UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / PUNTO A PARTE, DIFFICILE TIRAR FUORI QUALCOSA D’ALTRO DI BUONO…

(Luca Tegoni) – A tirar fuori qualche cosa di buono, a parte il punto ottenuto, si fa fatica. Forse solo la presenza scenica e morale, a bordo campo, di Iachini che rappresenta l’intenzione di non cedere mai, nemmeno quando l’inevitabile è alle porte, come il nemico, in sovrannumero, meglio armato e nutrito, si può salvare. L’esempio di Iachini che deve portare ai giocatori quel qualche cosa di più che ad oggi non si ha è la base su cui impegnarsi. La parola “lavoro” lasciamola a chi veramente lavora e non gioca.

La situazione è grave, i giocatori o non rendono per quello che potrebbero oppure non sono in grado di rendere per quello che dovrebbero. La situazione è seria, manca fiato nelle gambe e ossigeno al cervello. Non che questo dubbio emergesse ad ogni partita precedente, ma lo schieramento razionale della squadra applicato da Iachini è una drammatica conferma, siamo scarsi, lenti e poco propensi alla fatica. Gli ultimi dieci minuti, giocati senza fiato, con una volontà fino ad ora nascosta, lasciano una speranza. Un amor proprio che sboccia, un sintomo vitale che concluda e allontani gli spettri di questo lunghissimo funerale.

Il Parma comincia bene la partita e nei primi quindici minuti ha due buone occasioni con Benek e Tutino che però non vengono sfruttate. Poi il Como prende campo e controlla la partita. La difesa del Parma, però, non si lascia sorprendere e riesce a tenere i giocatori del Como quasi sempre fuori dall’area. Quasi, ci pensa Juric, una delle sue migliori peggiori partite, a naufragare su un avversario in area e a far fischiare all’arbitro il rigore. Gliozzi (gl o G L?) lo tira veramente male, forse condizionato da Buffon che si tuffa dalla parte giusta e che blocca la palla con sicurezza. Superman ancora una volta migliore in campo.

Parte ancora bene il Parma ad inizio della ripresa, ma non riesce ad andare al tiro con la necessaria determinazione. Cobbaut si fa aggirare da un attaccante, Gliozzi, che si presenta davanti alla porta per toccare, indisturbato, la palla che arriva da trequarti campo dentro la nostra porta. Anche per Cobbaut una delle migliori peggiori partite fin qui disputate, trofeo che meritano anche altri.

Il Parma reagisce poco e male e il Como si impadronisce di palla e campo. Poi negli ultimi dieci minuti cambia la partita e il Parma in apnea riesce a pareggiare con Inglese di testa e per poco non riesce a passare in vantaggio, ancora una volta per scarsa determinazione.

Il mercato di gennaio è già nei nostri cuori nella speranza che i fenomeni che hanno gestito gli ultimi presentino legittimo impedimento e lo lascino fare a chi lo sa fare. Se fosse anche reintegrato Iacoponi Simone sarebbe cosa buona e giusta.

Il Parma pareggia uno a uno sulle rive del lago di Como. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

7 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / PUNTO A PARTE, DIFFICILE TIRAR FUORI QUALCOSA D’ALTRO DI BUONO…

  • 29 Novembre 2021 in 15:14
    Permalink

    Più che un legittimo impedimento un bel calcio nel sedere a ha portato gente come Sohm, Valenti, Zagaridis, Cobbaut, Man, etc….

    • 29 Novembre 2021 in 16:22
      Permalink

      Sempre nel lecito, checché se ne dica

  • 29 Novembre 2021 in 15:21
    Permalink

    Psicologo nel Parma cercasi
    Giocatori che vanno nelle loro
    nazionali e giocano come veterani
    vengono nel Parma e giocano
    come giocatori da Lega Pro
    Ribalta dimettiti
    Qualcosa non quadra

  • 29 Novembre 2021 in 17:07
    Permalink

    Cobbaut ,Sohm, Juric….io mi chiedo come sia possibile andare in giro per l’Europa per trovare giocatori del genere. Avevamo in casa Dermaku, abbiamo in casa Iacoponi e cosa pensano di fare i genialoidi che si occupano del nostro mercato? Vendiamo Dermaku, mettiamo fuori rosa Iacoponi e andiamo a prendere delle vere e proprie schiappe nei campionati più insulsi d’Europa. Il risultato non poteva essere che questo. Veramente inguardabili….e mi fermo a loro 3, ma la lista è decisamente più lunga.
    Non capisco come Krause, prima di spendere milioni su milioni di euro, non si informi a modo sulla gente che mette sotto libretto. Mistero.

  • 29 Novembre 2021 in 17:30
    Permalink

    Cobbauta fa rima con cavolo. Nel senso che non ci capisce un cavolo di calcio!

  • 29 Novembre 2021 in 18:41
    Permalink

    Jachini porta carattere, schemi di gioco più credibili e pragmatici, col tempo aumenterà la tenuta atletica ma non può trasformare i tantissimi rospi in principi.

    Tocca, ahimè, ai soliti noti a gennaio individuare 2 centrocampisti, una punta (se Inglese non si riprende) ed almeno due difensori, con il pedigree di categoria e basta voli pindarici, prima attuiamo il distanziamento dalla zona playout e poi diamo la caccia al gruppone per disputare almeno i play off.

  • 30 Novembre 2021 in 10:03
    Permalink

    per i due centrocampisti Ribalta&Pederzoli potrebbero chiedere un aiuto a Minotti&Galassi. Ah non dimentichiamo la chicca del mercato di Ribalta, ovvero Bernabè.

I commenti sono chiusi.