PARMA-VICENZA 1-0 / IL TABELLINO E LA CRONACA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

PARMA-VICENZA 1-0 / IL TABELLINO

Marcatori: Benedyczak

PARMA – Buffon, Danilo, Brunetta, Vazquez, Juric, Delprato, Benedyczak (83′ Tutino), Osorio, Cobbaut, Mihaila (62′ Coulibaly), Inglese (38′ Sohm). A disp.: Colombi, Balogh, Iacoponi, Schiattarella, Busi, Traore, Bonny, Correia, Man. All.: Maresca.

VICENZA – Grandi, Taugourdeau (74′ Zonta), Proia (46′ Dalmonte), Diaw, Ranocchia (79′ Pontisso), Pasini, Padella, Di Pardo, Ierardi, Longo (60′ Meggiorini), Calderoni (75′ Giacomelli). A disp.: Pizzignacco, Confente, Bruscagin, Brosco, Crecco, Favero, Sandon. All.: Brocchi

Arbitro: Sig. Niccolò Baroni della Sezione A.I.A. di Firenze

Assistenti: Baccini, Schirru, Diop

VAR: Sig. Chic

AVAR: Sig. Mastrodonato

Ammoniti: Di Pardo (V), Brunetta (P), Diaw (V), Taugourdeau (V)

Espulsi: Brunetta (P), Di Pardo (V)

LA CRONACA LIVE DI ILARIA MAZZONI

Bentornati allo stadio Ennio dove vi racconteremo l’undicesima giornata di serie B dove, in diretta, cercheremo di raccontarvi le emozioni di questo Parma-Vicenza. Dopo la vittoria contro il Cittadella i crociati sono chiamati a proseguire sulla strada dei tre punti affrontando in questo tardo pomeriggio il Vicenza. Il tecnico crociato sceglie di apportare alcuni cambiamenti rispetto alla formazione schierata in occasione del turno infrasettimanale giocatosi Giovedì sera schierando dal primo minuto la coppia Mihaila-Inglese al posto di quella Tutino-Coulibaly mentre conferma la difesa a tre impostata anche nella gara precedente.

Per il Parma inizio di stagione sotto le aspettative con 13 punti in classifica, frutto di tre vittorie, quattro pareggi e tre sconfitte, speriamo che il ritorno alla vittoria della scorsa giornata possa essere un punto di svolta per il campionato gialloblù.

L’avversaria di oggi, il Vicenza non sembra poter, almeno sulla carta, far paura alla squadra ducale; i vicentini navigano nella zona bassa della classifica e presentano il secondo peggior attacco di questo campionato cadetto. Questo, però, non significa che i crociati debbano prendere sotto gamba l’impegno, al contrario, come spesso dimostrato queste possono essere le gare più ardue da affrontare.

Primo tempo 

03′ Inglese è servito da Cobbaut con un cross dalla sinistra conclude al volo, alto (anche in off side)

05′ Di nuovo Inglese, servito da Brunetta, sciupa nell’area piccola

09′ Ci prova Brunetta, Grandi neutralizza

10′ Punizione ospite, Proia di testa non centra la porta. Questa è la vera prima azione offensiva della squadra ospite ben gestita, però, dalla difesa gialloblù che non si fa cogliere impreparata

11′ Doppio tackle di Vazques a centrocampo ma, alla fine, Proia mette in sicurezza il pallone e si guadagna l’occasione di gestire il pallone con i suoi; i crociati, però, si chiudono in modo ottimo e il pallone ritorna ai padroni di casa che provano a sfruttare l’occasione per portarsi in avanti

12′ Colpo di testa di Vazques; il numero dieci viene pescato dall’ottimo calcio d’angolo eseguito da Brunetta dalla destra che lo mette nelle condizioni di trovarsi da solo all’interno dell’area vicentina. La sua deviazione, però, è troppo centrale. Comoda la parata di Grandi ma buon spunto della formazione di casa che, in questi minuti, sta tentando di intensificare la propria azione offensiva alzando il proprio baricentro e portando pressione al centrocampo avversario

14′ Siamo ormai giunti al quarto d’ora di gioco, ancora nulla di fatto al Tardini. Il Parma ha sino ad ora tenute ben salde le redini del gioco basandosi essenzialmente su un grande possesso pallo e tentando diversi affondi alternati tra le fasce e le vie centrali. Molto attento in fase difensiva il Vicenza che non vuole di certo essere colto in fallo dai gialloblù

17′ Cross basso in area ad opera di Vazques chiamato, oggi, a riconfermare la bella prestazione messa in campo nella trasferta infrasettimanale; il pallone viene però intercettato e sedato dal buon intervento difensivo del Vicenza che presidia la propria area con Taugordeau

19′ Progressione del Vicenza che si porta nei pressi della porta presidiata da Gigi Buffon con Ranocchia; il calciatore salta due uomini e prova la conclusione con il suo mancino. Tiro murato da Danilo

22′ Prima ammonizione della gara, a finire sul taccuino del direttore di gara è il vicentino Di Pardo

24′ Semi pasticcio di Padella in area; la sua spazzata (che sembrava comoda) finisce per infrangersi su Inglese per fortuna degli ospiti il rimpallo fortunoso li premia. Pallone che ritorna tra i piedi del centrale vicentino

25′ Il Parma ha commesso, nel corso di questi primi venticinque minuti, qualche errore di troppo in fase di possesso pallo. In questo momento Brunetta stende letteralmente Taugordeau intervenendo sull’ennesimo pallone vagante a centrocampo

31′ Punizione per il Parma dalla sinistra battuta da Brunetta che senza troppi pensieri cerca direttamente i pali della porta vicentina. Inglese prova la deviazione ma l’estremo difensore della squadra ospite esce e interviene in modo efficace interrompendo il tentativo crociato

34′ Espulsione per Brunetta. Si mette in salita questa gara per il Parma condannato ad affrontare questi ultimi dieci minuti del primo tempo e tutti i quarantacinque del secondo in inferiorità numerica. Ingenuità veramente clamorosa del numero otto ducale che dopo aver commesso il fallo, in un impeto di stizza, calcia via il pallone. La conseguenza è scontata: doppio giallo. Veramente un’ingenuità evitabile che incrina questo match per i crociati

35′ Punizione per il Vicenza, a batterla è Taugordeau che tira potente ma centrale. Para Buffon che devia la sfera in corner

36′ Occasione per gli ospiti che ci provano dalla lunghissima distanza con Di Pardo e il suo tiro al volo che impatta, però, contro i solidi guantoni di Gigi Buffon

38′ Prima sostituzione per Maresca chiamato inevitabilmente ad apporre qualche accorgimento alla propria formazione dopo l’espulsione di Brunetta. Abbandona quindi il campo Inglese, al suo posto Sohm

39′ Conclusione di Mihaila che termina abbondantemente alta

41′ Mihaila prova ad avventurarsi in area e salva il pallone dopo averlo inizialmente perduto. Interviene però Di Prato

43′ GOOOOAL PARMA!! Gol di Adrian Benedyczak! Sohm va a pressare Diaw che rinvia addosso ad un compagno favorendo Benedyczak il quale si coordina dal limite e lascia esplodere un sinistro in controbalzo che finisce in rete.

45′ Un minuto di recupero

Terminano i primi quarantacinque minuti di questo match, una prima frazione di gioco che i gialloblù hanno controllato dal punto di vista del possesso palla poi, per un’ingenuità commessa da Brunetta, espulso per doppia ammonizione, sembrava che la strada si mettesse pericolosamente in salita per i padroni di casa. Nonostante l’inferiorità numerica, però, i ducali riescono a portarsi in vantaggio grazie alla rete di Benedyczak. Appuntamento a tra quindici minuti per il secondo tempo di questo Parma-Vicenza, ci sarà indubbiamente da soffrire per i tifosi gialloblù e per la squadra di Maresca chiamata ad una prestazione fisica di livello per arginare l’uomo in meno.

Secondo tempo 

46′ Il tecnico vicentino decide di operare una prima sostituzione: Dalmonte prende il posto di Proia. Nella seconda frazione di gioco la squadra ospite dovrà cercare di far valere la superiorità numerica, con questo cambio l’allenatore spera quindi di poter mettere maggiormente in difficoltà la difesa gialloblù

51’ Vicenza in avanti con una conclusione troppo debole e troppo centrale per poter impensierire Buffon. Ci si aspettava un ingresso in campo più aggressivo da parte degli ospiti che, sino ad ora, non hanno di certo sfruttato la propria superiorità numerica, al contrario, si sono dimostrati, in attacco, alquanto evanescenti

55′ Occasione per il Vicenza che con un affondo di Delmonte si porta pericolosamente in avanti. Arrivato sul fondo il calciatore prova a servire Longo sul secondo palo che fa sponda immediata per la testa di Diaw. Palla fuori dallo specchio della porta presidiata da Buffon ma questa è stata senza dubbio una nitida occasione da rete per la squadra ospite stasera al Tardini

56′ Ancora Vicenza in fase offensiva con un tentativo di Ranocchia. Tutto facile per Gigi Buffon

60′ Sostituzione nel Vicenza: dentro Meggiorini al posto di Longo

61′ Sostituzione anche per Maresca che fa rientrare in panchina Mihaila, il cui posto viene rilevato da Coulibaly. Nel frattempo sono giunti dalla sala stampa crociati i dati delle presenze di questa serata di Novembre: cinquemila i tifosi presenti, di cui circa 600 gli ospiti giunti da Vicenza a sostegno della propria squadra

64′ Bel disimpegno del Vicenza che con Ierardi si libera dell’estenuante pressing operato dal neo entrato Coulibaly

67’ Calderoni prova un cross per portare nel cuore dell’area gialloblù il Vicenza. Interviene la difesa guidata da Buffon; è Cobbaut a spazzare via il pallone e sventare il pericolo

68′ Ammonizione anche per Tangourdeau

69’ Cross insidioso di Dalmonte. In questi minuti gli ospiti sembra che stiano prendendo coraggio e si stanno portando con sempre più insistenza nei pressi dell’area ducale anche se, ad onor del vero, senza mai rendersi realmente pericolosi. Parma che, in ogni modo, deve provare a stringere i denti e chiudere gli spazi

70’ Secondo giallo anche per Di Pardo: ristabilito l’equilibrio degli uomini in campo, anche il Vicenza dovrà continuare con dieci uomini. Si segnala, nel frattempo, un cross insidioso di Dalmonte che in questo momento sembra essere il calciatore vicentino più ispirato, libera Osorio di tacco

72’ Zonca prende il posto di Tangourdeau nel Vicenza

74′ Ancora un cambio tra le fila del Vicenza, il tecnico vicentino prova a scuotere i suoi sostituendo Calderoni con Giacomelli

76′ Bellissima progressione di Sohm, alla fine il Vicenza ci mette una pezza con un intervento provvidenziale di Dalmonte che sporca la deviazione del crociato indirizzata a Coulibaly. Sfuma una buona occasione per i ducali che, sino ad ora, hanno comunque dimostrato una buona tempra affrontando con aggressività il match anche quando in inferiorità numerica

78’ Ranocchia crossa di prima intenzione all’interno del cuore dell’area ducale ma la traiettoria è davvero troppo lunga per consentire ad un compagno di intervenire. Il Parma potrà ripartire dal fondo con Buffon il cui rilancio viene applaudito con entusiasmo dal pubblico crociato

80’ Esce anche Ranocchia nel Vicenza, spazio a Pontisso

81′ E’ ancora la squadra di Maresca a portarsi in avanti con Vazques che, da calcio di punizione, cerca con la sua conclusione il secondo palo. Coulibaly manca l’aggancio. Di un soffio

82’ spazio in campo anche per Tutino che rileva l’autore della rete che, sino ad ora, sta determinando la vittoria crociata: Benedyczak. Il polacco esce dal campo accompagnato da un lungo applauso che gli tributa il pubblico del Tardini che sembra essersi decisamente affezionato a questo giovane talento

84′ Clamorosa occasione di portarsi sul doppio vantaggio per il Parma che con Tutino sfiora il goal; si supera, però, l’estremo difensore vicentino, Grandi, che salva il risultato per i suoi in allungo

86′ Centrale la girata di testa provata da Meggiorini in risposta alla recente occasione da rete confezionata dai ducali

90′ Tre minuti di recupero

E’ terminata in questo momento la partita al Tardini; Parma che conquista ancora la vittoria, la seconda consecutiva dopo i tre punti conquistati sul campo del Cittadella. Un Parma solido che, nonostante l’inferiorità numerica, non si fa intimidire e non si scoraggia e si porta, meritamente, a casa questi tre punti. Vincere per continuare la scalata verso la vetta? Con questo spirito, con questo atteggiamento sembra davvero tutto possibile.

23 pensieri riguardo “PARMA-VICENZA 1-0 / IL TABELLINO E LA CRONACA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

  • 1 Novembre 2021 in 18:35
    Permalink

    Bravo Brunetta, bravo!

  • 1 Novembre 2021 in 18:36
    Permalink

    35 minuti di nulla assoluto. Zero occasioni, zero tiri, solo inglese sempre in fuorigioco e il polacco che ha poca idea del calcio in generale. Brunetta regista, non fa una giocata e soprattutto dimostra una volta di più di essere un coglione e di dover tornare a casa sua e mihaila quinto di centrocampo, male come sempre. Adesso in dieci è dura vincere.

    • 1 Novembre 2021 in 19:57
      Permalink

      Avrà poca idea di calcio ma per ora Beneck segna corre e prende legnate e direi che avanti così ne farà altri.

  • 1 Novembre 2021 in 18:45
    Permalink

    È da mesi che dico che Vazquez e Brunetta non sono mediani e oggi oltre ad essere di poca testa e parlo di Brunetta finalmente si punta su giovani bravi come Beneck ..lo avesse capito prima mister eh? Speriamo capirai che Brunetta va bene in panca

  • 1 Novembre 2021 in 18:48
    Permalink

    Fortuna che abbiamo il polacco!

  • 1 Novembre 2021 in 18:50
    Permalink

    Caro Aldo… si parla alla fine. Seno si rischia di dire cose sbagliate.

  • 1 Novembre 2021 in 19:01
    Permalink

    Non cambio idea sul polacco. È stato un gol bello da parte sua ma fortunoso per la dinamica.
    Detto ciò mi va bene che segni mihaila nel secondo tempo e 2-0 finale.

    • 1 Novembre 2021 in 20:52
      Permalink

      Ha 20 anni, ha giocato poco e niente, ha fatto tre gol e prende un sacco di legnate : IO DICO CHE BISOGNA FARE I COMPLIMENTI A RIBALTA. CHAPEAU,GRAN ACQUISTO.

  • 1 Novembre 2021 in 19:23
    Permalink

    Offro il destro un’altra volta ma non puoi togliere mihaila e mettere un terzino a 30 minuti dalla fine. Così rinunci a giocare ed è pericoloso perché il polacco non tiene una palla e non fa mai salire la squadra. Hai solo un ultimo slot per i cambi ed è lunga chiudersi dietro

    • 1 Novembre 2021 in 21:24
      Permalink

      aldo ti sembra abbia giocato da terzino colubaly ? che partita hai visto ? era praticamente sempre nella loro metà campo ha duettare con vasquez sulla loro
      laterale destra ha fatto la fascia a tutto campo e grande prestazione , il rumeno non marca e cerca solo il numero solitario ! con un uomo in meno era logico toglierlo . I o a lecce tornerei con del prato colubaly e toglierei i rumeni e il non giocatore inglese inesistente sempre in fuorigioco da spedire alla sampdoria gratuitamente !!!

      • 1 Novembre 2021 in 22:04
        Permalink

        Coulibaly è un terzino. Ha giocato quinto di centrocampo e ha spinto solo perché è stato espulso di Pardo, guarda caso dalla sua parte. È bravo nell’uno contro uno difensivo, ha poca tecnica ma è velocissimo e forte fisicamente. Giocatore che va bene in B e forse in A ma certo non può fare l’ala coi piedi che ha.
        Gli episodi hanno girato bene. Tutto qui. Benedyczak non difende una palla e non sa giocare spalle alla porta. Non ha scatto e non ha colpo di testa. Corre molto, si impegna e fa pressing e adesso gli gira bene che a ogni tiro fa gol. Ma da qui a considerarlo un giocatore pronto per il Parma ne passa tantissimo. È buon momento suo, spero duri altre 30 partite almeno e segni 25 gol. Inglese purtroppo è sempre in difficoltà. Io spero sempre torni a essere quello di prima.

  • 1 Novembre 2021 in 19:53
    Permalink

    Vittoria sofferta, da B. Bene così.

  • 1 Novembre 2021 in 19:59
    Permalink

    Mica per essere il saggio dei saggi ma anch’io ho chiamato il cambio Mihaila Coulibaly e difatti è stata una gran cosa, per me potrebbe giocare ala, quante cose fatte bene, con testa ed è quello che conta!

  • 1 Novembre 2021 in 20:02
    Permalink

    Complimenti Mister , Ragazzi …
    Un bel Parma … tecnico , cinico ….. avanti cosi ….

  • 1 Novembre 2021 in 20:40
    Permalink

    Partiamo dalla base: al 15′ del primo tempo ho detto a chi mi stava accanto “stiamo giocando contro degli scappati di casa, non possiamo non vincere”.
    Pertanto nella analisi della situazione occorre considerare la modestia dell’avversario.
    Detto ciò ho delle domande:
    – Brunetta… a parte una boiata che meriterebbe l’esclusione per almeno 2 mesi e stipendio azzerato, ma qualcuno mi sa dire in che ruolo gioca? Mezzapunta? Mezz’ala? Centrocampista? Cosa è quest’uomo?
    – Inglese, gli voglio bene, ma ormai è una assunzione obbligatoria
    – Mihaila… nella vita ogni tanto gli è capitato di passare la palla?
    Tre punti importantissimi, paradossalmente l’espulsione di “quello là” ci ha agevolato, ho pure visto qualche interessante scambio di prima. Oggi molto bravi Buffon (e ti pareva), Vazquez ma anche Juric e Coulibaly.
    Evitiamo di guardare Cremonese e Pisa per favore, continuiamo a guardarci le spalle, siamo ancora un cantiere aperto. E la prossima se non ricordo male è a Lecce, che non è il Vicenza.

  • 1 Novembre 2021 in 20:43
    Permalink

    Aldo, dovresti parlare in inglese…

  • 1 Novembre 2021 in 21:21
    Permalink

    Due episodi fortunati oggi ( gol su azione fortuita dopo il rosso a Brunetta e rosso a di Pardo dopo la sostituzione di mihaila) che hanno determinato il risultato.
    Una parata decisiva all’ultimo minuto ma vittoria meritata.
    Spero che questa buona sorte serva a trovare gioco, fiducia e punti.
    Da ultimo dico che Brunetta in due partite ha collezionato un rigore clamoroso a cittadella e un rosso incredibile oggi. Non è un problema di ruolo, è un problema di cervello e capacità in generale.
    Fuori squadra lui e man. Per inciso due volte non gioca e 6 punti.
    Vadano a far allenamento con Sepe. Dovrebbero andare d’accordo

  • 1 Novembre 2021 in 21:28
    Permalink

    gente come brunetta inizia a rompere i coglioni non solo lo multerei ma lo metterei in panchina per un bel po ‘ è ‘ andata bene ma non si può nel calcio professionistico fare quelle stupidaggini o follie ….. poi inglese ma per fare basta farlo giocare è impresentabile non tiene una palla e sopratutto sempre in fuorigioco !!!!! come calciatore è finito diamolo alla samp a gratis pagandogli metà stipendio ma liberiamoci

  • 1 Novembre 2021 in 21:33
    Permalink

    comunque non capisco la filosofia del tic e tac poi quando lo devi fare per difenderti con l uomo in meno o nel rusch finale del vicenza non lo fai ma palla lunga di buffon o cobbaut invece è propio li che serve il palleggio prolungato e sonnolente che è ns caratteristica di gioco …… solo vasquez addormentava il gioco gli altri non hanno ancora capito a cosa serve il palleggio come difesa ! lmaresca lo dovrà rispiegare ! in ogni caso vittoria importante e forse anche un segno del destino certe partite sono la svolta un tiro un goal

  • 1 Novembre 2021 in 21:38
    Permalink

    ” E’ terminata in questo momento la partita al Tardini; Parma che conquista ancora la vittoria, la seconda consecutiva dopo i tre punti conquistati sul campo del Cittadella. Un Parma solido che, nonostante l’inferiorità numerica, non si fa intimidire e non si scoraggia e si porta, meritamente, a casa questi tre punti. Vincere per continuare la scalata verso la vetta? Con questo spirito, con questo atteggiamento sembra davvero tutto possibile.”
    Bravo ILaria …… Sono 100 % dacordo

  • 1 Novembre 2021 in 22:00
    Permalink

    La vittoria di stasera è importante perchè segna l’inizio di un approccio più realistico a quello che richiede la Serie B.
    La squadra non si è persa in leziosismi e quando ce ne è stato bisogno si mandava il pallone in fallo laterale o si liberava lungo come ai vecchi tempi.
    Perciò bravi i giocatori ( a parte Brunetta, che è sbroccato compiendo un gesto censurabile ) e bravo Maresca a gestire la partita puntando al sodo.
    Benek ha fatto un goal da grande giocatore, certe cose non vengono per caso.
    Certamente è ancora da sgrezzare sul piano tecnico, ma corre ed apre spazi per i compagni, risultando molto utile alla squadra.

  • 1 Novembre 2021 in 22:02
    Permalink

    L’aspetto più positivo è che la squadra ha dimostrato di essersi calata nella categoria, di saper soffrire, di essere efficace ed essenziale, senza troppi fronzoli. Con il nuovo assetto la difesa mi sembra davvero molto solida, non abbiamo subito praticamente nulla. Per cui avanti così, un passo alla volta, consapevoli che ogni vittoria ci da morale e fiducia nei nostri mezzi.
    L’espulsione di Brunetta mi è sembrata davvero severa così come quella del giocatore del Vicenza. Il fallo c’era, il giallo ci stava, poi il giocatore ha buttato via la palla che casualmente è finita contro l’avversario per terra… visto che eravamo all’inizio della partita, c’era già stato il giallo e peraltro Brunetta non aveva protestato in modo esagerato come fanno tanti giocatori, a mio avviso un rimprovero poteva bastare. Detto questo resta la clamorosa ingenuità e non si capisce il perchè di tanto nervosismo… La prossima ci sarà Schiattarella
    Sempre e solo forza Parma

    • 2 Novembre 2021 in 07:51
      Permalink

      Quoto LG. Squadra più umile d più quadrata. Per me mihaila in b non rende, con coulibaly non sono più scesi. Continua a non piacermi Osorio, sempre svagato. Vediamo domenica se siamo una grande squadra, adesso però siamo una squadra. E va già bene, sempre forza Parma.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI