UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / IL SENTIMENTO POPOLARE

(Luca Tegoni) – Il sentimento popolare, ovvero il modo di partecipare del tifoso alle vicende della propria squadra di calcio, può essere viscerale, ma è comunque nutrito da conoscenza decennale di episodi che si ripetono in forme diverse, casuali, KK e tutta la sua dirigenza direbbero random, tra i quali emergono gli errori. Nel cuore si depositano le gioie che riemergono a cadenze regolari e gratificano una vita da tifoso che molto più spesso è solcata da sconfitte.

Tra gli errori più ripetuti è il modo decontestualizzato dell’allenatore di vedere i progressi della propria squadra. L’allenatore non si accorge di far parte di un campionato in cui le altre squadre viaggiano a diverse velocità, con diversi atteggiamenti che non si ripetono costantemente, ma che danno un’identità alla squadra. Maresca non si è ancora accorto che questa squadra non ha un’identità e quindi se non lo fermano a ragionare, a guardare fuori, oltre il proprio sguardo sul mondo del pallone, continuerà a non averla.

I tifosi lo vedono e avvertono la minaccia, percepiscono il rischio di fallire gli obiettivi. Sentono la delusione appannare gli entusiasmi.

La società asseconda questa visione personale di Maresca e quindi non individua correttivi.

Lo scorso anno, il peggiore di sempre, sono stati commessi un’infinità di errori. Non sembra che siano state fatte opportuna valutazioni sull’origine degli errori che sembrano ripetersi nella stessa modalità.

Nell’ottimo primo tempo della visione di Maresca, oltre al goal di Tutino e ad una bella azione conclusa a fil di palo da Brunetta ho annotato alcune parate di Buffon e almeno sei palle perse dai centrocampisti del Parma che hanno fatto partire azioni della SPAL. Da parte del Parma nient’altro.

Nel secondo tempo la SPAL ha cominciato con una certa pressione sull’inizio gioco del Parma, quello denominato “dal basso”. Ho molto apprezzato Buffon che invece di reiterare la possibilità, concreta, di perdere l’ennesima palla dal basso, manda tutti a cagare e rilancia lungo (minuto 48). Mihaila sbaglia un contropiede dopo una grande uscita di Buffon che sventa una minaccia e lo lancia verso la porta, grande corsa palla al piede, ma sbaglia, di poco, il tocco finale.

A circa venti minuti dalla fine Vazquez conclude una bella azione del Parma in rete. Sappiamo che il Parma non chiude mai una partita anche se le possibilità di farlo ci sono state.

Nel secondo tempo c’è stata una serie di sostituzioni che mi pare abbiamo generato confusione in campo, più del solito.

Poi i dieci minuti finali, fatali e potevamo anche perderla.

Il sentimento popolare dice che il Presidente sta sbagliando molto e che le aspettative, molto alte, si stanno ridimensionando. Il sentimento popolare dice che in uno stadio coperto non può piovere dentro, ma il nuovo stadio sembra fatto apposta perché ci si riesca.

Parma pareggia a Ferrara due a due. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

30 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / IL SENTIMENTO POPOLARE

  • 4 Ottobre 2021 in 08:46
    Permalink

    Già. Qualcuno vive in una realtà parallela e neanche solo 4 vittorie in 14 mesi lo riportano sulla terra.

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 10:58
      Permalink

      Da quando c’è è Krause che di calcio non ne capisce niente TUTTO VA A ROTOLI.👺👺
      Dopo Ghirardi è questo il presidente più balordo che mai abbiamo avuto.😰
      Certo caccia tanti soldi 💰💰💰💰💰💰💰ma li caccia male e NON FA ALTRO.
      Caccia i soldi e non caccia l’allenatore e questo è molto grave
      Tiene un allenatore che in campo fa cose da T.S.O. sapendo che tanto non verrà mai esonerato e quindi può fare esperimenti e contro esperimenti a suo uso e consumo per formarsi, per fare esperienza, tanto del Parma se ne frega.🥵
      Quando i punti per andare in serie A saranno impossibili da recuperare dirà che ci ha provato ma gli schemi erano difficili da assimilare, ci vogliono mesi se non anni che i giocatori erano nuovi e altre minchiate del genere
      Abboccheranno solo i
      TIFOSI RINCOGLIONITI 🐟🐟🐠🐠
      Come si fa a 5 minuti dalla fine con tutto il Parma che si difendeva nell’area piccola portando a casa 3 punti contro la nostra bestia nera, a buttare nella mischia un ragazzino di 17 anni che mai aveva giocato in prima squadra giocando praticamente in 10, bruciandolo e ….buttando così via due punti e forse la serie A 😡😡
      UN ALLENATORE NORMALE MAI LO AVREBBE FATTO.
      Ma il nostro allenatore è un normale.
      CHI LO PENSA È IN UN TIFOSO RINCOGLIONITO🐷
      Intanto il valore della rosa del Parma diminuisce ma a Krause va bene così
      Ecco perché vorrei che se ne tornasse in America.🛩️✈️
      Preferisco un presidente che prende un giocatore a mezzo milione ma ey bravo che un presidente che spende 15 milioni.per prendete un brocco.
      LUCCA È L’Esempio più eclatante.
      Abbiamo preferito spendere 6 milioni per Tutino che spenderne 2 per Lucca
      Questo è Krause purtroppo
      Tiene un allenatore che pensa solo a se stesso e Maresca del Parma se ne frega.
      Dimenticavo va tutto a meraviglia infatti spesso mi dimentico che attualmente il Parma con questa proprietà è diventato
      IL CIRCO KRAUSE.🤡🤡🤡

      Rispondi
      • 4 Ottobre 2021 in 20:50
        Permalink

        Ma scusami secondo te Krause conosceva Lucca e Tutino? Lui si è giustamente fidato dei suoi addetti ai lavori che ne hanno combinate di tutti i colori, mancano tre centrocampisti un terzino sx e almeno una punta, hanno avuto tutto il tempo per fare e studiare la squadra ma niente vuol dire che nn c’è progetto tranne quello dello stipendio.

        Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:07
    Permalink

    temo,anzi ne sono certo,che il temibile duo ammaracano sia riuscito a distruggere anche quello,intendo il sentimento popolare

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:08
    Permalink

    chapeau ,manca solo che mettano le bollicine al barolo e tutto sara’ compiuto

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 14:20
      Permalink

      Al termine dello scorso campionato scrissi
      ” Meglio la serie 🅱️ con Krause che la serie 🅰️ senza di lui
      E LO PENSAVO VERAMENTE
      Ora invece scrivo
      Meglio la serie C senza di lui che la serie 🅱️
      con lui
      E questo perché insiste nel voler tenere Maresca, che è la rovina del Parma.
      Con questi giocatori e con un altro allenatore di categoria, saremmo ….in fuga col Pisa

      Rispondi
      • 4 Ottobre 2021 in 17:00
        Permalink

        Ottimo primo tempo per Maresca.?
        Ma non l’avete ancora capito che questo allenatore ci sta prendendo in giro.
        OH CAVOLO ci sono caduto ancora.
        Ovvio fa il pagliaccio facente parte del CIRCUS KRAUSE

        Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:22
    Permalink

    non vorrei che fra un po di tempo per il quieto vivere vada a vivere in quel di reggio,ridiamo ai reggiani quel che e’ dei reggiani ,silenzi pistola maic na gioia ci fa scuola

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:41
    Permalink

    Tutto questo appare ai tifosi come un’immensa allucinazione collettiva dalla quale nessuno riesce a svegliarci e a tornare alla consueta normalità. L’imbarazzante numero di vittorie in 14 mesi solari dicono tutto quello che c’è da sapere su questa società e questa squadra. Si sta riuscendo a depauperare un nome ed un marchio come quello del Parma Calcio con visioni distolte del verbo calcistico e con scelte dettate da freddi algoritmi a discapito di quella che una volta era la percezione umana nel capire chi si potesse definire un giocatore di calcio e chi un brocco. Stiamo sorvolando questa Serie B con fare etereo ed effimero. Con la supponenza di dichiarare di dominare le partite e poi fare i lanci lunghi in campo.
    Se davvero la società tiene a questa piazza (e comincio fortemente a dubitarne!) allora si faccia partecipe di una tavola rotonda con le principali fonti del tifo ed aperta a tutti, nella quale, a differenza di una buona parte della stampa locale pavida ed allineata, si possano fare anche domande “scomode” senza dover passare per i filtri imposti dalla società.
    Personalmente dopo diverse giornate di attesa posso dire che per me Maresca ha fallito e toppato su tutti i fronti. La squadra è visibilmente spaccata e suddivisa in tanti micro gruppi che non si trovano tra loro. Abbiamo la fortuna di avere una persona che possa garantire in campo il giusto approccio e che possa fare crescere le individualità più acerbe (Buffon) ed invece stiamo facendo l’esatto opposto, ossia rendere tutto vano per moduli imposti e incapacità di capire che le partite finiscono quando l’arbitro fischia. Di tutto questo l’allenatore è solo spettatore, non fa nulla per cambiare l’inerzia della partita, anzi, complica sempre di più le cose mettendo persone a caso con moduli a caso.
    Che Krause capisca che se DAVVERO vuole avere chances di risalire (la vedo durissima) allora si deve dotare di un manico capace di gestire tutti i microgruppi di questa squadra ed assimilarli finalmente in un undici coeso. Non è ancora troppo tardi ma per la miseria, dateci un segnale, svegliateci da questo torpore infinito fatto di bruciature di sedere e di disamore per questa società! Qualcuno si svegli e lo dica chiaramente, altrimenti il baratro è senza fine.

    PS> La conferma che tutto questo è un incubo infinito per la tifoseria crociata lo fornisce anche la reggiana che quest’anno sta facendo un ottimo campionato. Devo ammettere seppur non li sopporti, che sono riusciti dove noi stiamo fallendo, ossia ad allestire un gruppo.
    SVEGLIA PARMA!

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 10:28
      Permalink

      Guardate le proprietà americane. Spezia, valorizzare giovani di basso costo, Venezia valorizzare giovani di basso costo, SPAL valorizzare giovani di basso costo, Ascoli a febbraio prossimo valorizzare giovani di basso costo, Roma ( dichiarazioni di Mourinho Ieri) valorizzare calciatori, Pisa valorizzare giovani calciatori, fiorentina valorizzare calciatori. Tutti uguali, per nessuno contano i risultati. La differenza la fanno i management. Quelli capaci che mettono insieme i risultati e quelli inetti come a Parma. Qui tutto è in mano a kk. Altrove, no.

      Rispondi
      • 4 Ottobre 2021 in 11:10
        Permalink

        Ma Aldo questa non è una società di calcio.
        È il CIRCUS KRAUSE e allora è ovvio che nel circo ci siano pagliacci che manovrano altri pagliacci.
        Ma vi rendete conto che abbiamo rifiutato Lucca per 2 milioni e invece prendiamo giocatori che costano tanto e valgono un cavolo?
        Ci sarà un un responsabile
        Il responsabile è Rivalta ?
        E allora va cambiato
        Il responsabile è Maresca ?
        E allora va cambiato.
        Il responsabile è Krause?
        E allora se ne torni in. America.
        CI SARÀ PURE UN RESPONSABILE e questo se due più due fa quattro, questo deve pagare.
        E DAI ANCORA
        CI CADO SEMPRE
        Dimentico che questa non è una società di calcio ma è un il
        CIRCUS KRAUSE 🤡. 🤡. 🤡. 🤡. 🤡
        e allora…….TUTTO SI SPIEGA

        Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 11:20
      Permalink

      L’ideale come dici tu sarebbe un incontro società tifosi, ma temo non si farà mai. Speriamo di salvarci…

      Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 09:51
    Permalink

    La verità è che il suicidio compiuto lo scorso anno con la folle campagna acquisti estiva (Busi, Valenti, Cyprien, etc.) e la demenziale campagna acquisti invernale (Man a 15 Mln di euro, etc.) non è recuperabile sul piano finanziario.
    Gli errori commessi la scorsa stagione sono come un macigno appeso al collo prima di fare un tuffo in piscina.

    Questa squadra è balorda fin dentro al midollo.
    Nemmeno avere in squadra un EROE CAMPIONE DEL MONDO come Buffon è riuscita a scuotere quelle mele marce che abbiamo in rosa.

    Brunetta, Mihaila, Man, Sohm, Osorio, Busi e a seguire i nuovi Juric, Correia, etc.
    Sono grami, punto. Con questa gente qui è più facile andare in C che in A. Non ci vuole uno scienziato a capirlo.

    Bisognava capirlo fin da febbraio 2021 (quando tutto il mondo tranne Collecchio sapeva che eravamo retrocessi e bisognava riprogrammare) e intervenire scegliendo un tecnico esperto per la serie B e facendo una rivoluzione totale dell’organico a disposizione.

    Invece no, siamo andati a confermare i responsabile del più grande fallimento sportivo della storia della serie A (nessuno era mai retrocesso ultimo con 20 punti spendendo 100 mln di euro. Nessuno al mondo), ed in più abbiamo alzato la posta affidando questa rmata brancaleone ad un neofita della panchina.

    Krause, questo è il calcio italiano professionistico, non è il set della stangata!
    Fai un gesto d’amore per la città, tornate in Iowa a gestire le pompe di benzina del nonno che per bocchegiare in serie B e serie C ci andavano benissimo i magnifici 7 che almeno parlavano italiano.

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 11:15
      Permalink

      A questo punto i casi sono due.
      O Krause ha il coraggio di
      ESONERARE MARESCA e il suo compagno di merende RIVALTA
      oppure
      Deve Krause vendere la società a chi se ne intende di calcio.
      Lui ha soldi💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰💰a vagoni ma non li sa spendere per cui è come se non.li avesse

      Rispondi
      • 4 Ottobre 2021 in 20:59
        Permalink

        Piano perché poi finito Krause non so chi prenderà a cuore le sorti del Parma. Il calcio degli industriali Italiani è finito

        Rispondi
        • 4 Ottobre 2021 in 21:36
          Permalink

          A cuore le sorti del parma lilú? 😂 Fat curer

          Rispondi
          • 5 Ottobre 2021 in 01:47
            Permalink

            Fat curer ti l’omo

  • 4 Ottobre 2021 in 11:02
    Permalink

    4 vittorie in 14 mesi. Eliminazione dal Lecce in Coppa Italia per 3 a 1 in casa. Ultimi con 20 punti raccolti e record di gol subiti.

    Tutti, anche mia nonna poveretta al cimitero sapevano che la scelta di Maresca era l’ennesima cazzata ultima di una serie infinta di cazzate. Quando tutti dicono che stai facendo una cazzata i casi sono due:
    1) sei il più furbo di tutti e tutti sono scemi e quindi hai ragione te;
    2) ………
    Lascio ai posteri giudicare in quale casistica siamo. Come disse Carli l’anno scorso “non siamo stupidi sappiamo….e vedremo alla fine chi avrà avuto ragione”. Bene mi sa che per la seconda volta di fila siamo allo stesso punto.
    A questo punto o chi dovere scende dal pero e torna veloce sulla terra, capisce che la gente non ne può più, caccia questo pseudo allenatore e cerca di dare una sterzata a questa disgrazia oppure che si gusti le sue sconfitte, figure di merda e parole senza senso del clone di Guardiola ma da solo, perché qui ha chiuso. La misura è colma ma da un pezzo.

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 12:43
      Permalink

      Se at piasrisa ve!?, vedrai a gennaio quando ti twitta la bandiera di ulan bator da dove prenderemo gengis can promettente attaccante che sa scalciare i cavallu con entrambi i piedi

      Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 14:43
    Permalink

    I manicomi (quando c’erano) erano pieni di gente convinta di essere più furba degli altri, col cappello da Napoleone o la toga di Giulio Cesare. Se il Watford per risalire la china prende Ranieri e non Maresca, se Setti (che non ha un pio neanche per far ballare una scimmia ma non è coglione) accortosi che con il fallito “giochista” DiFrancesco si stava andando a schiantare dopo numero 3 giornate (non 20) cambia e svolta, se nessuno neanche nel Tide vuole più Giampaolo e Montella, forse un motivo ci sarà. A meno che Krause (father&son), Ribalta, Calma e Pederzoli siano gli unici svegli e tutti gli altri nadari. Ma risultati alla mano (numero 2 vittorie in 14 mesi, retrocessione, etc.) abbiamo la certezza che non è così.

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 20:06
    Permalink

    E pensare che quello scienziato che si è presentato come “infausto daolio” (mai nome fu più autoazzacato) ha definito il sottoscritto “troll”. E chilor, alora, co eni ? Biancaneve?

    Rispondi
    • 4 Ottobre 2021 in 21:39
      Permalink

      A cuore le sorti del parma lilú? 😂 Fat curer

      Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 22:04
    Permalink

    Chiesa e Piovani e si dorme sui divani.
    The Kings of paraculs.
    Sarei per chiudere le trasmissioni sul Parma di tv Parma.
    Il buongustaio dice che bisogna aspettare gennaio per mettere in discussione Maresca.
    Il prete invece fa il saggio e ritiene di essere equilibrato nei giudizi. Infatti al gol di Crespo nel 2000aveva avuto questo uplomb inglese.
    Mo lesi’ ed fer i fenomen ca’ si due sfighe’ fat e fnis.

    Rispondi
    • 5 Ottobre 2021 in 02:03
      Permalink

      Piovani ha addirittura detto che facciamo ancora in tempo ad essere promossi direttamente, mo che trasmisio’…

      Rispondi
  • 4 Ottobre 2021 in 22:31
    Permalink

    Bravi reggiani. Si giudica eventualmente in questo modo a metà campionato. Velenoso poi è sfigatissimo

    Rispondi
  • 5 Ottobre 2021 in 08:26
    Permalink

    capito Tegoni ? si giudica eventualmente in questo modo a meta’ campionato,reggiano , :-D,il livello e’ questo a parma,second ti al gniva chi a fer i cas so se no lilu’

    Rispondi
  • 5 Ottobre 2021 in 13:22
    Permalink

    A proposito di sentimento popolare. Avete fischiato il baritono? Ora vi godete il tenore. Chi non ha la memoria corta, ricorderà tutte le litanie e le lamentele verso i 7 procioni, il braccino corto, il gioco non spettacolare, eccetera. con tanta umiltà, quelli han raggiunto l’obiettivo per 5 anni su 5, mentre i fenomeni da tastiera chiedevano un cambio societario, una proprietà meno provinciale, con più soldi, più ambizione internazionale, più visione, più progettualità. Ora che ci sono tutte queste cose, non capisco perché gli stessi se ne lamentino.

    Rispondi
    • 5 Ottobre 2021 in 15:04
      Permalink

      si adesso erano i tifosi a chiedere un cambio societario,ahahahahaha,se la sono data a gambe etor che bali ,ma non era certo per le litanie dei tifosi che mi ci son state ,co dit bagoloman ,ahahahah

      Rispondi
  • 6 Ottobre 2021 in 15:43
    Permalink

    bravo amico mio..se la sono data a gambe (ma in modo frugale consumando poco carburante) per la “pandemia”.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI