UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / BISOGNA FARE DEI PUNTI PERCHE’ DIETRO SONO TROPPO VICINI

(Luca Tegoni) – Oggi ad Ascoli, il Parma, come auspicava Iachini, è ripartito dalla prestazione del secondo tempo contro il Brescia. Un’altra manifestazione di impotenza. Nella terra del mitico Costantino Rozzi si è giocata una tra le più brutte partite viste fino ad oggi in questo campionato. Hanno fatto pena anche gli avversari del Parma. Inaspettatamente, dopo qualche tentativo di prendere il sopravvento, l’Ascoli ha cazzeggiato impedendo, senza grandi difficoltà, al Parma di tentare di vincere la partita. Non che il Parma non ci abbia provato, anzi bisogna dar atto della prova di buona volontà che, a parte la pioggia, ha bagnato la maglietta come piace al capo del tifo organizzato, ma, dato il malessere persistente, andare al tiro sembra prova insostenibile.
Un numero indefinito di passaggi sbagliati, di stop sbagliati, di fraintendimenti, di posizioni sbagliate, di scelte sbagliate e la testardaggine di Vazquez di rimanere, senza profitto, con la palla incollata al piede, non hanno consentito al Parma di essere pericoloso.
In questi dieci giorni trascorsi, Iachini ha dovuto preparare tre partite e conoscere i giocatori. Credo sia stato abbastanza semplice individuare quelli inadatti e quelli che potrebbero anche dare di più. Solo di Buffon si può fidare. Ora bisogna concludere il mese e presentare la lista di chi può provare a giocare in serie B nel Parma. Nel contempo si devono fare dei punti perché dietro sono troppo vicini. La situazione è complessa e la soluzione passa solo dalle scelte di Iachini. Per quanto dimostrato fino ad oggi, non mi pare che la società, i suoi dirigenti, sia in grado di coadiuvare l’allenatore in questa impresa. A gennaio auspichiamo una normalizzazione di ruoli e di processi. Al bando gli inventori, gli improvvisatori e gli yesmen. Sarà ancora più complesso, ma non c’è altra soluzione. Il capo se ne faccia una ragione, se suo figlio non è considerato all’altezza del ruolo assegnatogli non può più essere nella condizione di far dei danni. Diversamente cambi collaboratori e software.
Per quanto si è visto sul campo oggi le uniche due grosse occasioni, una per parte, si sono viste negli ultimi dieci minuti. L’occasione dell’Ascoli è sembrata la fotocopia del goal subito contro il Brescia, protagonista negativo Zagaritis al posto di Busi. Solidamente piantato a terra lascia che l’avversario salti alle sue spalle per colpire la palla che finisce sul palo alla destra di Buffon. La palla torna in mezzo all’area dove il più pronto a calciarla è Dionisi che però ha davanti l’altra mano di dio che gli smorza il tiro sulla linea e poi blocca la palla a sé.
L’occasione del Parma arriva allo scadere del tempo di recupero. Calcio di punizione dalla tre quarti sinistra, palla che viene allontanata, ma che resta all’interno dell’area di rigore. Vazquez è pronto a colpirla ma il tiro finisce contro la traversa. Poi il fischio finale.
Ad Ascoli Parma pareggia zero a zero. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / BISOGNA FARE DEI PUNTI PERCHE’ DIETRO SONO TROPPO VICINI

  • 5 Dicembre 2021 in 19:26
    Permalink

    Chieda a Ribalta

    • 5 Dicembre 2021 in 20:19
      Permalink

      Il duo Ribalta Carli hanno
      distrutto il Parma portando solo
      GIOCATORI SEGA
      Eppure Krause non è uno stupido.
      Avrà un pur visto quanti soldi gli ha fatto spendere Ribalta per prendere brocchi
      Ma farà ancora fare il mercato di
      gennaio a RIBALTA?
      Sarebbe come suicidarsi

      • 5 Dicembre 2021 in 21:31
        Permalink

        Piuttosto lo faccia fare a lucarelli

        • 5 Dicembre 2021 in 22:43
          Permalink

          Ma Lucarelli è ancora
          nel libro paga del Parma?
          Che cavolo fa
          Non si sente mai

      • 5 Dicembre 2021 in 22:37
        Permalink

        Le responsabilità di Carli sono decisamente inferiori a quelle che gli vengono attribuite. L’anno scorso si trovò a dover operare con forti limitazioni nella prima fase del mercato, visto che la precedente proprietà aveva deciso di ridimensionare le spese. Quando si cercano prestiti in osservanza delle istruzioni ricevute dopo diventa difficile andare a fare acquisti in extremis. Nel mercato invernale ha dovuto operare in un contesto dove chi ha acquistato la società si è inserito nelle scelte tecniche.
        Tra tutti i personaggi coinvolti nella gestione tecnica del Parma nell’ultimo anno e mezzo è di sicuro quello con le colpe minori per gli scadenti risultati sportivi.
        La scelta di puntare su Iachini è l’evidente segnale del cambiamento rispetto al passato.
        La prossima sessione di mercato lo dimostrerà ancora di più

  • 5 Dicembre 2021 in 22:54
    Permalink

    Bisogna scaldare l’acqua affinché non sia fredda…

  • 5 Dicembre 2021 in 23:19
    Permalink

    Krause si dediche al calcio femminile e basta. Lasci il calcio maschile ai professionisti del settore.

  • 6 Dicembre 2021 in 00:43
    Permalink

    vedo che c è gran confusione in società tanto è vero che ognuno di noi che sia tifoso o giornalista o opinionista fa solo su posizioni nessuno sa chi comanda veramente e chi fa cosa è che ruolo abbia . Certo e ‘ caos totale possibile che ribalta faccia solo il yes man mi sembra strano secondo me c entra eccome se c entra il suo zampino ….Vorre sapere cosa fa lucarelli il capo polo tace ? anche lui non puo’ dire la sua non può dare un suo parere a kk ? va bene i ruoli ma se sgomita un po’ visto la situazione male non farebbe !! potrebbe partecipare di più bho chi ci capisce qualcosa

  • 6 Dicembre 2021 in 01:56
    Permalink

    Almeno l’alessandria ha perso in casa e rimane a 5 punti

    • 6 Dicembre 2021 in 10:15
      Permalink

      giusto benni ho pensato la stessa cosa come ci siamo ridotti male a guardare il risultato dell alessandria ! finirà che faremo la rivincita con i grigi dello spareggio play off

I commenti sono chiusi.