GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “LO STESSO INCUBO DI UN ANNO FA…”

(Gian Carlo Ceci) – Difficile commentare Spal-Parma, una partita infarcita di errori marchiani che non si vedono nemmeno nelle categorie più basse e trovare chi ha giocato meno peggio contro una Spal che è parsa scarsa come il Pordenone e la Ternana. Questa squadra non mostra un visibile impianto di gioco (sembra di assistere all’incubo della scorsa stagione) e certo manca il centrocampo: ribadisco che è incomprensibile il non aver acquistato un altro centrocampista e si è voluto dar fiducia a giocatori molto scarsi che avevano già mostrato limiti, non solo tecnici, come Busi e Sohm. Aggiungo che Maresca, con una “genialata”, li ha mandati in campo non nel finale ma poco dopo 15 minuti dalla ripresa togliendo, aggravante, Mihaila che teneva in allarme e creava pericoli alla difesa avversaria. Non solo, oltre inserire il sempre negativo Sohm, non ha sostituito il poco presente Brunetta o il lento e irascibile Vasquez, ma l’attaccante più pericoloso (ulteriore aggravante che alimenta dubbi sulle capacità di questo allenatore) con un terzino mandando un evidente messaggio: difendiamoci bassi, rinunciamo a costruire e ad attaccare. Il risultato è il risultato finale… Gian Carlo Ceci



Stadio Tardini

Stadio Tardini

23 pensieri riguardo “GIAN CARLO CECI L’HA VISTA COSI’: “LO STESSO INCUBO DI UN ANNO FA…”

  • 3 Ottobre 2021 in 01:01
    Permalink

    Parole sante purtroppo.
    Che questo gruppo non aveva alcuna chance di salire in serie A lo si era capito fin dalla prima uscita di coppa Italia contro il Lecce.
    Esattamente come l’anno scorso, il Krause Circus ha dimostrato di non avere la minima idea di cosa sia il calcio italiano.

    Una società che punta seriamente alla promozione dovrebbe iniziare a ragionare sull’opportunità di cambiare prima che sia finita davvero anche quest’anno.
    C’è Cannavaro che è appena tornato dalla Cina o magari un esperto di promozioni alla Iachini. Mi dispiace per Maresca ma la sua crescita nel calcio che conta non può passare sulla pelle di una società che ha ambizioni di vertice.

    Alea iacta est, o nella lingua di albione, time is over.

    Rispondi
    • 3 Ottobre 2021 in 01:56
      Permalink

      Cannavaro sarebbe la replica di maresca, l’ideale sarebbe gattuso

      Rispondi
      • 3 Ottobre 2021 in 08:32
        Permalink

        Americà facce tarzan! 🤭

        Rispondi
    • 3 Ottobre 2021 in 08:34
      Permalink

      Da quando c’è è Krause
      tutto va a rotoli.
      Questo è un dato di fatto.
      Soldi spesi male, molto male
      Scelta dello staff allucinante
      Un allenatore che fa giocare Busi
      ma è allergico a Jacoponi, la dice
      lunga su questo allenatore per
      me scadentissimissimo
      e udite udite…..INSOSTITUIBILE
      Se ci salviamo con lui…..miracolo divino

      Rispondi
    • 3 Ottobre 2021 in 10:39
      Permalink

      Perfettamente d’accordo con te.
      È proprio il CIRCUS KRAUSE.
      KRAUSE ha buona volontà, è un presidente tifoso, caccia soldi ma di calcio non ne capisce una mazza.
      Pensa di saperne invece non ne sa.
      RIVALTA si è fatto scappare LUCCA che avrebbe fatto fare alla società in un futuro prossimo una plusvalenza cosmica.
      MARESCA preferisce uno come Busi a uno come Jacoponi e questo la dice lunga su un allenatore che è un di una scarsezza cosmica.
      Questo presunto allenatore non sa leggere le partite, non ha capito che la miglior difesa è l’ attacco, ieri ha fatto cambi osceni ma per KRAUSE tutto va bene.
      A proposito di Krause spiace dirlo ma vuole saperne di calcio invece non ne sa niente.
      Come si fa a tenere un allenatore che ha idee confuse, ha un gioco non adatto a questi giocatori no e non li sa motivare ?
      Possibile che non riesce a capire che
      QUESTO PROGETTO È FALLITO?
      Con questo allenatore del CIRCUS KRAUSE, se non si dovesse vincere col Monza
      l’ unico obiettivo sarà
      LA PERMANENZA IN SERIE 🅱️
      E chi non capisce questo non ha capito nulla.
      Ricordatevi solo una cosa.
      Il Pisa costa 10 volte meno del Parma e ha 10 punti più di noi dopo 7 partite.
      Abbiamo giocatori balordi pagati una fortuna.
      Il Pisa ha giocatori bravi pagati quasi niente.
      Questo la dice lunga su Rivalta che non ha preso Lucca per 2 milioni ma ha preso Tutino per 6
      Cosa fare?
      Semplice. bisogna fallire.
      Scommettiamo che partendo dalla serie D
      con un altro allenatore e con giocatori motivati, arriveremmo in serie 🅰️ prima del Parma allenato ( si presume ancora per 4 anni) dal CIRCUS KRAUSE?
      Ovviamente è un una provocazione ma tifosi meditate meditate….

      Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 01:05
    Permalink

    ma perché i giornalisti o opinionisti non gli fanno le domande a maresca e ribalta ? ma solo carezze ? oggi in altre piazze gli avrebbero chiesto dove lo aveva visto un buon primo tempo !! comunque il vero colpevole e ribalta che a scelto maresca

    Rispondi
    • 3 Ottobre 2021 in 10:43
      Permalink

      No Maresca è stato scelto da Krause su consiglio di Rivalta perché sapeva l’ Inglese.
      Dote indispensabile per allenare il Parmail resto non contava
      Avessimo in squadra Messi e Ronaldo con lMaresca d’ imbrocchirebbero subito.

      Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 01:58
    Permalink

    Maresca sa l’inglese ed è giovane e rampante, quello che voleva krause, la colpa è sua

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 08:23
    Permalink

    Una squadra che nel recupero prende sempre gol in modo imbarazzante
    Vedi Frosinone e Spal
    A Frosinone 2-2 nel recupero.
    A Ferrara 2-2 nel recupero.
    Stessa squadra dell’anno scorso.
    Nel finale si cagano addosso dalla paura.
    Tutti in difesa gridando ” viva il parroco” e gol inevitabili.
    Questa è veramente una SQUADRACCIA
    Si salva solo BUFFON che in questa squadra è una mosca bianca.
    Un tecnico Maresca imbarazzante
    che nemmeno sa fare i cambi
    Vazques poi sempre espulso
    Mi ricorda Gervinho quando faceva
    di tutto per essere venduto.
    È ovvio che Vazques nel Parma si sente sprecato e farà vedi tutto e di più per essere venduto a gennaio.
    È il giocatore che tra presenze ed espulsioni è al primo posto nei campionati europei
    Guardate le statistiche.
    Gioca viene espulso.
    Rientra e viene di nuovo espulso.
    O si cambia Maresca ora
    IMMEDIATAMENTE
    o invece della serie 🅰️ conviene
    pensare a salvarci.
    Una difesa colabrodo.
    Col Monza è un uno spareggio.
    Se si pareggia o si perde
    È FINITA oserei dire
    MATEMATICAMENTE.
    Buffon è il portiere più impegnato
    di tutto il campionato e questa la dice lunga sul gioco assurdo di Maresca
    Una difesa imbarazzante.
    E pensare che abbiamo Jacoponi….in castigo dietro la lavagna ma Maresca preferisce…..BUSI.
    Mamma mia abbiamo il tecnico più scasso dal 1913 ad oggi
    Da quando c’ è KRAUSE va tutto a rotoli.
    Una società in cui non si salva nessuno.
    Krause di calcio non ne sa per niente.
    Ha fatto scelte allucinanti.
    Da quando c’è lui si perde sempre.
    Tanti soldi spesi da cane.
    Maresca ha un contratto di 4 anni?
    Per 4 anni se va bene, rimarremo in 🅱️
    Ricordatevi Buffon è il portiere più impegnato e questa la dice lunga.
    Senza di lui chiuderemmo la classifica….
    Maresca Rivalta e Krause
    il TRIO ….DELLE MERAVIGLIE

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 09:28
    Permalink

    Se si vuole andare subito in A, dispiace, ma serve un allenatore che dia equilibrio, basta solo questo perché la rosa davanti soprattutto è tra le migliori della B. E che non ci raccontino la storiella che si va in A in due anni, perché l’anno prossimo vazquez, man, mihahila non resterebbero un altro anno in b, quindi nuova squadra stessi problemi di adattamento, quadratura, imparare il calcio italiano….

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 09:51
    Permalink

    Quelli del carro dei vincitori….. 😂 Sono evaporati o forse sono scesi a raccogliere la bida caduta

    Rispondi
    • 3 Ottobre 2021 in 10:49
      Permalink

      Comperiamo per l’ anno prossimo tutto il Pisa allenatore compreso.
      I nostri li diamo via tutti escluso Buffon e Jacoponi.
      Qualche innesto e scommettiamo che andremmo in 🅰️ ?

      Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 12:28
    Permalink

    Avevo pensato che i pareri andavano dati dopo 7-8 partite e che potevamo giocarcela.
    Amaramente devo rivedere la seconda affermazione e tirare le somme: ennesimo disastro.
    Ma il pesce puzza sempre dalla testa: comincio a dubitare che KK sia in grado di gestire una squadra di calcio. Chi si è contornato di persone non capaci è lui.
    E BASTA PER DINCI TITOLARE CHE IL PISA È A -11 Avete rotto i coglioni. Etor che PISA meglio guardare Cosenza&c va lá

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 13:30
    Permalink

    Giusto per aggiungere qualcosa e mi dispiace per Maresca che ha tutte le buone intenzioni del mondo, ma tatticamente non si capisce come giochiamo…per chi legge, qualcuno lo ha capito? Ieri mi pareva specie nel primo tempo si copiasse in toto il gioco di d’Aversa..davvero! Gioco impostato dal basso…5, 10 tocchi fra i difensori poi lancio lungo…ma se questo è il risultato di tre mesi di lavoro allora tanto valeva tenere d’Aversa o richiamare Liverani (promosso anke lui dalla B) che almeno avrebbe finalmente giocatori funzionali al suo credo…giocatori o allenatore, chi ha più colpe? Direi che sia ora di avere risposte e contro il Monza che gioca a bassi ritmi come noi,( difatti si vede dov’è)..potremmo vincere, ma convincere è tutto un’altra cosa…fuori le palle!!

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 14:17
    Permalink

    Facciamo che prima giochiamo col Monza e poi vediamo se si vince.
    Io credo che Galliani cambierà allenatore in questi giorni. Poi giocheremo la partita. In due settimane può succedere di tutto. Dalle altre parti, qui si scriveranno cazzate e basta e Krause andrà con Maresca da qualche presentatrice a farsi vedere bello e figo e raccontare canelle.

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 14:25
    Permalink

    La colpa di tutto questo ha un nome
    KRAUSE
    Un presidente di calcio che di calcio non sa niente
    Da quando c’è è lui batoste su batoste
    umiliazioni su umiliazioni.
    E pensare che qualcuno criticava D’Aversa e Liverani
    Questo e’ terribilmente peggio di loro.

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 16:19
    Permalink

    Il commento di Ceci è perfetto! Io ho un altro dubbio: ma i dirigenti sono all’altezza? Io ho l’impressione di essere, dall’anno scorso, in mano a persone non competenti! 😢 Nessuno escluso!

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 17:09
    Permalink

    Se veramente avssero voluto salire in serie A avrebbero fatto altre scelte:
    1) cercare di trattenere Kucka ( con dollaroni )
    2) non cedere Brugmann
    3) non cedere Dermaku
    4) non mettere fuori rosa Jacoponi
    5) scegliere un allenatore esperto e scafato
    6) cedere Sohm, Busi, etc ….o meglo regalarli…per cederli occorre qualcuno che li compri…
    7) effettuare una politica dei giovani con gradualità e non scimmottare l’Atalanta che in questa attività di scouting è attiva da decenni ed ha una organizazione unica, Kulusewski è stato comprato per 400 mila e venduto per 40 milioni di euro, Man acquistato per 15 milioni e Valenti per 1o milioni……la vedo dura guadagnare dalle eventuali cessioni….
    Domanda finale ma qualcuno ha mai visto nelle sette partite giocate il Parma impostare trame di gioco ed azioni corali ???? Io ho notato più che altro iniziative dei singoli e lanci di 4o metri dritto per dritto, poca corsa e nessun gioco a centrocampo, dove due disperati si trovano sistematicamente in inferiorità numerica (schiattarellal e Juric) altro che possesso palla e dominio delle partite e via discorrendo…comunque se sta bene al padrone ci saranno ragioni nascoste ai poveri mortali…pensiamo a salvarci, visto che non si cambierà.

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2021 in 20:18
    Permalink

    america’ facce ride ,facce er colosseo che ce famo i ristoranti che fanno la pajata ,tacci tua

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:25
    Permalink

    che casomai basta cambiare una lettera et voila’ il gioco e’ fatto —lo stesso inculo dello scorso anno

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI