sabato, Luglio 20, 2024
L'ìnsostenibile leggerezza del palloneNews

UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / QUEL SENSO DI COLPA DI BRUNETTA CHE TRASPARE DAL SUO SGUARDO BASSO ANCOR PRIMA DI CALCIARE IL RIGORE

(Luca Tegoni) – Il malessere è preponderante sulle scintille e i piccoli bagliori che lasciano spazio ad illusioni si spengono lasciando il vuoto della speranza tradita. Il malessere che guida il Parma sembra non abbia una cura.

A Brunetta viene affidato il compito di riaccendere la scintilla, la sua espressione con la palla tra le mani mentre si appropinqua al dischetto è tesa, lo sguardo basso, pochi pensieri e forse un senso di colpa che già lo attraversa ancor prima dell’esito del calcio di rigore. Dal basso verso l’alto la palla si stampa sulla traversa e rimbalza lontano, molto lontano, troppo.

Nel Parma ci sono giocatori sensazionali – Buffon e Vazquez -, giocatori buoni e giocatori scarsi. Nella sua costruzione, di tante individualità, sortisce una squadra modesta. Modesta perché non sa vincere. Questa squadra e, soprattutto, la sua dirigenza non sa come si fa a vincere un campionato di serie B. Questa ottusa arroganza di presunta conoscenza sta spingendo la squadra verso i play out.

Dopo quasi dieci minuti dall’inizio della partita, il genio di Vazquez fugge veloce al difensore (il genio non è mai lento) e, da centrocampo, avanza per lanciare in area Simy che ne aveva accompagnato l’azione. L’attaccante si trova davanti al portiere con tanto spazio per calciare in rete. Simy sceglie la soluzione peggiore calciando di destro verso il palo più vicino mancandolo per eccesso, palla fuori. Ennesimo gol sbagliato che ormai caratterizza tristemente le sue prestazioni nel Parma peraltro molto scarse in tutti i fondamentali, tranne quella rara capacità, anche curiosa, visti gli esiti, di essere spesso nel posto giusto al momento giusto.

Il Parma si trova di fronte la solita squadra combattiva e organizzata che riesce a limitarne la pericolosità. Così Man, invece che difendere, attacca l’uomo nella nostra area provocando un rigore che molti avranno definito ingenuo ma che è probabilmente il prodotto del malessere. Il Cittadella va in vantaggio.

Nel secondo tempo entra Brunetta per Simy lasciando così il reparto offensivo abbastanza sguarnito vista la scarsa propensione di Benediczak a fare il centravanti di riferimento. Vazquez si fa ammonire per sfinimento, sempre quel nemico subdolo che emerge e non ti fa mai fare la cosa giusta, poi un palo del Cittadella con Man che non riesce a contrastare l’avversario nel salto verso l’alto, poi un’espulsione di un amaranto e per finire tanta foga disperata che porta al pareggio di Juric che colpisce di testa una bella punizione di Brunetta (finalmente) dal limite destro del campo. Poi il calcio di rigore sbagliato che sancisce l’ennesima mediocre prestazione del Parma.

Parma e Cittadella uno a uno al Tardini. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

6 pensieri riguardo “UN’OTTIMA ANNATA di Luca Tegoni / QUEL SENSO DI COLPA DI BRUNETTA CHE TRASPARE DAL SUO SGUARDO BASSO ANCOR PRIMA DI CALCIARE IL RIGORE

  • Ieri il rigore sbagliato da Brunetta è stato l’emblema del fallimento del Parma: una squadra di mosci e senza palle che manda uno dei più scarsi e meno utilizzati in rosa a battere un calcio da fermo così importante. Vergognatevi tutti!

  • Siamo in buone mani e io futuro è roseo (Davide)

    Per me Brunetta, Valenti, Inglese sono i primi tre (ovviamente dopo Ribalta&Perdersoli) a cui dare un sonoro calcio nel deretano e cacciarli da Collecchio.

  • Oggi valenti peggiore in campo nella squadra primavera, è stato pagato 8 milioni di euro 💶, fate un po’ voi…

  • basterebbe cambiarne uno !! RIBALTA colui che sapeva come vincere in B che aveva visto più partite di b che di a !! io lo rispedirei a stalingrado

  • Siamo in buone mani e io futuro è roseo (Davide)

    Ribalta&Pedersoli senza ovviamente dimenticare il mitico Kalma (nomen omen) sono l’espressione massima, la sintesi, l’archetipo del totale fallimento di Craus. Gente che non è stata nemmeno in grado di mettere su una squadra per arrivare tra le prime 8 della serie B italiana (in cui gioca gente come Ciofani).

    • Per la precisione

      Che c’entra Bud Spencer ora?

I commenti sono chiusi.