IL RITARDO NELLA DECISIONE COMPENSATO DALLA SCELTA DI UN ALLENATORE DI GRANDE ESPERIENZA E CAPACITA’, di Luca Tegoni

(Luca Tegoni) – Il giorno di riposo ha portato consiglio. Esautorato dai suoi incarichi Maresca, è stato rapidamente formalizzato l’accordo con Iachini per condurre il Parma alla fine di questa stagione e per continuare il lavoro nella prossima.

Il ritardo nella decisione, parere mio ovvio e largamente diffuso nella tifoseria locale, è stato compensato da una scelta di grande esperienza e capacità di conquistare la promozione in serie A.

All’interno della società qualcuno ha deciso di fare un passo importante. La scelta di Iachini, basata sulla concretezza e la competenza, ha sostituito il progetto fondato sulla speranza o l’illusione i cui presupposti non sono mai stati molto comprensibili. Il tutto era improntato ad una supposta modernità (not an anal shuttle) i cui effetti più evidenti sono stati due, un mercato basato sull’acquisizione di giovani sconosciuti selezionati non è noto, o certo, saperlo, e nemmeno con quali modalità e poi una campagna abbonamenti che pretendeva di rendere giustizia al tifoso facendolo sentire più importante pagando più del doppio il nuovo abbonamento. Gli esiti che abbiamo accertato sono stati fallimentari, retrocessione e attuale stagione da riconsiderare e Tardini desertificato.

Per il momento è stata fatta una correzione, importante e si spera positivamente decisiva, per quanto riguarda la conduzione della squadra. Per il resto attendiamo una salvifica presa di coscienza che permetta alla società di indossare abiti più pratici e, pur mantenendo stile ed eleganza, rispettosi del sentimento popolare che ama la sincerità come il prosciutto e il formaggio.

Speriamo che i Custodi non debbano restituire le chiavi. (O quantomeno cambiate il Ghost Writer). Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “IL RITARDO NELLA DECISIONE COMPENSATO DALLA SCELTA DI UN ALLENATORE DI GRANDE ESPERIENZA E CAPACITA’, di Luca Tegoni

  • 25 Novembre 2021 in 20:38
    Permalink

    Con giusto 5 mesi di ritardo, ma fa niente.

  • 25 Novembre 2021 in 22:37
    Permalink

    Io non condivido ma come dice lei giustamente sono pareri, ha toccato un tasto molto importante: stringi stringi chi è che ha deciso di esonerare maresca e/o prendere iachini? Non l ho letto da nessuna parte per cui o è una questione di delicatezza o di privacy oppure se nessuno è certo da poterlo scrivere c è da preoccuparsi

  • 25 Novembre 2021 in 23:09
    Permalink

    Dai diciamocelo chiaramente
    Chi ha voluto Maresca è un incompetente.
    I fatti lo hanno dimostrato

  • 26 Novembre 2021 in 07:59
    Permalink

    Dopo Lecce c’erano 15 giorni di tempo, senza partite, per far ambientare il nuovo tecnico e farlo lavorare con quelli non in nazionale.
    Ennesimo ritardo, come quello che l’anno scorso portò all’esonero di Liverani con almeno 3 giornate di ritardo, che abbiamo pagato a caro prezzo.
    Grazie a questo ennesimo errore non possiamo chiedere a Iachini miracoli (che non avremmo potuto chiedere comunque vista la rosa a disposizione), serve tempo e pazienza, adesso sì.
    Io di questo Mister mi fido, mi pare una scelta sensata. Sarebbe la prima, speremà bè.

    • 27 Novembre 2021 in 12:41
      Permalink

      Resto del mio avviso. Ribalta deve seguire Maresca. Ha difeso in modo acritico quello la’ senza nessuna motivazione e ancora dopo Cosenza , lui avrebbe proseguito. Altri soggetti si sono dovuti sostituire a lui. E ribalta di questo risponderà. Non a me certo ma a qualcun altro, si. È fortunato ad avere 3 anni a 1 milione l’anno di, contratto se sono vere le voci.

      • 27 Novembre 2021 in 17:15
        Permalink

        Probabilmente è Oliver con i suoi algoritmi, ad aver dettato la linea, alla fine suo padre, alla luce dei risultati deve averlo portato a più miti consigli.
        Speriamo gli tolga il giocattolo, o quantomeno il joystick

        • 28 Novembre 2021 in 08:46
          Permalink

          era meglio se gli comprava “la” subbuteo (cit) ,spendeva meno e lo lasciava ai nipoti ,invece no i rivon tut chi a perma,taaaaac

  • 28 Novembre 2021 in 13:03
    Permalink

    Era meglio se gli comprava una Renault. O due o più

    • 28 Novembre 2021 in 15:54
      Permalink

      Barzelletta di Cantoni?

I commenti sono chiusi.