L’ANNO CHE VERRA’, di Luca Tegoni / LA VOLONTA’ DEI CROCIATI DI CONSEGUIRE LA VITTORIA NON SI USURA COL PASSARE DEI MINUTI

(Luca Tegoni) – Il senso di Pecchia per la difficoltà è taumaturgico. I giocatori entrano in campo e si applicano alle disposizioni tattiche del loro allenatore con grande dedizione nonostante le lacune tecniche, le improvvisazioni sui ruoli e i disorientamenti della giovane età.

In sostanza il Parma ha ripetuto la prestazione contro la Reggina. Ha concesso molto poco al Como che comunque nella prima mezzora cercava di arrivare in zona tiro con più determinazione.

Un occhio di VAR invalida la scelta dell’arbitro di assegnare un rigore al Como causato da una temeraria uscita di Corvi che abbatte l’attaccante, decretando invece un bel fuorigioco.

La partita è combattuta e involuta nel senso che il Parma difende bene ma non ha uomini per attaccare. Dopo la mezzora, da corner, battuto da Estevez, entra di testa, centralmente, Del Prato che porta in vantaggio il Parma. Il Como cerca di spostare stabilmente il proprio baricentro in avanti e il Parma controbatte soprattutto con Tutino che appare in buona forma.

L’evoluzione del tatticismo Pecchiano si sbizzarisce nel secondo tempo presentando Juric al centro dell’attacco con Zagaritis e Sohm a supporto.

La volontà dei giocatori del Parma di conseguire la vittoria è evidente e non si usura nemmeno con il passare dei minuti. La difesa del Como, quando attaccata, appare in difficoltà e il Parma non lesina aggressività che però l’arbitro spesso inibisce fischiando in modo sistematico.

L’arbitro e i guardalinee appaiono troppo spesso condizionati dall’esistenza del VAR che interviene con frequenza e, soprattutto a sproposito.

Pochi minuti finali di sofferenza consegnano al Parma la vittoria.

Parma batte Como al Tardini con rete di Del Prato.

(Torneranno? Qualcuno tornerà?) Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “L’ANNO CHE VERRA’, di Luca Tegoni / LA VOLONTA’ DEI CROCIATI DI CONSEGUIRE LA VITTORIA NON SI USURA COL PASSARE DEI MINUTI

  • 29 Ottobre 2022 in 23:51
    Permalink

    Per Palermo possono ancora rompersi altri 5. Sarebbe bene fare allenamenti in stile Ciarlatano a base di torelli per arrivare in Sicilia almeno in 14.

  • 29 Ottobre 2022 in 23:53
    Permalink

    Ma qualcuno dei cadaverici infortunati da settimane recupererà in vista del Palermo? Che so il fragile Bernabè fuori da luglio o almeno Romagnoli o Man?

  • 30 Ottobre 2022 in 02:41
    Permalink

    Oggi la prestazione dell’arbitro è stata surreale, aiutata anche da quelli del Como truffatori di professione. Ma Moreno Longo ritorna a casa con 0 punti. Spiaze!

    • 30 Ottobre 2022 in 08:30
      Permalink

      Si hai ragione, il rigore non dato al Parma per il fallo di mano è clamoroso… anche sulla distribuzione dei cartellini gialli ci sarebbe da discutere…

I commenti sono chiusi.