IL GALLO DI CASTIONE / LE CHIACCHIERE PIACEVANO A BARONI SOLO CON LO ZUCCHERO A VELO SOPRA

(Il Gallo di Castione) – Castione è terra di grandi artisti e poeti che trova il suo culmine a Villa Bernarda, dove ho ritrovato una poesia apocrifa giovanile del Tarson innamorato, e tanto mi è piaciuta che qui la riporto. “Le rose sono rosse / le viole sono viola / non so scrivere poesie / fammi veder le tette.” Lo so che più che innamorato ai più pare infoiato, ma si sa che il romanticismo adolescenziale è spesso inquinato dagli ormoni esuberanti. Così certi amori passionali durano per sempre o a volte il tempo di un coito. Io ho cominciato a bere per colpa di una donna e non l’ho mai ringraziata abbastanza. Poi ci sono le partite del Parma, che ultimamente ne vince una su dieci, dove bere non è mai abbastanza per potersi illudere che “andrà tutto bene”. Viviamo in un mondo al contrario, dove i tifosi devono cercare di spiegarsi le scelte incomprensibili dei dirigenti Crociati. Ad esempio il perché dei fuori rosa con una rosa risicata, oppure le cessioni di giocatori che servirebbero e non hanno portato soldi, e ancora perché schierare sei giocatori fuori ruolo nella stessa partita, oppure perché non è stata praticamente fatta la preparazione fisica, per finire, ma sarebbe lunga, con i prezzi degli abbonamenti che se si aggiungessero le partite non comprese sarebbero ampiamente più cari che in serie A. Ci sono domande pericolose con risposte sempre sbagliate. Se lei vi chiede “amore, ti sembro ingrassata?” e voi se non scappate dalla finestra, ma rispondete “ma tu non sei mai stata magra”, seguirà certificato: “ora della morte: 12,30 – Causa: Covid 19”. Ma cosa sta succedendo al Parma Calcio non lo capiamo e non ce lo spiegano, prima di iniziare un progetto bisogna controllare di avere le risorse, io prima di sedermi controllo la carta igienica, eppure anche i manager dovrebbero comprendere che allontanare i tifosi non giova all’azienda. “Non è strano? Ignoriamo chi ci adora, adoriamo chi ci ignora, amiamo chi ci ferisce, feriamo chi ci ama”, Bob Marley. Solo un attaccamento non razionale, ma affettivo ci tiene legati alla bandiera gialloblù e allo stadio Tardini. Per guardare una partita del Parma serve un pizzico di follia, 500 gr. di mascarpone, uova, zucchero, savoiardi imbevuti nel caffè e una spolverata di cacao, il tutto annaffiato col Franciacorta o il Valdobbiadene. Ma rischia di andarti tutto di traverso e la sofferenza è maggiore comunque del godimento, noi tifosi del Parma stiamo pensando di sniffare la colla… La vita non è una favola, se perdi una scarpa per strada a mezzanotte sei ubriaca, ma anche se vedi vincere il Parma sei ubriaco o stai giocando alla play station. L’ottimismo si misura dal tempo che tieni nel cassetto il calzino spaiato in attesa che ricompaia quell’altro scomparso in lavatrice oppure dal tempo che aspetti di vedere il “bel gioco” del Parma senza nemmeno un’imprecazione. Poi usi il calzino spaiato per pulire la caffettiera e dai sfogo al “pensiero libero” trascendente, ma imprecante, saltuariamente bestemmiante. Chi cerca di conciliare la ragione con la fede o non ha sufficiente ragione o non ha abbastanza fede, vediamo una squadra che manca nei fondamentali, senza gioco d’assieme e senza agonismo, e intanto si avvicina la prossima partita e un leggero vaffanculo si respira nell’aria. Anche la lavatrice ha programmi migliori dei tifosi Crociati nel week end. Del resto non ci si può arrabbiare con un pozzo secco perché non ci dà acqua, piuttosto bisogna chiedersi perché ci si ostina a cercare acqua dove non possiamo trovarla. Nel calcio l’allenatore quando vince ci racconta, quando perde ci spiega, ma di fronte a certi spettacoli ci è poco da spiegare, son solo chiacchiere ma le chiacchiere piacevano al nostro Presidente Giuliano Baroni solo se avevano lo zucchero a velo. E quando guardava una partita si arrabbiava solo quando i giocatori non si impegnavano, al di là del risultato, anche se l’allenatore ne schierava sei fuori ruolo, anche se la squadra era senza centrocampisti, nonostante in campo ci fossero giocatori che giocavano da soli, lui si arrabbiava quando capiva che non correvano e non contrastavano, quando non avevano voglia di vincere. Ma, intanto, continua sto Covid e sto green pass, ste mascherine e sti contagiati e sti isolati per precauzione che, però, con un atteggiamento positivo, facendo sport e creando relazioni virtuali, possono davvero godersi la quarantena, anche perché in giro c’è gente che senza corsi di nuoto potrebbe galleggiare tranquillamente, in giro c’è gente che, essendo la velocità della luce maggiore di quella del suono, sembrano brillanti prima di sentire le cazzate che sparano. Il timore che non sia finita, che arrivino nuove varianti Inglesi o Congolesi, che potremmo tornare in look down o in zona rossa ci avvelena la vita più ancora che guardare il Parma che perde male a Reggio (Calabria, per fortuna…). Ma il sole tornerà a splendere come non è mai spleso… Splenduto… Piove… Il Gallo di Castione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / LE CHIACCHIERE PIACEVANO A BARONI SOLO CON LO ZUCCHERO A VELO SOPRA

  • 27 Ottobre 2021 in 11:37
    Permalink

    Che fine ha fatto il Presidente “entusiasta”?E Ribalta (che da aprile a settembre non ha preso un mediano incontrata)?Stamani davanti al Tardini c’era una fila interminabile di tifosi entusiasti del progetto decennale basato su giovani stranieri di belle speranze da lanciare con un calcio iper offensivo e propositivo, che pazientemente aspettavano di sottoscrivere l’ambito abbonamento.
    “Ienchis go om!!!!” (levatevi dai maroni).

    • 27 Ottobre 2021 in 14:20
      Permalink

      Stamattina ho visto ribalta passeggiare in via Cavour ed era molto tranquillo e sereno, non so se in altre piazze avrebbe potuto fare la stessa cosa

    • 27 Ottobre 2021 in 23:37
      Permalink

      L’allenamento è superato. Maresca è ormai oltre.

  • 27 Ottobre 2021 in 14:23
    Permalink

    Davide ma anche se si allenassero con maresca non avrebbero gioco e sarebbero grami lo stesso . Però attento a portare avanti il tuo tema sembra che nel secondo tempo il parma fosse secondo in classifica prima di reggio calabria ( comunque 1 a1 nel secondo tempo ) per cui potrebbero dirti che la condizione fisica c è ………….ecco perché pochi portino avanti il tuo tema a te tanto caro per me hai ragione ma i numeri dicono altro

  • 27 Ottobre 2021 in 17:44
    Permalink

    Un sentito ringraziamento al Gallo, per un attimo almeno, parlando del Parma e dei suoi guai, riesci a farmi ridere…solo che quando ho finito di leggere ritorno alla realtà…fanculo…
    Ci fosse ancora Villaggio, guardando il Parma esclamerebbe che è “UNA CAGATA PAZZESCA !!!

  • 27 Ottobre 2021 in 18:01
    Permalink

    Se ho capito bene, Maresca ha detto che il secondo tempo di Reggio Calabria non viene per inerzia nel senso che secondo lui ha giocato bene.
    Ha detto che merita più punti e che è al 30℅ dell’idea di gioco che vuole portare a Parma.
    5 mesi per incidere al 30℅ significa altri 10 mesi per arrivare al 90%. Fra dieci mesi il campionato è finito e cambiano i giocatori. Quindi? Non arriveremo mai a vedere il Parma di maresca?
    A me sembra il Truman show.

  • 27 Ottobre 2021 in 18:03
    Permalink

    Chiedo scusa 4 mesi. Non 5 quindi fra 8 siamo al 90%. Resta giugno 2022 e campionato finito

  • 27 Ottobre 2021 in 18:12
    Permalink

    Anche oggi ha dato colpe ai giocatori facendo nomi di chi, secondo lui, deve fare la differenza.
    Un simile atteggiamento ( additare al pubblico, singoli giocatori come responsabili dei scarsi risultati ) è dannoso per lo spogliatoio ( è chiaro che non conta un nemmeno un cazzo flaccido maresca) e per la squadra. Così facendo spacchi ulteriormente i rapporti. Questo non va bene per niente e MAI SI ASSUME LE RESPONSABILITÀ PER LE SUE IMMENSE CAZZATE SUL CAMPO E FUORI.
    Krause LEi è bene che si occupi delle sue aziende e abbandoni il calcio.
    Rinunci a guadagni facili, perché dopo le plusvalenze finte di faggiano, qualcuno potrebbe chiedersi dei milioni regalati a clubs esteri ( vedasi osimhen) per giocatori mediocri.
    Come. Noi nessuno mai anche nei fallimenti, nelle indagini penali e chissà cos’altro

  • 27 Ottobre 2021 in 18:17
    Permalink

    Scrisse Agatha Christie che tre indizi fanno una prova qui ce ne sono in quantità industriale Lei ha ragione forse è inutile porsi certe domande l’unica risposta che conta per noi tifosi è che la C ..è vicina.

    • 27 Ottobre 2021 in 18:55
      Permalink

      pensa che solo due anni fa si diceva che era vicina la cina,rido, quello che ci ha messo piu’ soldi di tutti nel parma degli ultimi 6 anni , compreso l’ammaracano, e’ latitante,fatevi una domanda datevi una risposta,adesso salta fuori faggiano che mi pare fosse coi magnifici 7 ,o ma a parma c’e la buca coggiuda

  • 27 Ottobre 2021 in 18:48
    Permalink

    Per distacco il peggior allenatore che abbiamo visto negli ultimi 30 anni. E solo i circensi americani potevano infatti portarcelo. Mi auguro di perdere 8 a 0. A quel punto spero…

  • 27 Ottobre 2021 in 21:21
    Permalink

    Se domani sera perdiamo qualcuno dirà a krause che è ora di cambiare allenatore?

    • 28 Ottobre 2021 in 07:45
      Permalink

      It’s no time to make a change… Look at me i’m old but i’m happy

  • 28 Ottobre 2021 in 10:50
    Permalink

    at me per Can Stevens…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI