UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / RIGORI A PARTE, C’E’ STATA MAGGIORE ATTENZIONE ALLA FASE DIFENSIVA

(Luca Tegoni) – Dal trenta per cento di gioco espresso per arrivare al cento per cento di capacità realizzativa si passa da un grande portiere, Buffon.

La neve al sole. La neve scende e si posa, si accumula al suolo. Se la temperatura è molto bassa cambia stato e diventa ghiaccio. Se la temperatura è alta cambia stato e diventa acqua. Il Parma è come la neve che non scende, non cambia mai stato.

Dire che fino ad ora la squadra è stata in grado di realizzare solo il trenta per cento del gioco previsto (Maresca), significa che non si applicano come i somari dell’ultimo banco oppure che il gioco è talmente complesso che è difficile da spiegare così come da comprendere, ovvero non ci sono parole per spiegare le idee.

Il cento per cento di capacità realizzativa, come fatto statistico, è un obiettivo centrato. Come produzione offensiva significa due tiri in porta, uno per tempo, che sono veramente pochissimi.

Maresca cambia l’assetto della squadra e schiera cinque difensori fissi, i terzini non passano quasi mai centrocampo, tre centrocampisti di cui due, gli argentini con molta buona volontà in copertura e scarsa lucidità in attacco, uno, Juric, vagante con poco ardore e poi due attaccanti centrali, soli soletti che sono stati picchiati per tutta la partita. Quindi si è evidenziato una maggiore attenzione alla fase difensiva del centrocampo con conseguente protezione della difesa. Peccato per quei due falli in area inutili che hanno causato i rigori.

Sulla fase offensiva siamo invece rimasti ai precedenti episodi, praticamente non pervenuta. Il miglioramento del possesso palla è più finalizzato a non farla giocare agli avversari che non a proporre gioco offensivo.

Credo che il meglio della partita del Parma si sia visto dopo la rete del Cittadella allorquando la squadra si è saputa difendere in modo ordinato senza rischiare praticamente nulla. Sul due a zero mi sarei aspettato più giocate da contropiede, l’unica è avvenuta nel recupero, ma Sohm non è stato abbastanza lesto dal togliersi dal fuorigioco.

Tre punti guadagnati con tanta fatica e per questo meritati. Aspettiamo però che la neve cada per capirne lo stato.

Parma vince a Cittadella due a uno. Goal di Vazquez di testa su calcio di punizione battuto da Brunetta, raddoppio di Benek che calcia in anticipo sul portiere sotto porta su cross dal limite dell’area di Del Prato.

Primi minuti da incubo per il Parma ma da standing ovation per Buffon che esegue due salvataggi di cui un rigore molto angolato. Nel secondo tempo il Cittadella dimezza lo svantaggio con un altro rigore che Buffon non riesce a respingere compiutamente.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / RIGORI A PARTE, C’E’ STATA MAGGIORE ATTENZIONE ALLA FASE DIFENSIVA

  • 29 Ottobre 2021 in 12:50
    Permalink

    Una piccola parentesi sull’arbitraggio che anche per questa partita è stato caratterizzato da errori a nostro svantaggi. Il secondo rigore non esiste mai, il difensore salta allargando le braccia come tutti fanno (se non si fa quel movimento da terra non ci si alza) e forse usa il braccio per proteggersi dal contatto con l’avversario, il braccio non aumento lo spazio corporeo. Peraltro la palla, colpita di testa a pochi centimetri di distanza, non sono nemmeno così sicuro che prenda il braccio, colpisce la parte alta attaccata alla spalla. Aggiungerei che il rigore andava ripetuto in quanto il numero 22 del Cittadella (sulla destra) entra in area molto prima della battura del rigore. Inoltre le consuete provocazioni a Vazquez picchiato puntualmente dal primo all’ultimo minuto e mai tutelato dall’arbitro. Il fallo del loro portiere su Tutino è veramente brutto, si potrebbe dire da cartellino arancione, il giallo non è scandaloso ma ci poteva stare benissimo anche il rosso (se ripenso alle espulsioni date a Vazquez). Magari qualche volta non farebbe male nel dubbio darci una cosa a favore.

  • 29 Ottobre 2021 in 18:18
    Permalink

    concordo il secondo rigore è molto discutibile ………direi inesistente

    • 29 Ottobre 2021 in 22:31
      Permalink

      Tocco di spalla netto. Non è mai rigore.

I commenti sono chiusi.