sabato, Febbraio 24, 2024
L'OpinioneNews

IN MORTE DI DANIELE BONEZZI, PRESIDENTE DELLA SOCIETA’ EDITRICE DI “SPORTPARMA”

(Gmajo) – La telefonata di prima mattina: un caro amico, prima che collega in lacrime. La classica frase, “ti devo dare una brutta notizia”, che di solito precede la comunicazione di una grave perdita. Poi, come un pugno nello stomaco, il soprannome con cui da sempre lo chiamiamo: “il Bonez”. Daniele Bonezzi, neppure cinquant’anni, ci ha lasciati nella notte, stroncato da un infarto. Daniele Bonezzi era il motore – molto mobile – di SportParma.com, sito più che amico diremmo fratello, proprio considerando da chi è formato: forse dei tre soci di Edirinnova (mi stringo nel profondo dolore ad Antonio Boellis e Francesco Lia, i fondatori, oltre a Lorenzo Fava e gli altri collaboratori) la casa editrice del portale, era quello meno sotto i riflettori, occupandosi, appunto della parte organizzativa, pur seguendo, telecamera o taccuino che fosse, a propria volta tanti avvenimenti sportivi del nostro territorio, di quelli etichettati, non proprio correttamente come “minori”. Quella scossa tellurica che ha stroncato una giovane vita – morire a neanche cinquant’anni resta una ingiustizia difficile da accettare per chi resta – lascia pure macerie nella redazione, perché non sarà semplice, ripartire senza la sua presenza, sia dal punto di vista morale, ma anche concreto, essendosi sempre occupato lui in prima persona di tanti aspetti che in una piccola azienda per forza di cosa ci si deve spartire: ma la sua bonaria gigantesca figura aleggerà sempre nella bottega e sarà uno sprone per andare avanti nella pur difficile ricostruzione. Ma conoscendovi, so che vi rimboccherete le maniche e ce la farete, appunto ancora con il suo sostegno, nel suo ricordo di persona sempre gentile, corretta, precisa ed educata (merce rara di questi tempi). Un forte abbraccio e sentite condoglianze anche alla moglie Alessandra e ai figli Riccardo e Filippo.

Queste le parole con cui SportParma stamattina lo ha salutato:

“Se n’è andato un fratello, un amico e un socio. Siamo senza parole e avvolti da un dolore indescrivibile.

Nella notte ci ha lasciati Daniele Bonezzi, presidente di Edirinnova, la società editrice di Sportparma.com. Il deus ex machina. Avrebbe compiuto 50 anni a novembre.
La sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile, per sempre.
L’università, la fondazione di Lungoparma.it e, poi, Sportparma.com, mille battaglie e idee pionieristiche, sempre in prima linea, in ufficio, in redazione, dal commercialista e sui campi della provincia. Una persona unica, ma soprattutto vera e sempre sincera: una rarità di questi tempi.
Faremo di tutto per tenera viva la memoria di Daniele e i suoi insegnamenti.

La redazione di Sportparma si stringe alla moglie Alessandra e ai due figli Riccardo e Filippo in questo doloroso momento e porge le più sentite condoglianze”.

Il rosario per Daniele si terrà alle 19 di domani venerdì 9 settembre nella chiesa di Rivarolo Mantovano. I funerali si terranno sabato 10 alle 10 partendo da casa sua in via Garibaldi 4 a Rivarolo Mantovano per poi recarsi verso la chiesa parrocchiale

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

4 pensieri riguardo “IN MORTE DI DANIELE BONEZZI, PRESIDENTE DELLA SOCIETA’ EDITRICE DI “SPORTPARMA”

  • Gianni Barone

    Con Daniele Bonezzi se ne va un bravo professionista, instancabile, una persona di una correttezza esemplare. Mancherà a tutti noi. Condoglianze alla famiglia

  • Ho avuto la notizia da mia moglie, viaggio dalla Slovenia verso la Polonia, per il mondiale di volley. Ho sperato non fosse lui, leggendo su reggionline, invece…
    Era un bel professionista, di una bella avventura editoriale. Indimenticabile, come Francesco Saponara, come i tanti giornalisti ducali che non ci sono più

  • R.I.P 🙁

  • R.I.P. 🙏🙏🙏🙏

I commenti sono chiusi.