SPAL-PARMA 2-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO, DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

SPAL-PARMA, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

SPAL-PARMA 2-2, IL TABELLINO

Marcatori: 28′ Tutino, 68′ Vazquez, 82′ Viviani, 91′ Colombo

SPAL – Thiam; Tripaldelli (71′ Celia), Esposito, Crociata (59′ Seck), Mancosu, Colombo, Capradossi, Vicari, Dickmann, Viviani, Latte Lath (80′ Ellertsson). Allenatore: Clotet
A disposizione: Seculin, Melchiorri, Zuculini, Mora, Spaltro, Coccolo, Heidenreich, D’Orazio, Piscopo

PARMA – Buffon; Brunetta (84′ Bonny), Tutino (65′ Inglese), Vazquez, Juric (60′ Sohm), Delprato, Schiatttarella, Cobbaut, Coulibaly (84′ Correia), Mihaila (60′ Busi), Valenti. Allenatore: Maresca
A disposizione: Turk, Colombi; Dierckx, Balogh, Iacoponi, Benedyczak, Traore

Arbitro: Sig. Daniele Paterna della Sezione A.I.A. di Teramo

Assistenti: Sig. Luigi Rossi di Rovigo e Sig. Davide Moro di Schio

Quarto Ufficiale: Sig, Sajmir Kumara di Verona

V.A.R.: Sig. Valerio Marini di Roma 1

A.V.A.R: Sig. Christian Rossi di La Spezia

Espulso: Vazquez al 93′

Ammoniti: Viviani, Tripaldelli, Coulibaly, Sohm

LA DIRETTA LIVE di Ilaria Mazzoni

Benvenuti a tutti i tifosi e le tifose gialloblù, tutto ormai è pronto a Ferrara dove al Paolo Meazza il Parma è pronto per affrontare la squadra di casa, la SPAL; calcio di inizio alle 18.30.

Le due formazioni tornano ad affrontarsi in serie B a distanza di oltre quarant’anni dall’ultimo match che si disputò nel 1980 e che terminò a reti bianche.

Al momento la classifica di entrambe le formazioni non sorridono, potrebbe essere questo l’incontro per consentire ai crociati di dare una svolta alla propria stagione e mettere le ali verso la conquista della Serie A?

 

PRIMO TEMPO

01′ Partiti! Il direttore di gara ha dato il via al match proprio in questo momento; pallone subito in possesso della squadra padrona di casa

03′ avvio positivo per la Spal in questo derby emiliano: palla in profondità verso Tripaldelli che, però, non ci arriva. Di un soffio. Esce sicuro Buffon dai propri pali ed effettua la sua prima parata di questo incontro

09′ prima tegola per il Parma? Schiattarella rimane a terra dopo un intervento duro da parte di un centrocampista avversario. Il crociato abbandona dolorante il terreno di gioco ma sembra essere già pronto per riprendere il proprio posto. Sospiro di sollievo per la panchina guidata da Maresca

11′ ritmi non molto alti in questi primi dieci minuti; il Parma prova a manovrare il gioco ma trova molte difficoltà a trovare la profondità. Per ora le due difese hanno decisamente avuto la meglio sugli attacchi. Partita, comunque, tutto sommato, piacevole

13′ i crociati stanno provando a costruire la manovra offensiva dal basso, ma la squadra di casa è ben disposta sul terreno e non lascia spazi. Siamo quasi giunti al primo quarto d’ora di gioco e al Paolo Meazza le due squadre sono ancora ferme sullo zero a zero iniziale

18′ prima vera conclusione di questo tardo pomeriggio, è targata da Colombi che prova a portare in vantaggio la squadra di casa; il calciatore ci prova da fuori area senza riuscire, però, a sorprendere Buffon. Il portierone, senza problemi, arresta il sinistro dell’attaccante spallino

20′ siamo giunti ai primi venti minuti di gioco; c’è davvero poco da raccontare di questi primi minuti. Poche emozioni, pochi spunti e squadre decisamente ancora troppo contratte sul campo per poter offrire spunti interessanti

24′ riesce a rendersi pericolosa la squadra di casa che con Latte Lath recupera un pallone dopo un errore in fase di copertura da parte della difesa gialloblù; il calciatore entra in area e da posizione defilata prova con il destro a battere Buffon che però è reattivo e protegge la propria porta togliendo “le castagne dal fuoco”

25′ ducali molto imprecisi nei passaggi, serve uno spunto per dare la svolta a questa gara

27′ GOOOOOOAL PARMA! Tutino sigla la propria seconda rete stagionale che significa un’unica cosa per i crociati: vantaggio

28′ dopo la rete il Parma ha preso coraggio e costruisce ora con maggiore convinzione la propria azione offensiva. Un buon momento per la squadra di Maresca; prova lo scatto in avanti in contropiede il Parma; Koulibaly prova a servire Mihaila ma i due non si intendono e l’occasione sfuma

29′ occasione ancora per i ducali che provano a mettere la seconda palla in rete, questa volta a rendersi pericoloso è Brunetta che con un sinistro a giro dal limite sfiora il goal. La palla scivola di pochi centimetri alla destra dell’estremo difensore dei padroni di casa

34′ cartellino giallo per Viviani, il giocatore della SPAL era diffidato

35′ rimessa laterale per il Parma, Koulibaly prova ad imbeccare Tutino, autore dell’unica rete, sino a questo momento, del match. Il ducale, però, ribatte nuovamente il pallone fuori. Questa volta, però, la rimessa laterale sarà a favore dei padroni di casa

38′ calcio di punizione per la Spal, nulla di fatto anche dobbiamo sottolineare che i padroni di casa stanno certamente provando a reagire al momentaneo vantaggio dei ducali. Il ritmo in campo, che sembrava aver subito una velocizzazione dopo la rete siglata da Tutino, si è di nuovo abbassato

39′ la Spal prova la reazione ma fa fatica a rendersi pericolosa poi giallo per Tripaldelli che si appende alla maglietta di Schiattarella. Il calciatore spallino si lamenta in modo troppo veemente con il direttore  di gara che decide, però, di chiudere un occhio

41′ il Parma conquista un calcio d’angolo dopo un tentativo di avanzata ducale con Mihaila. Corner che sarà battuto dalla sinistra, pallone affidato a Brunetta, l’arbitro ferma tutto: troppa confusione in area. Brunetta piazza la sfera al centro ma un difensore spallino la allontana quasi sulla linea di porta. La Spal, poi, non approfitta dell’occasione per provare a ripartire in contropiede

43′ mancano ormai pochi minuti al termine della prima frazione di gioco. Si attende la comunicazione del tempo di recupero da parte del direttore di gara

45′ assegnato un solo minuto di recupero

46′ la Spal prova a sfruttare questi ultimi sessanta secondi del primo tempo per tentare di trovare la rete del pareggio; tiro violento dalla distanza ma Buffon è reattivo e protegge la porta crociata. Giunge in questo momento il fischio del direttore di gara, per ora decide la rete realizzata da Tutino al ventisettesimo, ducali che ritornano quindi negli spogliatoi da momentanei vincitori

La partita stende a decollare sino al momento in cui possono gioire i tifosi gialloblù: la rete di Tutino non solo scuote i cuori ducali ma anima anche la partita, la squadra di Maresca sfiora poi la rete del raddoppio con una bella conclusione di Brunetta. Il calciatore è sfortunato e con il suo tiro riesce solamente ad accarezzare il palo alla destra dell’estremo difensore spallino. La Spal mette poi in campo una reazione di orgoglio ma senza riuscire a rendersi realmente pericolosa.

SECONDO TEMPO

46′ si stanno riposizionando in questo momento le due formazioni sul terreno di gioco di Ferrara; non sembra che siano stati operati dei cambi nel corso dell’intervallo: di nuovo protagonisti gli undici scelti per l’inizio della gara, almeno per il momento

47′ è partita benissimo la formazione di casa con una conclusione insidiosa di Colombo; il giovane attaccante tenta il colpo di tacco. Intuisce, però, la traiettoria della conclusione Buffon che interviene senza troppi pensieri

48′ calcio di punizione per i padroni di casa da posizione molto interessante; sul pallone va Viviani a circa sette-otto metri dalla linea di fondo; nulla di fatto ma il pallone rimane in possesso della squadra padrone di casa poi sfera che termina in fallo laterale

49′ imposta il Parma dalla sinistra, su quella fascia opera Mihaila mentre si fanno sentire i tifosi ducali, circa un centinaio, giunti a Ferrara per supportare i propri calciatori. Parma che usufruirà di un calcio d’angolo. Ma prima il direttore di gara costringe Brunetta ad abbandonare momentaneamente il terreno di gioco: gli sanguina il labbro. Sarà quindi Mihaila a battere questo corner. Nulla di fatto, sfera che ritorna in possesso dei spallini

54′ il quarto ufficiale verifica le condizioni di Brunetta: consenso negato al calciatore per rientrare in campo, il labbro sanguina ancora troppo, è necessario un ulteriore intervento dei sanitari crociati

55′ angolo dalla sinistra per la Spal, va Viviani che confeziona un bel cross insidioso. La difesa crociata è attenta: rimessa laterale per i padroni di casa. Avvio di match decisamente più brillante rispetto ai primi quarantacinque minuti, soprattutto per quanto riguarda la Spal che tiene alto il ritmo e cerca con le proprie volate offensive di riequilibrare il risultato. Parma, invece, leggermente in sofferenza in questo riavvio

56′ destro di Capradossi dalla distanza, palla a lato della porta presidiata da Buffon. La Spal in questo momento impedisce al Parma di ripartire in contropiede il risultato è che i crociati stanno vivendo questi primi momenti del secondo tempo schiacciati all’interno della propria metà campo

57′ cartellino giallo per Coulibaly e calcio di punizione per la Spal; contropiede del Parma con Vazques che si lancia verso la porta avversaria, pallone che giunge a Mihaila che si presenta a tu per tu con l’estremo difensore. Nulla di fatto; che occasione sprecata per i ducali! Intanto protesta la Spal per un presunto colpo di braccio in area di Schiattarella in occasione dell’esecuzione del calcio di punizione da cui poi il Parma era riuscito a ripartire in contropiede. Revisione alla VAR: tutto regolare, si continua a giocare

59′ clamorosa opportunità per Tripaldelli che spedisce, però, a lato. Che spreco per la Spal per rimettere in equilibrio le sorti di questo match!

60′ primo cambio del match: esce Crociata sostituito da Seck

61′ ammonizione anche per Latte Lath, il giocatore spallino è sanzionato per aver commesso un’entrata troppo vigorosa ai danni di Mihaila

62′ espulso per proteste il tecnico della Spal che ora si dovrà accomodare in tribuna

63′ doppio cambio per le fila crociate: Busi in sostituzione di Mihaila mentre Sohm subentra ad un impalpabile Juric

65′ calcio di punizione per la squadra di Maresca che, ricordiamo, sta conducendo l’incontro per una rete a zero, goal siglato da Tutino al ventisettesimo

67′ cambio ancora per i ducali (il terzo della gara per Maresca): esce l’autore del goal, Tutino, a cui subentra Roberto Inglese

68′ la Spal prova a pungere i ducali che, dal canto loro, stanno cercando di abbassare i ritmi di gioco dell’avversaria

68′ GOOOAL PARMA! I ducali raggiungono il doppio vantaggio grazie alla rete siglata da Vazques che viene imbeccato dalla bella idea di Delprato che gli serve l’assist perfetto; all’argentino non resta che appoggiare la sfera in rete! Bellissima azione crociata, Spal che, ora, si ritrova ancor di più alle corde

69′ destro strozzato della Spal che non può (e non riesce) ad impensierire un portiere con l’esperienza di Gigi Buffon

72′ di nuovo un cambio nella Spal: esce Tripladelli che lascia il posto a Cella. I padroni di casa potranno, ora, cercare di sfruttare un calcio di punizione. Nulla di fatto, il Parma ha stretto in modo ottimale le maglie della propria difesa

74′ Spal in possesso del pallone, un possesso, però, sterile: i padroni di casa non riescono ad avvicendarsi alla porta di Buffon con aggressività. Ducali che devono in ogni modo prestare attenzione: manca ancora troppo tempo al triplice fischio finale

75′ siamo giunti alla mezz’ora del secondo tempo e Brunetta prova a scattare sulla sinistra. Nulla di fatto, il gioco ritorna tra i piedi degli spallini

76′ il Parma guadagna una rimessa laterale che sarà battuta da Vazquez, pallone che giunge a Inglese che cade a terra a metà campo. Gioco fermo, si riprenderà con un calcio di punizione per la squadra che gioca ospite poi tiro da posizione defilata di Sech che confeziona un tiro forte ma non preciso. Nulla da fare per la Spal

77′ proteste dei giocatori della Spal per un presunto tocco di braccio in area di Valenti. L’arbitro prende tempo per andare a revisionare l’azione: il numero trenta del Parma ha, però, mantenuto il braccio lungo il proprio corpo quindi per il direttore non vi sono dubbi, si può proseguire

78′ Parma vicino alla rete del terzo goal dopo un traversone di Vazquez lungo il primo palo; arriva di gran carriera Bobby English che stampa però la sua conclusione sul palo, Thiam sarebbe stato senza dubbio battuto. Che sfortuna Inglese che vede la propria conclusione infrangersi contro il legno, ma bellissima azione offensiva dei ducali

81′ sostituzione per la Spal: Latte Larh lascia il posto a Ellertsson

82′ GOOOOAL SPAL! la formazione padrona di casa riapre il match con la punizione di Viviani deviata in rete dall’intervento della difesa gialloblù, nella mischia, infatti, colpisce per ultimo Brunetta. Battuto da “fuoco amico” Gigi Buffon. Sarà certamente un finale di gara al cardio palma

84′ la partita è radicalmente mutata: tutta la Spal ora è in avanti mentre il Parma ha assunto un atteggiamento difensivo in protezione dell’unica rete di vantaggio rimasta

86′ doppia sostituzione per Maresca, escono Coulibaly e Brunetta che lasciano posto a Bonny e Correia. Mancano ora solo quattro minuti al termine del match anche se il direttore di gara assegnerà quasi senza dubbio un tempo di recupero maggiore rispetto a quello assegnato nella prima frazione di gioco

88′ il Parma palleggia a centrocampo, e si crea un’opportunità sul settore destro con Sohm che si lascia, però, chiudere, dal portiere spallino

89′ la Spal manovra sul centrosinistra senza riuscire a trovare il cuore dell’area ducale; manca solo un minuto a questo punto al termine del derby emiliano

90′ cinque minuti di recupero

91′ GOOOOAL SPAL! Il sinistro di Colombo è imprendibile per Buffon, pareggia la Spal in questo finale rocambolesco

93′ espulso Vazquez per una manata in faccia ad Esposito dopo che il calciatore argentino era stato trattenuto proprio da quest’ultimo

95′ ammonizione anche per Sohm

Finisce 2-2, un punto a testa che, di fatto, non accontenta nessuno soprattutto il Parma che aveva condotto la gara sino al 90′, una partita spettacolare specie nella ripresa dopo un primo tempo animato dalla sola rete di Tudino. Alla ripresa i crociati trovano la doppietta con Vazquez (espulso poi a due minuti dal termine) ma si fanno poi riprendere dai padroni di casa. Crociati che, forse, pensavano di avere già la vittoria in mano. Ilaria Mazzoni

17 pensieri riguardo “SPAL-PARMA 2-2 / HIGHLIGHTS, TABELLINO, DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 2 Ottobre 2021 in 18:35
    Permalink

    Forza Parma

  • 2 Ottobre 2021 in 18:59
    Permalink

    Grande Tutino 💪⚽️👏👏👏

  • 2 Ottobre 2021 in 19:18
    Permalink

    Ritmi bassissimi e il Parma ci sta dentro. Zero gioco, zero soluzioni offensive, difficoltà difensive ogni volta che viene superato il centrocampo.
    Mi chiedo perché Coulibaly debba giocare a sinistra quando è destro di piede e terzino destro di ruolo.
    Vorrà passare alla storia del calcio anche per questo.
    Speriamo di portare a casa i 3 punti

  • 2 Ottobre 2021 in 19:26
    Permalink

    Benissimo così.

  • 2 Ottobre 2021 in 20:28
    Permalink

    Fate schifo

  • 2 Ottobre 2021 in 20:33
    Permalink

    Butterò questo
    Mio enorme cuore tra le stelle un giorno,
    Giuro che lo farò,
    E oltre l’azzurro della tenda nell’azzurro io volerò.
    Quando la donna cannone d’oro e d’argento diventerà,
    Senza passare dalla stazione l’ultimo treno prenderà, e speriamo che facciano il volo diretto parma des moines aggiungo io

  • 2 Ottobre 2021 in 20:33
    Permalink

    Un pareggio che fa morale.

  • 2 Ottobre 2021 in 20:52
    Permalink

    Campionato finito il 2 ottobre. Uno schifo vergognoso. Che i circensi smontino i tendoni e si levino dai maroni. Assolutamente ridicoli. Società in primis.

  • 2 Ottobre 2021 in 21:07
    Permalink

    Squadra vergognosa. Non è possibile farsi rimontare 2 gol in 10 minuti da una squadra (scarsa) come la SPAL di stasera. Ma di quale serie A parlano? Sarà il caso di cominciare a guardarsi le spalle.

  • 2 Ottobre 2021 in 21:17
    Permalink

    Dopo sette partite, penso si possa dire che il Parma NON vincerà il campionato. Speriamo di andare ai playoff e vincerli perché occorrono tre mesi di sopportazione di Maresca, di partite assurde come oggi e solo dopo si potrà partire.
    Non siamo fortunati. Il primo gol preso è assurdo e incredibile ma è altrettanto assurdo e incredibile togliere mihaila, mettere Busi e sbagliare tre contro piedi decisivi da quella parte. Non capisce veramente un c.. Con lui non vinci nemmeno in 100 anni.
    Oggi era già vinta. In qualche modo strano ma vinta. Poi è successo di tutto.
    Dopo di che, chiarisca la società anche a Vazquez che bisogna correre, farai il culo e non farsi cacciare ogni volta che non si vince per cazzate da quindicenne viziato.

  • 2 Ottobre 2021 in 21:21
    Permalink

    Vinci, sei in difficoltà e metti su due punti.
    Oh io ho giocato solo negli amatori, ma secondo me robe del genere non stanno né in cielo né in terra..

  • 2 Ottobre 2021 in 21:22
    Permalink

    Due punte, spuntate peraltro..

  • 2 Ottobre 2021 in 21:55
    Permalink

    Krause ce lo dovremo tenere per sempre. Il debito è talmente grosso che se lui se ne dovesse andare, torneremmo in Serie D il giorno dopo.
    Siccome lui non sa fare il Presidente di una squadra di calcio e anzi da quando è a Parma subiamo valanghe di gol all’ultimo minuto ( si sto dicendo che secondo me porta un po’ sfiga, ma in modo bonario), spero che i risultati sciagurati lo inducano a scegliere dirigenti italiani qualificati e a scegliere calciatori italiani e non sfigati belgi, francesi o argentini. L’esempio Lucca è lampante. Costato 2 milioni, potrebbe essere convocato in Nazionale italiana già ora. Ma lo ha preso il Pisa, non il Parma ed è italiano. Quando convocheranno in Nazionale Brunetta valenti Busi cobbaut e tanti altri , avrà ragione lui. Oggi ha torto marcio

  • 2 Ottobre 2021 in 22:32
    Permalink

    Krause se non vuole fare più la figura del circense che sta facendo ora cacci a calci nel deretano quel totale incompetentemente del Guardiola dei poveri e il sosia spagnolo di Ampollini. Comunque al 2 ottobre abbiamo già perso il campionato per i primi due posti. E doveva essere l’anno dei trionfi (in B per altro). Con KK in un anno e due mesi abbiamo messi in fila n. 4 vittorie. Tra cui Pordenone… in 14 mesi 4 vittorie. Non serve aggiungere altro.

  • 2 Ottobre 2021 in 22:56
    Permalink

    La punizione da cui è nato il fortunosissimo gol dell’1-2 non c’era; con lo sfigatissimo palo di Bobby staremmo parlando di 3 punti in trasferta.
    Ma va detto che:
    non è possibile perdere 2 punti in questo modo (a proposito: al 2 di ottobre siamo già a quota 4, persi nei minuti di recupero…);
    non è possibile che facciamo sembrare Castagnetti, Proietti e Viviani dei nuovi Iniesta;
    non è possibile perdere per la seconda volta in 7 giornate l’unico giocatore di calcio che abbiamo per squalifica, proprio contro un avversario (il Monza) in cui servirebbe come l’aria che respiriamo;
    non è possibile avere in panchina dei giovanotti (scelti con l’algoritmo?) che faticherebbero a trovar posto nel Lumezzane. Complimentoni a chi ha condotto la campagna acquisti.

    E’ presto, anzi prestissimo: ci sono ancora 93 punti a disposizione. Ma alzi la mano chi pensa convinto che questa squadra vada in serie A

  • 2 Ottobre 2021 in 23:24
    Permalink

    Ho sempre criticato la gestione provinciale della vecchia proprietà, troppo pane e salame. Ho salutato con entusiasmo l’ingresso di super manager, con dei mega curriculum. Ora però mi trovo a mangiare salmone e merda e non mi piace!

  • 3 Ottobre 2021 in 09:51
    Permalink

    Questo Campionato di trasizione, servira’ ai Dirigenti ed ai Responsabili Crociati a farsi una idea CONCRETA del Campionato di serie B e di cio’ che servira’ l’anno prossimo per vincerlo ? ? ?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI