IL COLUMNIST di Luca Russo / DI MALE IN PEGGIO

(Luca Russo) – Di male in peggio. A Lecce pensavamo di aver toccato il fondo, contro il Cosenza ci siamo messi a scavare e alla fine siamo “riusciti” a pareggiare una partita che, graduatoria alla mano, avremmo dovuto vincere, ma che, anche in virtù delle statistiche di fine partita, avremmo meritato di perdere. Se fosse finita tanto a poco per loro, nessuno si sarebbe potuto scandalizzare. Baciati dalla buona sorte noi che l’arbitro abbia concesso solamente quattro minuti di recupero e che i calabresi in occasione dell’ultima ghiottissima palla gol siano andati a pizzicare la traversa invece che a metterla dentro alle spalle di un Buffon che oggi ha parato (quasi) qualsiasi cosa piovesse dalle sue parti, specie nella ripresa quando i nostri si sono trasformati in spettatori non paganti mentre gli altri ci hanno restituito con gli interessi un primo tempo in cui il Parma ha fatto il Parma. Non ci è dato sapere quanto l’ennesimo passo falso stagionale avvicini Maresca al capolinea della sua avventura sulla panchina Gialloblù, si può tuttavia dire che l’1-1 raccolto al cospetto degli uomini di Zaffaroni ne indebolisce ulteriormente la posizione. Un pareggio che rispecchia l’aspetto qualitativo del match, assai meno quello quantitativo. Il primo tempo è stato di marca parmigiana, il secondo a tinte silane. Nel primo, però, il Parma ha prodotto ben poco oltre la rete di Juric nata da una bella combinazione sull’asse Vazquez-Inglese finalizzata dal centrocampista croato. Nel secondo, invece, il Cosenza ci ha fatto piovere addosso un pericolo dopo l’altro, e ai punti avrebbe meritato di portarsi a casa l’intera posta in palio. Dovendo dare un voto ai Crociati, opterei per un 4,5, media tra il 7 al di qua dell’intervallo e il 2 maturato dopo la pausa. Ottima la prima mezzora del Parma, che grazie a un baricentro decisamente alto ha governato la parte iniziale dell’incontro a proprio piacimento, facendo paziente possesso palla nella metà campo avversaria in attesa del varco vincente e che una volta perso il controllo della sfera la recuperava velocemente per continuare a cercare lo spiraglio giusto. Che si è materializzato, appunto, sull’inserimento di Juric. Convincenti, fino a quel momento, le prove di Brunetta e Vazquez, l’uno nelle vesti di play basso davanti alla difesa a fare da metronomo nella fase di costruzione, l’altro in quelle di rifinitore avanzato, e non è un caso che sia stata una sua iniziativa a dare il la alla rete dell’1-0. Quando la qualità c’è, e nel Parma ce n’è eccome, va usata e tirata fuori. Per farla emergere e fruttare occorre però che sia accompagnata da dosi massicce di agonismo. I Ducali ne hanno avuto fino al gol del vantaggio, poi una volta messo il muso davanti a quello dei rivali, si sono inspiegabilmente abbassati, lasciando la gara nelle mani degli ospiti. Preoccupa, in tal senso, il fatto che i nostri non sappiano reagire né alle marcature avversarie né alle loro stesse realizzazioni, dopo le quali spesso tirano i remi in barca e si lasciano trasportare dalla corrente, il più delle volte verso una deriva che è abbastanza visibile in una classifica per niente allineata alle ambizioni di una formazione che da neoretrocessa punta al ritorno immediato in Serie A. E così dopo la prima mezzora di buon Parma, il resto della partita si è tradotto nel monologo di un grande Cosenza. Ancor più preoccupante è che i Gialloblù abbiano tenuto la partita aperta e in bilico contro un avversario che finora aveva ottenuto solo un punto in trasferta, il che dimostra che la disfatta di Lecce non la si può derubricare alla voce episodi, ma è stata figlia delle debolezze, direi prevalentemente caratteriali, e della concentrazione altalenante del gruppo Crociato, al quale per effetto di un avvio di Serie B deludente era stato chiesto di scendere in campo con più fame. E invece la fame l’hanno fatta passare a noi. Luca Russo

17 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / DI MALE IN PEGGIO

  • 21 Novembre 2021 in 21:53
    Permalink

    Luca Russo, stasera non parla più del fuoco amico?
    Forse ha iniziato finalmente ad aprire gli occhi e guardare la realtà anche lei?
    Chiedo per un amico.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2021 in 08:05
      Permalink

      Se le critiche sono costruttive, non ho motivi per parlare di fuoco amico. Tra l’altro con riferimento a ieri bisogna complimentarsi coi tifosi che hanno contestato la squadra solo dopo il triplice fischio. Guardo sempre la realtà e al momento siamo a 4 punti dalla zona playoff e a 8 dalla promozione: se pensate che tutto sia già perduto a novembre, vi inviterei a ripescare dagli almanacchi certe rimonte del passato.

      Se poi preferisce risposte da parte della società, le scriva una mail.

      Rispondi
      • 22 Novembre 2021 in 09:59
        Permalink

        Ma vede, la classifica conta fino ad un certo punto.
        Siamo a novembre è con i punti a disposizione fino a fine torneo è teoricamente tutto possibile.
        Il problema però è che questa squadra presenta dei problemi così gravi e strutturali che è abbastanza utopistico immaginare che all’improvviso si inizi a incanalare una striscia di 4 o 5 vittorie consecutive che consenta di riprendere il gruppo di testa.
        Questo perchè nella storia ci sono state tante squadre che non riuscivano a girare e ci hanno messo mesi prima di trovare la quadra.

        Ma qui manca proprio la base!
        – questo gruppo non è una squadra
        – alcuni degli acquisti di Krause mancano proprio dei fondamentali per giocare in Italia
        – manca il centrocampo
        – l’unico centravanti presentabile in rosa è un ragazzo polacco di 19 anni
        – l’allenatore non ha alcuna esperienza di calcio professionistico in Italia
        – Man e Mihaila non sono affatto i fenomeni che credono (loro e il procuratore) di essere
        – la società non ha alcun contatto con la realtà e non intende cambiare
        – etc.

        Quindi parlare di Fuoco Amico nei confronti di quella parte (direi dopo ieri la stragrande maggioranza) che critica questo circo itinerante che è ormai la banda di Krause mi era sembrato davvero sconsiderato, perchè purtroppo non c’è davvero più nulla da difendere o da sperare in questo gruppo.

        In quanto a scrivere alla società, ho scritto anche in altri post, che sarebbe ora che la carta stampata parmigiana inizi a mettere pressione a questa società affinché le cose cambino.
        Krause avrà anche buone intenzioni (a parole) ma i fatti dicono che da quando è arrivato lui il calcio a Parma sta diventando un incubo e i tifosi si stanno sempre più allontanando dal Tardini.

        Per cui credo sia ora che si agisca seriamente nel trovare e risolvere i problemi.
        Vanno isolate le mele marce del gruppo?
        Va allontanato l’allenatore?
        Va cambiato il quadro dirigenziale?

        Non lo so, ma qualcosa va fatto perchè proseguendo su questa strada è più facile che si vada in serie C piuttosto che in serie A, e penso che sarebbe un dramma anche e soprattutto per Krause oltre che per i tifosi.

        Un caro saluto

        Rispondi
        • 22 Novembre 2021 in 10:18
          Permalink

          Nel calcio moderno la parte economica è preponderante, soprattutto in epoca di pandemia.
          Resto convinto che il Parma sia una buonissima squadra, che vale almeno i playoff o comunque una posizione migliore di quella attuale, probabilmente allenata poco e male (chi può dirlo? Io non ho il patentino né si può assistere agli allenamenti). Se dovessi individuare un cambio, lo farei in panchina e punterei su Gattuso (che io avrei visto benissimo anche sulla panchina di una big della Serie A). Ma ripassiamo dal via: le nostre casse ce lo permettono?

          Rispondi
          • 22 Novembre 2021 in 13:02
            Permalink

            Ma dopo il disastro finanziario della scorsa stagione, davvero il problema di Krause sarebbe pagare altri 2 o 3 mln per un allenatore vero al posto di uno che non ti sta dando risultati?
            Siamo seri per cortesia. Se non si vuole cacciare Maresca è perchè non lo si vuole fare, non certo per ragioni finanziarie.

            Il problema semmai è che insieme all’allenatore bisognerebbe mandare via il 75 % della rosa e prendere giocatori adatti alla vittoria del campionato di serie B.
            Insomma quello che avrebbero dovuto fare in estate e invece non hanno voluto fare.
            In termini finanziari non escludo che avrebbero pure risparmiato, basta vedere il costo degli stipendi del Parma attuale e paragonarlo a quello di Brescia e Lecce.

            No caro Luca Russo, il problema non sono certo i soldi e nemmeno Maresca, il problema è Krause. E quando sarà evidente a tutti, compreso lei, sarà forse troppo tardi e con un nuovo fallimento da cui ripartire.

            Buona fortuna

      • 22 Novembre 2021 in 12:50
        Permalink

        Signor Russo, le rimonte possono starci e ci mancherebbe.
        Ma qui si vede involuzione e inesistente condizione fisica.
        Sul piano tattico c’+ confusione con esperimenti fatti in corsa e sul piano del gioco non esiste nulla.
        Gattuso mi sembra inarrivabile, qualcun altro piu’ praticabile.
        Dopo di che , credo che un grosso problema sia quello della comunicazione.
        E’ noto che per vincere in serie B ci voglia il c.d. usato sciuro ( coda , palmiero, inzaghi eccetera) cosi’ com’ è noto che in caso di promozione si debba poi rifare la squadra.
        Non si puo’ pensare di prendere dei ragazzi stranieri , più o meno selezionati, catapultarli in serie B e pensare di vincere e men che meno prendere un allenatore che non ha mai allenato e non conosce il calcio italiano e dire che si vuole vincere.
        Se uno dicesse noi prendiamo questi ragazzi perchè ci crediamo e sappiamo che in due tre anni vinceranno la B e saliranno in A già pronti, dico ok va bene.
        Posso persino bermi maresca che per me non sarà pronto nemmeno fra venti anni, ma ci sta.
        Ma se spendo 23 milioni di stipendi, ho calciatori strapagati, alcuni pure famosissimi e dico dal primo giorno che voglio vincere subito, non posso accettare i fatti che stanno accadendo in modo acritico.

        Rispondi
  • 21 Novembre 2021 in 23:45
    Permalink

    Il famoso gioco di Maresca si risolve in catenaccio quando si è vantaggio e squadra che crea come uno stitico al bagno quando deve segnare. Spetatcolo.

    Rispondi
  • 22 Novembre 2021 in 07:51
    Permalink

    Questo articolo mi pare sensato.
    In realtà la visione distorta emerge, anche se solo per un attimo: “Dovendo dare un voto ai Crociati, opterei per un 4,5, media tra il 7 al di qua dell’intervallo e il 2 maturato dopo la pausa”
    Dare 7 al primo tempo del Parma mi sembra un regalone, avevamo di fronte una squadra scarsissima e oltre al gol non abbiamo fatto praticamente nulla (se non regalare due belle ripartenze a loro).
    E poi basta dire che gli altri sono scarsi: SONO TUTTI MEGLIO DI NOI, NOI SIAMO GLI SCARSI, al nostro livello solo il Pordenone e il Vicenza, se non ci fosse Buffon avremmo anche noi 7 o 8 punti, non di più.

    Rispondi
    • 22 Novembre 2021 in 08:08
      Permalink

      Lei si contraddice: se sono tutti meglio di noi, il nostro primo tempo contro il Cosenza, che come tutti è meglio di noi, è da 7 eccome.
      Per me il voto va anche contestualizzato rispetto al nostro andamento complessivo: raramente avevo visto un Parma così dominante quest’anno e il primo tempo di ieri mi lasciava sperare che qualcosa lentamente stesse cambiando.

      Rispondi
      • 22 Novembre 2021 in 09:16
        Permalink

        Russo ma si rende conto che abbiamo superato il ridicolo, doppiato il grottesco e siamo (come insegnava Pirandello) nella pena? E lei è qui a parlare di rimonte e dominio?

        Rispondi
      • 22 Novembre 2021 in 13:22
        Permalink

        Dissento.
        Il primo tempo del Parma è stato di “dominio” perchè gli altri non hanno giocato, quando hanno cominciato a farlo ci hanno asfaltato. Come tutti, tranne Pordenone e Vicenza… che sono in fondo alla classifica.

        Rispondi
        • 22 Novembre 2021 in 14:05
          Permalink

          Se i meriti sono in ogni caso degli altri; se i demeriti sono sempre e comunque nostri; e se la situazione è irrecuperabile già a novembre, allora ritiriamo la squadra dal campionato e il sabato (o la domenica) si vada in Cittadella a passeggiare. Ma non vedo come possano migliorare le cose facendo in questo modo.

          Rispondi
          • 22 Novembre 2021 in 20:09
            Permalink

            tranquillo fra un po la passeggiata in cittadella la fara’ suo malgrado ,che poi e’ facile parlare ci vada lei a vedere sta roba qui pagando ,fenomeno

  • 22 Novembre 2021 in 16:25
    Permalink

    Maresca quando è arrivato ha sbagliato di tutto e di più e solo nell’ultimo periodo sta diventando più realista.
    Purtroppo la disposizione dei giocatori in campo e la tattica di gioco non sono il principale problema del Parma. Quello che tarpa le ali alla squadra è la evidente precarietà della condizione fisica. Gli altri corrono sempre il doppio di noi da inizio stagione. Avremo pure un superiore tasso tecnico, ma siamo drammaticamente piantati, sembriamo i paletti nelle gare di sci e siamo immobili mentre gli avversari slalomeggiano a piacimento. A Lecce è stato Strefezza, ieri è stato Caso.
    La società deve dimostrare di volere davvero puntare alla promozione intervenendo al più presto, altrimenti sarà una stagione buttata

    Rispondi
    • 22 Novembre 2021 in 17:49
      Permalink

      Che poi io questa evidente superiorità tecnica sugli avversari della nostra rosa non la riesco proprio a vedere.
      – Man e Mihaila non riescono mai a saltare un avversario (e siamo in serie B).
      – Brunetta non riesce mai ad alzare il pallone nei calci da fermo (e li batte tutti lui)
      – Danilo e Osorio dietro ballano contro qualsiasi attacco avversario (e siamo in serie B)
      – Tutino doveva essere il capocannoniere del campionato e non tira mai in porta
      – in rosa non abbiamo alcun centrocampista capace di interdire il gioco avversario

      Escludendo Buffon, dov’è che esattamente il Parma dovrebbe essere superiore alle altre rose del campionato cadetto? Io davvero non lo capisco.
      Siamo sicuri che il problema è Maresca e non i giocatori in rosa?

      Rispondi
      • 22 Novembre 2021 in 21:21
        Permalink

        l ho già detto recuperare 8 punti lo puoi fare se hai davanti due massimo tre squadre ma se ne hai 13 e pure fantasia innutile guardare gli almanacchi delle rimonte è pura fantasia …….. a parte che la squadra non
        migliora e siamo a un terzo del campionato

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI