CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LA SITUAZIONE E’ GRAVE, MA NON E’ SERIA

(Gianni Barone) – La situazione è grave, ma non è seria. Eppure tutti o quasi si erano convinti che dopo due vittorie in stecca, le cose e le vicende del Parma potessero volgere al meglio. Invece dopo la “disfatta” di Lecce i tamburi della protesta hanno ripreso a battere incessantemente con i loro garruli suoni, indicando colpe e colpevoli ben precisi nella mancanza di identità di squadra e su di una guida tecnica insufficiente a sostenere con idee e pratiche le individualità riconosciute da molti – ma non da tutti – degne di rispettabile rilievo. Quattro sberle (sciaf a l’orba, come l’ha definita stamani Piovani sul foglio locale) che fanno male, e la cognizione del dolore, di questo dolore, da parte di chi dovrà farne i conti, sarà esercizio particolarmente arduo nel corso delle due prossime settimane in cui gli ”lé tutto sbagliato lé tutto da rifare”, di Bartaliana memoria, riprenderanno forza e vigore più che mai, dopo questa inattesa batosta dell’Andrea Doria o del Titanic, vicende italo-americane ritirate fuori dal freezer della memoria ieri sera da Purgatori (La 7, Atlantide, nome della rubrica particolarmente azzeccato, nel caso specifico). Si parlerà del solito assalto al cambio di panchina che la società, attraverso il DT Ribalta, si è subito premurata di comunicare, assieme alle scuse del caso, di non voler, per nessun motivo al mondo, prendere in considerazione. Alle volte, tuttavia, saltano i dirigenti e non gli allenatori, è successo anche in settimana, sicché qualsiasi tipologia di scenario potrebbe, nei fatti al di là delle parole, prendere corpo, specie se l’armatore dovesse prender piena conoscenza che il proprio transatlantico fa acqua al di là delle garanzie di costruttori ed ammiragli vari. Quindi la situazione è grave, ma non è seria, per dirla alla Flaiano, in uno dei suoi più franchi aforismi che non si lascia dimenticare. Al pari dell’altro suo attacco di genio che così recitava: “Non chiedetemi dove andremo a finire perché già ci siamo…”. Eh già: dove si andrà a finire di questo passo?, tutti di chiedono, dopo che il de cuius Maresca ha così ammonito: “Basta chiacchiere, bisogna lavorare”. Eh sì… Inoltre, dove siamo in questo momento? Forse il tempo dell’essere “tutto chiacchiere e distintivo”, del Parma favorito ad ogni costo per censo ed economia, dovrebbe essere finito davvero, dacché l’uomo, in questione, dovrebbe mettere altrettanto ardore nel semplificare la sua vita (e il suo presunto gioco), quanto ne mette (o ce ne ha messo), nel complicarla, direbbe qualunque tipo il filosofo interpellato in materia. Ma negli occhi di tutti rimarranno ancora per chissà quanto tempo, i sessanta e passa metri percorsi e corsi da Coda, dalla sua verso l’area del Parma, palla al piede, senza subire nessun tipo di ostacolo o disturbo da chicchessia, per andare al tiro e fulminare Buffon per il goal del 4-0 che ha inchiodato tutti, ma soprattutto chi è responsabile di quello che è o di quello che fa o che non fa o, peggio ancora, di quello che non ha fatto o non ha saputo fare, ad una durissima e crudissima realtà. Difficile dimenticare di aver paura, la quale, come diceva Woody Allen, è da sempre la nostra compagna più fedele, perché non ci tradisce mai per andare con altri. Tutto questo per dirci quanto sia grave e poco serio tutto ciò, citazioni dotte comprese. Quindi cambiare (non solo i moduli, che poi sarebbero i sistemi di gioco, Carlo) per maturare per essere finalmente migliori di adesso, come minimo e ciò che occorre fare e non solo dire. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

14 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / LA SITUAZIONE E’ GRAVE, MA NON E’ SERIA

  • 8 Novembre 2021 in 12:08
    Permalink

    LA SITUAZIONE E’ GRAVE, MA NON E’ SERIA
    Titolo che calza a pennello con le intenzioni di questa società, che solo a parole dichiara di voler conquistare la serie A, ma che poi nei fatti e soprattutto nella composizione della rosa, dimostra di non puntare seriamente alla promozione.

    La sconfitta di Lecce non mi stupisce affatto, il risultato pesante dimostra solo in maniera più concreta la netta differenza di organico tra il Parma e le squadre che punteranno alla promozione quest’anno.
    Già la partita di Reggio Calabria, aveva mostrato quanta differenza esisteva tra giocatori di categoria che conoscono a menadito i trucchi per portare a casa le partite in cadetteria e la banda di giovani di belle (?) speranze che abbiamo noi.

    Il Lecce di Coda e Strefezza, di Dermaku e Lucioni, è una corrazzata nucleare paragonato al Parma di Sohm, Benck e questo Inglese.

    Come già detto molte volte su questo Blog, questo Parma non ha alcuna chance di salire in serie A.
    Lo sappiamo tutti, ma lo sanno anche in società.
    Solo che noi ci battiamo il petto disperati, a Collecchio se ne fregano perchè tanto c’è Krause che paga gli stipendi e non muove foglia perchè il figlio Holly si diverte tanto a giocare alla versione live di Football Manager.

    E’ così gente, e non ci possiamo fare niente. Ogni tanto e con molta fatica, si riesce a vincere contro squadre come Cittadella, Vicenza e Pordenone, ma chiedere continuità e risultati ad un gruppo di sconosciuti multilingue che si ritrovano in gita la domenica nelle molte belle città italiane di provincia, capitanati da un debuttante come Maresca……beh mi sembra un tantino troppo arrogante.

    Forse è perfino più arrogante che fare una conferenza stampa in cui si chiedono i soldi ai tifosi per gli abbonamenti perchè è stato speso tanto per una squadra da 14° posto in serie B, salvo poi rimangiarsi tutto.

    Sempre Forza Parma!

    • 8 Novembre 2021 in 12:50
      Permalink

      Ecco, anche Barone ha superato il limite di non ritorno come il sottoscritto, vedo una luce in fondo al tunnel, che famo ce scansamo? 😂

    • 8 Novembre 2021 in 13:04
      Permalink

      e’ assolutamente vero tutto quanto.
      Gli stipendi vengono pagati ma a mio avviso sono troppi 23,6 milioni per un anno di B, acquisti di profughi yemeniti spacciati per calciatori per quasi 100 milioni ( PERSI COMPLETAMENTE ma regalati dalla Cassa che nemmeno li vorra’ indietro e non si sa perche’) sono troppi, scelte di personaggi volutamente inadeguati per guidare la societa’ sono strane, specie alla luce di 210 milioni di debito, teoricamente da coprire.
      Cosa ci sia dietro questa operazione , non lo so.
      Ma un imprenditore con un patrimonio superiore ai 12 bilions di dollari, stupido non e’ e dunque tengo gli occhi belli spalancati, per quanto possa servire.
      A cosa gli serva il Parma non lo so, che gli interessi per i risultati sportivi, lo escludo totalmente.

  • 8 Novembre 2021 in 13:10
    Permalink

    Ripreso da parmalive :
    Piccolo passaggio anche sulla Serie B nell’editoriale per TMW di Michele Criscitiello. Il direttore di Sportitalia parla così del Parma, ieri sconfitto nettamente dal Lecce al Via del Mare: “Il Parma è tutto da rifare; hanno fatto danni veri e Maresca ha fatto un disastro in pochi mesi”.
    e’ bello sapere che gli unici tre al mondo che vedono un progetto siano krause ribalta e maresca.

    • 8 Novembre 2021 in 14:29
      Permalink

      anche qualche “giornalaio” locale, Manfredini e qualche editorialista si associano a KK, Ribalta e il ciarlatano sosia di Guardiola. Ma KK non si stanca di essere preso per il culo da Aosta a Filicudi?

  • 8 Novembre 2021 in 13:48
    Permalink

    Il quadro che meglio rappresenta le sensazioni che il Parma trasmette è la Zattera della Medusa di Gericault un gruppo di naufraghi, sbandati e disperati alla mercé delle onde marine senza bussola e senza remi, senza approdo e con un nocchiero confuso e presuntuoso o se preferite l’urlo di Munch per quanta strafezza pardon schifezza dimostrano.

    La sontuosa campagna acquisti, la perfetta macchina da guerra si è sciolta come neve di primavera…ma chi ci credeva poi….una babele di prospetti con tre uniche caratteristiche costosi, stranieri e brocchi.

    E ora di guardarsi le terga, prendere un allenatore e non un sedicente tale e 2 centrocampisti, rimettere in campo jacoponi (se mai accetterà) e acquistare un centravanti non virtuale ma tanto non accadrà nulla di tutto questo e così rischieremo di retrocedere.

    • 9 Novembre 2021 in 12:43
      Permalink

      disilluso tutto bene però jacoponi lasciamolo dove è alla fine l anno scorso ha fatto pena anche lui ! e poi se fosse stato richiesto anche in serie c poteva andarsene il parma si accollava la differenza di stipendio l ha fatto per tanti in primis x d aversa lo faceva anche per lui , quindi non è un santo ha preferito andare in pensione prendendo un lauto stipendio giocando con i figli la domenica nello tranquillo sul divano

  • 8 Novembre 2021 in 14:27
    Permalink

    Per liberarci prima di Maresca, poi di Ribalta, Kalma e Pederzoli e infine di Krause, cosa deve succedere?Mi sembra sia ormai chiaro anche al mio cane che a Krause dei risultati sportivi non importi “un fico secco” (cit.), probabilmente il suo fine è muovere risorse finanziarie e immetterle nel mercato dei “giovani stranieri di belle speranze” per evidentemente suoi ininitellegibili, a noi persone comuni, motivi. Purtroppo, nel calcio italiano, se non vinci le partite dalla A di Alessandra ti ritrovi in E (Eccellenza) di Empoli ed è dove stiamo andando. E’ ormai palese il TOTALE FALLIMENTO del così detto progetto. Quando prendi Cyprien e Sohm in luogo di Barak prima e Iacoponi, Benek in luogo di Coda (poi), Maresca e via così è evidente come scientemente punti ad altro rispetto ai risultati sportivi. La mia domanda è cosa deve succerò e cosa si può fare per liberarci di questa iattura?

  • 8 Novembre 2021 in 15:44
    Permalink

    Stasera guardiamo bar sport

  • 8 Novembre 2021 in 17:24
    Permalink

    Copio queste perle da un vecchio post di Stadio Tardini. Rigorosamente anonimi per non infierire, ma rigorosamente letterali ed ancora presenti online, le reazioni del popolo del web alla presentazione di Kalma&Ribalta 6 mesi fa.

    “L’impressione è di cautela e professionalità. Non ci eravamo abituati da decenni. Il Parma ha bisogno come il pane di professionisti scelti per le qualità e il curriculum, non di amici degli amici o peggio, di abili farabutti alla Leonardi”

    “Signori, questo è professionismo. Poi vedremo i fatti ma solo sentire parlare in sala conferenze Krause, Kalma e Ribalta, da’ la sensazione dell’abisso di credibilità tra la programmazione seria di una multinazionale americana e il provincialissimo io speriamo che me la cavo di quelli di prima….adesso fare pulizia sino in fondo liberandoci del dilettantismo che ha imperato in questa società…”

    “Quello che ho visto è un livello elevatissimo di professionalità. Nel porsi, nel soppesare i contenuti, nel muoversi diplomaticamente. E le idee chiare da ambo i lati.E i principi. Che per quel che valgono sono molto vicino ai miei. Qualcosa che non si era mai visto nella gestione volutamente amicale della ripartenza dalla D, ne’ tantomeno nella sciagurata gestione Ghirardi”

    “Con loro il Parma tornerà a breve tra i Grandi. I profili scelti e il fatto che loro abbiano accettato la dice lunga sulle ambizioni del Presidente”

    “Guardando gli amministratori delegati delle squadre di Serie A, credo che Kalma sia una spanna sopra tutti”

    “Guardi il linguaggio del corpo di Kalma, la sua padronanza della scena. Ripensi alle vecchie conferenze stampa. E lacrime di sollievo ti rigano le guance…”

    “Ora prendere per le orecchie tutti quanti abbiano lavorato con la vecchia gestione e accompagnarli alla porta, grazie. Inizia una nuova era dove solo chi eccelle potrà essere degno del Parma.”

    ….iga, da far concorrenza alle lettere dei bimbi al Ghiro!

    • 8 Novembre 2021 in 20:19
      Permalink

      sei un grande ,ahahaha ,le ho tutte anche io ,come ti dicevo prima di venire a parma questo qua ha chiesto informazioni sul grado di analfabetismo funzionale dei tifosi,ahahahah

    • 9 Novembre 2021 in 12:57
      Permalink

      Sic transit spero tu abbia anche le perle di quando criticavo a giugno il lavoro di ribalta ( già retrocesso a marzo doveva programmare il mercato e presentarsi con il 80% della squadra già fatta al ritiro anziché con nessuno con un allenatore nuovo era il minimo da farsi infatti maresca tra le scuse spesso cita che la squadra l ha avuta a campionato iniziato ……..danilo traore cobbout tutino ) , ero l unico ad aver sentito puzza di bruciato ! , e mi assaliranno dandomi del reggiano e offese varie anche gente che ora si accanisce ! poveri stolti addirittura uno mando ‘ un filmato di ribalta definendolo uno dei maggiori intenditori di calcio , quell uno scrive gli articoli qua’ !!! e ‘‘detto tutto ci sarebbe da dire mi cadono i T….I

  • 8 Novembre 2021 in 20:43
    Permalink

    Se proprio non vogliono esonerare Maresca, che almeno spostino Galli dal non fare nulla alla panchina. Cacchio, è l’unico che abbiamo che ne capisce di calcio!

  • 9 Novembre 2021 in 13:11
    Permalink

    comunque la situazione è la peggiore perché si continuerà tra alti e bassi a galleggiare sperando nella svolta che non ci sarà ( tanto c è tempo e un progetto a lungo raggio !! ahahah ) rimarremmo a due tre punti dai play off senza entrarci o se ci entriamo subito eliminati …….il bello verrà il prossimo anno quando non c è più il paracadute allora li voglio vedere krause kalma and company cosa combinano perché la squadra sarà da tutta da rifare e soldi secondo me non ne tira più fuori ci saranno già parecchi esborsi di tempo addietro da saldare ! , la piazza e il tifo ormai sarà persa per sempre e lontana visto che non si degnano di creare un minimo di rapporto per cui cosa fara’ l amerikano ? meglio stare attenti ai conti molto attenti ai conti !
    la città non lo sopporterebbe ……… sarebbe un guaio per tutta la comunità , allarme rosso dal prossimo anno si prevedono fuochi d artificio e speriamo senza botti o il ritorno di manenti che magari è ancora intetesssto al parma

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI