PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / E’ TUTTO UN EQUILIBRIO SOPRA LA FOLLIA

(Luca Ampollini)A Reggio Calabria i Crociati hanno probabilmente toccato il fondo e, in questo senso, la gara di Cittadella, doveva chiaramente produrre un segnale chiaro, tangibile a dimostrazione che il Parma malato di Maresca è ancora vivo. E il segnale è arrivato: certo, ancora flebile, ma sufficientemente presente per portare a casa 3 punti fondamentali. 3 punti che sono arrivati non in modo casuale, ma perché la squadra è stata razionale, non brillante, ma compatta ed equilibrata, pragmatica e concreta. Maresca è stato intelligente: ha abbandonato, almeno stasera, comprendendo che sarebbe definitivamente naufragato se avesse giocato come sempre in questa prima parte di stagione, utopistici propositi di un calcio non facilmente realizzabile per sposare un affidabile 3-5-2, dove, finalmente, ogni giocatore è stato schierato in un ruolo congeniale alle proprie caratteristiche:  nella formazione iniziale, stile Inter di Inzaghi, Vazquez ha fatto il Calhanoglu, tra le linee in costruzione e in mediana in fase di non possesso, Tutino la 2^ punta, finalmente chiamato ad attaccare la profondità a supporto di un centravanti e non obbligato, come nel recente passato, a venire incontro al pallone come punta centrale nel 4-3-3, Delprato e Coulibaly esterni a tutta fascia. Un sistema di gioco più accorto rispetto al passato, non innovativo, ma tremendamente concreto e proficuo. Ma è stato Buffon ad essere più forte di qualsiasi atteggiamento o di più o meno affidabili alchimie tattiche: il rigore parato ad Antonucci nei primi minuti di gioco ha dato alla squadra slancio, fiducia e consapevolezza, dopo un inizio gara timoroso e incerto. Già, Buffon e Vazquez, ovvero i due fuoriclasse a disposizione di Maresca: il primo determinante a parare il rigore, il secondo a segnale un gol tanto bello quanto importante per spianare la strada verso la vittoria. Per questo il Parma è indiscutibilmente forte: perché, sebbene non abbia ancora trovato una sua fisionomia ben definita, in gare bloccate e dense di tensione come quella di stasera riesce a vincere grazie ai giocatori di assoluto livello che ha a disposizione. La gara, come detto, non è stata bella, i due esterni hanno spinto poco e male ad eccezione del traversone di Delprato nel gol di Benedyczak e nel 3-5-2 è fondamentale l’apporto e la spinta dei due esterni, il giovane centravanti polacco è stato bravissimo in occasione della rete segnata, ma ha “messo giù” e difeso troppi pochi palloni, non facendo quindi rifiatare e salire la squadra, Juric ha pensato soprattutto a controllare Antonucci tra le linee più che a costruire il gioco, Brunetta come supporto del croato in costruzione si è visto a intermittenza, ma alla fine si è comunque vinto, con poche occasioni, un po’ di sofferenza eccessiva nel finale, ma con i 3 punti che arrivano a Parma. E dopo il disastro di Reggio Calabria era oggettivamente difficile chiedere di più, ma Maresca è stato bravo ad accantonare, almeno per ora, progetti di calcio forse poco percorribili. Adesso è fondamentale fare punti per raggiungere posizioni di classifica più importanti che potranno regalare autostima, fiducia e consapevolezza. E tutto questo si raggiunge con l’equilibrio, quell’equilibrio che si è visto stasera pur senza sprazzi di gioco scintillanti. Quello di stasera è solo un piccolo passo verso la risalita, ma la strada intrapresa è quella giusta, tatticamente e come atteggiamento: speriamo non rimanga un solo, isolato episodio e si continui così, con questo “EQUILIBRIO sopra la follia”… Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

8 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / E’ TUTTO UN EQUILIBRIO SOPRA LA FOLLIA

  • 29 Ottobre 2021 in 09:45
    Permalink

    Un allenatore diventa bravo e forte quando sa adattarsi alle varie situazioni. Chi pratica un solo tipo di calcio è invece un talebano e basta.

  • 29 Ottobre 2021 in 11:01
    Permalink

    quando finalmete si e’ deciso a fare cambiamenti sia tattici che di uomini i risultati arrivano…….direi era ora di smettere con gli esperimenti!! e l utopia pensiamo a somh terzino !!! e li che ha buttato via i punti i famosi 4 punti li ha buttati via lui

  • 29 Ottobre 2021 in 11:13
    Permalink

    Finalmente i 3 punti, arrivati soprattutto grazie a Gigi Buffon che ieri sera ha dimostrato per l’ennesima volta quanto sia leader innato. Un gigante!

    Qualcosa deve essere successo nello spogliatoio dopo Reggio Calabria, perchè si è visto qualcosa di diverso sia da Maresca, che ha accantonato i sogni di gloria per proporre una squadra più abbottonata con maggiore equilibrio in un 3-5-2 che può offrire davvero molti spunti interessanti, che dalla squadra.
    Sono usciti i due romeni e la squadra sembra averne beneficiato in praticità e volontà.
    I due esterni Delprato e Coulibaly hanno offerto spinta ma anche supporto alla difesa che, schierata a tre, ha fatto rendere meglio sia Osorio che Cobbaut.
    In attacco, il giovane polacco, con tutti i suoi limiti, ha rappresentato un ottimo partner per Tutino che, sebbene non sia mai arrivato alla conclusione, ha potuto giocare in profondità e ha fatto un gran lavoro oscuro.
    Ma che sia cambiato qualcosa, lo si è visto anche negli inserimenti dei cambi degli ultimi minuti.
    Sia Busi che Sohm hanno offerto un ottimo contributo nei minuti conclusivi, e chissà che il cambio di modulo non possa offrire loro una nuova chanc di rendersi utili alla causa.
    Peccato il fuorigioco che ha negato il gol a Inglese. Per lui, ogni gol rappresenta una dose importante di autostima e fiducia, ne ha davvero tanto bisogno.

    Tuttavia, gli errori ci sono stati e i problemi restano. Se non fosse stato per Buffon la partita avrebbe preso un altro corso e forse staremmo di nuovo commentando una sconfitta. Il Cittadella ha giocato e creato molto e la difesa del Parma ha ballato parecchio concedendo ben due rigori (per quanto sul secondo continuo ad avere forti perplessità, bah….”abbasso il calcio moderno”!)
    Il centrocampo continua ad essere il vero problema di questa rosa, poco filtro e un Brunetta che in quel ruolo soffre davvero molto. Vazquez, finalmente nel vero ruolo di trequartista, secondo eroe di giornata dopo capitan Buffon.

    Vedremo lunedì con il Vicenza in casa, se il gruppo saprà dare continuità a questi piccolissimi segni di vitalità che abbiamo raccolto ieri sera. Mi auguro che non ci si monti la testa come successo dopo Pordenone.

    Ho apprezzato in ultimo, la presenza allo stadio di Mr.Krause.
    Non cambia nulla sulla mia opinione verso questa società, già espressa ampiamente in precedenti post, ma vederlo di notte al freddo in una tribunetta di uno stadio di periferia con il cellulare a rivedere le azioni insieme a Ribalta, è stata una immagine di vicinanza alla squadra che merita di essere sottolineata.

    • 29 Ottobre 2021 in 14:55
      Permalink

      Concordo su tutto

    • 29 Ottobre 2021 in 16:44
      Permalink

      Quoto in toto. Soprattutto su KK. Si può dire tutto, tranne che non abbia passione da vendere.

    • 29 Ottobre 2021 in 17:54
      Permalink

      Bravo Mark, bel commento, che condivido totalmente, sembrava questo l’articolo sul calcio non quello originale 😁

  • 29 Ottobre 2021 in 15:53
    Permalink

    Non condivido molto solo il giudizio su Beneck..ha messo giù poco e male i palloni..ma gli sono arrivati in maggioranza tutte palle a 2 metri di altezza, difatti è stato pesantemente pestato anche alla ricerca di quelle palle alte. Sono sicuro che darà soddisfazioni e lo score finora 2 gol in pochi minuti dicono qualcosa no? Tanto che alternative abbiamo? Allora sosteniamolo in toto e lasciamo stare le piccole lacune che un ragazzo della sua età può logicamente avere sperando che sia riproposto più spesso in campo.

    • 29 Ottobre 2021 in 22:08
      Permalink

      Bellissimo commento che spiega bene e chiarisce che il ragazzo Benek va’ considerato maggiormente, due goals in pochi minuti sono chiari segni di un certo valore…forse perché costato meno, non lo si sostiene come con altri…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI