancora un’incognita. Questa classifica bassa non deve preoccupare perché le qualità individuali per far meglio ci sono tutte, soprattutto quando verranno recuperati tutti i giocatori attualmente fuori forma o in infermeria.

Parma pareggia al Tardini contro il Pisa 1 a 1.

Ecco, adesso, siam messi così.

Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / IL PARMA BLOCCA LA CAPOLISTA

  • 27 Settembre 2021 in 14:27
    Permalink

    Ma che capolista
    A fine campionato arriverà a metà classifica.
    Ora ha fame corrono tutti come Jacobs hanno la bava alla bocca, hanno palle grinta ma poi alla prima sconfitta gradatamente il Pisa rientrerà nei ranghi
    Diamine è una neo promossa, noi veniamo dalla serie🅰️
    Il Pisa costa 9 volte meno del Parma
    Dateci l’allenatore del Pisa e vediamo chi ci sarebbe stato ora al primo posto.

    • 27 Settembre 2021 in 14:46
      Permalink

      Egregio Vekenoso, se non legge l articolo il titolo può risultare fuorviante
      Saluti

  • 27 Settembre 2021 in 15:41
    Permalink

    Finalmente un’analisi equilibrata. Qui non c’è niente da esaltarsi per un pareggio contro il Pisa. Quante occasioni abbiamo creato nel complesso? Io non ricordo molte: salvataggio sulla linea da corner, Inglese che inciampa da solo davanti alla porta e una paratona del loro portiere, poi basta.

    • 27 Settembre 2021 in 20:24
      Permalink

      Ho espresso il suo pensiero che condivido
      signor Tegoni
      Una squadra che costa 9 volte in meno del Parma e…..un punto in casa va bene,?
      Dovevano farne 3 con il Pisa
      3 con la Cremonese e
      3 con la Ternana
      Tre squadre che tutte insieme costano come noi
      Totale 9 punti dovevamo fare se miri veramente alla serie 🅰️
      Notate che due di queste 3 squadre sono neopromosse
      Abbiamo fatto un misero punto.
      Sabato andiamo a Ferrara.
      Distiamo 8 punti dalla prima 8 punti
      dall’ ultima.
      A Ferrara 3 punti senza ” se” e senza ” ma,”
      altrimenti sui social potete dire tutto quello che volete per incantare la gente ma in serie 🅰️ se dovessimo solo pareggiare a Ferrara, ci andremmo col binocolo.
      Se poi perdiamo inizierà per noi un nuovo campionato e la meta sarà non retrocedere.

    • 28 Settembre 2021 in 20:12
      Permalink

      luca con i tempi che corrono e già tanto le occasioni che hai elencato a terni zero in toto

  • 27 Settembre 2021 in 21:22
    Permalink

    Adesso Corrado tira lo sciacquone

    • 28 Settembre 2021 in 08:28
      Permalink

      ma no dai e’ stato anche gentile,non ha sparato sulla croce …ehm nera, ormai incutiamo pieta’ ,corrado pieta’ signore pieta’ cristo pieta’,amen

  • 28 Settembre 2021 in 08:13
    Permalink

    l’articolo riflette pienamente il mio pensiero.
    Non si puo’ leggere la gazzetta di parma che celebra il pareggio contro una squadra che ha speso un decimo del parma come gran risultato.
    A me sembra di vivere nel truman show.
    Giornalisti locali che , essendo a libro paga di chi ha ceduto a kk, travisano i fatti dolosamente e raccontano verita’ assurde.
    Tutti si siedono , su quattro boiate e allora perdere a ferrara sarebbe comunque un risultato che non pregiudica il raggiungimento degli obiettivi, che a questo punto nessuno conosce veramente
    Abbiamo ballato come le scimmie per mezz’ora. Poi loro sono morti e noi dovevamo segnare 4 gol.
    Vedere correia , 2001, morto in campo dopo 45 minuti di corsa, mi fa riflettere anche sulla totale mancanza di condizione fisica. Ma credo che Maresca, che in tutta la sua carriera avra’ forse fatto due scatti, non si preoccupi nemmeno di questo

    • 28 Settembre 2021 in 09:54
      Permalink

      impietoso 😀

    • 28 Settembre 2021 in 11:41
      Permalink

      Bar sport poi non si può sentire

      • 28 Settembre 2021 in 12:53
        Permalink

        Abbasso l’audio e guardo le taccate della mercadanti, top

  • 28 Settembre 2021 in 09:24
    Permalink

    Ieri sera a Bar Sport il dott. Corrado …………chapeau…………

    Consiglio al nostro amato yankee un corso accelerato a Pisa……….

    se non ha l’autista lo accompagno io molto volentieri….con frittura di pesce in omaggio…….

    • 28 Settembre 2021 in 22:58
      Permalink

      Chapeau per il Dott. Corrado a Bar Sport ?

      Cito testualmente, come riportato da tante testate, vedi https://www.tuttomercatoweb.com/serie-b/corrado-e-il-mancato-acquisto-del-parma-volevano-far-sparire-il-vecchio-club-1589741

      “Provai a salvare il Parma dal fallimento,ma in quel periodo mi era sembrato di capire che i curatori fallimentari avessero in mente di far sparire la vecchia società, piena di debiti e di questioni irrisolte, per far sì che ne venisse fondata una nuova e totalmente pulita”.

      Il piemontese falso e cortese, ha quindi men che meno accusato i curastars, che come pubblici ufficiali avevano l’obbligo di esperire ogni tentativo a salvaguardia dei creditori, di avere tradito il loro mandato, configurando – mi oare – un grave reato.

      Queste dichiarazioni, fatte con nonchalance nella compiacenza generale, adombrando oscuri complotti orditi da fantomatici poteri forti,fanno il paio con le dichiarazioni di Tommaso Ghirardi a Libero esattamente un anno fa. Rileggiamole, anche qui’ testualmente.

      Lei accusa i potenti di Parma?
      «Chiedete a Giuseppe Corrado, imprenditore delle sale cinematografiche che poi prese il Pisa anziché il Parma perché gli stessi poteri forti glielo impedirono». Voleva evitare il fallimento e poi aggiudicarsi il titolo sportivo, andato invece a Nuoci Inizio “Furono parole di Corrado, ci eravamo confrontati a lungo nel tentativo di provare a salvare il club, ma era già stato tutto scritto».

      Eh si proprio chapeau Sig.Corrado, bisognerebbe proprio imparare da lei . Bisognerebbe imparare a strumentalizzare i tifosi, cavalcando con cinismo vittimismo e complottismo che fan sempre facile breccia nel popolino. Magari già che ci siamo si potrebbe pure imparare da quell’altro signore con cui si confrontava per capire come “salvare” il Parma. Tanto l’importante è sempre e solo sputtanare quei maledetti 7 piocioni. La realtà dei fatti, solo un inutile optional, bruciato nel falò della vanità dello spregiudicato Beppe.

      • 28 Settembre 2021 in 23:24
        Permalink

        Complimenti rimembrare è utile. Corrado non aveva la pila per pagare i debiti di Ghirardi. La legge ha prevalso. Il fallimento era inevitabile

      • 28 Settembre 2021 in 23:53
        Permalink

        A me è parso di sentire che oltre a quanto riportato, abbia detto che la situazione debitoria fosse insostenibile e che per questo non aveva portato avanti la trattativa.
        È vero che il Parma aveva un parco giocatori eccellente ( oltre alla prima squadra, cerri, erlic, defrel, haraslin, Lapadula, ferrari e altri ancora diventati calciatori di successo), ma anche vendendo la qualunque, si sarebbe falliti alla fine, a meno che il Parma non fosse stato preso dagli arabi del psg. Giusto ripartire dalla D, giusto ripartire da chi ha guidato il Parma 5 anni.
        Io non ho avuto la sensazione che volesse attaccare la precedente proprietà, tirando fuori complotti o altre cose, ma posso benissimo aver frainteso, incazzato com’ero e sono per il campionato del parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI