SOLO SE DAVVERO KRAUSE MANTERRA’ LA SUA FUNZIONE DI “CUSTODE” CI SI ALLONTENERA’ DAL BARATRO SPORTIVO A CUI CI SI ERA AVVICINATI – Riflessione di Luca Tegoni

(Luca Tegoni) – Sto leggendo un saggio di Vera Gheno, Le ragioni del dubbio, edizione Einaudi, che riguarda l’uso delle parole. Nel capitolo dedicato alla parola dubbio, Gheno cita la sindrome di Dunning-Kruger come esempio di ignoranza conclamata di un determinato argomento che genera l’effetto opposto, in sintesi: meno so, meno sono consapevole di non sapere. Il saggio offre molti spunti interessanti per migliorare il proprio rapporto con le parole e quindi migliorare le proprie conoscenze. Scrittura essenziale e di immediata comprensione.

Nei giorni scorsi ho fatto più volte riferimento, nei miei articoli su StadioTardini.it, agli interventi di Kalma o della società Parma Calcio in genere per commentare lo sconcertante rincaro dei prezzi per accedere allo stadio tanto nella forma biglietto quanto nella forma abbonamento. Nel mio pezzo successivo alla partita contro la Reggina ho parlato di “presunzione fuori misura, di inettitudine manifesta” rimarcando l’inevitabile conseguenza di uno stadio vuoto.

Dopo che questa campagna abbonamenti che negli spot “giochiam con voi” assumeva anche un tono canzonatorio nei confronti dei tifosi, si è rivelata disastrosa, appunto da stadio vuoto, il Presidente Krause, senza chiedere scusa per l’arroganza manifestata nei fatti, di sottovalutare il sentimento popolare del tifoso, ha deciso di annullarla e di abbassare considerevolmente i prezzi. Nel video con cui rende noto la sua decisione fa un’affermazione esemplare quando dice che la sua proprietà della società funge da custode dei beni della squadra che appartiene alla città.

Tutta la storia, brevissima e disastrosa, della sua presidenza, ci ha però dimostrato di non avere mai, fino a questo momento, tenuto nella giusta considerazione questa condizione preziosa di custode.

La sindrome di Dunning-Kruger ha elaborato nella società una arroganza, credo con tutte le migliori intenzioni di raggiungere successi prestigiosi, che ha ignorato quale fosse a livello di sostegno (tifo) e di business (campionati) la realtà del calcio europeo e nello specifico di quello italiano. Penso che nella sua forma mentale la retrocessione o la promozione non determinassero un cambiamento umorale ed economico. Credo che la funzione di custode possa condurlo sulla strada della giusta conoscenza delle cose e che si abbia sempre la possibilità di imparare soprattutto con l’ausilio di un buon maestro.

Se manterrà questa funzione ben chiara e non è soltanto frutto del suggerimento di qualche utile idiota allora si, ci si potrà allontanare dal baratro (sportivo) a cui ci si era avvicinati. Consapevolezza e sincerità sono urgenti. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

22 pensieri riguardo “SOLO SE DAVVERO KRAUSE MANTERRA’ LA SUA FUNZIONE DI “CUSTODE” CI SI ALLONTENERA’ DAL BARATRO SPORTIVO A CUI CI SI ERA AVVICINATI – Riflessione di Luca Tegoni

  • 30 Ottobre 2021 in 15:05
    Permalink

    Ho l’impressione che il servizio informazioni del Presidente abbia letto molti commenti e articoli apparsi su questo sito e abbia suggerito l’intervento commentato.
    Soprattutto questo passaggio sulla funzione di custode è un messaggio alla città e alle istituzioni. Tranquilli la squadra è vostra e io non la lascio fallire. A condizione, ovviamente, che anche la città e le istituzioni facciano la loro parte.
    Rebus sic stantibus, si, ribadisce il concetto di business e non di passione.
    Non riesco a entusiasmarmi a queste parole di kk. Problema mio.

    • 31 Ottobre 2021 in 10:29
      Permalink

      A inizio campionato si diceva che il Parma era la Juventus della serie 🅱️
      Io non ci credevo ma vedendo la Juventus attuale sull’ orlo come noi della retrocessione ora ci credo.
      Siamo VERAMENTE LA JUVENTUS DELLA SERIE 🅱️

  • 30 Ottobre 2021 in 16:45
    Permalink

    Kalma dovrebbe essere spedito a lustrare le latrine della centrale est. Sotto lo sguardo vigile dei consiglieri Iacopozzi e Massari, attenti a che la pulizia della turca avvenga in modo conforme alle normative anti corruzione e senza eccessivo consumo di candeggina che potrebbe dare noia ai pensionati abitanti del quartiere.

  • 30 Ottobre 2021 in 20:43
    Permalink

    è pur sempre uno yankee, ci tiene a fare sempre bella figura. Puro marketing (meglio così comunque).

  • 30 Ottobre 2021 in 21:32
    Permalink

    Siamo a meno due dagli strisciati bianco e neri!13 punti contro 15! Chi si può lamentare coi giovani stranieri di belle speranze ci vuole pazienza!
    Comunque complimenti a Setti. Senza un due da far ballare una scimmia, con più debiti che capelli negli anni scorsi in A ci è sempre stato davanti nonostante i 7 grandi industriali prima e il circo americano poi. Noi prendevano Cyprien e Sohm e lui Barak. Quest’anno un procuratore amico gli aveva rifilato il bidone giochista abruzzese è lui dopo tre giornate gli ha dato un calcio nel culo e preso un grande allenatore (che ha salvato due volte l’Udinese). Su Simeone intuizione pazzesca. Se volesse venire qui al posto dei circensi lo andrei a prendere in spalla nonostante sia un carpigiano.

    • 31 Ottobre 2021 in 08:47
      Permalink

      Setti ha un sequestro sui conti da oltre 6 milioni, che restano però capienti,perché sopra ne ha molti di più, ha incassato 27 milioni per Kumbulla, pagato 600 euro, incassato da behrami, amrabat, zaccagni, silvestri e lovato, tutti giocatori presi a poco niente e valorizzati. Ha un ottimo ds italiano ( non ha preso ribalta) e ha solide competenze. Ha vinto in varie società e non appena avrà ceduto il Verona, porterà il Mantova in Serie A.
      Non si può paragonare a kk o agli industriali. Lui è imprenditore del calcio, non uno che vuole usare il calcio per le proprie aziende ( manica grace non costruisce lo stadio o Sanleonardo).

      • 31 Ottobre 2021 in 08:48
        Permalink

        Rahmani non behrami

      • 31 Ottobre 2021 in 10:19
        Permalink

        Setti ha un sequestro di 7 milioni, per aver tolto fondi dall’ Hellas Verona – gestito per anni con i soldi di Volpi ex Spezia che gli ha fatto pure causa per riaverli indietro- per metterli nelle sue aziende, sull’orlo del concordato. Esattamente come ha fatto Ferrero con la Samp. Sono presidenti che non mettono soldi – che non hanno – nel calcio, ma prendono soldi dal calcio. Il capostipite di questo modello – e una spanna sopra per gestione aziendale e modo di porsi – è Corsi dell’Empoli, che vive – e molto bene – di calcio, con almeno 2 milioni annui che dall’Empoli devono passare alla sua famiglia, tra emolumenti e operazioni. Ci sarebbero anche Lotito e ADL in questo modello, però loro i soldi ce li hanno (lotito soprattutto).
        Questo giusto per contestualizzare, poi a me Maurizio Setti è molto simpatico, è un bandito sveglio a cui piace pure la gnagna e lo trovo adorabile. Così come mi è simpatico Ferrero che gioca a fare il matto coglione ma matto e coglione non è. Entrambi capiscono di calcio e raggiungono ottimi o discreti risultati da anni senza mettere una lira – che non hanno – ma attaccati alla mammella delle casse societarie. Il corollario negativo con questo tipo di Presidenti “lavoratori” è che l’anno che gira male, fallisci senza passare dal via.

        • 31 Ottobre 2021 in 15:10
          Permalink

          Non è vero che ha sottratto fondi al Verona. È un debito che la società che ha il controllo del Verona ha nei confronti di volpi a seguito di un provvedimento giudiziario.
          Dopo di che è vero che preleva soldi. Ma ne mette anche, soprattutto al mantova

        • 31 Ottobre 2021 in 20:06
          Permalink

          Dai credici 😂

  • 30 Ottobre 2021 in 21:59
    Permalink

    Se a lavoro faccio una cappella come la campagna abbonamenti di Kalma, mi danno due pedate in 5 minuti.

  • 30 Ottobre 2021 in 22:59
    Permalink

    Dopo gli anni tristi dei piocioni locali, ci aspettavamo finalmente con l’americano di vedere un po’ di gioco e di divertirsi allo stadio, come fa un veronese, un bolognese o un udinese. E invece uno schifo ancora peggio! Ma cosa abbiamo fatto di male noi tifosi per meritarci questi vent’anni di disgrazie ?

  • 31 Ottobre 2021 in 10:55
    Permalink

    SEMPRE PEGGIO cosa abbiamo fatto di male ? per esempio l unica squadra a non avere un tifo organizzato vengono squadtette vedi pisa e cremonese e giocano in casa loro

  • 31 Ottobre 2021 in 12:20
    Permalink

    Se gli 7 pseudo grandi (frugali) avessero preso uno come Setti come ottavo invece di pocciare con un cinese ormai assodato truffatore internazionale trovato da Ferrari su Linkedin saremmo fissi tra il 9 e l’11 posto. Caprari che da noi sembrava un morto gioca bene pure lui. Ma Barak è clamoroso. Poteva essere nostro e si è preso Cyprien, Sohm, Busí e altro ciarpame giovane di belle speranze. Tudor era tra l’altro il nome perfetto per noi. Ottimo allenatore, calcio aggressivo e semplice molto adatto alla serie B, un clone di Juric.

    • 31 Ottobre 2021 in 16:34
      Permalink

      Amico mio, l’ossessione per i frugali ti toglie lucidità. È vero, potevamo avere Barak al posto di Sohm e Ferrari al posto di Valenti. Erano già stati apparecchiati da Carli, prima che arrivasse l’ordine di virare sui costosi giovani di belle speranze. Ma che ci azzeccano i 7 – che tra il 9 e l’11 posto tra parentesi ti ci avevano appunto lasciato – e le loro competenze calcistiche su questo? Piuttosto invoca l’ingaggio del guascon Maurizio al posto del Direttore col Ciuffo o del suo Lothar dalla testa biliardata. Va beh che i frugali vengon tirati a mano come il prezzemolo, ma non van bene per condire proprio tutte le cazzate fatte.

  • 31 Ottobre 2021 in 13:23
    Permalink

    Caro KK, ne devi fare ancora parecchie di cosucce per dimostrarmi di valere davvero qualcosa come presidente.
    Per adesso il voto è 5.
    Sarei più che felice di poter cambiare opinione. In tempi brevi possibilmente.

    • 31 Ottobre 2021 in 15:18
      Permalink

      Totalmente d’accordo con te

      • 31 Ottobre 2021 in 22:06
        Permalink

        Preziosi è in A da 20 anni così come i Pozzo. Non mi risulta che siamo falliti i rispettivi club, per inciso ad oggi l’unico club della storia fallito in serie A è il nostro. Setti siccome non ha appunto un pio per far ballare una scimmia, ama la “diga”, ha più debiti che capelli (posticciati in Turchia) io lo ingaggerei domani dando un sano calcio nel deretano ai vari Ribalta, Kalma e compagnia circense. Così il circo inizierebbe ad assomigliare forse ad uno stadio di calcio con gente capace.

  • 31 Ottobre 2021 in 14:25
    Permalink

    Non santificherei i citati presidenti, che non vorrei vedere nemmeno da lontano qui. Nel breve possono apparire capaci ma nel lungo portano solo ad un cammino verso l’oblio (infatti basta vedere le storie di quei club). Mille volte meglio Krause nonostante errori e retrocessione. Parliamo anche di acquisti, quelli dell’anno scorso (con manager scelti da altri) son stati sbagliati, quelli di quest’anno invece (peraltro pagati tutti pochissimo o svincolati) sembrano molto meglio. Il tempo è galantuomo come dicono da noi

  • 31 Ottobre 2021 in 22:50
    Permalink

    https://vivoperlei.calciomercato.com/articolo/analisi-del-fenomeno-setti-buffone

    Suggerisco ai Davide e agli altri fan di Setti, la lettura dell’articolo di cui sopra, quando i tifosi del Verona tappezzarono la città con migliaia di adesivi “Setti Buffone”. Non perché ritengo che meriti l’appellativo. Ma trovo interessante la data. Poco più di 2 anni fa, vigilia dell’era Juric. La lezione che se ne trae è che l’unica cosa che i tifosi sanno valutare, sono solo i risultati del momento. Vinci e sei un eroe, perdi e sei una merda. Quanto dimostrato in passato o le prospettive per il futuro contano meno di zero. Il calcio è un eterno presente. È il risultato di questa domenica. Tutto il resto, analisi, considerazioni, prese di posizione, sembrano chissà quali ragionamenti, ma sono solo delle gran pippe mentali che colorano un po’ questo assioma barbaro. Vinci e ogni cosa fuori dal campo è bella, brava e giusta. E sei un figo. Perdi e qualunque cosa fuori dal campo fa vomitare e sei un tragattino senza soldi. Vale a Verona, vale a Torino e vale anche a Parma. Con buona pace della prosa dei Davide e delle loro verità.

    • 1 Novembre 2021 in 07:18
      Permalink

      Ve signor presente, tutto sto pistolotto di supercazzole per dire che “adesso NOI” siamo in una situazione ridicola, peró gli altri mangiano l’uva, sei una volpe, stampa un a4 con scritto “cribbio”

    • 1 Novembre 2021 in 16:30
      Permalink

      Infatti è così che deve essere. Il calcio vive di risultati soprattutto in Europa dove ci sono le retrocessioni.

I commenti sono chiusi.