QUANDO GALEAZZI AL TARDINI INDICO’ A NEVIO SCALA LA PORTA DELLA SERIE A, ricordo di Riccardo Schiroli

schiroli-slide(Riccardo Schiroli) – Quando debuttò come radiocronista alle Olimpiadi di Monaco del 1972, Giampiero Galeazzi aveva da poco compiuto 26 anni. Era ancora in piena attività nel canottaggio, lo sport di famiglia. Il padre era stato addirittura Campione Europeo. Giampiero non arrivò a quei livelli, ma vinse il titolo italiano nel singolo (1967) e nel doppio (con Giuliano Spingardi, 1968).

Galeazzi era un colosso, per i suoi tempi. Le biografie ufficiali ce lo danno alto 1.92. Le rare foto dell’epoca ci restituiscono un Giampiero in forma smagliante. Il soprannome Bisteccone che Gilberto Evangelisti gli appioppò, faceva in effetti riferimento alla sua prestanza. Ma è ovvio che guardando il Galeazzi maturo, non era un fisico atletico che veniva in mente.

Alle Olimpiadi di Atene del 2004 venni invitato a Casa Italia per cena. Mi trovai di fronte a un buffet con ogni ben di Dio, particolarmente invitante per chi viaggiava con le note spese da inviato di baseball. Timidamente, mi avvicinai a una spettacolare mozzarella di bufala. Vistomi incerto, l’addetto mi si rivolse così: “Vedi de sbrigarte, che quando arriva Galeazzi quella è tutta sua”.

Galeazzi arrivò di lì a poco. Era sudatissimo e indossava una polo color vinaccia e un paio di pantaloni grigio scuro. Non era nemmeno entrato che stava già informandosi: “Mi avete tenuto la mozzarella di bufala?”.

Galeazzi è arrivato a pesare 174 chili. Lo racconta nel libro ‘L’inviato non nasce per caso’, pubblicato nel gennaio del 2016. Intervistato da Marco Cicala per Repubblica, Galeazzi tenne a precisare di essere sceso a 146. Che nonostante i suoi 192 centimetri di statura, restava un peso insostenibile. Galeazzi era infatti affetto da una grave forma di diabete e fece una certa impressione presentandosi a una puntata di ‘Domenica In’ (2019) in carrozzella. Avrebbe chiarito che era stato semplicemente operato a un ginocchio, quindi non camminava bene. Ma ammise che presentarsi in quelle condizioni era stato un errore. E concluse: “Avrei dovuto pensare di più alla salute”.

Galeazzi è stato il prototipo dell’inviato d’assalto. Negli anni ’80, le sue incursioni come cronista della Domenica Sportiva erano leggendarie. Dopo la prematura scomparsa di Beppe Viola, morto nel 1982 quando non aveva ancora compiuto 43 anni, i suoi servizi divennero la parte qualificante del programma.

Quando la Domenica Sportiva la conduceva Sandro Ciotti, Galeazzi venne a Parma come inviato per il debutto in Serie A del Parma di Nevio Scala. Alla Domenica Sportiva andò in onda un’intervista di Bisteccone a Scala nella quale Galeazzi apriva un cancello all’esterno dello spogliatoio del Tardini e si rivolgeva così all’allenatore: “Questa porta è la Serie A, Scala, il Parma ci è entrato per restarci?”

Scala sorrise e rispose che, continuando a giocare così, quel Parma di punti ne avrebbe totalizzata “una lunga serie”.

Quel giorno il Parma aveva perso contro la Juve di Maifredi. Scala aveva ovviamente ragione. A ripensare a quell’episodio, a me viene in mente la banalità che, quasi sempre, emerge dalle interviste agli allenatori nel dopo partita oggi. E penso con rammarico al fatto che mai un tecnico di Serie A si presterebbe alla scena, in questo 2021.

Quelli di Galeazzi erano altri tempi. Era anche amico dei grandi calciatori, da Platini (con cui si vantava di giocare a tennis) a Maradona (“mangiavamo la pizza da Ciro e poi andavamo in giro per locali”). Stando alla leggenda, le cene con Giampiero minavano il peso forma di Adriano Panatta durante i tornei internazionali di tennis. Nessun cronista oggi si potrebbe permettere di ostentare queste frequentazioni, con i social media in agguato.

Nel suo libro Galeazzi scrive: “Mi sono risvegliato in mezzo alle macerie del castello che avevo costruito in una vita di lavoro.”

Fa certamente riferimento agli ostacoli che Rai Sport fece al suo reintegro dopo alcune apparizioni (dal mio punto di vista, da dimenticare) travestito da Batman piuttosto che da Tarzan a Domenica In.

“Mi chiamavano giullare” raccontò Bisteccone “Ma non mi sentivo ridicolo”.

Poco prima di morire, Galeazzi confessò che quelle apparizioni facevano parte di una strategia: “Dentro Domenica in conducevo 90° minuto, e volevo salvarlo. Stavano per farlo fuori dal palinsesto”.

Ti abbiamo voluto bene, Bisteccone. E da te abbiamo imparato tutto. Ora puoi riposare in pace. Riccardo Schiroli

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “QUANDO GALEAZZI AL TARDINI INDICO’ A NEVIO SCALA LA PORTA DELLA SERIE A, ricordo di Riccardo Schiroli

  • 12 Novembre 2021 in 16:49
    Permalink

    Che dire….un altro pezzo della mia vita di ascoltatore sportivo se ne va….se ne va con la consapevolezza che questi diamanti grezzi saranno sempre meno. E’ stato un simbolo di correttezza professionale ma soprattutto ben voluto da tutti. Seul 1988 un capolavoro di pura eccitazione sportiva!

  • 12 Novembre 2021 in 17:53
    Permalink

    Un mito. Ciao Bisteccone.

  • 12 Novembre 2021 in 18:07
    Permalink

    Rip bisteccone 🙏

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI