LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO MISTER CROCIATO IACHINI E IL TWEET DI BENVENUTO DEL PRESIDENTE KRAUSE (VIDEO)

(www.parmacalcio1913.com) – Dopo aver diretto i primi allenamenti ed aver preso contatto con la nuova realtà, Mister Giuseppe Iachini è stato presentato in una conferenza stampa al Centro Tecnico di Collecchio, alla presenza del Managing Director Sport dei Crociati Javier Ribalta.

L’intervento del nuovo tecnico è stato preceduto da un video di Kyle Krause, nel quale il Presidente del Parma Calcio dagli Stati Uniti ha voluto inviare un personale in bocca al lupo a Iachini.

La conferenza è iniziata con le parole di Javier Ribalta, che ha introdotto così il nuovo tecnico: “Come ha detto il Presidente nel suo video di saluti oggi è un giorno importante, presentiamo il nuovo allenatore. Dopo la situazione complicata alla quale si è arrivati, abbiamo deciso di cambiare guida tecnica, per noi non cambia il progetto: continuiamo ad essere un club ambizioso, che vuole puntare in alto, che vuole valorizzare i giovani ed essere protagonista. Abbiamo deciso di prendere un tecnico che non ha bisogno di presentazioni, il suo curriculum parla da sè, penso sia l’allenatore giusto per il momento che stiamo vivendo”

Ecco invece le prime parole di Mister Iachini da allenatore del Parma Calcio.

“Volevo per prima cosa ringraziare il Presidente, la società e i Direttori per il fatto di essere qui in una piazza ambiziosa che vuole tornare nel massimo campionato. Quando mi hanno chiamato c’è stato subito un approccio giusto a livello tecnico e umano. Avevo altre opportunità per poter andare in Serie A, ma considero Parma una piazza, un ambiente, una città e una tifoseria da Serie A. In questo progetto pluriennale c’è la volontà di lavorare, di dare tutto, anima e corpo, per raggiungere l’obiettivo. Voglio mandare un caloroso abbraccio a Maresca e Vitiello, miei ex calciatori in passato, auguro loro le migliori fortune. Abbiamo condiviso momento splendidi, stavo già tifando per il Parma perchè essendoci loro speravo che la squadra potesse raggiungere risultati. Poi il calcio è fatto è in una certa maniera, ora con entusiasmo mi butto in questa nuova avventura pensando a come migliorare i ragazzi e dando un’organizzazione e un’anima alla squadra. Si darà il massimo da parte mia e cercherò di far dare il massimo alla squadra per andare tutti nella stessa direzione. Con il presidente ho avuto da subito un rapporto empatico, ho capito l’entusiasmo e la voglia che ha di raggiungere risultati importanti”.

“Quando si arriva, lo dico per esperienza avendo affrontato situazioni simili e avendo vinto 4 campionati, c’è da lavorare sotto tutti gli aspetti: da quello tattico a quello tecnico, inoltre c’è da valutare la condizione psico-fisica dei ragazzi toccando gli aspetti sia individuali che di reparto, di tattica. Sto facendo delle valutazioni, non sono un mago, credo solo nel lavoro giusto, duro, costante e serio perchè questa squadra possa crescere e possa diventare figlia dell’allenatore. Dovunque sono andato è accaduto e anche questa squadra dovrà diventarlo per atteggiamento, spirito, mentalità, unità di intenti e voglia di andare a giocarsi le partite in casa e fuori. Dovrò cercare di portare i ragazzi a questa mentalità, lavorandoci sopra. Abbiamo iniziato a dare i primi concetti, avremo modo di fare altre verifiche strada facendo”.

“I fuori rosa? Non ho avuto neanche il tempo di accennarlo con la società, sono rimasto concentrato sulla rosa attuale. La società ha preso delle decisioni, non ci siamo confrontati, vado avanti valutando questo gruppo e questa squadra, capendo quale sia il vestito giusto per fare rendere al meglio la squadra, mi concentro sul lavoro sul campo con questo gruppo”.

“Ho fatto un primo percorso da calciatore e poi ho proseguito da allenatore. Ho esordito a 17 anni in Serie A con Mazzone, poi ho avuto Boskov, Castagner, Bagnoli, Radice, Ranieri, Spalletti all’inizio della sua carriera, Novellino: tanti bravi, mi scuso se no ho dimenticato qualcuno, tutti hanno segnato in maniera positiva il mio percorso, soprattutto mi hanno fatto appassionare a questo lavoro, a trasmettermi la cultura del lavoro, della serietà, della professionalità, l’importanza della tattica, della tecnica, della gestione dello spogliatoio. Ho fatto la mia gavetta, non mi ha regalato nulla nessuno, ho raggiunto la Serie A sul campo, l’ho mantenuta, sono stato chiamato per fare imprese per ridare vita e forza a certe squadre. A Parma spero di fare bene come da altre parti, non ho la bacchetta magica, ci saranno momenti più difficili soprattutto all’inizio, dovremo conoscerci in fretta affinchè i ragazzi capiscano la lingua e la testa dell’allenatore, cosa vuole da loro dal punto di vista di atteggiamento, mentalità e organizzazione. Strada facendo mi auguro possa arrivare ad essere una squadra figlia del proprio allenatore”.

“Il nostro percorso parla di giovani talenti valorizzati, come Icardi, Dybala, Belotti, Eder, Sogliano, Obiang, lo stesso Vazquez che era fuori rosa: potremmo fare molti nomi. Il mio percorso è stato, oltre che di raggiungimento obiettivi, quello di dare valorizzazione del capitale che la società aveva nella propria rosa, viste anche le cifre con i quali giocatori sono stati venduti, la soddisfazione è doppia quando strada facendo oltre che raggiungere gli obiettivi sono stati valorizzati giovani. A 18 anni quando li ho allenati erano sconosciuti, avevano qualità e spesso ci siamo fermati con loro a fine allenamento per continuare a lavorare e questo li ha portati a crescere. Belotti ad esempio arrivava dall’Albinoleffe, non lo conosceva nessuno e con il lavoro è arrivato; qui ci sono tanti calciatori che possono avere un certo sviluppo di carriera, ma dobbiamo avere pazienza coniugando questo lavoro con i risultati: il mio obiettivo è unire questi due aspetti. Dovrò trasmettere mentalità, spirito, valori giusti per interpretare le partite. Ho iniziato a lanciare qualche input, sono certo che diversi di questi ragazzi possano raggiungere conoscenze importanti e diventare dunque giocatori importanti”.

“Ho vinto 4 campionati: uno col 4-3-3, uno col 4-3-1-2, gli altri due invece col 3-5-2 e col 3-4-1-2 perchè le caratteristiche dei calciatori mi dicevano questo, costruendo quindi con il tempo un modulo adeguato raggiungendo successi anche con diversi record. La squadra deve avere equilibrio e deve essere organizzata in entrambe le fasi: deve diventare una delle migliori difese e uno dei migliori attacchi perchè così si vincono i campionati, con struttura e organizzazione. Ho delle idee che vanno confrontate con il campo. Non ho fatto la preparazione estiva, le mie amichevoli saranno le partite, le battaglie sul campo e così ci dovremo confrontare con il risultato, con la prestazione e con quello che ragazzi dimostreranno di aver recepito. Mi auguro possano fare in fretta, continuando a lavorare per regalare soddisfazioni ai nostri tifosi , al Presidente e alla società. Farò di tutto: inizio alle 6 del mattino e termino alle 8 di sera, sono abituato, non ho la bacchetta magica ma darò ai ragazzi il massimo delle nozioni, dell’organizzazione e dell’atteggiamento per questo campionato”.

“A Palermo eravamo 13esimi e abbiamo fatto una cavalcata importante raggiungendo la promozione: erano passate 8 giornate, qui siamo più avanti. L’allenatore per poter avere un miglioramento più veloce ha bisogno di settimane di lavoro, qualche sosta per poter far recepire al meglio determinati concetti. Non c’è una situazione uguale all’altra. Alla Sampdoria c’era una situazione davvero complicata, il Brescia era da anni che non andava in Serie A, solo al Chievo ho iniziato dal ritiro: solo lì ho scelto il vestito, in altre situazioni l’ho dovuto adeguarmi e da lì nasce l’esperienza nella mia gavetta. Cercherò di farlo anche qui”.

Mi piace che la squadra verticalizzi con un calcio veloce, intenso, rapido aggressivo, che attacchi la profondità. Il possesso palla deve essere finalizzato alla verticalizzazione per andare in porta: prima ci arriviamo, meno facciamo risistemare gli avversari. Questo va tutto organizzato. Le mie squadre hanno sempre avuto attaccanti che hanno fatto tanti gol, ma tutti i giocatori sono importanti per me, le partite non si vincono in 11, in questo campionato soprattutto. Un allenatore prepara anche una seconda e una terza partita: i primi 11 stancano gli avversari, gli altri devono ammazzare la partita. Dobbiamo anche stancare gli avversari sulla velocità, sulla freschezza. Le mie squadre hanno raggiunto molti record con tanti gol segnati dagli attaccanti ma non solo, anche con molti gol segnati da centrocampisti. Da calciatore sono stato un mediano, da allenatore mi piace che la squadra giochi per fare gol. Certo ci vuole la cura della fase difensiva organizzata, che ci permetta di essere solidi, di non prendere gol; poi quando si ha la palla bisogna cercare di fare gol, ci vuole equilibrio conoscendo sia la fase di possesso che di non possesso”.

“L’altro ieri sono stato chiamato per un incontro con la società, è stato un fulmine a ciel sereno, avevo anche avuto colloqui con altre squadre di A che si potevano concretizzare in qualche settimana. Non ci pensavo alla possibilità di venire qui, facevo il tifo per il Parma come detto; poi mi hanno chiamato, c’è stato al primo impatto questo entusiasmo per un progetto per andare in una Serie A, categoria che compete alla società e ai tifosi. Ho trovato persone serie, competenti e di valore, mi hanno convinto a voler sposare questo progetto. Avremo modo e tempo di sviluppare tutto. Questa è stata una settimana corta, abbiamo svolto dei test di forza e cardio per capire lo stato dei ragazzi. Devo valutare e centellinare, per capire come inserire il mio lavoro, sono abituato a lavorare molto forte dunque devo valutare come gestire questo carico per non mettere in difficoltà i giocatori. In passato c’è stato qualche problema qui sotto questo aspetto, dovremo prestare maggiore attenzione su come centellinare il lavoro dal punto di vista della potenza e della forza, iniziando a mettere qualche mattoncino”.

“Questo è un campionato difficile, lungo: per certe squadre come il Parma diventa di pressione, le altre squadre ti aspettano, fanno il tutto esaurito. Tutti faranno la partita della vita contro di noi, dovremo scendere in campo in maniera organizzata, compatta, aggressiva e concentrata più degli altri. Quando diventeremo squadra in questo senso allora potremo parlare di fare un certo percorso. Siamo distanti dalla parte alta della classifica. Per arrivare in alto occorrono lavoro, costanza, mentalità, organizzazione, sacrificio. Il campionato di B è lungo, ti aspetta anche un po’: a marzo vedremo dove saremo e allora parleremo di cosa fare, ora testa bassa e con il fondoschiena attaccato alla sella pedalando forte, abbiamo una salita da affrontare”.

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL NUOVO ALLENATORE DEL PARMA GIUSEPPE IACHINI, INTRODOTTO DAL MANAGING DIRECTOR SPORT JAVIER RIBALTA

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO MISTER CROCIATO IACHINI E IL TWEET DI BENVENUTO DEL PRESIDENTE KRAUSE (VIDEO)

  • 25 Novembre 2021 in 19:34
    Permalink

    Bellissima persona e uomo di calcio vero, come ne esistono sempre meno in questo calcio 2.0 fatto più di lustrini che di sudore e fatica.
    Le difficoltà ci sono ma al mister non spaventano e la sua esperienza lo guiderà nel trovare la strada da percorrere.

    L’augurio è che questi smidollati che abbiamo in squadra lo seguano e capiscano che ascoltare fino in fondo il mister è l’unica strada che hanno per ottenere i risultati a Parma e proseguire con una buona carriera personale.

    In bocca al lupo mister e Forza Parma

    Rispondi
  • 25 Novembre 2021 in 20:31
    Permalink

    Vai mister! Cazzima a 1000 da domenica!

    Rispondi
  • 25 Novembre 2021 in 23:07
    Permalink

    Dopo Maresca con l’arrivo di Iachini siamo
    passati dalla Topolino alla Ferrari

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI